Alfonso Maruccia

Microsoft fa affari col Pinguino

Redmond cede il possesso di alcuni brevetti alla community open source. Mentre tiene corsi accelerati su Linux per gli addetti agli store statunitensi

Roma - Microsoft e open source tornano a incrociare i loro binari: mentre Redmond vende certune sue IP a un'importante organizzazione del mondo FOSS, Big M si trova contemporaneamente a tenere lezioni su Linux.

Il pacchetto di proprietà intellettuale ceduto è composto da 22 brevetti appartenenti allo sterminato portfolio in mano a Microsoft (50mila o giù di lì secondo Redmond), inizialmente venduti all'organizzazione Allied Security Trust di cui fanno parte giganti del calibro di Google, Hewlett-Packard, Verizon e Cisco Systems.

I brevetti riguardano gli asset 3D di Silicon Graphics acquistati nel 2001 da Microsoft, descritti da Redmond stessa come non essenziali per i propri interessi e (soprattutto) strettamente imparentati con il Pinguino. E proprio una community che tiene molto da vicino agli interessi di Linux, nella fattispecie l'Open Invention Network, starebbe per comprarli dall'attuale proprietario vale a dire la suddetta AST.
Nonostante le pretese di rivalsa su tecnologie open source, nonostante le furenti accuse nei confronti di Linux per la presunta violazione di centinaia di brevetti, Microsoft è apparentemente disposta a fare business e cedere IP al mondo open.

Stando a quanto sostenuto da Redmond, in realtà la cessione dei 22 brevetti in oggetto a OIN (che dice di volerli concedere gratuitamente alla community FOSS per proteggerla da eventuali contraccolpi legali da parte dei "patent troll") sarebbe perfettamente in linea con la propria politica in materia, politica che include la recente proposta di un sistema di brevetti globale in modo da facilitare la gestione del complesso meccanismo di assegnazione e difesa legale delle IP.

Ma se da un lato si dice ben contenta del passaggio di mano di alcuni brevetti tra AST e OIN, dall'altro Microsoft si occupa di ritrarre l'open source senza risparmiare gli affondi. Se ne sono accorti anche gli impiegati di Best Buy, a cui Redmond ha offerto la possibilità di ottenere una copia di Windows 7 per soli 10 dollari nel caso in cui questi avessero completato un percorso di training sulle "verità di fatto" di Windows, Linux e sul perché il primo sia preferibile al secondo sotto tutti i punti di vista.

Stando ad alcune slide estrapolate dal suddetto programma di training, la selezione dei tratti con cui descrivere su Linux comprenderebbe la sua scarsa familiarità e facilità d'uso, la mancanza di attrattiva sul pubblico, la pochezza dell'integrazione con la "casa digitale" (senza ben specificare in cosa consista tale concetto), l'incompatibilità con la maggior parte di player digitali, stampanti, scanner, servizi, WLAN, e software variamente assortito.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàMicrosoft vuole il brevetto globaleRedmond propone di armonizzare i tanti sistemi di brevetto nazionali in un sistema mondiale. Lo scopo? Incentivare competizione e innovazione. Nessuna menzione per il patent trolling
  • AttualitàMicrosoft: Linux vìola un mare di brevettiLa mamma di Windows sostiene che alcuni famosi software open source violano oltre 200 brevetti di sua proprietà, e per la prima volta fornisce il numero di violazioni imputabili a Linux, OpenOffice e altri prodotti open
  • AttualitàTomTom si arrende a MicrosoftL'azienda europea cede le armi alla statunitense: niente tribunale e niente risarcimento per le tecnologie olandesi finite nei prodotti di BigM. E adesso cosa succederà a chi usa il file system FAT nei propri dispositivi?
377 Commenti alla Notizia Microsoft fa affari col Pinguino
Ordina
  • a prescindere dalle accuse (haha,mostraci il codice allora!!) che muove M$, gli halloween documents ecc ecc ecc, che erano sempre montature per la gente di "settore" IT, che generalmente "ne sa" e sà quanto vale win e quanto linux, finora non mi risultava che M$ attaccasse su canali per "l'uomo medio" o utonto dirsivoglia (che poi è lo stesso personagio generalmente intriso di pigrizia mentale che non vuole assolutamente neanche PROVARE ad imparare Linux, compra i PC senza sapere come funzionano e cosa ci gira sopra)....
    questo E' GRAVE, ma mi rende felice allo stesso tempo: hanno paura....




    questa è paura....sistannocagandosotto
    non+autenticato
  • - Scritto da: bLax
    > a prescindere dalle accuse (haha,mostraci il
    > codice allora!!) che muove M$, gli halloween
    > documents ecc ecc ecc, che erano sempre montature
    > per la gente di "settore" IT, che generalmente
    > "ne sa" e sà quanto vale win e quanto linux,
    > finora non mi risultava che M$ attaccasse su
    > canali per "l'uomo medio" o utonto dirsivoglia
    > (che poi è lo stesso personagio generalmente
    > intriso di pigrizia mentale che non vuole
    > assolutamente neanche PROVARE ad imparare Linux,
    > compra i PC senza sapere come funzionano e cosa
    > ci gira
    > sopra)....
    > questo E' GRAVE, ma mi rende felice allo stesso
    > tempo: hanno
    > paura....
    >
    >
    >
    >
    > questa è paura....sistannocagandosotto

    Se per l'utente medio windows funziona, nel senso che gli permette di fare tutto ciò di cui ha bisogno, non vedo perché dovrebbe perdere tempo ad imparare altri SO.

    Non tutti hanno l'informatica come scopo principale nella vita, c'è un sacco di gente che ha altri obiettivi e sul pc ci vuole spendere meno tempo possibile (altro motivo per cui vedo puntare i mac come funghi...).
  • il più delle volte l'unica cosa che alla gente basterebbe sapere per usare felicemente linux è che i .exe non gli funzionano sopra linux.
    tutto qui.
    moltissimi usano il computer solo per internet, scrivere testi, sentire musica e conservare dati e immagini.
    per tutto questo non bisogna sapere nulla di informatica (vedi me per esempio) ed il più delle volte non ci sono problemi di compatibilità hardware (tutti quelli che conosco o ho sentito che usano ubuntu quasi mai hanno avuto problemi di hardware...non sarà una statistica precisa, ma non mi fiderei neanche quello che dicono in casa ms)
    la difficoltà più grande con ubuntu (per esempio) per fare tutto questo è precisamente nella fase di istallazione quando ti chiedono di selezionare la tua lingua madreOcchiolino ma una volta istallato il più delle volte non devi far altro che cominciare ad utilizzarlo semplicemente...senza sapere che su linux c'è il terminal o cosa siano le repository.se avvi gli mp3 il programma totem ti chiede se vuoi scaricare i plugin per quel formato e ti basta usare il mouse e schiacciare ok...queste le principali difficoltà di un utente senza particolari necessità (e penso siano la maggior parte)
    non+autenticato
  • Insomma, tutte falsità...smonterò tutto punto per punto.

    1)scarsa familiarità: Rispetto a cosa?a Windows?diciamo allora che chi avrà sempre usato Linux avrà scarsa familiarità con Windows. Le parti sono rovesciabili eh?Oltretutto questo parte da un concetto:che la MS ha un monopolio e gli standard gli detta lei. è una sorta di confessione.

    2)facilità d'uso:e qui dipende dalle varie distro.In ogni caso vale il discorso precedente. Trovo, oggettivamente, Ubuntu molto piu semplice rispetto a Windows.

    3)la mancanza di attrattiva sul pubblico:cosi poca mancanza che Linux si è diffuso in maniera assurda creando vere community e centri di assistenza appositi pur senza i mezzi della MS e senza la condizione di monopolio.

    4)la pochezza dell'integrazione con la "casa digitale":mi sembra una cosa tipo "non rispetta gli standard". Assolutamente falso, visto che la maggior parte dei software open source rispetta tutti o quasi gli standard. Quest'accusa si puo muovere, al limite, alla MS che integra dei software che tali standard non rispetta, esempio IE.

    5)l'incompatibilità con la maggior parte di player digitali, stampanti, scanner, servizi, WLAN, e software variamente assortito:Assolutamente falso!Anzi, al contrario di Windows, ci sono distribuzioni Linux, in particolare Ubuntu ma non solo, che riconoscono immediatamente l'hardware senza bisogno di nessun cd di driver come invece richiesto da Windows.

    Inoltre Ubuntu è immune dai virus. Anche se, per coerenza, qui bisogna dire che qualche baco pericoloso comparirebbe sicuramente se Linux fosse in una condizione pari a quella della MS in termini di monopolio(termine inesatto in questo caso).
    non+autenticato
  • Una domandina:
    se vado a comprarmi un bluray,
    posso vederlo sotto Linux?
    non+autenticato
  • - Scritto da: MAH
    > Una domandina:
    > se vado a comprarmi un bluray,
    > posso vederlo sotto Linux?

    domanda gia' posta, ecco cosa mi è stato risposto da Panda Rossa

    "Nessuno ti costringe ad averci un lettore blue ray sul pc.
    O te lo ha prescritto il medico?
    Un lettore blue ray non ha altro uso che vederci i blue ray al momento, quindi se hai questo lettore si suppone che tu abbia anche i blue ray."

    A voi i commenti.
  • - Scritto da: maranric
    > - Scritto da: MAH
    > > Una domandina:
    > > se vado a comprarmi un bluray,
    > > posso vederlo sotto Linux?
    >
    > domanda gia' posta, ecco cosa mi è stato risposto
    > da Panda
    > Rossa
    >
    > "Nessuno ti costringe ad averci un lettore blue
    > ray sul
    > pc.
    > O te lo ha prescritto il medico?
    > Un lettore blue ray non ha altro uso che vederci
    > i blue ray al momento, quindi se hai questo
    > lettore si suppone che tu abbia anche i blue
    > ray."
    >
    > A voi i commenti.

    Toh, se vuoi ce ne aggiungo un altro:
    Vendono un bellissimo sbatti uova USB.
    Con tanto di bollino Vista compatibile.

    http://www.asia.ru/ProductInfo/1277879.html

    Prova un po' a chiedere se con linux ci si possono sbattere anche le uova.
  • - Scritto da: panda rossa

    > Toh, se vuoi ce ne aggiungo un altro:
    > Vendono un bellissimo sbatti uova USB.
    > Con tanto di bollino Vista compatibile.
    >
    > http://www.asia.ru/ProductInfo/1277879.html
    >
    > Prova un po' a chiedere se con linux ci si
    > possono sbattere anche le
    > uova.

    Credo che non sia uno sbattiuova ma un "uovo vibrante".
    Non immaginavo cosa fosse fino a quando non ho letto la categoria:
    Goods for Personal Application / Sex Products /
    non+autenticato
  • > Credo che non sia uno sbattiuova ma un "uovo
    > vibrante".
    > Non immaginavo cosa fosse fino a quando non ho
    > letto la
    > categoria:
    > Goods for Personal Application / Sex Products /

    Ecco il nostro caro amico Panda Rosso mi sta paragonando un lettore blueray con un vibratore a forma di uovo. Certi elementi si prendono proprio a schiaffi da soli eh
  • Su Windows posso usare periferiche USB 3.0?
    Su Windows posso fare un cluster?
    Su Windows posso sapere esattamente cosa fa il mio sistema operativo?

    Premessa: la prima è perché ho tanta necessità del blueray quanto dell'USB 3.0 (anzi, a dir la verità, più del secondo), la seconda perché ho necessità di farne uno, la terza è perché solo un idiota si prenderebbe una macchina senza sapere come funziona.

    PS. Dato che risponderete "lo fanno praticamente tutti"... beh, praticamente tutti sono idioti, c'è poco da dire riguardo a questo.
  • - Scritto da: Nedanfor
    > PS. Dato che risponderete "lo fanno praticamente
    > tutti"... beh, praticamente tutti sono idioti,
    > c'è poco da dire riguardo a
    > questo.

    Vero, sei tu l'unica persona intelligente in questo forum. Tutti gli altri sono solo dei poveri idioti.

    Questo detto da me, un altro povero idiota.
  • Periferiche USB 3.0?
    Quando le vedrai, Windows le supporterà
    non+autenticato
  • > Premessa: la prima è perché ho tanta necessità
    > del blueray quanto dell'USB 3.0 (anzi, a dir la
    > verità, più del secondo)

    ma sei tonto? I blueray esistono da un pezzo, periferiche Usb 3.0 non esistono. Quando esisterà l'hardware, Windows le supportera' senza alcun problema.
  • - Scritto da: MAH
    > Una domandina:
    > se vado a comprarmi un bluray,
    > posso vederlo sotto Linux?

    Che minchiata, se vado a comprarmi iWork funziona su windows?
    Shiba
    4017
  • Windows Linux.. non è photoshop il problema, o autocad, ma è il programma che hanno in ufficio, nel magazzino ho un software scritto per windows (o cmq che gira su windows, visto che il 99% dei software java, modalita grafica, girano su windows), e quindi a casa voglio windows.
    non+autenticato
  • Se al magazzino usano un bobcat per muoversi, potresti comprarti quello per uscire la sera ed evitare al tuo cervello di gestire 2 veicoli
  • - Scritto da: Uno
    > Windows Linux.. non è photoshop il problema, o
    > autocad, ma è il programma che hanno in ufficio,
    > nel magazzino ho un software scritto per windows
    > (o cmq che gira su windows, visto che il 99% dei
    > software java, modalita grafica, girano su
    > windows), e quindi a casa voglio
    > windows.

    Infatti Java è cross-platform per la grazia del cazzo...
    Shiba
    4017
  • > Infatti Java è cross-platform per la grazia del
    > cazzo...

    Se chi programma e' un coglione e ad esempio usa i percorsi stile Windows invece di usare i percorsi generici Java (slash , blackslash), il problema non e' certamente di Java.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bollito
    > > Infatti Java è cross-platform per la grazia del
    > > cazzo...
    >
    > Se chi programma e' un coglione e ad esempio usa
    > i percorsi stile Windows invece di usare i
    > percorsi generici Java (slash , blackslash), il
    > problema non e' certamente di
    > Java.


    No vabbè anche se usi le awt o derivate possno verificarsi problemi, certo risolvibili con facilità, ma bisogna mettere mano al codice...
  • > No vabbè anche se usi le awt o derivate possno
    > verificarsi problemi, certo risolvibili con
    > facilità, ma bisogna mettere mano al
    > codice...

    Le AWT sono altamente deprecate.
    Se devi fare le interfacce oggi come oggi o usi SWING o SWT.
    non+autenticato
  • - Scritto da: bollito
    > > No vabbè anche se usi le awt o derivate possno
    > > verificarsi problemi, certo risolvibili con
    > > facilità, ma bisogna mettere mano al
    > > codice...
    >
    > Le AWT sono altamente deprecate.
    > Se devi fare le interfacce oggi come oggi o usi
    > SWING o
    > SWT.

    Si ma che ne sappiamo com'è fatto il software di cui parla "uno"?
  • > Si ma che ne sappiamo com'è fatto il software di
    > cui parla
    > "uno"?

    Gia' sara' mediamente fatto per funzionare solo su windows.
    non+autenticato
  • http://www.eweek.com/c/a/Linux-and-Open-Source/Mic.../

    Nasce Codeplex Foundation, con a capo SAM RAMJI,
    uno dei megaboss M$.

    The CodePlex Foundation will complement existing open source foundations and organizations, providing a forum in which best practices and shared understanding can be established by a broad group of participants, both software companies and open source communities. Initial funding for the Foundation comes from Microsoft Corporation.
    non+autenticato
  • hahahaha pensa se a stallman cade dalla tasca il tesserino microsoft
    non+autenticato
  • - Scritto da: Emoticon e video
    > infatti parlavo di macchina del tempo. Rileggi

    Oppps... Si va be, comunque non sarebbe cambiato nulla.
    C'era gia Unix all'epoca e Bill non l'ha filato di striscio.Sorride

    > micca quando è nato il dos comandava ballmer

    Ah no ? Però era il suo braccio destro. Perciò un pò comandava pure lui.Sorride
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)