Giorgio Pontico

Dentro il robot, cervello umano

Scienziati britannici stanno lavorando per ottenere un organismo dotato di parti sia meccaniche che organiche. Tessuto nervoso connesso al metallo

Roma - Tessuto cerebrale umano collegato a una macchina. Il primo tentativo di creare una vera commistione fra l'uomo e la tecnologia. Questo l'esperimento di cui alcuni ricercatori dell'Università di Reading, Gran Bretagna, stanno seguendo le ultime fasi.

Una volta che una coltura di neuroni umani, precedentemente predisposta, avrà raggiunto i requisiti necessari, Kevin Warwick e Ben Whalley, due fra gli scienziati che occupano di questo progetto, la collegheranno ad un meccanismo robotico. Il primo in assoluto ad essere controllato da un cervello prodotto con lo stesso materiale di quello umano.

Quello che starebbero per raggiungere Warwick e Wahlley è un livello ancora più avanzato rispetto a quanto aveva fatto nel 2002 lo Hybrots del loro collega statunitense Steve Potter. Invece di un cervello ricavato da cellule di topo il prossimo esperimento, che dovrebbe portare anche e sopratutto a una maggiore comprensione delle malattie neurali, coinvolgerà cellule neuronali umane coltivate in vitro.
Bisognerà attendere che venga ultimato un precedente programma con un cervello di origine muride, dopo di ciò sarà possibile applicare l'agglomerato di neuroni umani a un chip di silicio: si tratterà con ogni probabilità del primo vero cyborg mai realizzato. Come il precedente robot, questo avrà le dimensioni di una tazzina da caffè: una volta posizionato in una apposita test area, dovrà superare una serie di ostacoli con l'ausilio dell'intelletto.



Nel descrivere i vari aspetti della ricerca, Warwick ha confermato la volontà sua e dei suoi colleghi di indagare più a fondo nella struttura del cervello umano, osservandone le reazioni a vari stimoli: "Cercheremo di capire - ha spiegato - quali possano essere le differenze o le similitudini tra i due robot (quello con materiale cerebrale umano e quello che invece sfrutta cellule provenienti dai topi, ndr) sotto l'aspetto dell'apprendimento e della memoria".

Dal punto di vista etico non dovrebbero esserci ostacoli. Il mercato delle colture cellulari è libero e secondo Whalley "l'aspetto etico dell'acquisto della coltura è stato curato esclusivamente dal fornitore".

Giorgio Pontico


Notizie collegate
  • TecnologiaIl biorobot ha cellule di topoVede la luce un microrobot animato da nanochip e cellule di topo, connubio che gli permette di muoversi senza energia esterna. Verso i dispositivi auto-assemblanti
  • TecnologiaQuando il robot ha un cervello da topoE' un hybrot, un robot ibrido, costituito da chip in silicio e neuroni. Un nuovo parto dell'hi-tech pronto a mostrare tutte le potenzialità del connubio fra biologia e computer
  • Digital LifeL'alba del superuomoEsseri umani componibili, che scavalcano Madre Natura e si riprendono tutto ciò che gli è stato negato. La tecnologia al servizio dei malati, ma anche di coloro che non soffrono ma vogliono di più
18 Commenti alla Notizia Dentro il robot, cervello umano
Ordina
  • Da quanti _decenni_ ci raccontano sta cagata del robot col cervello umano?
    OOOOOHH son passati 20 anni da Robocop 2 e ancora ste cretinate fanno notizia!
    non+autenticato
  • La differenza e' che prima si pensava alla "mente computazionale" e per mezzo secolo hanno provato a elaborare algoritmi che agissero in modo umano.

    Fallendo miseramente (ma quegli algoritmi rimango utilissimi in altri campi di ricerca, ovviamente), adesso si sta capendo che sono le reti neurali e la genetica a permettere un'ottimizzazione tale da portare un organismo ad avere una vita interiore, una mente, e ad essere cosi' "speciale" come noi crediamo di essere (e che, in un certo senso, siamo davvero).

    Quindi sono due i filoni da cui probabilmente emergeranno essere con una mente e un comportamento decenti: la bioingegneria (in particolare con le interfacce neurali), che e' quella dell'articolo, e la robotica evolutiva, che invece non ha nulla di "naturale" ma evolve i robot tramite un codice genetico artificiale che evolve tramite selezione e mutazioni, e che fa evolvere sia corpo che rete neurale.

    A parte questi articoli sensazionalistici, i risultati pratici sono abbastanza soddisfacenti (ad esempio sui MAV, micro air vehicoles, cioe' gruppi di piccoli aerei autonomi che sviluppano un sistema di comunicazione totalmente autogestito, e non programmato dall'alto, tramite reti neurali e algoritmi genetici).

    Non pensiamo solo agli effetti bellici (che purtroppo ci sono) ma robot con la cosiddetta "swarm intelligence" (cioe' che agiscono in gruppi coordinandosi indirettamente, come le formiche) potrebbero essere mandati sui luoghi dei terremoti ad identificare la gente viva sotterrata, fornire loro ossigeno e prime cure etc

    Il campo e' vastissimo ed estremamente interessante, oltretutto per una volta anche in italia ci siamo dentro:

    http://www.istc.cnr.it/
    http://laral.istc.cnr.it/
    http://www.iit.it/it/home.html

    e altriSorride
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 10 ottobre 2009 15.28
    -----------------------------------------------------------
  • ... Dovrebbero sapere come vanno a finire queste cose.
    non+autenticato
  • Allora le robottine sessuali o quelle che fanno le faccine ci sono...
    ...gli alieni esistono realmente ed al posto di restare all'area 51 se ne vanno a zonzo per il pianeta sotto forma di "luminescenze sferiche"...
    ...il film "district 9" la dice tutta su come sono questi alieni...
    ...noi siamo i cacciati...
    ...skynet (o internet o grande fratello) ci controlla tutti...
    ...telecamere a raggi X per tutta la città ci spiano anche in casa in quello che facciamo...
    ...robot cyborg faranno la guerra per noi...
    ...ma alla fine noi umani a che serviamo ???A bocca aperta

    ah! chi più ne ha più ne metta...Sorride
    non+autenticato
  • ma è l'evoluzione

    noi umani stiamo costruendo qualcosa che è meglio di noi, affinchè erediti la terra e forse anche altri pianeti

    non ci vedo nulla di strano...i dinosauri si sono estinti per lasciare il posto a qualcosa che era meglio di loro
  • Ci hanno costruito i dinosauri?
    ...Più probabile gli alieni, a questo punto... :-/
    Ad ogni modo se la scienza non segue un'etica dopo averci riflettuto su, non farà altro che creare mostri... O per meglio dire umanoidi a cui mancherà un'armonia con il corpo.
    Insomma si condanneranno esseri semi umani a vivere in un inferno.
    Stanno mettendo le basi per un inferno reale e non solo immaginario.
    Perchè questi scienziati non si dedicano invece a far sviluppare il cervello umano in un essere intelligente e saggio, risolvendo i problemi di base che ha l'uomo invece di continuare a confondere le coscienze con un sacco di balle?
  • Siamo sicuri di sapere cosa sia il "meglio" ?
  • - Scritto da: pabloski
    > ma è l'evoluzione
    >
    > noi umani stiamo costruendo qualcosa che è meglio
    > di noi, affinchè erediti la terra e forse anche
    > altri
    > pianeti
    >
    > non ci vedo nulla di strano...i dinosauri si sono
    > estinti per lasciare il posto a qualcosa che era
    > meglio di
    > loro

    A Pablò! Ripijate
    non+autenticato
  • si parte da titoli roboanti "Dentro il robot, cervello umano" per poi arrivare ad una piu mesta cultura cellulare di neuroni di origine umana.
    Ma la volete capire che a fare titoli smentiti poi nell'articolo fa precipitare vieppiu' l'ormai gia' bassissima credibilita' di PI?

    Voto: pataccaro.
    non+autenticato
  • beh però per definizione una cosa del genere è un cyborg

    tenendo presente che Warwick è l'uomo che si fece innestare un microchip sui nervi del braccio per poter controllare un robot, c'è da star certi che qualcosa di interessante verrà fuori

    piuttosto la preoccupazione è che ormai disperati, gli scienziati vogliono il risultato a tutti i costi, senza fermarsi per capire a fondo i meccanismi neurali

    una cosa del genere è un uomo a tutti gli effetti ( almeno cerebralmente ) nonostante abbia un corpo da robottino di pochi centimetri

    inutile dire che la seconda fase sarà trapiantare il cervello in uno di questi http://www.news.com.au/common/imagedata/0,,5910450...

    o questo http://www.darkgovernment.com/images/robot-dog.jpg

    o peggio ancora questo http://www.flightglobal.com/airspace/photos/farnbo...

    e il passo è breve fino a qui http://extraordinaryintelligence.com/files/2009/05...

    realisticamente stanno scoperchiando il classico vaso di pandora, creando una tecnologia quando non ne hanno ancora capito le basi scientifiche
  • - Scritto da: pabloski
    > beh però per definizione una cosa del genere è un
    > cyborg
    >
    > tenendo presente che Warwick è l'uomo che si fece
    > innestare un microchip sui nervi del braccio per
    > poter controllare un robot, c'è da star certi che
    > qualcosa di interessante verrà
    > fuori
    >
    > piuttosto la preoccupazione è che ormai
    > disperati, gli scienziati vogliono il risultato a
    > tutti i costi, senza fermarsi per capire a fondo
    > i meccanismi
    > neurali
    >
    > una cosa del genere è un uomo a tutti gli effetti
    > ( almeno cerebralmente ) nonostante abbia un
    > corpo da robottino di pochi
    > centimetri
    >
    > inutile dire che la seconda fase sarà trapiantare
    > il cervello in uno di questi
    > http://www.news.com.au/common/imagedata/0,,5910450
    >
    > o questo
    > http://www.darkgovernment.com/images/robot-dog.jpg
    >
    > o peggio ancora questo
    > http://www.flightglobal.com/airspace/photos/farnbo

    E che differenza ci sarebbe a farli pilotare da un uomo?!?!
    Che differenza ci sarebbe tra l'ultimo con un cervello da uomo dentro e un aereo pilotato?
    Mah...
    non+autenticato
  • Sai la velocità di risposta di un cervello nato dentro un meccanismo ?


    Noi stiamo guidando l'oggetto da fuori ma siamo tutto fuorché in ottimo stato di interfacciamento con essi, gli occhi si immaginano più del 90% di quello che vedono non possono zoomare o cambiare spettro di veduta, i nostri arti non si muovono molto velocemente ed hanno una latenza alle risposte cerebrali molto lento ed erratico il più delle volte, il nostro corpo non puo' essere sottoposto a molti stress come molti G accelerazioni vibrazioni o decelerazioni forti, stiamo e stanno solo cercando un modo per liberarci dal nostro corpo per eseguire compiti che seno' non potremmo eseguire.

    Ah benvenuti in Cyberpunk
    non+autenticato
  • - Scritto da: Rapacione

    > E che differenza ci sarebbe a farli pilotare da
    > un
    > uomo?!?!
    > Che differenza ci sarebbe tra l'ultimo con un
    > cervello da uomo dentro e un aereo
    > pilotato?
    > Mah...

    è molto semplice: se vuoi attaccare con 10.000 robot, devi avere 10.000 uomini che li pilotano. Questi uomini devono essere addestrati a uccidere altri uomini e tenere nel più totale disprezzo gli altri esseri umani. Ciò non è così difficile da fare (lo dimostrano il numero di guerre che ci sono in giro per il mondo e il fatto che anche paesi considerati "civili" come gli stati uniti sono capaci di uccidere a mani basse o torturare i prigioneri di guerra). Però richiede tempo e molto denaro, costruire caserme, finanziare film e televisione per costruire una certa cultura eccetera.
    Pensa adesso a un cervello creato in laboratorio e connesso a un cyborg, al quale viene insegnato solo il movimento e il compito di uccidere. Questo si potrebbe fare addestrando il cervello... magari con tecniche tipo arancia meccanica... ne risulterebbe un cervello tipo quello di un uomo che non apprende nient'altro che muoversi e uccidere...
    Però chissà cosa potrebbe fare un cervello umano... insomma, quello che differenzia un uomo è il cervello, se connetti un cervello a dei sensori che gli permettono di muoversi sempre un uomo è, e se sviluppa emozioni che succede? Il cervello umano le sviluppa per definizione.. allora è giusto trattarlo come uno schiavo? Oppure è possibile che si ribelli o vada fuori controllo?
    Certa fantascienza non sarebbe poi così lontana... la prospettiva è un po' agghiacciante.
    non+autenticato
  • i più spaventosi della serie metalgear sono però questi http://metalgear.wikia.com/wiki/File:Metal_Gear_Ge...A bocca aperta
  • >
    > una cosa del genere è un uomo a tutti gli effetti
    > ( almeno cerebralmente ) nonostante abbia un
    > corpo da robottino di pochi
    > centimetri

    Ma come puoi dire una cosa simile? un barattolo con dentro
    una cultura di cellule neuronali è "un uomo a tutti gli effetti,
    almeno cerebralmente"? Ti invito a riflettere sulla differenza
    di complessità tra il riprodurre il cervello umano (ma anche
    di topo) e innestare un agglomerato di neuroni in un robot...
    il cervello è fatto di tantissime parti, ha un'organizzazione
    molto precisa... è una città, laddove qui si parla al più
    di un condominio... se poi ti vuoi esaltare perché sei un
    appassionato di Cyborg e Cyberpunk questo è un altro paio di
    maniche... e sarebbe anche un altro tipo di blog. scusami.
    non+autenticato
  • come fanno poi a mantenere vive le cellule sul chip?
    non+autenticato
  • gli forniscono ossigeno e sali minerali

    del resto è la stessa cosa che fa il nostro metabolismo