Alessandro Del Rosso

AMD si divide su più schermi

Le prossime Radeon della serie 5000 saranno in grado di gestire molti monitor in contemporanea. L'azienda di Sunnyvale vuole cambiare il modo di giocare, lavorare, divertirsi col PC

Roma - Assemblare un monitor gigante da mettere in salotto diventerà presto qualcosa alla portata di tutti, o quasi. A prometterlo è AMD, che ha mostrato una tecnologia chiamata ATI Eyefinity che consentirà di collegare fino a 6 display ad una singola scheda grafica e fino a 24 display ad un singolo PC.

Monitor multi-display con tecnologia ATI Eyefinity


ATI Eyefinity si troverà alla base delle future GPU ATI di nuova generazione, le Radeon HD serie 5000, e sarà capace di supportare una risoluzione massima teorica di 268 megapixel. AMD afferma che una configurazione costituita da 6 schermi Full HD da 30 pollici fornisce una risoluzione complessiva di 7680 x 3200 pixel, ed è in grado di ricreare una scena così dettagliata da risultare - cornici a parte - quasi indistinguibile da una reale.
Gli schermi che compongono un sistema multi-display possono essere disposti in configurazioni portrait o landscape. Una sola GPU ne può gestire - come già detto - un massimo di 6, ma AMD ha mostrato un PC con quattro schede grafiche capace di pilotare 24 monitor contemporaneamente.

Tutti i monitor possono visualizzare l'output grafico della stessa applicazione o dello stesso gioco, oppure visualizzare l'output di software differenti. AMD afferma che - specie in ambito professionale - uno degli aspetti più interessanti di ATI Eyefinity sarà dato dalla possibilità di far lavorare o svagare più persone sullo stesso PC suddividendo opportunamente gli output sui vari monitor collegati al sistema. Nella modalità più semplice un solo utente interagisce col PC, limitando gli altri a vedere un film o una presentazione. Nella modalità più complessa, che richiede un sistema operativo capace di supportare la multi-sessione, ciascun utente può utilizzare una sua tastiera e un suo mouse per interagire col PC in modo indipendente dagli altri.

La tecnologia ATI Eyefinity è indirizzata sia al mercato professionale che a quello consumer, e può essere sfruttata in presentazioni, videoconferenze, software per il disegno e la progettazione, e ovviamente giochi. Il produttore di Sunnyvale afferma che ATI Eyefinity può fornire, specie in questi ultimi, un livello di immersività molto vicino ai mai decollati sistemi consumer di realtà virtuale. Ma qui AMD non inventa nulla di nuovo: già nel lontano 2002 Matrox, con la sua scheda grafica Parhelia, rendeva possibile giocare a titoli come Quake Arena utilizzando 3 schermi contemporaneamente.

All'epoca c'erano però alcuni limiti tecnologici che non hanno consentito a questa tecnologia di prendere piede: oggi i tempi sembrano invece sufficientemente maturi perché ATI Eyefinity possa affermarsi e rendere le configurazioni a 3 e più di display ben più comuni di quanto lo siano ora. Tra gli elementi che potrebbero favorirne l'ascesa c'è il continuo abbassarsi del costo dei monitor LCD sopra i 19 pollici e la progressiva affermazione della 1080p come risoluzione standard.

Monitor multi-display con tecnologia ATI Eyefinity


AMD ha già stilato un primo elenco di giochi, circa un centinaio, di cui è stata verificata la compatibilità con ATI Eyefinity: tra questi figurano Doom 3, Quake 4, The Sims 3, GTA 4, Half Life 2, Crysis e molti altri.

L'azienda di Sunnyvale sta inoltre collaborando con Samsung per per lo sviluppo di monitor LCD ultrasottili che, grazie all'uso di speciali supporti e cornici di larghezza molto ridotta, si prestino particolarmente bene all'utilizzo in soluzioni multi-display.

Le schede grafiche compatibili con ATI Eyefinity adotteranno di preferenza l'interfaccia DisplayPort, e questo per via della dimensione particolarmente compatta del suo connettore. AMD non esclude tuttavia l'introduzione di modelli che permettano anche collegamenti via DVI o HDMI.

AMD non ha rivelato la fascia di prezzo delle prime soluzioni ATI Eyefinity, ma ha promesso che il loro costo sarà "alla portata di ogni appassionato di tecnologia".



Come detto, ATI Eyefinity accompagnerà sul mercato la futura generazione di GPU Radeon, la serie 5000, che si distinguerà anche per il supporto alle nuove librerie grafiche DirectX 11: queste si trovano già alla base di Windows 7, ma verranno presto portate anche sul "vecchio" Vista.

Un approfondimento sulle novità e le migliorie delle DirectX 11 è stato pubblicato proprio negli scorsi giorni in questo post di Ian McNaughton, senior manager of advanced marketing di AMD.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
50 Commenti alla Notizia AMD si divide su più schermi
Ordina
  • ...A reggere il "carico" di dover visualizzare 6 monitor?
    Già ci son giochi che a risoluzioni umane fanno a malapena 60fps...a queste risoluzioni sovrumane quanti fps faranno? 1-2?
    non+autenticato
  • - Scritto da: GoldenBoy
    > ...A reggere il "carico" di dover visualizzare 6
    > monitor?
    > Già ci son giochi che a risoluzioni umane fanno a
    > malapena 60fps...a queste risoluzioni sovrumane
    > quanti fps faranno?
    > 1-2?


    Touche!
    Chiaramente l'ambito applicativo non può essere quello consumer, posso capire certi utilizzi aziendali, ma per il resto è inutile!
  • Io sapevo che per avere il multiuser su un computer era sufficiente virtualizzare.. e per avere uno schermo grande comprarne uno grande..

    mah
    non+autenticato
  • piuttosto! Non ha alcun senso, come mostrano le foto... ha senso spendere soldi per prendere 6 monitor piccolini per avere un'area di visione equivalente ad un 46" o un 52" di schermo? Quanto si risparmia mai? E vale la pena visto che poi si hanno tutti i tagli interni allo schermo virtuale così creato con le varie cornici?
    Ben diverso e più economico e non buttar via soldi comprarsi una HDTV grande vera 46" o 52" o superiore. Oppure comprarsi un proiettore 1080p.
    Non c'è paragone rispetto ad una soluzione multi-monitor, di qualità amatoriale e mai un vero schermo gigante. A maggior ragione se si hanno soldi da spendere senza problemi la cosa più sensata è comprarsi lo schermo più grande e di miglior qualità che ci si può permettere, non certo assemblarsi uno schermo virtuale grande ma di pessima qualità prendendo piccoli monitor. E se non si è ricchi buttar soldi su una soluzione del genere ha ancora meno senso, anche in termini di consumo elettrico sulla bolletta.
    AMD è alla frutta. Questa stupidaggine non venderà un cavolo malgrado il marketing, solo qualche fanatico e qualche azienda per delle presentazioni potrebbe comprarla (ove non vi sia un tecnico preparato che immediatamente dovrebbe consigliare un proiettore professionale di fascia alta in azienda).
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin999a
    > piuttosto! Non ha alcun senso, come mostrano le
    > foto... ha senso spendere soldi per prendere 6
    > monitor piccolini per avere un'area di visione
    > equivalente ad un 46" o un 52" di schermo? Quanto
    > si risparmia mai? E vale la pena visto che poi si
    > hanno tutti i tagli interni allo schermo virtuale
    > così creato con le varie cornici?
    >
    > Ben diverso e più economico e non buttar via
    > soldi comprarsi una HDTV grande vera 46" o 52" o
    > superiore. Oppure comprarsi un proiettore 1080p.
    >
    > Non c'è paragone rispetto ad una soluzione
    > multi-monitor, di qualità amatoriale e mai un
    > vero schermo gigante. A maggior ragione se si
    > hanno soldi da spendere senza problemi la cosa
    > più sensata è comprarsi lo schermo più grande e
    > di miglior qualità che ci si può permettere, non
    > certo assemblarsi uno schermo virtuale grande ma
    > di pessima qualità prendendo piccoli monitor. E
    > se non si è ricchi buttar soldi su una soluzione
    > del genere ha ancora meno senso, anche in termini
    > di consumo elettrico sulla bolletta.
    >
    > AMD è alla frutta. Questa stupidaggine non
    > venderà un cavolo malgrado il marketing, solo
    > qualche fanatico e qualche azienda per delle
    > presentazioni potrebbe comprarla (ove non vi sia
    > un tecnico preparato che immediatamente dovrebbe
    > consigliare un proiettore professionale di fascia
    > alta in
    > azienda).

    Quoto, quoto, quoto, in azienda abbiamo diversi proiettori portatili e fissi, per tutti i gusti,la storia dei monitor multipli può servire solo in alcuni ambiti dove si devono visualizzare più cose in contemporanea su diversi desktop, ma per presentazioni, giochi o cmq video le linee di giunzione dei monitor sono un pugno nell'occhio, senza contare che è quasi impossibile regolarli tutti e 6 con lo stesso contrasto e luminosità, saranno più visibili in locali illuminati ma anche più soggetti a riflessi delle finestre/luci, quindi è sempre meglio optare per un proiettore o televisore al plasma di grosse dimensioni, un 52" normalmente è l'ideale per sale riunioni medie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: chojin999a
    > piuttosto! Non ha alcun senso, come mostrano le
    > foto... ha senso spendere soldi per prendere 6
    > monitor piccolini per avere un'area di visione
    > equivalente ad un 46" o un 52" di schermo? Quanto
    > si risparmia mai? E vale la pena visto che poi si
    > hanno tutti i tagli interni allo schermo virtuale
    > così creato con le varie cornici?
    >
    > Ben diverso e più economico e non buttar via
    > soldi comprarsi una HDTV grande vera 46" o 52" o
    > superiore. Oppure comprarsi un proiettore 1080p.
    >
    > Non c'è paragone rispetto ad una soluzione
    > multi-monitor, di qualità amatoriale e mai un
    > vero schermo gigante. A maggior ragione se si
    > hanno soldi da spendere senza problemi la cosa
    > più sensata è comprarsi lo schermo più grande e
    > di miglior qualità che ci si può permettere, non
    > certo assemblarsi uno schermo virtuale grande ma
    > di pessima qualità prendendo piccoli monitor. E
    > se non si è ricchi buttar soldi su una soluzione
    > del genere ha ancora meno senso, anche in termini
    > di consumo elettrico sulla bolletta.
    >
    > AMD è alla frutta. Questa stupidaggine non
    > venderà un cavolo malgrado il marketing, solo
    > qualche fanatico e qualche azienda per delle
    > presentazioni potrebbe comprarla (ove non vi sia
    > un tecnico preparato che immediatamente dovrebbe
    > consigliare un proiettore professionale di fascia
    > alta in
    > azienda).


    Quoto quasi tutto, tranne quello che dici per la soluzione professionale, in questi casi il pilotare più monitor può essere moilto utile, non certo per tenerli affiancati, ma pensa ad esempio alle visualizzazioni su display multipli dispersi in un ambiente (aeroporti, negozi, centri commerciali ecc) effettivamente potrebbe avere un senso e un mercato, certo non la vedo una soluzione utile a fini consumer, dove appunto come hai detto è molto meglio un maxischermo a risoluzione inferiore ma senza fastidiose cornici intermedie, che tra l'altro ha anche il pregio di costare meno!
  • Ed esisteva anche la 4 monitor anche se molto più costosa.

    => anche in questo campo non sanno più che fare se non riciclare indorando un pò la confezione
    non+autenticato
  • "AMD afferma che una configurazione costituita da 6 schermi Full HD da 30 pollici fornisce una risoluzione complessiva di 7680 x 3200 pixel, ed è in grado di ricreare una scena così dettagliata da risultare - cornici a parte - quasi indistinguibile da una reale."

    Già, cornice a parte.

    Un dettaglio veramente da poco. A bocca aperta
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 15 discussioni)