Alfonso Maruccia

BBC invoca il DRM globale

Dando voce ai detentori dei diritti, la TV di stato britannica chiede alle istituzioni di implementare una cifratura onnicomprensiva e obbligatoria su tutte le trasmissioni digitali

Roma - BBC è indubbiamente abituata a "giocare" con le restrizioni DRM in virtù di iPlayer, il lettore multimediale che opera in streaming discusso o addirittura filtrato per la sua presunta fame di banda larga e le limitazioni poste alla fruizione dei tanti contenuti disponibili. L'ultima iniziativa dell'emittente pubblica britannica in materia di protezione riguarda però le trasmissioni televisive digitali propriamente dette, che a quanto sostiene BBC potrebbero essere blindate con un algoritmo di compressione segreto per far contenti i produttori dei suddetti contenuti.

Il caso è stato sollevato dal parlamentare Tom Watson, che ha rivelato l'esistenza di una consultazione sulla TV digitale avviata dell'Office of Communications (Ofcom) britannico in risposta a una richiesta di BBC. L'emittente non sarebbe la diretta interessata della faccenda, limitandosi al contrario a fare da portavoce della volontà dei fornitori di contenuti di terze parti di implementare una tecnologia di cifratura che operi su tutti i dispositivi compatibili con le trasmissioni digitali.

Attualmente tali restrizioni non sono obbligatorie, per questo motivo l'industria dei contenuti starebbe esercitando forti pressioni sul principale network televisivo del paese affinché possa perorare la causa presso le autorità per la regolamentazione del mercato delle comunicazioni. "I veterani della battaglia sul broadcast flag negli Stati Uniti riconosceranno il linguaggio - sbotta la Electronic Frontier Foundation - i detentori del diritto d'autore stanno ancora una volta provando a usare il potere dei regolatori pubblici per forzare l'implementazione di DRM universali sul pubblico, e apporre il proprio potere di veto sulla tecnologia della TV digitale ad alta definizione di prossima generazione".
Il famigerato broadcast flag statunitense a cui EFF si riferisce è stato oggetto di una lunga battaglia che ha coinvolto proprietari dei contenuti e gruppi di difesa dei diritti digitali (EFF inclusa) per il controllo della fruizione delle trasmissioni, che gli editori avrebbero voluto fossero controllabili attraverso l'adozione di un meccanismo di protezione all'interno del segnale digitale, piano infine rigettato dalla Federal Communications Commission.

"Il piano di BBC è ancora più involuto", denuncia la EFF, perché piuttosto che limitarsi a obbligare ogni singolo produttore di dispositivi di ricezione, set-top-box e PVR con funzionalità di registrazione a introdurre un "flag" configurabile a piacere dagli editori, l'emittente che "parla per gli altri" propone la cifratura dei metadati delle trasmissioni digitali per mezzo di un semplice algoritmo di compressione, tenuto segreto e comunicato ai costruttori di dispositivi elettronici dietro l'obbligo pressante (e legalmente coercitivo) della confidenzialità.

EFF definisce il piano "folle", perché obbligherebbe gli attori del mondo digitale a implementare una sorta di protezione DRM globale e a comportarsi in maniera molto accorta, pena cause legali dagli effetti potenzialmente devastanti, in quanto a innovazione e rapporto con la concorrenza. La vera questione, dice poi EFF, è ancora una volta il controllo dei contenuti e del mercato piuttosto che la lotta alla "pirateria" digitale.

Per quanto riguarda il "suo" iPlayer, inoltre, BBC guarda a un futuro in cui il lettore British-only sarà alla base anche delle piattaforme web della concorrenza, un Open iPlayer potenzialmente aperto a tutti i network del mondo. E, forse, controllabile a piacimento delle emittenti.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • Digital LifeBBC alla svolta. Tutto è disponibile onlineSi completa l'offerta digitale della TV britannica. Tutti i programmi della rete pubblica saranno disponibili in streaming per i sudditi di Sua Maestà in regola col canone
  • AttualitàUK, la tv succhia tutta la banda disponibileLo streaming televisivo di BBC ha un successo tale da travolgere i provider britannici: la banda larga che dicono di avere non riescono a fornirla. E chiedono a BBC di pagarla. In gioco la neutralità della rete
  • AttualitàInternet, chi paga chi?Il dibattito sulle alternative all'accesso e alla distribuzione free dei contenuti in rete è rovente sulle due sponde dell'Atlantico. Nel Regno Unito si vuole che a pagare siano i fornitori di contenuti mentre negli USA si sostiene il contrario
4 Commenti alla Notizia BBC invoca il DRM globale
Ordina
  • Invito caldamente la redazione a studiare e scrivere un bell'articolo / inchiesta sul disastro della protezione sul segnale HD applicata nelle utime settimane da SKY.

    Fino a fine Agosto ha funzionato tutto bene, poi per qualche ragione hanno cambiato la codifica HDCP alla versione 1.1 o 1.3 (il protocollo di protenzione DRM della presa HDMI) e di colpo migliaia e migliaia di abbonati all'accensione della TV invece di vedere le immagini ad alta definizione per cui pagano un bel abbonamento, si trovano sullo schermo blu un bel messaggio di errore: "autenticazione HDCP fallita, per vedere in modalita standard mettere la tv su scart".

    Il problema sta diventano molto serio e peggiora con il passare dei giorni. Gli utenti che hanno questo problema sono tantissimi, anche con TV HD molto recenti. SKY sembra brancolare nel buio, non sa fornire assistenza ai suoi abbonati e il call center (a pagamento) fornisce indicazioni contrastanti e assurde, fino a consigliare di "cambiare la TV".

    Alcuni utenti esasperati si sono rivolti ai centri assistenza dei loro televisori (SONY, Samsung, Toshiba, Philips, LG, etc) per sentirsi dire che il problema è di SKY e nel modo in cui la protezione DRM sul segnale HD è implementata.

    A quanto pare i tecnici possono dipendere dal modello di decoder, dall'aggiornamento del firmware del decoder (probabilmente SKY ha fatto del casino) dal cavo HDMI usato e dal Televisore stesso. Comunque il problema è esploso nelle ultime tre settimane dopo mesi di corretto funzionamento, e sta diventano serio. Molti utenti hanno disdetto l'abbonamento e in SKY (da voci non ufficiali) sono nel panico totale, perché non sanno come risolvere il problema.

    Per avere un'idea del problema basta fare una ricerca con Google, comunque invito a leggere questo thread:
    http://forum.sky.it/sky-hd-problema-autenticazione...

    Ancora una volta siamo di fronte all'ennesimo fallimento dei sistemi DRM che penalizzano sempre i consumatori, che in questo caso non sono pirati, ma utenti onesti che pagano per un servizio.
    non+autenticato
  • A me ha rotto la porta hdmi !
    non+autenticato
  • obbligare ogni singolo produttore di dispositivi di ricezione, set-top-box e PVR con funzionalità di registrazione a introdurre un "flag" configurabile a piacere dagli editori, l'emittente che "parla per gli altri" propone la cifratura dei metadati delle trasmissioni digitali per mezzo di un semplice algoritmo di compressione, tenuto segreto e comunicato ai costruttori di dispositivi elettronici dietro l'obbligo pressante (e legalmente coercitivo) della confidenzialità.


    Spenderanno un mare di soldi, poi il primo dipendente licenziato inca**ato, o il primo cracker che sfonda il PC del dirigente, e il loro algoritmo ex-segretissimo sarà di pubblico dominio.
    Scommetto che per allora non avranno fatto in tempo a uscire i primi dispositivi abilitati!

    Speriamo lo facciano sul serio, prendano una musata colossale e, se siamo fortunati, falliscano e segnino la fine del DRM...
    Funz
    13000
  • Il paradigma 'Security by Obscurity' è noto essere fallimentare da molto tempo.
    Imporre ai produttori uno 'standard segreto' non verrà mai accettato per motivi economici, né potrà conservare il segreto per molto.
    Inoltre la segretezza dell'algoritmo andrebbe contro qualsiasi legge antitrust, mettendo in posizione privilegiata alcuni produttori rispetto ad altri.

    Inoltre il denaro speso (e sarà tanto) verrà 'bruciato' istantaneamente appena qualcuno riuscirà a fare il reverse engineering del protocollo (ed è soltanto questione di tempo) - sempre che non trapeli qualcosa dall'interno.