Alessandro Del Rosso

ARM sfida Intel. Con una CPU da 2GHz

Nuovi design, con fino a 8MB di cache e 8 core. Saranno, nelle intenzioni degli ingegneri britannici, più potenti e risparmiosi dei corrispettivi Intel: per tentare l'assalto ai netbook

Roma - Se con Atom e l'aiuto di Nokia Intel sta tentando di sconfinare penetrare nel "territorio" di ARM, vale a dire nel segmento di mercato dei device mobili a basso consumo, il celebre chip designer britannico ha deciso di contrattaccare muovendosi in senso opposto: forgiare CPU che, pur non tradendo il proprio retaggio, possano diventare un'alternativa sempre più convincente ai processori x86 low power anche sotto il profilo delle performance. La battaglia si gioca su quel vasto terreno a cavallo fra smartphone e personal computer che vede il proliferare di svariate categorie di dispositivi, dai MID ai netbook passando per UMPC, tablet e smartbook.

La prima mossa di ARM in questo senso è stata l'annuncio, negli scorsi giorni, di una nuova incarnazione dell'architettura multicore Cortex-A9, nome in codice Osprey, capace di spingersi a frequenze di clock superiori ai 2GHz e di supportare fino a 8 core. La prima implementazione di questa architettura utilizza due core e si basa sulla tecnologia di processo a 40 nanometri di TSMC, la più grande fonderia asiatica di semiconduttori. Come noto, ARM è un'azienda priva di fabbriche: il suo business consiste nel progettare nuove architetture e core di calcolo e venderne in licenza le proprietà intellettuali.

La società inglese afferma che esisteranno due varianti di Osprey: una focalizzata sul risparmio energetico, e indirizzata a smartphone di fascia alta, MID, set-top box, network appliance e stampanti; l'altra focalizzata sulle performance, e capace di corteggiare netbook e computer small-form factor. ARM sostiene che, rispetto ad un tipico processore Atom per netbook, i suoi nuovi chip forniranno un rapporto performance/watt fino ad otto volte superiore e performance fino a due volte e mezzo superiori. Il modello a 800MHz, ad esempio, dovrebbe offrire lo stesso livello di prestazioni dell'Atom N270 a 1,6GHz, questo consumando però soltanto mezzo watt e adottando un die quattro volte più piccolo.
Secondo quanto riporta EETimes, il modello da 2 GHz di Osprey fornirà una potenza di calcolo di circa 10mila Dhrystone MIPS, consumerà circa 1,9 watt e avrà un die di 6,7 millimetri quadrati. La versione ottimizzata per il risparmio energetico avrà invece un clock compreso fra 800MHz e 1GHz, fornirà 4000 Dhrystone MIPS, avrà un dire di 4,9mmq e, come si è detto, consumerà mezzo watt (250mW per ciascun core).

Le specifiche tecniche comuni ad entrambe le implementazioni prevedono una cache L1 di 64KB e un controller per la cache L2 capace di supportare da 128KB a 8MB di memoria.

ARM fornisce già in licenza il design di Osprey, e per l'inizio del prossimo anno conta di fornire anche ai propri partner campioni di CPU basate su questa tecnologia. Le indiscrezioni suggeriscono che Osprey potrebbe essere utilizzato da Apple nelle future generazioni di iPhone e iPod e nel tanto vociferato - ma mai confermato - iTablet. A rafforzare questa tesi c'è il fatto che Apple può attingere al know how di PA Semi, un produttore di chip ARM acquisito lo scorso anno.

Nonostante le mire espansionistiche di ARM, c'è chi afferma che le architetture di quest'ultima avranno molta difficoltà ad affermarsi sul mercato dei netbook: il principale motivo sarebbe dato dal fatto che Windows, e con lui l'immenso bacino di software disponibile per la piattaforma x86, non gira sui chip ARM. Altri ritengono però che i netbook non vadano considerati alla stessa stregua di un notebook tradizionale, ma piuttosto degli handheld "cresciuti" su cui gli utenti hanno interesse a far girare poche e mirate applicazioni: browser web, client di posta elettronica, player multimediale, editor di testi e poco altro. In questo caso una comune distribuzione Linux ARM-based fornirebbe già tutto l'essenziale e molto di più.

Non sembra un caso che proprio questa settimana ARM sia entrata a far parte di Linux Foundation, nota organizzazione non profit dedicata ad accelerare la crescita di Linux sul mercato. Come nuovo membro della Linux Foundation, l'azienda di Cambridge spera di promuovere le proprie architetture e migliorarne il supporto da parte della piattaforma Linux.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
82 Commenti alla Notizia ARM sfida Intel. Con una CPU da 2GHz
Ordina
  • Il discorso è sempre lo stesso: si costruiscono cose senza chiedersi a cosa serviranno. Qualcuno dice che i netbook servono per navigare, email e poco altro. A che serve allora avere 8 core? E dov'è il sistema operativo e le applicazioni in grado di sfruttare 8 core?

    Quando Apple sfornerà il "tablet" non sarà un tablet, sarà un "coso" che fa la cosa 1, la cosa 2, la cosa 3 e la cosa n. Tutte elencate. Poi uno lo chiamerà come vuole: non è il nome che determina l'utilizzo.
    ruppolo
    33146
  • Se il sistema operativo è multithread.. gli 8 core servono.
    Hai mai fatto cosa a quante applicazioni girano contemporaneamente su un telefonino? I servizi di windows, i demon e servizi di linux.

    gli 8 core servono eccome!
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > Il discorso è sempre lo stesso: si costruiscono
    > cose senza chiedersi a cosa serviranno. Qualcuno
    > dice che i netbook servono per navigare, email e
    > poco altro. A che serve allora avere 8 core? E
    > dov'è il sistema operativo e le applicazioni in
    > grado di sfruttare 8
    > core?
    >
    > Quando Apple sfornerà il "tablet" non sarà un
    > tablet, sarà un "coso" che fa la cosa 1, la cosa
    > 2, la cosa 3 e la cosa n. Tutte elencate. Poi uno
    > lo chiamerà come vuole: non è il nome che
    > determina
    > l'utilizzo.


    Ah ecco siamo arrivati dalla negazione assoluta di una prossima uscita ventura di Apple con un simil netbook alla ammissione che Apple tirerà fuori un tablet.... da quello che si sa, ossia che monterà lo stesso SO dell'Iphone è però immaginabile pensare che sia una sorta di grosso Ipod Touch, senza nessuna possibilità "computazionale" tipica di un normale pc, tipo i netbook!
    Quindi sarà costoso, portatile quanto un netbook ma in compenso con le funzionalità di un ipod... caspita davvero rivoluzionario.... incomincio a comprendere perchè la sua uscita venga sempre più posticipata nel tempo da Apple... hanno il fondato timore che questa volta nemmeno i fans più appassionati correrebbero a comprarlo!
  • Questa mossa di ARM dovrebbe essere un'ulteriore segnale di quanto sia a rischio il predominio M$ nei SO!
    Se come tutto sembra indicare i netbook si apprestano a raggiungere il 30-40% dell'intero venduto dei PC (fissi+mobili) è evidente che invadere tale settore con una soluzione ARM che utilizzi come SO Linux apre la strada ad una adozione di massa di Linux, che diverebbe di colpo l'unico SO multipiattaforma disponibile.
    Come già scritto in passato M$ rischia nei prossimi anni la bancarotta, se 7 dovesse rivelarsi un passo falso come Vista la sua sorte sarebbe irrimediabilmente compromessa!
  • > Come già scritto in passato M$ rischia nei
    > prossimi anni la bancarotta, se 7 dovesse
    > rivelarsi un passo falso come Vista la sua sorte
    > sarebbe irrimediabilmente
    > compromessa!

    Ma lol... nell'anno fiscale 2009 ha fatto revenue per 58 miliardi di dollari, contro i 60 dell'anno precedente e i 51 del 2007. Quindi nonostante la crisi una sostanziale tenuta della enorme crescita registrata nel 2008.
    Margine operativo di 20 miliardi di dollari e utile netto di 14.
    Windows detiene stabilmente il 93% del mercato desktop e tutti i business hanno sostanzialmente tenuto.
    Consiglio meno slashdot e più SEC filings per avere notizie più corrette.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > > Come già scritto in passato M$ rischia nei
    > > prossimi anni la bancarotta, se 7 dovesse
    > > rivelarsi un passo falso come Vista la sua sorte
    > > sarebbe irrimediabilmente
    > > compromessa!
    >
    > Ma lol... nell'anno fiscale 2009 ha fatto revenue
    > per 58 miliardi di dollari, contro i 60 dell'anno
    > precedente e i 51 del 2007. Quindi nonostante la
    > crisi una sostanziale tenuta della enorme
    > crescita registrata nel
    > 2008.
    > Margine operativo di 20 miliardi di dollari e
    > utile netto di 14.
    >
    > Windows detiene stabilmente il 93% del mercato
    > desktop e tutti i business hanno sostanzialmente
    > tenuto.
    >
    > Consiglio meno slashdot e più SEC filings per
    > avere notizie più
    > corrette.


    Quei dati registrano sempre il passato, l'andamento futuro non lo desumi da li, forse è per quello che i cosidetti esperti di borsa hanno preso tante cantonate negli ultimi anni e non hanno beccato una previsione sull'andamento delle borse, vedi recente crack e la recente ripresa dei mercati!
  • ma come gli esperti di borsa c'azzeccano sempre

    avevano capito con 3 giorni di anticipo che era il momento di fare le valigie e scappare in Burkina FasoA bocca aperta

    comunque non preoccuparti dell'affermazioni strampalate di nome e cognome alias dovella alias epic failA bocca aperta
  • > comunque non preoccuparti dell'affermazioni
    > strampalate di nome e cognome alias dovella alias
    > epic fail
    >A bocca aperta

    Dovella è un "genio multiforme", almeno questo dobbiamo riconoscerglieloOcchiolino
  • dipende dai punti di vista, credo che gli psichiatri lo definirebbero diversamenteA bocca aperta
  • > Quei dati registrano sempre il passato,
    > l'andamento futuro non lo desumi da li, forse è
    > per quello che i cosidetti esperti di borsa hanno
    > preso tante cantonate negli ultimi anni e non
    > hanno beccato una previsione sull'andamento delle
    > borse, vedi recente crack e la recente ripresa
    > dei
    > mercati!

    Giusto, l'andamento futuro lo desumi dai forum di punto informatico.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome
    > > Quei dati registrano sempre il passato,
    > > l'andamento futuro non lo desumi da li, forse è
    > > per quello che i cosidetti esperti di borsa
    > hanno
    > > preso tante cantonate negli ultimi anni e non
    > > hanno beccato una previsione sull'andamento
    > delle
    > > borse, vedi recente crack e la recente ripresa
    > > dei
    > > mercati!
    >
    > Giusto, l'andamento futuro lo desumi dai forum di
    > punto
    > informatico.


    Non mi sembra che l'indubbio successo dei netbook o la imminente introduzione di architetture ARM competitive con la piattaforma atom sia legata al forum di PI
  • Se andate a leggere qualcuno dei miei passati post (o anche no, fate come vi pare, era giusto per circostanziare) capirete come insieme ad enjoy sono uno di quelli che non vedono l' ora di avere un netbook ARM.
    Però a parte quello da 5" di cui si è parlato qualche tempo fa ancora di fatto non si è visto nulla, se non beagleboard e sheevapc che però sono degli oggetti un po' particolari.
    Insomma speriamo che possa essere la volta buona
  • - Scritto da: pentolino
    > Se andate a leggere qualcuno dei miei passati
    > post (o anche no, fate come vi pare, era giusto
    > per circostanziare) capirete come insieme ad
    > enjoy sono uno di quelli che non vedono l' ora di
    > avere un netbook
    > ARM.
    > Però a parte quello da 5" di cui si è parlato
    > qualche tempo fa ancora di fatto non si è visto
    > nulla, se non beagleboard e sheevapc che però
    > sono degli oggetti un po'
    > particolari.
    > Insomma speriamo che possa essere la volta buona


    Quoto completamente, un netbook ARM in grado di rivaleggiare con Atom ma con consumi decisamente più contenuti e con Linux sarebbe realmente una svolta epocale, che certi monopolisti come Intel e M$ prendano una bella batosta a favore di Noi consumatori mi sembra veramente auspicabile!
  • oddio non che ci voglia molto a rivaleggiare con arm

    ho comprato a luglio una zotac ion con atom 330 e francamente fa acqua da tutte le parti

    avrai fatto bene a seguire i consigli di quanti mi dicevano di comprare la gf9300 e metterci un e5200
  • Ahem ... PA Semi NON ha mai prodotto/progettato/fatto alcunche' con processori ARM. La PA Semi era una startup company attiva sul fronte PowerPC. Il suo prodotto, la cpu PWRFicient era un diretto concorrente del G5 di IBM. Il fondatore, semmai, Dan Dobberpuhl e' stato uno dei progettisti del progetto StrongARM della Digital (oltre ad aver partecipato ai design teams dei DEC Alpha ...)

    comunque ... bell'articolo.
    Speriamo bene per ARM.
    non+autenticato
  • L'impossibilità di usare Windows può essere uno svantaggio, ma anche un'opportunità per Linux. Linux è un sistema assai noto ed ormai apprezzato in campo PC (fuorché dai troll, s'intende) e chi non ha esigenze particolari, può trovare in Linux un sistema facile da usare e con tutto il necessario per: navigazione, email, guardare filmati, scrivere documenti, etc.
    Inoltre, l'architettura ARM è RISC, quindi non sarebbe impossibile programmare un buon emulatore x86 per far girare i plug-in e le applicazioni Linux non ancora portate su ARM.
    Siccome è bene non correre senza aver prima imparato a camminare, ARM potrebbe iniziare coi netbook e coi mini computer per la casa. Avrebbe tutte le carte in regola per farsi conoscere ed apprezzare, prima di tentare la strada dei computer desktop di fascia media.
  • > non ha esigenze particolari, può trovare in Linux
    > un sistema facile da usare e con tutto il
    > necessario per: navigazione, email, guardare
    > filmati, scrivere documenti,
    > etc.


    mah, io non ho capito che ci fa la gente col PC tolto quello che hai elencato!

    giocare? vabbé meglio una console che prendersi un PC solo per giocare

    > Inoltre, l'architettura ARM è RISC, quindi non
    > sarebbe impossibile programmare un buon emulatore
    > x86 per far girare i plug-in e le applicazioni
    > Linux non ancora portate su
    > ARM.

    bhe ma le applicazioni basta compilarle, forse é più convenienteSorride

    > Siccome è bene non correre senza aver prima
    > imparato a camminare, ARM potrebbe iniziare coi
    > netbook e coi mini computer per la casa. Avrebbe
    > tutte le carte in regola per farsi conoscere ed
    > apprezzare, prima di tentare la strada dei
    > computer desktop di fascia
    > media.


    Calcolando che tutti gli apparecchi sono o stanno diventando degli apparecchi general purpose e tutti avranno una tele, telefonino,...

    tutti con la possibilità di fare quello che hai detto e più. Io non capisco proprio perché ogni persona senta la necessità di avere un PC. Secondo me é un retaggio del passato e scomparirà presto, sarà solo un doppione
    non+autenticato
  • Per me finisce che continueranno, in molti, a comprare Intel per poter mettere più sistemi operativi
    non+autenticato
  • - Scritto da: snoopy
    > > non ha esigenze particolari, può trovare in
    > Linux
    > > un sistema facile da usare e con tutto il
    > > necessario per: navigazione, email, guardare
    > > filmati, scrivere documenti,

    > mah, io non ho capito che ci fa la gente col PC
    > tolto quello che hai elencato!

    Ma poi il software deve anche interfacciarsi con le periferiche,
    tanto quelle "interne" (scheda grafica, modem ecc.) che quelle esterne
    (stampanti ecc.), questo è il problema. ciao
    non+autenticato
  • penso che ormai le periferiche vengano supportate meglio da linux che da windows!!!!
    esempio chiavetta usb attacchi la chiavetta linux monta il device in automatico e in meno di due secondi puoi cominciare a salvare e leggere dalla chiavetta
    windows attacchi la chiaveta e attendi un tempo indefinito prima di vedere che windows si e' accorto della chiavetta dopodiche' appare un messagio installazione dei driver in corso infine e' necessario almeno un riavvio e poi puoi usare la chiavetta! stesso discorso con il mouse usb!!!!! per nn parlare del fatto che come citato in questo articolo windows supporta solo il processore x86 a 32bit forse se prendi svista riesci a lavorare con il processore a 64bit sempre che ti hanno venduto la versione di vista a 64 bit(cosa non affatto ovvia) xp a 64 bit e' una leggenda! e questa sarebbe compatibilità con l'hardware ??? il fatto che i winmodem non funzionano su linux(alcuni vanno(lo stesso) e tutti vanno grazie a wine) e' perche' microsoft ha pagato i produttori di winmodem per fare dei dispositivi che lasciano al software il compito di modulare e demodulare la comunicazione! in pratica l'hardware che compri non fa niente e non si puo' nemmeno chiamare periferica! microsoft e' come la mafia se la paghi non ti brucia la casa o il negozio ma non e' che devi essere contento di pagare per mantenere una assicurazione che copre i loro danni!
    non+autenticato
  • prendiamo ora il discorso stampanti.... stampante hp nuova appena comprata attacco l'usb a linux e posso cominciare a stampare...
    attacco l'usb a windows periferica non riconosciuta inserire il cd con i driver... inserisco il cd ma devo installare anche tutto il software dell'hp di cui non mi frega nulla alla fine dell'installazione errore non e' possibile installare il software.... ci ho perso 2 giorni per capire che avevo selezionato la lingua italiana per la stampante e avevo windows in inglese e per questo non riuscivo a completare l'installazione...inoltre rimuovere i driver parzialmente installati in italiano e' stata una impresa + ardua del previsto! ma alla fine in appena 3 giorni di lavoro sono riuscito a installare la stampante!!!!
    viva windows
    non+autenticato
  • - Scritto da: MONO
    > penso che ormai le periferiche vengano supportate
    > meglio da linux che da
    > windows!!!!
    > esempio chiavetta usb attacchi la chiavetta linux
    > monta il device in automatico e in meno di due
    > secondi puoi cominciare a salvare e leggere dalla
    > chiavetta
    > windows attacchi la chiaveta e attendi un tempo
    > indefinito prima di vedere che windows si e'
    > accorto della chiavetta dopodiche' appare un
    > messagio installazione dei driver in corso infine
    > e' necessario almeno un riavvio e poi puoi usare
    > la chiavetta! stesso discorso con il mouse
    > usb!!!!!

    Ma quale windows stai usando, 3.11? Non dire cazzate, troll.
    A proposito, già che ci sei impara anche un pò di grammatica italiana...
    non+autenticato
  • SONO RIMASTO A XP vista l'ho provato ma:
    primo mi hanno venduto il portatile a 64bit con vista a 32
    secondo vista era inchiodato e non andava niente così l'ho tolto e ho rimesso xp
    terzo ci ho messo 3 giorni a installare la stampante e quindi ho tolto pure xp
    scusate per l'italiano ma scrivo in fretta senza rileggere e prestando attenzione nulla visto che intanto lavoro
    non+autenticato
  • - Scritto da: MONO
    > SONO RIMASTO A XP vista l'ho provato ma:
    > primo mi hanno venduto il portatile a 64bit con
    > vista a 32
    >
    > secondo vista era inchiodato e non andava niente
    > così l'ho tolto e ho rimesso
    > xp
    > terzo ci ho messo 3 giorni a installare la
    > stampante e quindi ho tolto pure xp
    >
    > scusate per l'italiano ma scrivo in fretta senza
    > rileggere e prestando attenzione nulla visto che
    > intanto
    > lavoro

    Hai affermato che per usare una chiave usb o un mouse devi riavviare il pc. Questa è la più grande cazzata che si sia mai letta da queste parti.

    Per la stampante sono d'accordo, ma il problema è di HP e non di windows. HP dovrebbe rilasciare un minimal set drivers che ti installa solo la stampante e il monitor di stato e non i crapware vari.
    non+autenticato
  • ma non e' così.... uno dei vantaggi del mondo close e' che anche se prendi il driver e provi a bypassare la procedura di installazionecacca il driver non funziona perche' devi installarecacca la colpa e' di microsoft che non e' in grado di scrivere mezzo driver e da la colpa a chi produce hardware
    non+autenticato
  • in realtà non volevo trollare solo che mi girano un po' quando leggo che linux non e' compatibile con l'hardware per colpa di linux e che windows non e' compatibile con l'hardware per colpa dell'hardware!!!!
    ancora di + mi girano e mi stamburano per terra quando leggo scritte del tipo su linux non va autocad, come se tutti usassero autocad... ci sono centinaia di opzioni anche a pagamento per linux di prodotti cad
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)