Giorgio Pontico

Antitrust: Google patteggi con gli editori italiani

Lo chiede il presidente CatricalÓ, il quale sostiene che sia l'unica possibilitÓ per BigG di non incorrere in pesanti sanzioni

Roma - Il presidente dell'Antitrust italiana auspica che Google si comporti nel Belpaese come negli altri stati in cui la sua attività sia oggetto di verifiche da parte delle autorità che vigilano sulla concorrenza.

"Vedo che negli Usa e in altri paesi Google ha avviato trattative con gli editori ipotizzando di dare un riconoscimento per l'uso delle notizie. Io spero - ha concluso Catricalà - che anche in Italia si imbocchi questa strada per chiudere senza troppi incidenti questa che è una procedura altamente sanzionatoria".

Lo scorso 27 agosto l'Antitrust, su indicazione degli editori riuniti nella Federazione Italiana Editori Giornali (FIEG), aveva ufficialmente aperto un'istruttoria volta ad analizzare l'operato di Google News. Dapprima la notifica era stata inviata alla sede italiana di Google, per poi arrivare in un secondo momento direttamente a Mountain View.
Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle abusa delle news?Il servizio dedicato alle notizie finisce sotto la lente dell'Antitrust: gli editori italiani temono che la Grande G vampirizzi le entrate pubblicitarie. Google Italia ribatte: l'aggregazione Ŕ traffico e utenti per gli editori
  • AttualitàGoogle News, l'indagine si estendeLa procedura dell'antitrust italiana si sposta da Google Italia a Google Inc. Le fila del servizio sono gestite da oltreoceano
6 Commenti alla Notizia Antitrust: Google patteggi con gli editori italiani
Ordina
  • ..... a questo punto, per non dargliela vinta a nessuno, aprirei delle redazioni giornalistiche nei vari paesi: perchè pagare altri per qualcosa che posso fare io (e i mezzi economici non mancano)?

    Inoltre io MAI E POI MAI PAGHEREI PER LEGGERE NOTIZIE OLINE, senza contare che la pluralità di accesso alle informazioni (stesse notizie da più fonti con più approcci diversi) fa si cheognuno possa farsi una IDEA QUANTOMENO CHIARA E PERSONALE dei fatti sviscerando tutti quei commenti e quei modi di "riportare" tali notizie PALESEMENTE DI PARTE (cosa tanto cara all' attuale governo).
    non+autenticato
  • Io fossi in Google direi ciao ciao agli editori italiani e li segherei fuori sia da Google News che dal motore di ricerca.
    Poi vedi che si accorgono del valore delle indicizzazioni...
    non+autenticato
  • Capisco la preoccupazione degli editori ma Google News porta sui siti internet di pubblicazioni on-line e off-line centinaia di migliaia di visitatori al giorno. Il mio sito internet riceve 3000 visite al giorno da parte di Google News. Se così non fosse perderei buona parte dei miei introiti pubblicitari.
    non+autenticato
  • Patteggiare, almeno in italiano, ha un altro significato (che Berlusconi conosce bene, ma i berlusconiani assolutamente no!)
    Funz
    13000
  • Siamo veramente alla frutta se si cerca di far cassa tentando di mungere la "vacca grassa" google con questi stratagemmi... spero che sia l'ultimo grido di morte dell'editoria tradizionale...
    non+autenticato
  • - Scritto da: www
    > Siamo veramente alla frutta se si cerca di far
    > cassa tentando di mungere la "vacca grassa"
    > google con questi stratagemmi... spero che sia
    > l'ultimo grido di morte dell'editoria
    > tradizionale...
    io, dopo qualche trattativa (che comprenda benefit googoliani, ma non denaro) gli pianterei una legnata in stile UK... quando google ha detto ciaociao alla performing Right Society (PRS) che voleva miliardi per i videoclip su youtube [dopo molto tempo si sono riaccordati sino al 2012, ma non si sa se ci sia stato un impegno economico di google. probabilmente si, ma pari a quello precedente e non quello esoso da loro richiesto].
    non+autenticato