Giorgio Pontico

Palm e Oracle, trimestrali in chiaroscuro

Oracle registra una flessione più netta del previsto. Resta da completare l'acquisto di Sun. Palm perde milioni di dollari e abbandona Windows Mobile

Roma - Oracle apre l'anno fiscale 2010 con perdite leggermente superiori alle aspettative. I ricavi del primo trimestre, che ammontano comunque a più di sei miliardi di dollari, sono stati inferiori del 5 per cento rispetto allo stesso periodo del 2009.

Secondo il presidente Safra Catz non è il caso di cospargersi il capo di cenere: "Il guadagno netto è aumentato del 4 per cento - ha tenuto a precisare il chairman - dovuto sostanzialmente all'aumento delle operazioni da parte dell'azienda".

Catz si riferisce all'acquisizione di Sun che, nonostante debba attendere l'approvazione dall'ufficio antitrust europeo, starebbe già dando i primi frutti. Uno è stato descritto dal CEO Larry Ellison: si tratta di Exadata Version 2, un nuovo modello di database machine che combina le tecnologie hardware e software delle due aziende.
A fronte di questi risultati controversi rimane alla software house la consapevolezza di essere l'azienda di vertice del settore: SAP, considerato il concorrente più agguerrito da Oracle, ha accusato nell'ultima trimestrale un ribasso del 50 per cento nel mercato statunitense e il 39 per cento per quanto riguarda l'Europa secondo quanto riferito proprio dall'azienda di Ellison.

È un periodo difficile per molte aziende del settore IT: lo dimostrano gli ultimi dati negativi presentati da aziende come Microsoft, eBay e Palm. Proprio il produttore di smartphone ha registrato perdite per più di 164 milioni di dollari, pur a fronte di un buon risultato del Pre con 823mila telefonini venduti.

Secondo l'azienda si tratterebbe di un buon successo per il suo nuovo smartphone, equipaggiato con WebOS, che d'ora in avanti sarà l'unico sistema operativo per il quale Palm produrrà i suoi device rinunciando definitivamente a Windows Mobile e al vecchio Palm OS.

C'è chi invece ha avuto meno fortuna ed è stato seppellito dal mercato: iMate, produttore britannico attivo nel ramo delle periferiche mobili, ha chiuso i battenti. Probabilmente stritolato dalla concorrenza.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • TecnologiaPer amore di iTunes, Pre si traveste. Da iPodGrazie ad un aggiornamento per WebOS, l'azienda di Sunnyvale rende nuovamente compatibile il dispositivo con il software di Apple. Il tutto, si mormora, in maniera non del tutto lecita: la battaglia è solo agli inizi
  • TecnologiaGiappone, kill IntelSfoderata la katana per l'assalto al regno incontrastato dell'azienda leader nel mercato dei microprocessori. Si punta tutto su bassi consumi e l'ecologia
  • TecnologiaPixi, il fratello minore di Palm PreÈ pensato per i giovani e per chi di WebOS non può fare a meno ma vuole spendere un po' meno. Arriverà sul mercato statunitense entro la fine dell'anno. Senza WiFi
1 Commenti alla Notizia Palm e Oracle, trimestrali in chiaroscuro
Ordina
  • Io direi un ottimo risultato del Pre!
    Su http://www.precentral.net/palm-announces-q1-fy-201... si legge che le vendite di smartphones Palm sono aumentate del 134% nell'ultimo trimestre il che vuol dire che hanno venduto circa mezzo milione di Pre nei soli Stati Uniti dove era venduto! L'iPhone 2G due anni fa vendette nello stesso periodo circa un milione ma Apple ha un brand molto più famoso, aveva molta più hype, non c'era la concorrenza di terminali tipo l'iPhone 3GS e Android vari e non c'era la crisi economica.
    Rimane il lato oscuro delle perdite ma queste ottime vendite spianano la strada alla salvezza di Palm. Tra l'altro per l'autunno arriveranno il Pixi, il Pre con più GB (un documento Sprint è finito su internet) e ci sarà lo sbarco in Europa.
    non+autenticato