Alfonso Maruccia

Baia, un altro giudice amico delle major?

Nel caso The Pirate Bay uno dei magistrati della corte d'appello lavora per Spotify. La preoccupazione di Brokep

Roma - Telenovela The Pay Bay, puntata numero 10.024: mentre la Baia dei Pirati svedesi si avvia con qualche botto a concludere i giorni gloriosi dei download irrefrenabili e dei torrent allo stato brado, il lato "umano" della vicenda The Pirate Bay riserva l'ennesima sorpresa a effetto in una causa legale che si è rivelata molto più spettacolare e complicata di quanto potessero mai prevedere i suoi protagonisti.

A quanto pare tra i giudici dell'appello concesso dopo la condanna delle quattro persone coinvolte in The Pirate Bay ci sarebbe un vero e proprio uomo delle major, che oltre a fare il giudice risulta ufficialmente impiegato presso Spotify, il servizio di streaming musicale in rete visto da più parti (soprattutto in seno all'industria) come la tanto desiderata risposta legale alla rampante pirateria dei contenuti in formato digitale.

Il problema si ingigantisce quando si considera che Spotify è attivamente impegnato, con numerosi accordi di licenza, al fianco delle etichette. Vista sotto questa luce la posizione del giudice non potrebbe che essere rubricata come un conflitto di interessi con l'appello ai quattro di TPB, l'ennesimo conflitto di interessi dopo i tanti che hanno già caratterizzato uno dei più sorprendenti processi al file sharing mai apparsi nei tribunali di tutto il mondo.
"Non direi che abbiamo un problema, ma certamente consideriamo la cosa un fattore da portare all'attenzione delle parti" ha dichiarato il giudice Ulrika Ihrfelt, responsabile dell'appello e anche lei accusata di conflitto di interessi per certe sue frequentazioni con le lobby in difesa del diritto d'autore.

"Questo è semplicemente ridicolo", commenta l'ex-portavoce della Baia Peter Brokep Sunde, definendo il processo "oramai più di una farsa". Sunde, che fa parte del quartetto riconosciuto colpevole di favoreggiamento alla pirateria dalla Corte di Stoccolma, dice poi in un secondo commento che forse "l'impiegato di Spotify non è poi così male", perché sarebbe sempre meglio "avere una persona tecnicamente assennata nella corte piuttosto di una annoiata che vuole dormire e sentenzia quel che decide il giudice capo".

Brokep è preoccupato e lo dimostra senza usare i classici filtri dell'ironia o del sarcasmo: "Qui c'è in gioco la mia vita - dice l'ex-portavoce di TPB - non si tratta semplicemente di vincere o di perdere qualche tipo di gioco. Questa è la mia vita".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
12 Commenti alla Notizia Baia, un altro giudice amico delle major?
Ordina
  • ... visto che a detta di molti i giudici italiani sono tutti comunisti e/o di sinistra... quindi magari abbastanza "talebani" da voler favorire il p2pA bocca aperta
  • Si potrebbe proporre Luco come giudice, almeno con lui sicuramente si è sicuri che non sta dalla parte delle majorA bocca aperta
    Wolf01
    3342
  • da mancato giudice di linea, a giudice in un processo! wow!
    non+autenticato
  • Sarebbe un'idea interessante "regalare" la Baia al PAPI...
    Tranquilli che se è roba sua, diventa tutto legale nel giro di una settimana!A bocca apertaA bocca aperta
    Meditate gente, meditateCon la lingua fuoriCon la lingua fuori
    non+autenticato
  • MA STI MALEDETTI GIUDICI SVEDESI HANNO TUTTI UN SECONDO LAVORO ???

    CHI LAVORA PER LE MAJOR DISCOGRAFICHE, CHI PER NETFRY....

    MA NESSUN GIUDICE CHE FACCIA "SOLO" IL GIUDICE ??????
    non+autenticato
  • - Scritto da: andrea rippone
    > MA STI MALEDETTI GIUDICI SVEDESI HANNO TUTTI UN
    > SECONDO LAVORO
    > ???
    >
    > CHI LAVORA PER LE MAJOR DISCOGRAFICHE, CHI PER
    > NETFRY....
    >
    >
    > MA NESSUN GIUDICE CHE FACCIA "SOLO" IL GIUDICE
    > ??????

    Nel mondo ci sono tanti politici e giudici che non sono formalmente dipendenti delle major ma che vengono pagati dalle major lo stesso, eppure fanno fimta di niente. Almeno in questo caso non vi è ipocrisia.
  • Io farei un'altra domanda.

    Com'è che in Svezia sembrano esserci SOLO giudici che hanno rapporti estremamente stretti con le major?
    E se non è così, com'è che finiscono tutti in quel processo?

    Conosco gli svedesi abbastanza bene da sapere che sono indignati ed incacchiatiSorride
  • - Scritto da: Valeren
    > Io farei un'altra domanda.
    >
    > Com'è che in Svezia sembrano esserci SOLO giudici
    > che hanno rapporti estremamente stretti con le
    > major?
    > E se non è così, com'è che finiscono tutti in
    > quel
    > processo?
    >
    > Conosco gli svedesi abbastanza bene da sapere che
    > sono indignati ed incacchiati
    >Sorride

    La domanda che dovremmo farci invece e':
    CHi e' che a monte decide quali giudici debbano partecipare al processo e soprattutto quale criterio viene adottato per la loro scelta? Qui sembra esserci un "burattinaio" che decide lui chi deve giudicare chi....
    Questo processo "farsa" (nel senso che era gia' stato tutto deciso prima ancora di iniziarlo) mi fa' capire che tutto il mondo e' paese ed anche nella tanto blasonata civile Svezia alla fine democrazia e giustizia vengono dopo gli interessi economici...
  • > Questo processo "farsa" (nel senso che era gia'
    > stato tutto deciso prima ancora di iniziarlo) mi
    > fa' capire che tutto il mondo e' paese ed anche
    > nella tanto blasonata civile Svezia alla fine
    > democrazia e giustizia vengono dopo gli interessi
    > economici...

    Premessa: Non prendere questo mio commento come offensivo.

    Hai fatto la "hot water discovery"....
    non+autenticato
  • - Scritto da: italiano
    > > Questo processo "farsa" (nel senso che era gia'
    > > stato tutto deciso prima ancora di iniziarlo) mi
    > > fa' capire che tutto il mondo e' paese ed anche
    > > nella tanto blasonata civile Svezia alla fine
    > > democrazia e giustizia vengono dopo gli
    > interessi
    > > economici...
    >
    > Premessa: Non prendere questo mio commento come
    > offensivo.
    >
    > Hai fatto la "hot water discovery"....

    Sinceramente pensavo che almeno nei paesi nordici (famosi per la loro tanto decantata civilta') una "parvenza" di giustizia fosse ancora rimasta...
    Fosse successo in Italia non avrei nemmeno perso tempo a scrivere il mio commento, ma trattandosi della Svezia...
  • - Scritto da: MESCAL.

    > nella tanto blasonata civile Svezia alla fine
    > democrazia e giustizia vengono dopo gli interessi
    > economici...

    Cosa ti aspettavi? Gli interessi economici devono per forza venire prima di qualunque altra cosa perché sono la vita della nazione. Le tasse pagate da un grande gruppo industriale superano di vari ordini di grandezza quelle pagate dai cittadini. I posti di lavoro che assicurano creano ricchezza per il Paese ed evitano il buco nero dei sussidi di disoccupazione.

    Di fronte a questo, i "diritti" sono poca cosa. La "giustizia" sarà anche un nobile ideale, ma non alza il PIL che è l'unica cosa che conta.
    non+autenticato
  • - Scritto da: andrea rippone
    > MA STI MALEDETTI GIUDICI SVEDESI HANNO TUTTI UN
    > SECONDO LAVORO
    > ???
    >
    > CHI LAVORA PER LE MAJOR DISCOGRAFICHE, CHI PER
    > NETFRY....
    >
    >
    > MA NESSUN GIUDICE CHE FACCIA "SOLO" IL GIUDICE
    > ??????
    grazie per avere rovinato il layout di PI Sorride