Alfonso Maruccia

Google Chrome, un cavallo di Troia per IE

Mountain View adotta una nuova strategia per liberare il web dalla dipendenza da Explorer. Instillando il suo browser all'interno del navigatore Microsoft attraverso un plugin

Roma - Si chiama Google Chrome Frame, ma forse sarebbe più opportuno chiamarlo "Google Trojan Horse". La nuova iniziativa di Mountain View per un web meno ancorato alle tecnologie del passato prende la forma di un plugin per Internet Explorer (6, 7 e 8), installato il quale anche gli utenti costretti (vuoi per necessità o per semplice pigrizia) a navigare con il browser Microsoft potranno sperimentare i nuovi standard del web moderno.

Il plugin, avverte Google, è nelle prime fasi di sviluppo ma ha un obiettivo già ben definito, vale a dire trasformare l'interfaccia di IE in un contenitore all'interno del quale far girare il motore di rendering Webkit e il potentissimo interprete JavaScript di Chrome noto come V8. La ragione è fornire agli IE-dipendenti i vantaggi dell'HTML 5, la corretta interpretazione dei fogli di stile, il supporto per le Canvas e il formato grafico vettoriale SVG, nonché la stellare velocità di esecuzione del codice JS all'interno del suddetto engine V8.

Chrome Frame si inserisce perfettamente nella politica apertamente "ostile" (di Google e non solo) nei confronti del vetusto Internet Explorer 6, a cui mancherà presto il supporto per YouTube, Digg e altri importanti portali. Secondo le intenzioni, la disponibilità del motore di un browser moderno sotto forma di plugin dovrebbe poi servire a rendere meno amara la pillola dell'upgrade in taluni ambienti corporate, dove spesso la compatibilità con il framework di IE 6 ancora rappresenta una condizione necessaria a far girare software specialistico da cui le aziende non possono proprio prescindere.
Nel tentativo di rendere la sua strategia da Cavallo di Troia più sicura e malleabile per l'utente, Google ha pensato bene di richiedere il supporto dichiarato da parte degli sviluppatori web per il rendering delle pagine con il plugin Chrome Frame piuttosto che con il motore Trident di IE, sebbene non manchino i metodi per testare il FrankenGoogle anche in assenza di meta tag specifici all'interno del codice della pagina da visualizzare.

L'iniziativa di Mountain View non può essere considerata come il primo tentativo di far girare un browser specifico all'interno di un navigatore completamente diverso, essendo tra gli altri IE Tab per Firefox o Screaming Monkey di Mozilla due importanti esempi dei progressi compiuti in tal senso dagli sviluppatori. Nondimeno Chrome Frame rappresenta il primo sforzo su vasta scala di Google per erodere l'utenza di IE dall'interno. Sono previsti anche script e cotillon per sviluppatori, utili a incoraggiare i netizen allo switch.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaGoogle Chrome 3.0 è completoLa nuova versione di Chrome migliora ulteriormente le performance e introduce funzionalità attese come il supporto ai temi e ai video embedded di HTML5. In dirittura d'arrivo anche la versione Mac
  • BusinessYouTube prepara l'addio a IE 6Il portalone di videosharing avvisa gli utenti che ancora utilizzano Explorer 6: il supporto a questa versione verrà presto cessato. Solo tre i browser suggeriti in alternativa
84 Commenti alla Notizia Google Chrome, un cavallo di Troia per IE
Ordina
  • Già prima, con la famigerata google toolbar, che come un maledetto worm si attacca ad IE e a firefox rendendoli pesanti e malfunzionanti, ora, anche un cavallo di troia... se google toolbar è davvero così bello, perchè non se lo piazzo sul loro chrome? Ah no, su Chrome solo la barra degli indirizzi e nient'altro!!!

    Mi chiedo a cosa servono gli antivirus se permetto ad un sistema di essere attaccato da qusti malware
    non+autenticato
  • ciao a tutti usavo chrome poi mi sono stufato.
    quando i tab aperti sono un po'(una 15ina per intenderci)e il browser e' aperto da qualche ora, chrome 3 si impastava riducendo drasticamente le prestazioni non tanto nell'apertura delle pagine in se ma nello switchare tra un tab e l'altro era veramente penoso impastava il pc e l'unica soluzione accettabile era ctrl-alt-canc e kill chrome.!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome
    > ciao a tutti usavo chrome poi mi sono stufato.
    > quando i tab aperti sono un po'(una 15ina per
    > intenderci)e il browser e' aperto da qualche ora,
    > chrome 3 si impastava riducendo drasticamente le
    > prestazioni non tanto nell'apertura delle pagine
    > in se ma nello switchare tra un tab e l'altro era
    > veramente penoso impastava il pc e l'unica
    > soluzione accettabile era ctrl-alt-canc e kill
    > chrome.!

    ciao a tutti usavo Windows poi mi sono stufato.
    quando le finestre aperte sono un po'(una per
    intenderci)e il browser e' aperto da qualche secondo,
    Windows si impastava riducendo drasticamente le
    prestazioni non tanto nell'apertura delle applicazioni
    in se ma nello switchare tra un applicazione e l'altro era
    veramente penoso impastava il pc e l'unica
    soluzione accettabile era ctrl-alt-canc e kill
    windows.!

    :)))))))))))
    non+autenticato
  • >> Instillando il suo browser all'interno del navigatore Microsoft

    Io non ho mai Instillato nulla .. sinceramente non credevo si potesse Instillare qualcosa ...

    su debian dovrebbe essere qlcs tipo apt-get instill <nomepacchetto>.deb

    se da sorgente ..
    ./cinfigure
    mike
    mike instill

    su windows ci dovrebbe essere un' "Instiller" per l' instillazione.
    L' instiller di solito si chiama setip.exe e si preoccupa di instillare i vari compinenti dell' ipplicazione.

    :D
    non+autenticato
  • - Scritto da: stika
    > >> Instillando il suo browser all'interno del
    [CUT]
    LOLA bocca aperta
    lroby
    5311
  • - Scritto da: stika
    > >> Instillando il suo browser all'interno del
    > navigatore Microsoft
    >
    >
    > Io non ho mai Instillato nulla .. sinceramente
    > non credevo si potesse Instillare qualcosa
    > ...
    >
    > su debian dovrebbe essere qlcs tipo apt-get
    > instill
    > <nomepacchetto>.deb
    >
    > se da sorgente ..
    > ./cinfigure
    > mike
    > mike instill
    >
    > su windows ci dovrebbe essere un' "Instiller" per
    > l'
    > instillazione.
    > L' instiller di solito si chiama setip.exe e si
    > preoccupa di instillare i vari compinenti dell'
    > ipplicazione.
    >
    >A bocca aperta


    MA LOL
    non+autenticato
  • ...l'erodere IE dall'interno.

    Seguite questo semplice ragionamento:
    1) Il peggior nemico di Vista e di Windows 7 è XP, dal quale, oltre un nutrito gruppo di utenti consumer, l'utenza business non si vuole schiodare;
    2) I nemici del mio nemico sono amici miei, quindi...
    3) Rendere IE 6 compatibile, tramite questo plugin, alle più recenti tecnologie web significa dare lunga vita e prosperità a Windows XP, al quale IE 6 è legato.

    La strategia è quindi affossare MS favorendo l'utilizzo di XP.
    ruppolo
    33147
  • mi piace la tua tesi, direi che ci può anche stare..

    - Scritto da: ruppolo
    > ...l'erodere IE dall'interno.
    >
    > Seguite questo semplice ragionamento:
    > 1) Il peggior nemico di Vista e di Windows 7 è
    > XP, dal quale, oltre un nutrito gruppo di utenti
    > consumer, l'utenza business non si vuole
    > schiodare;
    > 2) I nemici del mio nemico sono amici miei,
    > quindi...
    > 3) Rendere IE 6 compatibile, tramite questo
    > plugin, alle più recenti tecnologie web significa
    > dare lunga vita e prosperità a Windows XP, al
    > quale IE 6 è
    > legato.
    >
    > La strategia è quindi affossare MS favorendo
    > l'utilizzo di
    > XP.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > ...l'erodere IE dall'interno.

    mi sembra ovvio

    > Seguite questo semplice ragionamento:
    > 1) Il peggior nemico di Vista e di Windows 7 è
    > XP, dal quale, oltre un nutrito gruppo di utenti
    > consumer, l'utenza business non si vuole
    > schiodare;

    vero, e non vedo proprio quale ragione ci sia per correre dietro all'ultima versione di win, a parte le DX10/11 per i giochi.

    > 2) I nemici del mio nemico sono amici miei,
    > quindi...
    > 3) Rendere IE 6 compatibile, tramite questo
    > plugin, alle più recenti tecnologie web significa
    > dare lunga vita e prosperità a Windows XP, al
    > quale IE 6 è
    > legato.

    Ma, solo a me si è installato IE8 con gli aggiornamenti automatici di XP?
    Solo questo non quadra nel tuo discorso.

    > La strategia è quindi affossare MS favorendo
    > l'utilizzo di
    > XP.

    Mi sembra corretto. Io aggiungerei un punto di vista diverso:
    se Microsoft vuole ammazzare XP, e obbligare tutti a passare a 7, è giusto lasciarglielo fare?
    Per me sarebbe cosa buona e giusta *obbligarli* a abbandonare XP sotto licenza open, cosicché lo sviluppo e la sicurezza possano continuare ad essere garantiti da altri (e vaffancu*o alla "libertà" di imporre quello che gli pare ai clienti).

    Dopotutto ogni brevetto scade, il copyright scade, e tutto ala fine diventa patrimonio comune. Perchè non il software?
    Funz
    12995
  • Ma se non hanno mollato nemmeno windows 9x, o 3.1, o perfino il DOS.

    Anche quando scadono i copyright, non ti danno i sorgenti, al massimo diventa di pubblico dominio l' eseguibile. Questo è uno dei motivi che mi ha portato a ODIARE il software proprietario: quando un programma funziona, il produttore non lo tocca più, lo lascia diventare obsoleto e ne fa uno nuovo, e chi vuole quello vecchio è nei guai, legali (problema dell' abandonware) e tecnici.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Funz
    > Ma, solo a me si è installato IE8 con gli
    > aggiornamenti automatici di
    > XP?
    > Solo questo non quadra nel tuo discorso.
    Non ho conoscenza approfondita dell'argomento, ma credo che molte applicazioni sviluppate ad hoc nelle aziende non funzionano se si esce dal binomio XP-IE6. Altrimenti non si spiegherebbe il rimanere fermi su XP, che non è certo la prima versione di Windows entrata nelle aziende.

    > Io aggiungerei un punto di
    > vista
    > diverso:
    > se Microsoft vuole ammazzare XP, e obbligare
    > tutti a passare a 7, è giusto lasciarglielo
    > fare?
    Diciamo che sarebbe logico, l'informatica mica può fermarsi di punto in bianco. Ovviamente il passaggio non deve essere traumatico, come invece lo sarà quello da XP a 7, dato che non è previsto un upgrade a livello pratico.

    > Per me sarebbe cosa buona e giusta *obbligarli* a
    > abbandonare XP sotto licenza open, cosicché lo
    > sviluppo e la sicurezza possano continuare ad
    > essere garantiti da altri (e vaffancu*o alla
    > "libertà" di imporre quello che gli pare ai
    > clienti).

    Non è escluso che in nome dell'interesse nazionale possa accadere proprio questo. Del resto se MS fa "flop", senza continui aggiornamenti sulla sicurezza i sistemi andranno in vacca nel giro di qualche mese, con conseguenze che oserei definire apocalittiche.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Funz
    > > Ma, solo a me si è installato IE8 con gli
    > > aggiornamenti automatici di
    > > XP?
    > > Solo questo non quadra nel tuo discorso.

    > Non ho conoscenza approfondita dell'argomento, ma
    > credo che molte applicazioni sviluppate ad hoc
    > nelle aziende non funzionano se si esce dal
    > binomio XP-IE6. Altrimenti non si spiegherebbe il
    > rimanere fermi su XP, che non è certo la prima
    > versione di Windows entrata nelle aziende.

    Dopo NT, in pratica un sistema stabile che fa il suo lavoro, alle aziende cosa serve d'altro ? Finestre sbrilluccicose in 3D ?

    > > Io aggiungerei un punto di
    > > vista > diverso:
    > > se Microsoft vuole ammazzare XP, e obbligare
    > > tutti a passare a 7, è giusto lasciarglielo
    > > fare?

    > Diciamo che sarebbe logico, l'informatica mica
    > può fermarsi di punto in bianco. Ovviamente il
    > passaggio non deve essere traumatico, come invece
    > lo sarà quello da XP a 7, dato che non è previsto
    > un upgrade a livello pratico.

    Quindi 7 dovrebbe integrarsi bene nelle reti aziendali attuali, cosa che non fa.

    > > Per me sarebbe cosa buona e giusta *obbligarli*
    > > a abbandonare XP sotto licenza open, cosicché lo
    > > sviluppo e la sicurezza possano continuare ad
    > > essere garantiti da altri (e vaffancu*o alla
    > > "libertà" di imporre quello che gli pare ai
    > > clienti).

    > Non è escluso che in nome dell'interesse
    > nazionale possa accadere proprio questo. Del
    > resto se MS fa "flop", senza continui
    > aggiornamenti sulla sicurezza i sistemi andranno
    > in vacca nel giro di qualche mese, con
    > conseguenze che oserei definire apocalittiche.
    krane
    22544
  • - Scritto da: ruppolo
    >
    > La strategia è quindi affossare MS favorendo
    > l'utilizzo di
    > XP.

    Ottima analisi, io non ci avevo ancora pensato.

    Senza contare il fatto che un'azienda a suo agio con Chrome e Webkit possa pensare di passare a Google OS e Android in un futuro non molto lontano.

    Fan LinuxFan Apple
  • Lo avesse fatto microsoft, con safari cosa si direbbe adesso?..... Io ho molta più paura di Google che di Microsoft...... Io ho paura di un IT a forma di google........
    non+autenticato
  • Io ho paura dell'IT ...
    non+autenticato
  • io ho paura....
    non+autenticato
  • ".."
    lroby
    5311
  • può essere legettima anche la tua paura.
    non+autenticato
  • io ho paura dell'ICT
    non+autenticato
  • - Scritto da: Uno
    > Lo avesse fatto microsoft, con safari cosa si
    > direbbe adesso?

    Che finalmente supera i test html ?
    krane
    22544
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)