Claudio Tamburrino

Baia, il giudice Ŕ di parte. Ma quale?

Rimosso dall'incarico uno dei giudici d'appello. Lavorava come programmatore a un servizio di streaming musicale che collabora con le etichette. Ma proprio le major lo hanno messo in discussione

Roma - Le vicissitudini di The Pirate Bay non conoscono tregua: una corte svedese ha valutato in conflitto di interessi uno dei giudici che dovranno presiedere alla nuova udienza del processo alla Baia. La decisione è stata presa all'unanimità e non sarebbe quindi appellabile.

Fredrik Niemela sarebbe impiegato presso Spotify (di cui sarebbe anche azionista), sevizio di streaming musicale in parte controllato da alcune delle etichette che hanno mosso accusa a TPB.

Il conflitto di interessi non sarebbe solo generato dallo stretto rapporto con i detentori dei diritti, ma anche dalla natura stessa del servizio offerto da Spotify che sarebbe stato ritenuto in competizione con The Pirate Bay.
Già il giudice Tomas Norstr÷m era stato messo in discussione per conflitto di interessi, poiché ricopriva un ruolo attivo in numerosi gruppi pro-copyright, ma era stato poi ritenuto imparziale. E anche il giudice ora a capo del nuovo processo, Ulrika Ihrfelt, era stata rimossa dall'incarico di valutare la posizione di Norstr÷m, dal momento che anche lei era ritenuta legata agli stessi gruppi pro-copyright.

Ma il nuovo colpo di scena è che è stata la stessa industria dei contenuti a chiedere l'estromissione del giudice in conflitto di interessi dal gruppo di tre giudici cui è demandato l'appello. L'intenzione sarebbe quella di avere un processo senza ombre.

Alcuni osservatori notano, infatti, che la collaborazione di Niemelń con Spotify era limitata al versante tecnico: essendo un programmatore (tra l'altro coautore di un brevetto su una tecnologia streaming insieme allo sviluppatore originale di uTorrent) conosceva approfonditamente BitTorrent. Tanto che Peter Sunde, ex portavoce di TPB, ha dichiarato in seguito alla rimozione di Niemela che "poteva non essere male" e che "buono o cattivo, almeno sarebbe stato preparato tecnicamente. Meglio qualcuno di competente che una persona annoiata e assonnata che non vede l'ora di confermare la decisione del giudice in capo".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
7 Commenti alla Notizia Baia, il giudice Ŕ di parte. Ma quale?
Ordina
  • Ma guarda queste majorettes, visto che, a differenza che da noi, l'opinione pubblica svedese ha cominciato a sentire la puzza di marcio, per calmare i bollenti spiriti e' stato dato loro un contentino: hanno eliminato il galoppino meno offensivo, quello che piu' o meno sa come funziona il file sharing e, sebbene sia di parte, comunque non puo' bersi tutte le scemenze che dicono.

    In questo modo potranno andare in giro a vantarsi e a dire di come il processo sia stato bilanciato, ma per cortesia! Speriamo che l'opinione pubblica non ci caschi e saltino fuori i fatti: ovvero si sappia se il processo e' stato manovrato o no (intendo dire nel dettaglio)

    Le majorettes se li son fatti bene i conti: piazziamo i nostri galoppini nel processo, nell'appello ne mettiamo altri, costringiamo a far vendere la baia, ma l'unica azienda che se la vuol comprare fallisce, cosi' puniamo in maniera esemplare i ribelli e ci facciamo anche i fighi dicendo che siamo stati bilanciati.... ma han fatto un tirocinio in Italia?

    Sortiranno l'effetto contrario, la gente gia' li odia in maniera irreversibile.

    Fosse capitato in Italia, Sunde lo avrebbero crocifisso tutti i giornali, lo avrebbero appeso ad un carro e trascinato per tutta l'autostrada del sole, tra l'acclamazione dei leccaculo e dei gerarchi del regime e la gioia del popolino, intento a guardare un reality di sangue....

    Speriamo che gli svedesi non si lascino infinocchiare....
    non+autenticato
  • Come non quotare!
    Una manovra coi fiocchi prendendo due piccioni con una fava: eliminano l'unico competente che, seppur di parte, conosce a fondo la rete e l'argomento di contesa, e intanto si fanno belli agli occhi degli stolti, perché appaiono come davvero imparziali.
    non+autenticato
  • ...hanno tutti un doppio e triplo lavoro?
    Non li pagano abbastanza?
    Perchè non li facciamo venire da noi, che li paghiamo bene e magari ci tolgono qualche processo arretrato?
    Funz
    13000
  • - Scritto da: Funz
    > ...hanno tutti un doppio e triplo lavoro?
    > Non li pagano abbastanza?

    Forse sono giudici eletti, come negli USA o in svizzera.

    > Perchè non li facciamo venire da noi, che li
    > paghiamo bene e magari ci tolgono qualche
    > processo arretrato?

    Non sarei così sicuro che li paghiamo di più in italia.
    non+autenticato
  • In Italia il tribunale non ha i soldi manco per comprarsi la carta
    non+autenticato
  • Mi ricordano Lionel Hutz: avvocato, ciabattino ed altro.
    La cosa davvero strana è che sono tutti legati alle major: ma Madonna è giudice, in Svezia?