Federica Ricca

In Italia la banda non si allarga tanto

Uno studio posiziona il Belpaese al 38esimo posto su 66. La Corea del Sud guida la classifica, ultima la Nigeria

Roma - Aumentano i paesi "pronti per il futuro", e diminuiscono quelli che non superano la soglia accettabile in quanto a prestazione e diffusione della banda larga. A sostenerlo è una ricerca sviluppata dalla Saïd Business School dell'Università di Oxford insieme all'Università di Oviedo.

Il parametro utilizzato per analizzare e sviluppare la classifica dei paesi più e meno avanzati, è il Broadband Quality Score (BQS) calcolato in base alla banda passante in download e in upload e alla latenza.

Considerando dunque tale indice, è stato stilato un elenco dei paesi classificati in cinque gruppi: i migliori sono quelli "pronti per il futuro" e i peggiori quelli che si devono accontentare di una percentuale di diffusione della banda larga che si aggira tra il 20 e il 40 per cento.
Nella prima categoria, che un anno fa conteneva solo il Giappone, adesso si trovano anche la Svezia, la Romania e la Corea, mentre sono rimaste nell'ultimo gruppo solo l'India, l'Egitto, il Kenya e la Nigeria.

All'interno di questa classifica l'Italia, pur avendo un indice maggiore rispetto allo scorso anno, continua ad essere superata da paesi come la Turchia, la Polonia e l'Ungheria, tanto da essere ad un passo dalla "retrocessione" nel gruppo che non supera la soglia ritenuta accettabile. Sul totale di 66 Paesi analizzati, il Belpaese è al 38esimo posto.

Un dato che conferma quello già rilevato da Akamai che a marzo aveva piazzato l'Italia al sedicesimo posto in Europa per la velocità delle connessioni.

La ricerca della Saïd Business School, inoltre, rivela anche le variazioni subite da alcuni paesi. La Corea ad esempio sarebbe il paese che ha visto aumentare più di tutti il suo indice BQS, raggiungendo il primo posto della classifica.

Federica Ricca
Notizie collegate
  • AttualitàLo stato della Rete, IGF fa tappa a CagliariUn evento di due giorni aperto a tutti per fare il punto sulla situazione della Rete in Italia. Gli stati generali del web si incontrano in Sardegna. Punto Informatico ne parla con Stefano Trumpy, presidente ISOC Italia
  • AttualitàFCC: la via del broadband è intasataPubblicato uno studio preparatorio al piano nazionale entro il 2010. Gli utenti stressano troppo il network e ci vorranno fino a 350 miliardi di dollari per la copertura totale del paese
  • AttualitàRegno Unito, Internet col balzelloIl governo rassicura: la tassa sull'infrastruttura telematica di prossima generazione verrà introdotta prima delle prossime elezioni. I cittadini britannici dovranno finanziare la rete di tasca propria
19 Commenti alla Notizia In Italia la banda non si allarga tanto
Ordina
  • Metto un segnalibro a questo articolo per sbatterlo in faccia al prossimo che se la prende con i rumeni.
    Funz
    13021
  • confrontate la situazione all'estero e nn credete alle giganteste palesi cazzate che vi raccontano al 187.

    In italia non c'è più il monopolio (è vero)... non c'è più sip(è vero)...

    ma c'è il CARTELLO... controllato da telecom !!!!

    Cosa cambia nulla... è come il monopolio ma sembra nn ci sia.



    In italia il principale business (di chiunque nn solo delle telecom) è l'ignoranza delle persone.

    Informatevi!

    Un cliente duro e informato è un pessimo cliente e se lo fossimo tutti scomparirebbero i pessimi provider.






    Confrontate il costo e i servizi PER INTERO offerti in italia e all'estero.

    Io ho in mente francia e germania nazioni simili alla nostra come possibilità... nn come cittadini...
    Confrontate una bolletta francese cn una nostrana e non solo le pubblicità.
    Difficilmente troverete offerte allo stesso prezzo... quando le troverete se guardate emglio vi accorgerete che non offrono la stessa banda... se guardate ancora meglio vi accorgerete quante cose in più comprendono le offerte europee... se guardate benissimo vi accorgerete che le nostre hanno costi aggiuntivi di fatto non dichiarati... serve una linealandline già attiva... serve un canone telefonico... ecc... guardate benissimo... e guardate dati presi da voi e da terzi neutrali... sconvolgetevi e dite di NO alla prossima offerta inculata...
    non+autenticato
  • quoto tutto.

    A proposito di offerte in Italia: una cosa che ho notato e che secondo me è indice di una certa "arretratezza digitale" è il ritorno (magari non era mai sparita del tutto) dell'adsl a consumo telecom alla modica cifra di 2 euro all'ora più l'eventuale noleggio del modem.

    A questo prezzo cosa si ottiene? Una adsl dal sapore parecchio retrò (dal sito alice: velocità di navigazione (download) fino a 640 Kbps e di invio (upload) fino a 256 Kbps) ad un prezzo che neanche il più ladro degli internet point chiederebbe per un'ora di connessione.
    non+autenticato
  • 800 milioni di Euro chiesti per combattere il digital divide ed estendere la banda larga sono spariti:

    http://www.asca.it/news-INTERNET__GENTILONI__SPARI...

    A questo governo fatto da vecchi non interessa Internet, anche perché sanno che Internet li seppellirà politicamente...

    E poi ci sono interessi prioritari, come il digitale terrestre con le carte "Premium" per vendere partite e programmi di me%da ad un popolo sempre più rincoglionito.
    non+autenticato
  • ...un problema tecnologico, ma dovuto all'anomala situazione in cui si trovano le nostre strutture TLC, di fatto di proprietà di un solo operatore, a cui interessa spendere soldi in pubblicità ma NON nell'ammodernamento di strutture e linee (banalmente il doppino di rame spesso obsoleto e rattoppato in modo tale da non consentire un'adeguata pulizia di segnale...) risalenti all'immediato dopoguerra...
  • - Scritto da: trecorone
    > ...un problema tecnologico, ma dovuto all'anomala
    > situazione in cui si trovano le nostre strutture
    > TLC, di fatto di proprietà di un solo operatore,
    > a cui interessa spendere soldi in pubblicità ma
    > NON nell'ammodernamento di strutture e linee
    > (banalmente il doppino di rame spesso obsoleto e
    > rattoppato in modo tale da non consentire
    > un'adeguata pulizia di segnale...) risalenti
    > all'immediato
    > dopoguerra...

    La cosa drammatica è che non vedo come tale situazione possa migliorare o eventualmente evolversi.
    Gli investimenti in infrastrutture sono prossimi allo 0.
    non+autenticato
  • C'erano 800 milioni in vista e sono spariti:
    http://www.asca.it/news-INTERNET__GENTILONI__SPARI...

    Io dico che il nano pelato di Arcore li ha dirottati sul digitale terrestre per potersi vendere partite e programmi di me%da...

    Questa classe politica di vecchi bacucchi, non ha la minima idea di che male sta facendo al nostro paese.

    Sanno benissimo che il futuro nostro dipende da Internet, ma anche il futuro loro, ed è per questo che non lo vogliono far sviluppare e diffondere.
    non+autenticato
  • con certi personaggi in giro per il nostro paese, più i cari signori e signore che non sanno nemmeno come si accende una TV

    mi sorprende anzi che siamo così alti in classifica
  • > più i cari signori e signore che non sanno
    > nemmeno come si accende una
    > TV
    >


    eh ... il problema è che non sanno come si spegne.
    non+autenticato
  • - Scritto da: non saprei
    > > più i cari signori e signore che non sanno
    > > nemmeno come si accende una
    > > TV
    > >
    >
    >
    > eh ... il problema è che non sanno come si spegne.

    Io si. E definitivamente.
    ruppolo
    33147
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)