Mauro Vecchio

Pubblicità online, per un pugno di click

Aggiornato uno studio del 2007 sulla percentuale di clicker da banner: dimezzata in 24 mesi. Gli analisti invitano a rivisitare le metriche dell'advertising online

Roma - Si chiama Natural Born Clickers una ricerca condotta da comScore, StarCom USA e Tacoda per analizzare lo stato di salute della pubblicità grafica sul web. Lo studio, avviato nel 2007, è stato recentemente aggiornato per rivelare dati non propriamente incoraggianti: il numero degli utenti incuriositi dai banner si è dimezzato drasticamente in due anni, riportando una flessione in termini di click del 50 per cento circa.

Come riportato dalle agenzie a capo della ricerca, il numero mensile di clicker è passato da un 32 per cento registrato nel 2007 ad un 16 per cento nello scorso marzo. Sarebbe soltanto un 8 per cento dei netizen, inoltre, ad essere responsabile di circa l'85 per cento di tutti i colpi di mouse sul dorso di tutti gli annunci pubblicitari web-based.

La ricerca ha suddiviso gli utenti in quattro categorie organizzate in base alla frequenza dei click: i cosiddetti heavy clicker sono scesi da 6 a 4 per cento, con i moderati del 6 per cento; i non-clicker, invece, hanno visto una rapida ascesa dal 68 all'84 per cento. "L'atto di cliccare su un banner sta vivendo una fase di logoramento nell'attuale mercato digitale - ha spiegato Linda Anderson, vicepresidente marketing di comScore - Oggi gli operatori che cercano di ottimizzare le proprie campagne pubblicizzare soltanto sui click non forniscono alcun valore all'84 per cento degli utenti che non clicca".
Per la stessa Anderson questa sarebbe una mossa alquanto azzardata, dato che altre ricerche comScore hanno dimostrato come le pubblicità non cliccate abbiano un forte impatto sul consumatore. Gli inserzionisti più saggi, ha spiegato, attribuiscono valore a tutte le impression (indipendentemente dal click) per capire gli orientamenti dei netizen come potenziali acquirenti. "Un click non significa nulla - ha dichiarato John Lowell di StarCom - perché non genera profitti e non fornisce alcuna equità di brand. La pubblicità online ha degli obiettivi che non sono certamente quelli di generare click".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessUK, Internet batte TV sull'advertisingNel mercato britannico della pubblicità Internet vale molto più dei teleschermi. Si discute sulle peculiarità del broadcasting anglosassone, ma il sorpasso pare indiscutibile
  • BusinessUE: AdWords può andareIl servizio di advertising di Google non violerebbe alcuna legge sui marchi registrati. Lo sostiene un consulente del Tribunale Europeo: ma nel Vecchio Continente non è ancora finita
  • BusinessAdvertising online in caduta liberaGli analisti vedono nero. Google galleggia e Murdoch vede rosso. La ripresa non prima del 2010, ma già quest'anno le cose si faranno meno complicate
8 Commenti alla Notizia Pubblicità online, per un pugno di click
Ordina
  • era ora che i cervelloni capissero che la pubblicità produce i suoi effetti nel tempo e non in base ai click ricevuti. Se un brand è online in ogni dove l'utente, più o meno consciamente, ricorderà quel brand e, prima o poi, visiterà quel sito, o comprerà quel prodotto, o fruirà dei suoi servizi ecc...
    non+autenticato
  • Il numero di utenti che cliccano non e' affatto diminuito...


    ...semplicemente e' aumentato il numero di utenti che da IE sono passati a FF con ADBlock.
    E questi sui banner continuano a cliccare, solo che vedono meno banner!
  • - Scritto da: panda rossa
    > ...semplicemente e' aumentato il numero di utenti
    > che da IE sono passati a FF con ADBlock.
    > E questi sui banner continuano a cliccare, solo
    > che vedono meno banner!

    Non credo proprio che un heavy-clicker sia il classico tipo che installa adblock... semmai lo installano i non-clicker, in quanto allergici alla pubblicità.

    Secondo me il motivo è un altro: chi clicca rimane spesso deluso (anche per le fregature) e col passare del tempo non clicca più perché perde la fiducia. Bisognerebbe fare pubblicità di qualità per non rischiare di far perdere progressivamente la fiducia ai lettori.
    non+autenticato
  • > Secondo me il motivo è un altro: chi clicca
    > rimane spesso deluso (anche per le fregature) e
    > col passare del tempo non clicca più perché perde
    > la fiducia. Bisognerebbe fare pubblicità di
    > qualità per non rischiare di far perdere
    > progressivamente la fiducia ai
    > lettori.

    Infatti AdSense (che è uno dei più usati) cerca di limitare i click: se provi a cliccare i link sulla tua stessa pagina, o a invitare i visitatori a cliccare a caso per sostenerti, o a mimetizzare i link per farli sembrare parte della pagina, o a usare banner invasivi, il tuo account viene cancellato. La logica non è quella di avere milioni di clic, ma di averli da persone realmente interessate (che non cercheranno nemmeno di bloccare la pubblicità, se mostra cose che tutto sommato possono interessare).

    I clic non sono una risorsa, da sfruttare ad ogni costo, sono solo un sistema per stimare l' efficacia di una pubblicità (non serve spendere soldi in pubblicità, se poi non sai se funziona)
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Infatti AdSense (che è uno dei più usati) cerca
    > di limitare i click: se provi a cliccare i link
    > sulla tua stessa pagina, o a invitare i
    > visitatori a cliccare a caso per sostenerti, o a
    > mimetizzare i link per farli sembrare parte della
    > pagina, o a usare banner invasivi, il tuo account
    > viene cancellato.

    Non sono d'accordo, la colpa non è solo dei webmaster. La responsabilità è soprattutto degli inserzionisti avidi. Purtroppo ci sono una gran quantità di inserzionisti da "uovo oggi" e pochissimi da "gallina domani".

    Gli inserzionisti-uovo preferiscono scrivere annunci che promettono mari e monti pur di attirare i lettori... così riescono a ottenere maggiori introiti immediati ma non si rendono conto che pian piano rovinano il mercato (come i pescatori illegali che esauriscono le scorte ittiche fregandosene delle generazioni future).
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • Io uso IE e, molto semplicemente, NON clicco sui banner. Punto.

    Non ho capito perché uno deve per forza mettere su FF + AdBlock per evitare di cliccare sui banner...
    non+autenticato
  • Quoto pienamente!
    Ormai cliccano sui banner solo gli sprovveduti.
    Poi c'è un esigua parte che clicca per sbaglio, magari mentre la pagina viene caricata e non è ancora completa.
    A tuttoggi non conosco nessuno che clicchi di sua spontanea volontà.

    - Scritto da: nome e cognome
    > Io uso IE e, molto semplicemente, NON clicco sui
    > banner.
    > Punto.
    >
    > Non ho capito perché uno deve per forza mettere
    > su FF + AdBlock per evitare di cliccare sui
    > banner...
    non+autenticato