Alfonso Maruccia

NASA bombarda la Luna

L'agenzia spaziale USA conclude la sua ultima missione lunare con un vero e proprio "botto", utile a verificare la presenza d'acqua sul satellite terrestre. Intanto gli asteroidi fanno meno paura e a Saturno cresce un anello

Roma - Che sulla Luna siano presenti molecole di acqua è oramai fuori discussione, e gli scienziati avranno la possibilità di avere un "feedback" di prima mano grazie alla missione LCROSS (Lunar Crater Observation and Sensing Satellite). Il razzo vettore prima e la sonda poi si sono schiantati nel cratere "Cabeus" all'altezza del polo sud lunare, non prima di aver raccolto foto a colori durante la discesa.

Sia il razzo vettore (vuoto) che il satellite sono stati posti in rotta di collisione con la Luna, con un impatto previsto a velocità sette volte superiore a quella del suono (9.000 km/h). Nell'impatto con il suolo il razzo dovrebbe generare una forza di 1,5 tonnellate di TNT sparando in aria 350mila chilogrammi di detriti fino all'altezza di 10 chilometri circa.

Dopo il razzo vettore tocca al satellite cadere verso il suolo (più dolcemente), catturando nel mentre immagini a colori e rispedendole sulla Terra. È da queste immagini che gli scienziati NASA sperano di avere la prova dell'esistenza non tanto di molecole quanto di veri e propri depositi di ghiaccio nascosti sotto la superficie lunare, una caratteristica che dovrebbe essere propria dei crateri come Cabeus.
Ma al JPL di Pasadena cercano prove e conferme anche in relazione al folto zoo di oggetti che popolano lo spazio esterno del Sistema Solare come nel caso di Apophis, il meteorite che potrebbe finire per entrare in rotta di collisione con la Terra entro il 2036 generando scenari apocalittici su cui i divulgatori statunitensi, almeno per il momento, tendono a scherzare.

Un aggiornamento nei precedenti calcoli di NASA ha giustappunto permesso di ridurre le probabilità che l'apocalisse di cui sopra sia destinata a trasformarsi in tragica realtà, probabilità che sono passate da 1 su 45mila a una su 250mila. "Non c'era nulla da preoccuparsi prima, ora ancora meno" ha detto l'astronomo Steve Chesley, impegnato nel Near Earth Object Program presso il Jet Propulsion Laboratory di Pasadena.

Un'altra conferma a un comportamento inaspettato proverrebbe infine dalla recente scoperta di un nuovo anello presente intorno a Saturno, individuato dai sensori a infrarossi dello Spitzer Space Telescope a una distanza compresa tra i 5,95 e gli 11,9 milioni di chilometri dal pianeta gassoso. Secondo le ipotesi dei ricercatori la presenza dell'ottavo, gigantesco anello orbitante attorno a Saturno potrebbe servire a spiegare la presenza di un "lato oscuro" sul satellite Giapeto, una condizione generata dal materiale veicolato dall'anello a partire da un altro satellite saturino, Febe, vale a dire la fonte iniziale delle polveri orbitanti che compongono l'anello.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàLa Luna? È bagnataI ricercatori non hanno più dubbi: il satellite terrestre presenta tracce di acqua in ogni dove. Si tratta comunque di quantità piuttosto basse e dall'origine ancora misteriosa
  • TecnologiaNASA, lo Shuttle perde ancoraRimandato nuovamente un lancio a Cape Canaveral. Endeavour bloccato da una fuga d'idrogeno. L'agenzia spaziale sta procedendo alle riparazioni
41 Commenti alla Notizia NASA bombarda la Luna
Ordina
  • Bene l’acqua me se non c’è altro, neanche di elementare, che kazzo te ne fai trall'atro non c'e neanke ossigeno!
    E’ chiaro che quando cerchiamo vita facciamo riferimento a quelle caratteristiche che ne determinano le condizioni base. E’ chiaro che tutto ricade sotto i nostri sensi (quelli abbiamo) e dove non arrivano perchè limitati ecco la tecnologia che ci aiuta e li espande. Nessuno esclude che su altri pianeti la vita come la conosciamo noi possa essere completamente diversa ma finchè non avremo riscontri, finchè non potremo fare paragoni, studiare, osservare, capire ecc. allora sono inutili tutte le speculazioni.
    è uno fottuto spreco di soldi secondo me da parte della N.a.S.a che disperatamente cercano l'acqua senza rendersi conto che H2O è uno dei piu importanti elementi ma non è esenziale per favorire la vita ovunque essa sia!!!!
    non+autenticato
  • "velocità sette volte superiore a quella del suono (9.000 km/h). "

    Che c'azzecca la velocita' del suono?
    Tanto valeva dire "30 volte la velocita' di Raikonnen sul rettilineo di Monza", o altri inutili paragoni.
    E' sufficiente dire "alla velocita' di 9000 km/h" e buonanotte.

    Poi, nella penultima riga, si parla di Febe, che io ho sempre trovato scritto Phoebe, ma pazienza.
    E' il satellite saturino che mi lascia perplesso.
  • - Scritto da: panda rossa
    > "velocità sette volte superiore a quella del
    > suono (9.000 km/h).
    > "

    "Fa effetto". Hai presente il livello della maggioranza dei lettori di PI?

    > Poi, nella penultima riga, si parla di Febe, che
    > io ho sempre trovato scritto Phoebe, ma pazienza.
    >
    > E' il satellite saturino che mi lascia
    > perplesso.

    Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > "velocità sette volte superiore a quella del
    > suono (9.000 km/h).
    > "
    >
    > Che c'azzecca la velocita' del suono?

    La velocita' del suono e' una unita' di misura non standard, ma comunque una unita' di misura della velocita', e probabilmente di facile comprensione (visto che e' di fatto l'ordine di grandezza della piu' alta velocita' raggiunta da oggetti umani sulla terra)

    > E' sufficiente dire "alla velocita' di 9000 km/h"
    > e
    > buonanotte.

    No, perche' ad essere rigorosi la si sarebbe dovuta dare come 2500 m/s, in accordo allo standard internazionale SI.

    Analogamente, 4.12952065 * 10^16 m e' poco pratico come misura di distanza. 4.3 anni luce e' piu' pratico, anche se non standard.
    non+autenticato
  • - Scritto da: misto
    > - Scritto da: panda rossa
    > > "velocità sette volte superiore a quella del
    > > suono (9.000 km/h).
    > > "
    > >
    > > Che c'azzecca la velocita' del suono?
    >
    > La velocita' del suono e' una unita' di misura
    > non standard, ma comunque una unita' di misura
    > della velocita', e probabilmente di facile
    > comprensione (visto che e' di fatto l'ordine di
    > grandezza della piu' alta velocita' raggiunta da
    > oggetti umani sulla
    > terra)

    Peccato che quella che si intende comunemente come velocita' del suono e' la velocita' di propagazione del suono NELL'ARIA.

    In un mezzo diverso (es. le rotaie del treno) il suono viaggia ad una velocita' diversa.

    Mentre nello spazio che circonda la luna, essendo notoria la totale assenza di aria, la velocita' del suono e' esattamente zero.
  • Questi sanno fare le cose solo con le bombe.
    «Forse c'e' acqua sulla luna! Dai, potremmo bombardarla!»

    L'umanità e' senza speranza.
    Io tifo per gli insetti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: baiocca
    > Questi sanno fare le cose solo con le bombe.
    > «Forse c'e' acqua sulla luna! Dai, potremmo
    > bombardarla!»
    >
    > L'umanità e' senza speranza.
    > Io tifo per gli insetti.

    Che schifo, sono molli e non hanno le ossa. Meglio le piante.
    Shiba
    4095
  • - Scritto da: baiocca
    > Questi sanno fare le cose solo con le bombe.
    > «Forse c'e' acqua sulla luna! Dai, potremmo
    > bombardarla!»
    >
    > L'umanità e' senza speranza

    Eh beh certo, una volta che le bombe vengono usate in modo intelligente e non per uccidere, ti pareva che non arrivasse qualche "..." a criticare tanto per fare. Che squallore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rotfl
    > - Scritto da: baiocca
    > > Questi sanno fare le cose solo con le bombe.
    > > «Forse c'e' acqua sulla luna! Dai, potremmo
    > > bombardarla!»
    > >
    > > L'umanità e' senza speranza
    >
    > Eh beh certo, una volta che le bombe vengono
    > usate in modo intelligente e non per uccidere, ti
    > pareva che non arrivasse qualche "..." a
    > criticare tanto per fare. Che
    > squallore.


    Infatti...
    non dico altro perchè altrimenti mi censurano!
  • - Scritto da: baiocca
    > Questi sanno fare le cose solo con le bombe.
    > «Forse c'e' acqua sulla luna! Dai, potremmo
    > bombardarla!»

    Non e' una bomba di quelle che fanno "Buuuuummm" come nei film.
    E' una "bomba cinetica".
    Piu' o meno come i milioni di asterodi che prima di lei hanno dato alla luna la faccia che ha oraSorride
    11237
  • Presupponendo che nel cratere ci fossero ad es 100kg (o 1000 o 10000) di ghiaccio secco pronto a diventare acqua, con un simile impatto una bella percentuale se ne sarebbe andata in giro sotto forma di polvere per poi dissolversi al contatto della luce del sole.
    Un'altra bella parte sarebbe contaminata dai resti della navetta.
    Nel cratere ne sarebbe rimasta veramente poca da usare a scopi umani.
    Quindi che scopo ha avuto questo impatto? Vedere se riuscivano a ridurre la già piccola scorta d'acqua sul satellite?
    Certo un robottino telecomandato sarebbe costato di più, ma sarebbe stato un modo più intelligente per chiedersi se l'acqua della luna c'è e può essere usata.
    Facevano meglio a prendere una bottiglia d'acqua/ghiaccio e aprirla dentro il cratere per vedere come si comporta nell'atmosfera.
  • Lo scopo era appunto quello di disperderla in una nube che e' successivamente analizzata per verificare la presenza di acqua e in quali proporzioni è presente.

    Un robottino telecomandato che scava per diversi metri all'interno del suolo lo vedo molto poco fattibile.
    non+autenticato
  • > Certo un robottino telecomandato sarebbe costato
    > di più, ma sarebbe stato un modo più intelligente
    > per chiedersi se l'acqua della luna c'è e può
    > essere
    > usata.

    un robottino dici ... ino, quindi piccolo ... serve una trivellatrice per ottenere lo stesso risultato e quindi andare sulla luna e costruirla e sperare che non si rompa perchè se no c'è da far arrivare anche i pezzi di ricambio

    > Facevano meglio a prendere una bottiglia
    > d'acqua/ghiaccio e aprirla dentro il cratere per
    > vedere come si comporta
    > nell'atmosfera.

    Non capisco lo scopo. Se non ho capito male vogliono solo sapere se c'è o meno l'acqua, non tanto se evapora o solidifica nell'atmosfera lunare
    non+autenticato
  • - Scritto da: Streamer
    > Presupponendo che nel cratere ci fossero ad es
    > 100kg (o 1000 o 10000) di ghiaccio secco pronto a
    > diventare acqua

    Wow... da CO2 a H2O. Un mito quell'impactor. Trasforma pure la materia...

    :(

    , con un simile impatto una bella
    > percentuale se ne sarebbe andata in giro sotto
    > forma di polvere per poi dissolversi al contatto
    > della luce del
    > sole.
    > Un'altra bella parte sarebbe contaminata dai
    > resti della
    > navetta.
    > Nel cratere ne sarebbe rimasta veramente poca da
    > usare a scopi
    > umani.

    Lo scopo della missione non era guardare se in quel cratere c'era acqua per uso umano _in_quel_cratere_. Lo scopo della missione era di verificare se in certe condizioni e' possibile dell'acqua si possa trovare che serva per finalita' umane, dato che l'acqua pesa e una base lunare permanente farebbe meglio se la trovasse la' invece di portarsela da casa. Quel cratere e' "uno a caso" per poter affermare con maggiore sicurezza che l'acqua puo' essere trovata sulla luna dove certe condizioni siano rispettate.

    Ti presento un vecchio amico: il diagramma di stato dell'acqua

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Il diagramma di stato dice in che stato (solido, liquido o vapore) si trova una sostanza (in questo caso l'acqua) a seconda di due condizioni: la pressione e la temperatura. Sulla terra, l'acqua si trova sotto una pressione di 1 atmosfera, ergo esiste in tutti e tre gli stati (segui la linea orizzontale) a seconda della temperatura a cui si trova.

    Se la pressione e' molto bassa (come accade sulla luna) l'acqua non passa piu' dallo stato solido a quello liquido e poi a quello vapore, ma passa direttamente da solido a vapore (e viceversa). Si chiama sublimazione, e lo vedi accadere con l'anidride carbonica solida (ghiaccio secco).

    Ora, la questione e': se la pressione sulla luna e' circa zero, l'acqua puo' esistere solo in due condizioni: vapore (e si disperderebbe, perche' la gravita' lunare e' troppo bassa per tenere i gas vicino a se') o solida. Avendo fissa la pressione, l'unica cosa che distingue il destino dell'acqua e' la temperatura.

    Sulla luna, si arriva a temperature molto alte, non essendoci l'atmosfera a "diluire" l'effetto dei raggi solari. Qualsiasi cosa che si espone ai raggi solari non puo' mantenere acqua perche' passa immediatamente a vapore e se ne va. Ma nel fondo di certi crateri la luce del sole puo' non arrivare mai (specie verso i poli) e li' si puo' essere accumulato ghiaccio in forma solida.

    > Quindi che scopo ha avuto questo impatto? Vedere
    > se riuscivano a ridurre la già piccola scorta
    > d'acqua sul
    > satellite?

    Perche' se ce ne fosse, e sembra che ci sia, stabilire una base lunare nella vicinanza dei poli darebbe acqua ai ricercatori nella base.

    > Certo un robottino telecomandato sarebbe costato
    > di più, ma sarebbe stato un modo più intelligente
    > per chiedersi se l'acqua della luna c'è e può
    > essere
    > usata.

    Come fai scendere un robottino telecomandato dentro un cratere ? una volta dentro, come lo telecomandi ? una volta dentro, come si alimenta e ricarica ? una volta dentro, come fa a scavare ?

    > Facevano meglio a prendere una bottiglia
    > d'acqua/ghiaccio e aprirla dentro il cratere per
    > vedere come si comporta
    > nell'atmosfera.

    Per fare questo non serve andare sulla luna. Basta una pompa a vuoto e un tubo di vetro.

    Ti chiedo un favore. Se non sai di scienza, non pretendere di avere le risposte come se il resto del mondo fosse pieno di imbecilli. C'e' gente che lavora da 30 anni su queste cose, e ha studiato l'esperienza di altri. Se vuoi capire, studia. Se detesti la scienza, e non vuoi imparare, almeno riconoscilo ed evita di parlarne a sproposito.
    non+autenticato
  • :D

    grande!
    MeX
    16902
  • Quotone pazzesco!!!

    @ streamer pensi che gli scienziati della NASA non avrebbero pensato a delle cose così banali se fossero vere/fattibili?

    - Scritto da: misto
    > - Scritto da: Streamer
    > > Presupponendo che nel cratere ci fossero ad es
    > > 100kg (o 1000 o 10000) di ghiaccio secco pronto
    > a
    > > diventare acqua
    >
    > Wow... da CO2 a H2O. Un mito quell'impactor.
    > Trasforma pure la
    > materia...
    >
    >Triste
    >
    > , con un simile impatto una bella
    > > percentuale se ne sarebbe andata in giro sotto
    > > forma di polvere per poi dissolversi al contatto
    > > della luce del
    > > sole.
    > > Un'altra bella parte sarebbe contaminata dai
    > > resti della
    > > navetta.
    > > Nel cratere ne sarebbe rimasta veramente poca da
    > > usare a scopi
    > > umani.
    >
    > Lo scopo della missione non era guardare se in
    > quel cratere c'era acqua per uso umano
    > _in_quel_cratere_. Lo scopo della missione era di
    > verificare se in certe condizioni e' possibile
    > dell'acqua si possa trovare che serva per
    > finalita' umane, dato che l'acqua pesa e una base
    > lunare permanente farebbe meglio se la trovasse
    > la' invece di portarsela da casa. Quel cratere e'
    > "uno a caso" per poter affermare con maggiore
    > sicurezza che l'acqua puo' essere trovata sulla
    > luna dove certe condizioni siano
    > rispettate.
    >
    > Ti presento un vecchio amico: il diagramma di
    > stato
    > dell'acqua
    >
    > Clicca per vedere le dimensioni originali
    >
    > Il diagramma di stato dice in che stato (solido,
    > liquido o vapore) si trova una sostanza (in
    > questo caso l'acqua) a seconda di due condizioni:
    > la pressione e la temperatura. Sulla terra,
    > l'acqua si trova sotto una pressione di 1
    > atmosfera, ergo esiste in tutti e tre gli stati
    > (segui la linea orizzontale) a seconda della
    > temperatura a cui si trova.
    >
    >
    > Se la pressione e' molto bassa (come accade sulla
    > luna) l'acqua non passa piu' dallo stato solido a
    > quello liquido e poi a quello vapore, ma passa
    > direttamente da solido a vapore (e viceversa). Si
    > chiama sublimazione, e lo vedi accadere con
    > l'anidride carbonica solida (ghiaccio
    > secco).
    >
    > Ora, la questione e': se la pressione sulla luna
    > e' circa zero, l'acqua puo' esistere solo in due
    > condizioni: vapore (e si disperderebbe, perche'
    > la gravita' lunare e' troppo bassa per tenere i
    > gas vicino a se') o solida. Avendo fissa la
    > pressione, l'unica cosa che distingue il destino
    > dell'acqua e' la
    > temperatura.
    >
    > Sulla luna, si arriva a temperature molto alte,
    > non essendoci l'atmosfera a "diluire" l'effetto
    > dei raggi solari. Qualsiasi cosa che si espone ai
    > raggi solari non puo' mantenere acqua perche'
    > passa immediatamente a vapore e se ne va. Ma nel
    > fondo di certi crateri la luce del sole puo' non
    > arrivare mai (specie verso i poli) e li' si puo'
    > essere accumulato ghiaccio in forma
    > solida.
    >
    > > Quindi che scopo ha avuto questo impatto? Vedere
    > > se riuscivano a ridurre la già piccola scorta
    > > d'acqua sul
    > > satellite?
    >
    > Perche' se ce ne fosse, e sembra che ci sia,
    > stabilire una base lunare nella vicinanza dei
    > poli darebbe acqua ai ricercatori nella base.
    >
    >
    > > Certo un robottino telecomandato sarebbe costato
    > > di più, ma sarebbe stato un modo più
    > intelligente
    > > per chiedersi se l'acqua della luna c'è e può
    > > essere
    > > usata.
    >
    > Come fai scendere un robottino telecomandato
    > dentro un cratere ? una volta dentro, come lo
    > telecomandi ? una volta dentro, come si alimenta
    > e ricarica ? una volta dentro, come fa a scavare
    > ?
    >
    > > Facevano meglio a prendere una bottiglia
    > > d'acqua/ghiaccio e aprirla dentro il cratere per
    > > vedere come si comporta
    > > nell'atmosfera.
    >
    > Per fare questo non serve andare sulla luna.
    > Basta una pompa a vuoto e un tubo di
    > vetro.
    >
    > Ti chiedo un favore. Se non sai di scienza, non
    > pretendere di avere le risposte come se il resto
    > del mondo fosse pieno di imbecilli. C'e' gente
    > che lavora da 30 anni su queste cose, e ha
    > studiato l'esperienza di altri. Se vuoi capire,
    > studia. Se detesti la scienza, e non vuoi
    > imparare, almeno riconoscilo ed evita di parlarne
    > a
    > sproposito.
    non+autenticato
  • - Scritto da: misto

    Ottimo discorso.

    Secondo me, però, lo scopo non era verificare la presenza d'acqua per futuri utilizzi "umani", seppur sicuramente possa essere uno degli utilizzi.
    Sono convinto che stiano cercando, come obiettivo primario, di verificare la correttezza di certe teorie, per poi applicarle in altre zone (chi ha detto marte?).
    non+autenticato
  • > Ti chiedo un favore. Se non sai di scienza, non
    > pretendere di avere le risposte come se il resto
    > del mondo fosse pieno di imbecilli. C'e' gente
    > che lavora da 30 anni su queste cose, e ha
    > studiato l'esperienza di altri. Se vuoi capire,
    > studia. Se detesti la scienza, e non vuoi
    > imparare, almeno riconoscilo ed evita di parlarne
    > a
    > sproposito.

    Quotissimo.
    Molte delle teorie "complottistiche" sono demolibili da un semplice bignamino di fisica.
  • Che bello che grandi scienziati mi diano delle risposte qui su PI.

    Ok, per ghiaccio secco intendevo ghiaccio, cioè acqua allo stato solido, e mi scuso per l'errore, ma comunque aspetteremo i risultati e spero che ci sia qualcuno a spiegarli ai semplici analfabeti. Però non mi sembra ci sia stato questo grande risultato scientifico.

    Due domande a voi scienziati che mi avete risposto:

    1) L'acqua, o tracce di essa, è stata trovata con questo metodo studiato 30 anni?

    Per il robottino telecomandato,o radiocomandato se volete essere precisi, non credo che sia difficile una triangolazione terra-satellite-robottino, dopotutto la luna non è così distante dalla Terra. Un bel paccone di batterie avrebbe dato qualche ora di autonomia. Sbaglio di nuovo? Vabbè far precipitare qualcosa è più facile. Forza scienziati!

    2) Il primo rover che è sbarcato sulla luna quanta autonomia aveva? Dopo quarant'anni non si riesce a mandarne uno guidato dalla terra con un'autonomia leggermente maggiore?
  • - Scritto da: Streamer
    > Presupponendo che nel cratere ci fossero ad es
    > 100kg (o 1000 o 10000) di ghiaccio secco pronto a
    > diventare acqua, con un simile impatto una bella
    > percentuale se ne sarebbe andata in giro sotto
    > forma di polvere per poi dissolversi al contatto
    > della luce del
    > sole.
    > Un'altra bella parte sarebbe contaminata dai
    > resti della
    > navetta.
    > Nel cratere ne sarebbe rimasta veramente poca da
    > usare a scopi
    > umani.
    > Quindi che scopo ha avuto questo impatto? Vedere
    > se riuscivano a ridurre la già piccola scorta
    > d'acqua sul
    > satellite?
    > Certo un robottino telecomandato sarebbe costato
    > di più, ma sarebbe stato un modo più intelligente
    > per chiedersi se l'acqua della luna c'è e può
    > essere
    > usata.
    > Facevano meglio a prendere una bottiglia
    > d'acqua/ghiaccio e aprirla dentro il cratere per
    > vedere come si comporta
    > nell'atmosfera.

    Ammettilo, tu sei quel mio compagno di classe che alle medie chiese cosa sarebbe accaduto se qualcuno avesse buttato 100 litri d'acqua sul sole e l'avesse spento!
    non+autenticato
  • > Ammettilo, tu sei quel mio compagno di classe che
    > alle medie chiese cosa sarebbe accaduto se
    > qualcuno avesse buttato 100 litri d'acqua sul
    > sole e l'avesse
    > spento!

    Rotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridereRotola dal ridere
    non+autenticato
  • Sono andato sul sito dell Nasa, ci fosse un video decente dell'impatto !!
    Niente !!!
    non+autenticato
  • Io l'ho visto in diretta dal sito NASA...
    La luna si avvicinava sempre di piu', sempre di piu', e poi BOOM!
    La videocamera era montata sul modulo SSC e non sul missile e quindi l'abbiam vista in diretta schiantarsi dentro Cabeus
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)