Mauro Vecchio

Cloud computing, pioggia di scuse

Un inconveniente tecnico ha causato la perdita dei dati personali di alcuni utenti dello smartphone Sidekick. T-Mobile ha annunciato che si Ŕ trattato di un problema nei server e che le possibilitÓ di recupero sono basse

Roma - "T-Mobile, insieme al provider Danger, offre le sue scuse a proposito del recente scompiglio che ha colpito il data service di Sidekick". Inizia così un annuncio di T-Mobile, pubblicato sul forum ufficiale dell'operatore e rivolto a tutti gli utenti dello smartphone prodotto da Danger Incorporated, azienda acquisita da Microsoft nel 2008. Un inconveniente tecnico nei server centrali avrebbe fatto perdere ai possessori di Sidekick preziosi dati personali come numeri di telefono, liste di contatti e fotografie.

"╚ per noi spiacevole - ha continuato il post - comunicarvi che informazioni personali memorizzate nei vostri dispositivi sono quasi certamente andate perse a causa di un guasto nel server di Microsoft/Danger. Parliamo di contatti, appuntamenti già segnati, liste di cose da fare e fotografie, perdute in seguito ad un'operazione di ripristino del sistema". In particolare, pare che la sparizione improvvisa dei dati abbia coinvolto una specifica parte degli utenti Sidekick, ovvero quelli che hanno tolto (o lasciato scaricare completamente) la batteria del proprio dispositivo.

A spiegare più nel dettaglio la presunta causa del guasto tecnico, il blog Hiptop3, che ha riportato la teoria più accreditata tra gli osservatori. Danger avrebbe affidato a Hitachi il compito di eseguire un upgrade della Storage Area Network, ma quest'ultima non avrebbe avuto il tempo - o peggio avrebbe dimenticato - di fare dei backup prima dell'aggiornamento, successivamente andato male. Risultato: un intero fine settimana trascorso dal team Danger a tentare di risolvere un problema decisamente imbarazzante.
"La nostra squadra tecnica - ha spiegato il post - continuerà a lavorare 24 ore su 24 nella speranza di recuperare in qualche modo i vostri dati. Tuttavia, dobbiamo ammettere che la possibilità di successo delle operazioni è estremamente bassa". L'azienda ha poi invitato i propri utenti a visitare in maniera costante le FAQ appositamente messe a disposizione per aiutarli a ripristinare i contatti all'interno dei Sidekick.

Un inconveniente certo spiacevole, rovescio della medaglia di recenti dati diffusi da IDC: i servizi legati al cloud computing correranno veloci all'interno della spesa totale nel settore IT, arrivando a cifre pari a 44,2 miliardi di dollari entro il 2013. Una nuvola sempre più estesa che, tuttavia, si fa oscura nel momento in cui preziose informazioni personali si volatilizzano a batteria esaurita. E poi arriva la pioggia, di scuse.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • BusinessLa mia nuvola è più grossa della tuaUna recente ricerca in ambito cloud computing evidenzia le preferenze degli sviluppatori. Svettano Amazon e Google, IBM fa benino e ha progetti in cantiere, mentre Microsoft ha ampi margini di miglioramento
  • TecnologiaOpera Unite contro il cloud computingIl browser nordeuropeo vuole reinventare il web fornendo a tutti gli utenti la possibilitÓ di tagliare fuori gli intermediari e proporre in prima persona applicazioni e contenuti. Direttamente dal computer di casa
  • BusinessOpen cloud computing, Cirrus si espandeUna delle pi¨ importanti organizzazioni pro-cloud computing annuncia di aver aggiunto qualche pezzo pregiato alla propria collezione di istituti di ricerca
37 Commenti alla Notizia Cloud computing, pioggia di scuse
Ordina
  • Danger... se fosse il primo aprile darei per scontato che è un pesce d'aprile. Ma siamo ad ottobre. Però boh, non sono convinto della piena fondatezza della notizia... è troppo ridicolo... una ditta che si chiama Danger, mah...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Massimo
    > Danger... se fosse il primo aprile darei per
    > scontato che è un pesce d'aprile. Ma siamo ad
    > ottobre. Però boh, non sono convinto della piena
    > fondatezza della notizia... è troppo ridicolo...
    > una ditta che si chiama Danger,
    > mah...

    Non e' la ditta che si chiama Danger.
    E' quell'altra che si chiama M$!
  • Ma piantala di trollare
    __BACKUP MISSING__
    non c'è OS o ditta che tenga, e neanche gli dei possono nulla contro la stupidità di certi Sysadmin...

    ... tu i backup li fai, vero?
  • - Scritto da: Gianluca70
    > Ma piantala di trollare
    > __BACKUP MISSING__
    > non c'è OS o ditta che tenga, e neanche gli dei
    > possono nulla contro la stupidità di certi
    > Sysadmin...

    Il _backup missing_ amplifica il danno, mica lo causa.
    Non funziona che siccome tanto si fa il backup allora il sistema puo' crashare e perdere tutti i dati.
    Quel sistema FA SCHIFO. Inoltre non hanno fatto il backup.

    >
    > ... tu i backup li fai, vero?

    io non ho mica bisogno di fare i backup: io uso windows!
  • Della natura del crash NON SAI nulla, scrivi solo per sentito dire da altri, che manco loro erano presenti, quindi evita di fare FUD, mi pari uno di Microsoft...A bocca apertaA bocca aperta

    E siccome lo sappiamo che NON usi Windows, ma ne parli a sproposito come al solito, io spero proprio che tu non faccia backup dei tuoi sistemi *nix, quindi chiamaci quando ti fumi la tua bella EMC2 con tutti i dati aziendali... o farei meglio a dire del tuo liceo?
  • - Scritto da: Gianluca70
    > Della natura del crash NON SAI nulla,

    Soi che c'e' sotto M$ e tanto mi basta.

    > scrivi solo
    > per sentito dire da altri, che manco loro erano
    > presenti, quindi evita di fare FUD,

    Anche P.I. in molti casi scrive per sentito dire. Fanno FUD?

    > mi pari uno di Microsoft...A bocca aperta

    Si, sono grasso, sudaticcio e ballo sui tavoli.

    >A bocca aperta

    >
    > E siccome lo sappiamo che NON usi Windows, ma ne
    > parli a sproposito come al solito,

    E' vietato?

    > io spero
    > proprio che tu non faccia backup dei tuoi sistemi
    > *nix,

    A voler essere precisi precisi, effettivamente non lo faccio.
    Ci pensa il cron.

    > quindi chiamaci quando ti fumi la tua bella
    > EMC2 con tutti i dati aziendali... o farei meglio
    > a dire del tuo liceo?

    C'e' qualche liceo in italia con un datacenter?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Gianluca70
    > > Della natura del crash NON SAI nulla,
    >
    > Soi che c'e' sotto M$ e tanto mi basta.

    Ah beh, questo sì che è un criterio obiettivo e scientifico di valutazione, ma va bene così, sai perchè? Mi darai da lavorare fin che campoSorride

    >
    > > scrivi solo
    > > per sentito dire da altri, che manco loro erano
    > > presenti, quindi evita di fare FUD,
    >
    > Anche P.I. in molti casi scrive per sentito dire.
    > Fanno
    > FUD?

    Stavamo parlando di te, non di P.I.
    Bravo, ottima tecnica spostare la critica su qualcun' altro per pararsi le spalle... sei proprio un tipo cristallino e affidabile, invidio i tuoi colleghi di liceo

    >
    > > mi pari uno di Microsoft...A bocca aperta
    >
    > Si, sono grasso, sudaticcio e ballo sui tavoli.

    La tua tecnica di elusione peggiora, sei già sceso al livello di sfottò sui difetti fisici, da liceale o medie inferiori appunto...


    >
    > >A bocca aperta
    >
    > >
    > > E siccome lo sappiamo che NON usi Windows, ma ne
    > > parli a sproposito come al solito,
    >
    > E' vietato?

    Ma sai, di solito si accettano pareri da parte di chi usa e ci capisce qualcosa, parlare a vanvera qui è chiamato TROLLARE...

    >
    > > io spero
    > > proprio che tu non faccia backup dei tuoi
    > sistemi
    > > *nix,
    >
    > A voler essere precisi precisi, effettivamente
    > non lo
    > faccio.
    > Ci pensa il cron.

    Filosofeggiamo?
    Allora facciamo così: almeno fai dei test di restore regolari per accertarti che i dati siano recuperabili e che soprattuto TU sia poi effettivamente in grado di ripristinare i dati che il CRON ti ha gentilmente backuppato?

    >
    > > quindi chiamaci quando ti fumi la tua bella
    > > EMC2 con tutti i dati aziendali... o farei
    > meglio
    > > a dire del tuo liceo?
    >
    > C'e' qualche liceo in italia con un datacenter?

    Visto il tuo livello di dialettica, se non stai al liceo ci sei uscito da poco, ma se continui così ti ci rimandano, tranquillo
  • ogni upgrade ha un minimo di rischio, il backup è d'obbligo, pure per le procedure di routine che non hanno mai dato problemi, figurarsi per un affarone che tiene i dati di tutti, e come detto e ridetto, non c'è OS che tenga.
  • ok, ok, lasciami indovinare: il pastrocchio l'hanno fatto dei tecnici indiani in outsourcing da remoto, vero? un classicone.
    Vedi a tirare sul costo del servizio? ti arrivano certe incu.late che levati.
    non+autenticato
  • IMHO una volta si poteva dubitare delle capacità delle aziende indiane o comunque del terzo mondo.
    Ora non piu': sono spessissimo molto piu' avanti e molto piu' preparate delle nostre.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ken
    > IMHO una volta si poteva dubitare delle capacità
    > delle aziende indiane o comunque del terzo
    > mondo.
    > Ora non piu': sono spessissimo molto piu' avanti
    > e molto piu' preparate delle
    > nostre.
    pippuz
    1260
  • - Scritto da: attonito
    > ok, ok, lasciami indovinare: il pastrocchio
    > l'hanno fatto dei tecnici indiani in outsourcing
    > da remoto, vero? un classicone.
    >
    > Vedi a tirare sul costo del servizio? ti arrivano
    > certe incu.late che
    > levati.

    Scusami e non offenderti, ma hai detto una grossa fesseria. Punto primo, se rispetto alla Cina si possono avere ancora dei dubbi, in generale, in merito a capacità e competenze avanzate (essendo relativamente "nuovi" nel settore IT), per l'India questo non si può dire. Sono anni che gli informatici indiani lavorano per grosse compagnie occidentali, e la loro competenza e preparazione è fuori discussione, così come i loro politecnici sono indiscutibilmente tra i migliori al mondo. E comunque vai a guardare dove sono fatti tutti gli apparecchi elettronici che usi... credo che sul 90% troverai scritto Made in China, anche su quelli che vanno benissimo, non solo su quelli che si rompono...
    non+autenticato
  • I dati, sul cloud, non sono più al sicuro che su una chiavetta o un disco; l' unica differenza è che, in caso di guasto, non è un solo utente a perdere i dati, ma centinaia (comunque, per il singolo cambia poco sapere che anche altri sono nella stessa situazione).

    Vi lascio con questa citazione (da "qbasic nerd")


    "I could not believe that all my programs were gone
    So now I make backups of them from now on.

    Every bit, every byte, I will have to rewrite
    Because I was a moron, all of my programs are gone
    If you back up your work in case it all goes berserk (like mine did)
    You could imply that you are smarter than I"
    non+autenticato
  • se i dati li lasci "solo" nella nuvola concordo con te... ma é la stessa cosa che lasciare i dati solo sull'HD del PC

    I miei dati sono su mobile.me, sull'HD del mio macbook, su un HD esterno e sul mio iPod Touch... hai voglia a perderli!
    MeX
    16902
  • Infatti, l' errore è sempre quello di mettere i dati in un' unica sede (non importa che sia un cloud storage o un disco)

    Quando ho dei dati di lavoro importanti, io li memorizzo in due caselle di posta, sull' hard disk e su chiavetta... la sequenza di eventi che sarebbe necessaria a perderli è decisamente improbabile.

    Piuttosto, la cosa interessante dei servizi cloud è che il tipo di danno che porterebbe ad una perdita di dati è completamente diverso rispetto a quello degli altri supporto; ad esempio, se io faccio il backup dei miei dati su chiavetta e supporto ottico, poi tengo tutto nella stessa stanza (computer e dischi di backup, e magari lascio la chiavetta appoggiata lì), in caso di furto, incendio, alluvione.... tutte le copie verrebbero distrutte insieme. Se io ho usato anche un servizio di cloud storage, almento quella copia sarà al sicuro (perchè si trova in una sede geografica diversa, che non viene toccata). In caso di una catastrofe così grave da colpire anche tale sede, direi che ci sarebbero problemi più immediati della perdita di dati.
    non+autenticato
  • bo, a me sta mania di sparpagliare i dati personali in ogni luogo non la capisco...
  • ...personal computer la dove si devono usare computer, questo è quello che dobbiamo aspettarci. Evidentemente abbiamo a che fare con una generazione di informatici che credono che l'informatica sia costituita da personal computer.

    Mettiamo tutto nel conto di Microsoft, come sempre.
    ruppolo
    33147
  • > Mettiamo tutto nel conto di Microsoft, come
    > sempre.

    Si, si, è colpa loro! Bruciamoli vivi!!! addosso alla MS!
    non+autenticato
  • > ...personal computer la dove si devono usare
    > computer, questo è quello che dobbiamo
    > aspettarci.

    Questa non l' ho capita. Chi avrebbe usato il personal? Ed al posto di cosa, di un mainframe? Potresti chiarire?
    non+autenticato
  • Ruttolo, prima di postare a vanvera vai a leggere gli articoli originali

    1. il danno
    http://www.nytimes.com/2009/10/12/technology/busin...
    peccato che MS dica che si tratta di tecnologia TUTTA DANGER e non sua

    2. il restore (allora avevano un backup...)
    http://www.nytimes.com/2009/10/13/technology/compa...

    E se credi che in Danger usino dei PC per i loro servizi, sei proprio alla mela, ops, alla fruttaA bocca aperta
    Pensaci, Danger non è nata da una costola di MS, è stata acquisita dopo, quindi immagina cosa possono utilizzare come OS...A bocca aperta
  • ROTFLA bocca aperta
    Quotissimo, budinux al ciocco-lattexA bocca aperta
  • ma alla fine il problema è stato un guasto nel server o un errore umano nell'effettuare il backup? perchè c'è una bella differenza
    non+autenticato
  • a prescindere da cosa sia stato: non c'è nessun backup dei dati, questo è il problema, se ci fosse sarebbero a posto
    non+autenticato
  • davvero strano che non si siano curati di una cosa simile
    non+autenticato
  • strano? impossibile...c'è altro sotto...
    non+autenticato
  • Ummm non credo che per fare una cosa del genere si siano dimenticati del santo backup...
    Anche il un junior capirebbe che per certi dati è sempre bene fare il backup!!!

    Cmq questa notizia è ottima per ribadire il concetto: il cloud computing è ancora allo stato larvale!! Inaffidabile al 100%
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)