Giorgio Pontico

Il rammarico di Berners-Lee

Uno dei creatori del Web confessa al NYT che il suo lavoro avrebbe potuto essere migliore. Con due slash in meno

Roma - Come un pittore che anni dopo aver dipinto la sua tela più bella si ritrova a rimirarla, Tim Berners-Lee parla al New York Times del suo Web, spiegando con il senno di poi che avrebbe potuto fare di meglio.

È un particolare minimo quello che uno dei padri della Rete non riesce proprio a perdonarsi: quel doppio slash dopo la sigla del protocollo http, nella barra degli indirizzi. In effetti la combinazione shift+7 non è una delle più comode da digitare, anche se nell'era di Google l'indirizzo alfanumerico ha gradualmente perso d'importanza.

In ogni caso, se potesse tornare indietro, Berners-Lee eviterebbe di introdurre le due stanghette diagonali: uno spreco di energie che all'alba del Web non aveva saputo prevedere.
Ecco perché i browser di oggi completano il prefisso http:// in automatico.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
83 Commenti alla Notizia Il rammarico di Berners-Lee
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 22 discussioni)