Mauro Vecchio

Facebook, il profilo è brevettato?

L'idea della pagina personale online risalirebbe al 2001. Intentata causa contro il social network in blu. Ma quanti altri violano il brevetto?

Roma - Facebook sarà anche il social network più popolare del web, ma di certo non è stato il primo ad apparire sulle scene delle relazioni online né ha inventato qualcosa di straordinariamente nuovo. Eppure, in molti non esitano ad attaccare Facebook per vie legali, accusandolo di aver rubato questa o quella idea. Un altro caso di patent trolling sembra emergere nel momento in cui un'azienda statunitense ha avviato una causa contro il sito in blu, che sarebbe reo di aver violato un vecchio brevetto relativo alla creazione di pagine personali online.

Protagonista della vicenda, Tele-Publishing Inc., divisione della Phoenix Media/Communications, azienda che fornisce pubblicità a circa 200 tra quotidiani ed emittenti statunitensi. In data 26 giugno 2001, la società avrebbe depositato presso lo US Patent and Trademark Office il brevetto numero 6,253,216, relativo ad un algoritmo di sviluppo e condivisione di pagine personali. In altre parole, un template per costruire un profilo personale, per condividerlo con altri utenti di un network.

L'azienda si è dunque industriata nel descrivere un'idea che Facebook avrebbe messo a frutto a partire dal 2004, senza considerare un'eventualità: a violare il suddetto brevetto potrebbe essere stato mezzo mondo del web sociale. Tele-Publishing non ha poi specificato l'entità esatta dei danni subiti nel tempo e imputati a Facebook.
Peter Kadzis, executive director di Phoenix Media, ha spiegato che la causa era in cantiere da qualche anno, rispondendo prontamente alle critiche che sono piovute sul caso. "Facebook utilizza un'idea che è stata da noi sviluppata anni fa, cioè che si può coniugare la massima flessibilità di scelta con il livello più alto di privacy sui dati personali - ha dichiarato Kadzis - Questa non è una causa frivola". Più dura una risposta di un portavoce di Facebook: "Queste accuse sono senza alcun valore e le combatteremo in modo fermo".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
26 Commenti alla Notizia Facebook, il profilo è brevettato?
Ordina
  • Stò scrivendo un programmino che deve estrapolare dei dati da un file di testo.
    Pensavo di mappare i dati in una classe per poi accedervi in maniera più intuitiva.
    Ho cercato con google eventuali implementazioni fatte da altri per prendere spunto, ma indovinate... Troll

    il primo link che mi è uscito è il BREVETTO US PATENT FIGLDIPUTT!!!!

    http://www.freshpatents.com/-dt20090917ptan2009023...

    (ho cercato le parole 'map text file to an object')

    anche questo!!!

    hanno brevettato il parsing di una stringa!!!
  • Qui si sfiora il ridicolo
    Ma che invenzioni sono? I brevetti andrebbero sulle invenzioni. Se io assemblo semplicemente cose già brevettate per avere un qualche cosa che sostanzialmente non aggiunge niente cosa ho inventato?


    Diverso è per un qualcosa di più significativo, mi va bene il brevetto per un algoritmo di cifratura o un algoritmo di compressione, mentre non mi va bene per un applicazione tipo word o photoshop (nell'insieme, mentre internamente è logico che ci siano brevetti magari su eventuali algoritmi di cifratura/conpressione/ecc proprietari)

    il mapping di un file di testo su un oggetto è ridicolo, corrisponde alla trascrizione in bella copia di un blocco di appunti.... qualcuno ha brevettato questa operazione????
    non+autenticato
  • Costruiamo una macchina del tempo, brevettiamola eh mi raccomando, torniamo indietro nel tempo, brevettiamo il brevetto e quindi diventiamo padroni del mondo.

    Qualsiasi minchiata in ambito informatico è brevettata ormai, io me ne frego tranquillamente, non vado a cercarmi codice in giro e tutto quello che faccio esce dalla mia testa, perchè devo pagare per una MIA idea e un MIO lavoro di sviluppo?
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: Wolf01
    > Costruiamo una macchina del tempo, brevettiamola
    > eh mi raccomando, torniamo indietro nel tempo,
    > brevettiamo il brevetto e quindi diventiamo
    > padroni del
    > mondo.
    >
    > Qualsiasi minchiata in ambito informatico è
    > brevettata ormai, io me ne frego tranquillamente,
    > non vado a cercarmi codice in giro e tutto quello
    > che faccio esce dalla mia testa, perchè devo
    > pagare per una MIA idea e un MIO lavoro di
    > sviluppo?
    una macchina del tempo "vera" non puo' tornare piu' indietro nel tempo rispetto alla sua data di costruzione.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • non l'ho capita, ma nella nostra dimensione è impossibile....

    uhauhauhauah
    non+autenticato
  • Infatti, ora io dovrei pagare delle royalties per un programmino del cavolo perchè questi hanno registrato un'idea? (senza implementazione e senza nemmeno dello pseudo codice in calce al brevetto!)
  • Qualche americano e' stupido, Tocqueville ci insegna che tutti devono essere uguali, per cui la stragrande maggioranza degli americani deve comportarsi in modo stupido.
    Applicando questo concetto al funzionamento dell'ufficio brevetti il risultato e' catastrofico.
    E' mia opinione che un brevetto software debba comprendere, se non il codice sorgente, almeno una corposa documentazione su come il software da brevettare funzioni. Altrimenti e' fuffa.
    D'altro canto mi pare di capire che l'unico ufficio brevetti che abbia funzionato bene sia stato quello di Berna e solo dal 1903 al 1906.

    Buona giornata a tutti
    GT
  • Tiè... così ho in pugno tutto il web
    non+autenticato
  • - Scritto da: ...
    > Tiè... così ho in pugno tutto il web

    non sarebbe prior art. Comunque è ridicolo che si possa brevettare una cosa del genere "un'idea che è stata da noi sviluppata anni fa, cioè che si può coniugare la massima flessibilità di scelta con il livello più alto di privacy sui dati personali".

    domani brevetto l'idea che si può coniugare una grafica accattivante con il livello più alto di design e con un'ottima disposizione delle informazioni.
    non+autenticato
  • Nessuno ha brevettato le pagine cor blu?
    non+autenticato
  • potrebbe pensarci ballmer...

    sigh!
    non+autenticato
  • Queste aziendine che quando un'idea (benché semplice) ha successo tirano fuori in brevetto del '15-'18 dove si dimostra che sono stati i primi a pensare di lavarsi le mani con l'acqua caldaA bocca aperta
    Bisognerebbe inserire una clausola nella normativa sul brevetto: se la tua idea brevettata non sei stato in grado di realizzarla su grande scala, allora è meglio se l'ha fatto qualcun altro qualche anno dopo e te ne vai cordialmente a ca..re!
  • Non è effettivamente corretto il fatto di togliere un brevetto a chi non è in grado di produrlo su grande scala...
    Tu potresti avere l'idea del millennio in un mini-laboratorio d'informatica appena aperto e non avere abbastanza fondi per realizzarla oppure non trovare finanziatori adeguati: a questo punto non sarebbe giusto che quest'idea venga raziata a piacimento dall'azienda che arriva prima...

    Come non è giusto questo patent-trolling esasperato che spesso i tribunali riconoscono da lontano (per fortuna...)
    non+autenticato
  • Allora se non sei in grado di realizzarlo, ti sbrighi a vendere il brevetto e non aspetti pazientemente di fare causa alla prima grande azienda che - non conoscendoti e non conoscendo la tua idea in quanto sei una "formica" - certamente arriva a formulare la tua stessa (banale) idea.

    Se non lo realizzi o lo vendi dopo 5 anni, viene cancellato. Non è possibile che 'sta gente rimane appostata per vent'anni aspettando che qualcuno riformula la sua idea.
  • - Scritto da: euthymos
    > Allora se non sei in grado di realizzarlo, ti
    > sbrighi a vendere il brevetto e non aspetti
    > pazientemente di fare causa alla prima grande
    > azienda che - non conoscendoti e non conoscendo
    > la tua idea in quanto sei una "formica" -
    > certamente arriva a formulare la tua stessa
    > (banale)
    > idea.

    i problemi sono due:
    - spesso l'idea non è banale, anzi (questo caso non conta, questo è solo patent trolling). Sviluppare un'idea non banale se non hai fondi a disposizione non è per niente facile. Se Page e Brin fossero stati in Italia, avremmo ancora altavista.
    - io ho l'idea superfica, la porto a te grande azienda, tu dici non mi interessa, però in realtà te la copi e ci fai sopra un sacco di soldi e dicono che non ti hanno mai visto: cosa fai?
    non+autenticato
  • Ho brevettato e costruito un micro generatore a fusione fredda, però non lo dico in giro per evitare speculazioni commerciali in quanto lo scopo del mio brevetto non è quello di guadagnarci bensì quello di impedire agli altri di replicare l'invenzione.
    Intanto aspetto una 30ina d'anni per vedere se qualcun'altro riesce a fare la fusione fredda così gli chiedo i danni.

    Avrebbero potuto brevettare il profilo online anche nel 1492, se però non l'hanno mai sfruttato sono cazzi loro, non possono venirsene fuori dopo 5 secoli con la scusa del "l'ho brevettato prima io"

    Patent trolling puro
    Wolf01
    3342
  • A mio parere dovrebbe esserci una specie di usucapione anche sui brevetti, questa azienda dichiara che è qualche anno che ha in cantiere la causa, però guarda caso ha aspettato che facebook fosse famoso.

    Altra cosa è che non andrebbero concessi brevetti per cose troppo banali, mi sembra normale che li si violi, se a me viene in mente un'idea per la realizzazione di un sito dovrei controllare prima i milioni di brevetti registrati?
    non+autenticato
  • Manca solo che ci sia qualcuno che se ne esce con il brevetto di un "sistema che prevede sequenze logicamente ordinate di operazioni o comandi di istruzioni, degli insiemi di istruzioni che producono soluzioni per una data classe di problemi"e BUM!, tutta l'informatica sarebbe sotto contenzioso giudiziario.
    PS: l'oggetto del brevetto consiste nella definizione di programma informatico secondo wikipedia (http://it.wikipedia.org/wiki/Programma_(informatic...). La cosa che fa pensare è che gran parte dei brevetti fatti valere in casi come questo, hanno la stessa genericità (la struttura a plug-in, la barra di progresso, i desktop virtuali ecc).
    non+autenticato
  • - Scritto da: euthymos
    > Queste aziendine che quando un'idea (benché
    > semplice) ha successo tirano fuori in brevetto
    > del '15-'18 dove si dimostra che sono stati i
    > primi a pensare di lavarsi le mani con l'acqua
    > caldaA bocca aperta
    > Bisognerebbe inserire una clausola nella
    > normativa sul brevetto: se la tua idea brevettata
    > non sei stato in grado di realizzarla su grande
    > scala, allora è meglio se l'ha fatto qualcun
    > altro qualche anno dopo e te ne vai cordialmente
    > a ca..re!

    La mia azienda ha brevettato il buco del culo.
    tra un paio di giorni presenteremo denuncia all'ONU
    in quanto tutti fanno la cacca senza pagarci la roialty.
    non+autenticato
  • Mi spiace, è prior art, il buco del culo esisteva già prima del tuo brevetto
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: Wolf01
    > Mi spiace, è prior art, il buco del culo esisteva
    > già prima del tuo brevetto.

    ci vediamo in tribunale. Va dimostrato, signor mio, che e' prior art, mica e' sufficente dirlo cosi sul primo forum che capita.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)