Alessandro Del Rosso

Microsoft sgancia un grappolo di patch

BigM ha pubblicato 13 bollettini di sicurezza che correggono oltre una trentina di vulnerabilitÓ in praticamente tutti i pi¨ importanti prodotti made in Redmond. Grosso carico di patch anche da Adobe

Roma - Da dove cominciare? ╚ questa la domanda che moltissimi amministratori di sistema si staranno ponendo di fronte all'eccezionale carico di patch appena riversato da Microsoft sugli utenti di Windows. Un carico di aggiornamenti che non trova eguali nella storia del big di Redmond: si parla di 13 bollettini di sicurezza che correggono, nel complesso, ben 34 vulnerabilità.

I bollettini di sicurezza di questo mese stabiliscono un altro primato negativo: per almeno sette delle vulnerabilità corrette esistono uno o più exploit pubblici, in taluni casi già utilizzati dai cracker per lanciare attacchi o forgiare malware. Tra queste vulnerabilità vi sono quelle ormai note relative al protocollo di rete SMBv2 (bollettino MS09-050) e al servizio FTP di Internet Information Service (MS09-053), e si è aggiunta proprio nelle scorse ore la falla descritta nel bollettino MS09-051 relativa al componente Windows Media Runtime: tale debolezza può consentire ad un aggressore di eseguire del codice a sua scelta inducendo un utente ad aprire un file audio o video. Questo bug è stato classificato della massima pericolosità per ogni versione di Windows interessata dal problema (sono immuni solo le due più recenti versioni, Windows 7 e Windows Server 2008 R2).

Un altro bollettino a cui gli esperti danno massima priorità è l'MS09-062, che sistema otto differenti vulnerabilità nella GDI+ (Graphics Device Interface) di Windows. Questo componente, considerato un retaggio del passato, si trova integrato in moltissimi prodotti Microsoft, inclusi Windows XP, Vista, Server 2003, Server 2008, IE, MS.NET Framework, e tutte le versioni ancora supportate di Office, SQL Server, Visual Studio e Forefront Client Security.
"Il numero di prodotti interessati da queste vulnerabilità è immenso - ha commentato Jason Miller, security and data team manager di Shavlik Technologies - Il componente GDI è praticamente ovunque, ed è in giro ormai da un bel po' di tempo".

Sotto i riflettori anche le due vulnerabilità descritte nel bollettino MS09-056 e relative all'interfaccia di programmazione CryptoAPI di Windows. Sebbene tali debolezze non siano state classificate "critiche", ma solo "importanti", interessano tutti gli utenti di Internet Explorer e delle versioni Windows di Google Chrome e Apple Safari.

Come dimostrato nel recente caso che ha visto protagonista PayPal, i due bug possono essere sfruttati da un malintenzionato per forgiare un certificato SSL fasullo e, di conseguenza, portare a compimento vari attacchi basati sulla falsificazione dell'identità digitale di un utente: ad esempio, il dirottamento di connessioni Internet cifrate con il protocollo SSL, la contraffazione della firma digitale nelle email o, ancora, lo spoofing di un sistema di autenticazione basato sui certificati digitali.

Va detto che per arginare il problema Apple si è mossa con largo anticipo, poi seguita anche da Google, filtrando nel proprio browser la sequenza di caratteri con cui era possibile innescare la falla. Ora BigM ha sistemato il problema a monte, patchando direttamente l'API incriminata.

Rimangono da citare il bollettino MS09-051, che descrive una vulnerabilità in Windows Media Player sfruttabile mediante file multimediali in formato Windows Media; l'MS09-054, che contiene un update cumulativo per IE considerato della massima pericolosità per tutte le versioni di Windows, Seven incluso; l'MS09-055, che raccoglie un certo numero di kill bit vecchi e nuovi relativi a controlli ActiveX insicuri; l'MS09-057, che corregge un bug sfruttabile a distanza nel servizio di indicizzazione di Windows; l'MS09-060, relativo all'ormai vecchia conoscenza Active Template Library (ATL), che in questo caso mette a rischio gli utenti di Office; l'MS09-061, il quale risolve tre vulnerabilità sfruttabili in modalità remota nel MS.NET Common Language Runtime; l'MS09-058, riguardante una vulnerabilità del kernel di Windows 2000/2003/2008/XP/Vista sfruttabile per elevare i propri privilegi; e l'MS09-059, il quale risolve una debolezza nel Local Security Authority Subsystem Service potenzialmente sfruttabile, in tutte le versioni ancora supportate di Windows, per lanciare attacchi di denial of service.

Come ormai tradizione, per aiutare gli amministratori di sicurezza a stilare un elenco delle patch prioritarie, sul blog del Microsoft Security Response Center sono state pubblicate due tabelle sinottiche: una generale, l'altra specifica sul severity ed exploitability index. Un'altra tabella che aiuta a valutare a colpo d'occhio le vulnerabilità più importanti, distinguendo il livello di pericolosità tra sistemi client e server, è quella pubblicata qui dall'Internet Storm Center.

Il mega aggiornamento di Adobe
Un pesante fardello di patch, in tutto 29, è stato sganciato ieri anche da Adobe. Il mega aggiornamento riguarda Adobe Reader e Acrobat, e risolve bug già sfruttati o potenzialmente sfruttabili dai cracker per creare file PDF maligni, capaci di eseguire del codice dannoso.

Tra le falle corrette dall'update vi sono quelle descritte da Adobe in un recente advisory di sicurezza e già sfruttate da alcuni malware.

Adobe raccomanda ai propri utenti di installare non appena possibile le più recenti versioni di Reader e Acrobat, la 9.2 e la 8.1.7. L'azienda ha altresì rilasciato ad un ristretto numero di tester una nuova tecnologia di aggiornamento che, secondo Adobe, rende il processo di notifica, download e applicazione delle patch più semplice, efficiente e puntuale.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
113 Commenti alla Notizia Microsoft sgancia un grappolo di patch
Ordina
  • E' curioso notare, come nell'articolo che parlava di un casino di patch lato leopard, si scrive "snow leopard affila le unghie", mentre qui Microsoft sgancia un grappolo di patch...avete la stessa imparzialita' di Emilio Fede vedo...ed ovviamente questo post sara' subito chiuso/censurato...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Redazione imbarazzan te
    > E' curioso notare, come nell'articolo che parlava
    > di un casino di patch lato leopard, si scrive
    > "snow leopard affila le unghie", mentre qui
    > Microsoft sgancia un grappolo di patch...avete la
    > stessa imparzialita' di Emilio Fede vedo...ed
    > ovviamente questo post sara' subito
    > chiuso/censurato...
    Aggiungo che i bug in questione non affliggono windows seven, che risulta MOLTO piu' sicuro delle precedenti versioni di windows, a discapito di quato detto da qualche fanatico estremista del polo sud (chi vuol capire capisca).
    non+autenticato
  • - Scritto da: Redazione imbarazzan te

    > Aggiungo che i bug in questione non affliggono
    > windows seven

    Uhauhauhauha!

    E queste cosa sono secondo te?

    http://news.cnet.com/8301-27080_3-10374134-245.htm...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Redazione imbarazzan te
    > Aggiungo che i bug in questione non affliggono
    > windows seven, che risulta MOLTO piu' sicuro
    > delle precedenti versioni di windows

    Ma che bravo. Ora che che aggiunto, aggiungi un post per togliere, visto che patch riguardano anche (e questo è comico) anche il sistema operativo che deve ancora uscire.

    Mi ricordo uno qui che pigliava per il culo per l'aggiornamento di Snow Leopard uscito solo un mese dopo... qui l'aggiornamento arriva addirittura prima del sistema Rotola dal ridere
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Redazione imbarazzan te
    > > Aggiungo che i bug in questione non affliggono
    > > windows seven, che risulta MOLTO piu' sicuro
    > > delle precedenti versioni di windows
    >
    > Ma che bravo. Ora che che aggiunto, aggiungi un
    > post per togliere, visto che patch riguardano
    > anche (e questo è comico) anche il sistema
    > operativo che deve ancora
    > uscire.
    >
    > Mi ricordo uno qui che pigliava per il culo per
    > l'aggiornamento di Snow Leopard uscito solo un
    > mese dopo... qui l'aggiornamento arriva
    > addirittura prima del sistema
    > Rotola dal ridere
    Vedo che la tua competenza e' pari a quella di un bambino al quale chiedono di risolvere una equazione differenziale. Windos seven e' gia disponibile per gli abbonati MSDN e technet, quindi prima di parlare sul fatto che non sia disponibile, informati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Redazione imbarazzan te
    > Windos seven e' gia
    > disponibile per gli abbonati MSDN e technet,
    > quindi prima di parlare sul fatto che non sia
    > disponibile,
    > informati.
    Ma guarda, e io che pensavo che quelle fossero delle beta... invece sono le copie per i VIP!
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo
    > Ma guarda, e io che pensavo che quelle fossero
    > delle beta... invece sono le copie per i
    > VIP!

    Il mondo degli utenti M$ e' bello variopinto.
    C'e' gente che non solo e' disposta a pagare per poter fare da beta tester, ma c'e' pure gente che e' disposta a pagare di piu' per poterlo fare in esclusiva.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Il mondo degli utenti M$ e' bello variopinto.
    > C'e' gente che non solo e' disposta a pagare per
    > poter fare da beta tester, ma c'e' pure gente che
    > e' disposta a pagare di piu' per poterlo fare in
    > esclusiva.

    Caspita, è proprio un altro mondo, il mondo Windows Rotola dal ridere
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: Redazione imbarazzan te
    > E' curioso notare, come nell'articolo che parlava
    > di un casino di patch lato leopard, si scrive
    > "snow leopard affila le unghie", mentre qui
    > Microsoft sgancia un grappolo di patch...avete la
    > stessa imparzialita' di Emilio Fede vedo...ed
    > ovviamente questo post sara' subito
    > chiuso/censurato...

    ma quale casino di patch!!!
    Tra OS X e Windows il rapporto è di 1:100, in materia di patch sulla sicurezza. E in materia di exploit andati a successo... 1:10.000.0000.
    ruppolo
    33146
  • E' curioso notare, come nell'articolo che parlava di un casino di patch lato leopard, si scrive "snow leopard affila le unghie", mentre qui Microsoft sgancia un grappolo di patch...avete la stessa imparzialita' di Emilio Fede vedo...ed ovviamente questo post sara' subito chiuso/censurato...

    Verissimo e si puo' notare come oggi la notizia su windows sia ancora presente mentre quella su leopard sia magicamente scomparsa,ma si sa alla apple sono cosi' celeri nel risolvere i problemi.
    non+autenticato
  • Adesso è magicamente scomparsa quella di di questo grappolo di patch.
    Ci sono molte notizie poco importanti che stazionano a lungo in homepage, magari tra gli hot topic e queste scomode sulle vulnerabilità spariscono molto rapidamente.
    non+autenticato
  • Bell'articolo:
    http://www.theinquirer.net/inquirer/news/1558597/a...

    Fatevi sempre una chiavetta USB con una distro live solo per accedere al conto online e ad altri siti importanti.

    Una chiavetta USB da 1GB costa pochissimi euro e può sempre tornare utile... Ci può girare un Linux completo + 300M di dati dell'utente.
    non+autenticato
  • Anche altri esperti di sicurezza la pensano così:

    http://tips.vlaurie.com/2009/10/is-windows-too-uns.../
    non+autenticato
  • Il problema è che windows deve fare affidamento sui SW di sicurezza (antivirus, antispyware, ecc).

    Se questi falliscono, ti puoi trovare installato un malware che, tramite gli hook di sistema, funge da keylogger e ti frega la login e la pwd del tuo conto online prima che questi entrino nel tunnel SSL...
    non+autenticato
  • > Se questi falliscono, ti puoi trovare installato
    > un malware che, tramite gli hook di sistema,
    > funge da keylogger e ti frega la login e la pwd
    > del tuo conto online prima che questi entrino nel
    > tunnel
    > SSL...

    E a quel punto cosa ci fai con la login e la password del mio conto online?
    non+autenticato
  • - Scritto da: nome e cognome

    > E a quel punto cosa ci fai con la login e la
    > password del mio conto
    > online?

    Mah, non saprei.... Magari entro e faccio una transazione di tutti i tuoi risparmi sul mio c/c...
    non+autenticato
  • - Scritto da: pennuto lacustre
    > Mah, non saprei.... Magari entro e faccio una
    > transazione di tutti i tuoi risparmi sul mio
    > c/c...
    immagino che tu abbia anche una chiavetta hardware che cambia codice ogni 15 secondi legata al suo conto in banca per fare ciò ,vero?
    lroby
    5311
  • - Scritto da: lroby

    > immagino che tu abbia anche una chiavetta
    > hardware che cambia codice ogni 15 secondi legata
    > al suo conto in banca per fare ciò
    > ,vero?

    Lo sai vero che non tutte le banche la forniscono?
    non+autenticato
  • E poi come specificato in questo articolo gli hacker (o ladri informatici nel nostro casoOcchiolino ) hanno implementato sistemi più evoluti che reindirizzano le transazioni da te effettuate (senza bisogno di sgamarti la password)

    http://blogs.computerworld.com/14882/being_alert_a...

    Secure HTTPS web pages don't protect you. According to Finjan, the new URLZone software doesn't even bother to generate new transactions, instead, it silently modifies the transaction you enter.
    non+autenticato
  • Ok, hai un conto presso la banca di paperopoli, mi correggo.
    non+autenticato
  • Come vedi ci sono trojan che non necessitano ti rubarti login/password, hanno solo bisogno di un Windows da infettare:

    http://blogs.computerworld.com/14882/being_alert_a...
    non+autenticato
  • - Scritto da: pennuto lacustre
    > - Scritto da: lroby
    >
    > > immagino che tu abbia anche una chiavetta
    > > hardware che cambia codice ogni 15 secondi
    > legata
    > > al suo conto in banca per fare ciò
    > > ,vero?
    >
    > Lo sai vero che non tutte le banche la forniscono?

    Lo sai vero che i bonifici non sono eseguiti all'istante ma possono essere annullati per tempo? Quindi non solo hai una banca che non ti fornisce la password dispositiva monouso (mi piacerebbe sapere quali sono) ma non ha nemmeno uno straccio di meccanismo per avvisarti che è stato disposto un trasferimento... qui non è questione di hacker.

    Poi tutta sta paranoia per l'online banking quando bancomat e carta di credito sono decisamente più insicure.
    non+autenticato
  • Per un uso desktop, si può tranquillamente aggiornare ogni mese con relativo riavvio, ma su Server, è improponibile, la manutenzione va programmata, ma la cadenza mensile è impraticabile.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 15 ottobre 2009 19.37
    -----------------------------------------------------------
  • dove lo hai visto che è un diminuzione? un link? a me per esperienza personale sembra in aumento... le tue fonti? impressioni od ufficiali?
    non+autenticato
  • ?????
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 15 ottobre 2009 19.37
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: gnulinux86
    > http://news.softpedia.com/news/Server-markets-cont

    Ma dico, lo leggi il link prima di postarlo?
    "Microsoft Windows server revenue totaled at $3.7 billion in the second quarter, a 27.7 percent decline compared to last year. Linux server revenue fell as well, with total revenue of $1.3 billion, a 28.9 percent decline. Unix server revenue dropped by 30.9 percent compared to last year's Q2.
    "
    Ricapitolando: il mercato server va giù in generale, MS -27.7% ,Linux -28.9% and Unix -30.9% .
    A me pare un trend generale, altro che storie.

    Visto che la frequenza delle patch secondo te è la causa del calo MS, qual è la motivazione dei cali ancora più evidenti dei server *nix in generale quindi?
  • > Visto che la frequenza delle patch secondo te è
    > la causa del calo MS, qual è la motivazione dei
    > cali ancora più evidenti dei server *nix in
    > generale
    > quindi?

    Bravo! Complimenti, ora abbiamo un altro linaro con la crescita bloccata per colpa tua.
    non+autenticato
  • No no, non ti devi preoccupare, è già bello svezzato, tanto che ha pensato bene di dare una passata di spugna ai suoi precedenti post...Sorride
  • Era un link che trattava del calo delle vendite server in generale.

    Il punto non è quello, leggi il mio primo commento.
  • Ho letto il tuo primo commento, ma a parte che mi pare che siano sparite parti fondamentali dei tuoi precedenti post, quelle in cui sottolineavi il calo di mercato dei sistemi MS dovuto all'eccessiva frequenza di patch (mica perchè i clienti stanno virtualizzando o consolidando, ad esempio, sia sistemi MS che *nix intendo, vedi le cifre da -30% per tutti), alla tua affermazione che un patching mensile è improponibile io potrei ribattere così:
    1. una finestra di manutenzione mensile (per patch o altre attività) è più che accettabile, soprattutto quando tutti i servizi vitali sono in altra disponibilità (anche quello *nix)
    2. e comunque non sempre i clienti decidono di installare immediatamente tutte le patch: ad esempio, patch di IE/librerie ATL o altro sw a livello applicativo che non deve essere usato su un server possono tranquillamente essere posticipate, tipo ogni 2 mesi
    3. e puoi garantire al 100% che patch critiche per sistemi *nix non richiedano mai riavvio dei sistemi o dei servizi stessi?

    Lamentarsi che le patch non arrivano mai e poi lamentarsi perchè arrivano regolarmente a cadenze mensili, insomma lamentarsi sempre e comunque per partito preso mi lascia alquanto perplesso, soprattutto quando tali lamentele arrivano sempre da utenti *nix.
  • Desktop e Server non sono la stessa cosa, ripeto il desktop puoi tranquillamente aggiornarlo con il riavvio di rito, su Server no, la manutenzione va programmata, non puoi applicare patch a cadenza mensile, Conficker su Server si è particolarmente diffuso per tale motivo, nonostante Ms abbia rilasciato la patch in tempi brevi, molti server basati su piattaforma Windows sono rimasti scoperti a lungo, su server la questione della compatibilità della patch è molto importante.

    Su Linux, le falle gravi, sono meno frequenti rispetto Windows, spesso il riavvio non è d'obbligo, non devi pensare a Linux su server come una distribuzione. Linux è un *nix like, su server ci va nozze, al contrario di Windows, che a mio avviso su server è una forzatura, per via della sua natura da sistema desktop.
  • - Scritto da: doncrispone
    > dove lo hai visto che è un diminuzione? un link?
    > a me per esperienza personale sembra in
    > aumento... le tue fonti? impressioni od
    > ufficiali?

    Nei sistemi critici l'up-time è un fattore importante, e in questo i server unix,linux,bsd sono nettamente superiori ai server Windows.

    Lo so che ormai tutte le aziende che forniscono tali servizi hanno grappoli di cluster (per cui si può riavviare una macchina alla volta senza interrompere il servizio), però non dover impiegare uno o più sistemisti una volta al mese per farlo è un discreto guadagno Occhiolino
    non+autenticato
  • > interrompere il servizio), però non dover
    > impiegare uno o più sistemisti una volta al mese
    > per farlo è un discreto guadagno
    >Occhiolino

    Vero, che spreco costringere sti sistemisti a spegnere unreal per andare a riavviare i serverA bocca aperta
    non+autenticato
  • ...col mio Mac A bocca aperta

    Saluti & Buone Patch, avete di che passare la serata Rotola dal ridere
    ruppolo
    33146
  • Operazione conclusa in circa cinque minuti ...

    ... con il netbookA bocca aperta
  • Confermato. Anche io, tra downoload e installazione neanche 10 minuti.
    Mac? No grazie.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Se PDpiuL uguale PDmenoL allora Luguale0
    > Confermato. Anche io, tra downoload e
    > installazione neanche 10
    > minuti.
    > Mac? No grazie.

    Con windows 7 ho scaricato ora 26 mega di patch. Ora però ho il terrore di loggarmi con l'account guest ... mi cancellerà i dati?
    non+autenticato
  • dio mio è successo davvero

    ho fatto il login con windows seven con l'account guest e ho perso tutti i miei dati

    erano oltre 480 gb di film porno
  • Così impari!
    Windows 7 ti vuole così bene che non ti fa diventare ciecoA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Se PDpiuL uguale PDmenoL allora Luguale0
    > Confermato. Anche io, tra downoload e
    > installazione neanche 10
    > minuti.
    > Mac? No grazie.

    Se ne hai uno in più e non sai cosa fartene ricordati che ci sono io disponibile eh Sorride
    non+autenticato
  • Non me ne sono neppure accorto. Solo al momento di spegnersi mi ha detto che si stava aggiornando.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > ...col mio Mac A bocca aperta
    >
    > Saluti & Buone Patch, avete di che passare la
    > serata
    > Rotola dal ridere

    Eh ma la debolezza di Mac è più grave.



    Sì, sono ironico. (Al primo che parla di HDD formattati: con quei buchi - e tanto di exploit pubblici - un PC si formatta tranquillamente. Ma mooolto tranquillamente. Addirittura puoi chiuderlo in una botnet per 3-4 mesi, senza che l'utonto se ne accorga, e poi cancellare tutto.)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Utente non loggato
    > - Scritto da: ruppolo
    > > ...col mio Mac A bocca aperta
    > >
    > > Saluti & Buone Patch, avete di che passare la
    > > serata
    > > Rotola dal ridere
    >
    > Eh ma la debolezza di Mac è più grave.
    >
    >
    >
    > Sì, sono ironico. (Al primo che parla di HDD
    > formattati: con quei buchi - e tanto di exploit
    > pubblici - un PC si formatta tranquillamente. Ma
    > mooolto tranquillamente. Addirittura puoi
    > chiuderlo in una botnet per 3-4 mesi, senza che
    > l'utonto se ne accorga, e poi cancellare
    > tutto.)

    Pensa che invece a snow leopard basta il guest per formattare!
    non+autenticato
  • Forse anche punto-informatico sbaglia,spara la notizia a tutta pagina e poi infila in fondo la notizia,tra l'altro gravissima,su leopard.
    Sarebbe ora di smetterla con questa mitizzazione dei prodotti apple,
    sono delle vere e proprie ciofeche e costano pure molto,ma contenti voi che li comprate contenti pure noi che usiamo il pinguino.
    non+autenticato
  • Ricordo che sin dai tempi del mitico Amiga cominciarono a girare i primi virus. Possibile che non si possa più vivere in pace? Siamo sempre tempestati da malaware e codici maligni; creati da chi, non si sa (si può solo congetturare). Poi, mi domando, a che pro? Ormai si vive, non tanto con l'incubo di trovarsi la macchina infettata (difficile per il mio Mac), tanto quanto perdere continuamente tempo stando dietro ai rattoppi delle software-house.

    Luigi
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 14 ottobre 2009 19.26
    -----------------------------------------------------------
  • E' il business degli Antivirus
    non+autenticato
  • - Scritto da: devenali
    > Ricordo che sin dai tempi del mitico Amiga
    > cominciarono a girare i primi virus. Possibile
    > che non si possa più vivere in pace?

    Certo che si puo' vivere in pace.
    Per non prendere i virus e' sufficiente non fare il bagno nelle fogne e non bere il liquame medesimo.

    Tu hai mac, io ho linux, noi siamo a posto.

    Chi invece insiste con lo stare immerso nella fogna, non deve mica lamentarsi se poi si infetta.
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: devenali
    > > Ricordo che sin dai tempi del mitico Amiga
    > > cominciarono a girare i primi virus. Possibile
    > > che non si possa più vivere in pace?
    >
    > Certo che si puo' vivere in pace.
    > Per non prendere i virus e' sufficiente non fare
    > il bagno nelle fogne e non bere il liquame
    > medesimo.
    >
    > Tu hai mac, io ho linux, noi siamo a posto.
    >
    > Chi invece insiste con lo stare immerso nella
    > fogna, non deve mica lamentarsi se poi si
    > infetta.

    Io ci sono immerso da un paio d'anni eppure nessun virus... mah, che fortunato che sono, eh? Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • IO da MS-DOS, e mai preso nulla.
    Uso un NAV + AdAware + Spybot e non installo schifezze inutili.
    Dimenticavo: installato XP nel 2002 e formattato a marzo 2008 per cambio sk madre e sk SCSI.
    Cercasi un Mac-utente che sia stato sei anni senza essere formattare....
    non+autenticato
  • Anche io vivo tranquillo, e l'ultima volta che ho piallato Windows, esclusi cambi computer, sarà stato nel 2003.

    Di computer impestati ne ho visto assai, ma tutti in mano a gente abituata a cliccare a casaccio su ogni tetta del web
  • - Scritto da: rover
    > IO da MS-DOS, e mai preso nulla.
    > Uso un NAV + AdAware + Spybot e non installo
    > schifezze
    > inutili.
    > Dimenticavo: installato XP nel 2002 e formattato
    > a marzo 2008 per cambio sk madre e sk
    > SCSI.

    Scheda SCSI? Noi l'abbiamo messa in pensione nel lontano 1997!

    > Cercasi un Mac-utente che sia stato sei anni
    > senza essere
    > formattare....

    Quasi tutti. Il Mac si formatta giusto se gli cambi il disco.
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo

    > Scheda SCSI? Noi l'abbiamo messa in pensione nel
    > lontano
    > 1997!

    c'è anche gente che lavara oltre che giocare con Iphoto torna sulla terra.
    non+autenticato
  • - Scritto da: al tappeto
    > - Scritto da: ruppolo
    >
    > > Scheda SCSI? Noi l'abbiamo messa in pensione
    > nel
    > > lontano
    > > 1997!
    >
    > c'è anche gente che lavara oltre che giocare con
    > Iphoto torna sulla
    > terra.

    Il lavoro presuppone professionalità, che richiede l'uso di tecnologie attuali, non dei tempi di Garibaldi.
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: al tappeto
    > > - Scritto da: ruppolo
    > >
    > > > Scheda SCSI? Noi l'abbiamo messa in pensione
    > > nel
    > > > lontano
    > > > 1997!
    > >
    > > c'è anche gente che lavara oltre che giocare con
    > > Iphoto torna sulla
    > > terra.
    >
    > Il lavoro presuppone professionalità, che
    > richiede l'uso di tecnologie attuali, non dei
    > tempi di
    > Garibaldi.

    Vaglielo a dire ad un cliente che ha tutti i backup su una unita' scsi esterna, che arrivi tu e gli dici che ci vogliono tecnologie attuali...

    Prima regola dell'informatica: mai toccare cio' che funziona!

    Seconda regola dell'informatica: se hai toccato qualcosa che funziona, in violazione della prima regola, sono tutti ca$$i tuoi!
  • - Scritto da: panda rossa
    > Prima regola dell'informatica: mai toccare cio'
    > che
    > funziona!

    Si, la regola per andare verso il fallimento per la strada più breve.
    ruppolo
    33146