Giorgio Pontico

Polaroid, la storia continua

Uno dei cimeli del ventesimo secolo ritorna dall'oltretomba tecnologico e punta ad un successo istantaneo. Anche con l'aiuto del digitale

Roma - Una delle novità del 2010 in materia di fotocamere sarà la Polaroid One Step Camera, una delle prime macchine fotografiche istantanee prodotte nel millennio. Un anno e mezzo dopo aver cessato la produzione di pellicole e macchine, uno dei marchi storici della fotografia sarà dissotterrato da Summit Global Group, azienda che ha acquisito la licenza di distribuzione direttamente dalla casa madre.

Si chiama invece The Impossible Project uno dei partner del progetto: l'accordo stipulato con Summit Global Group prevede l'utilizzo di una vecchia fabbrica di pellicola nei pressi di Amsterdam. Rimettere in funzione i vecchi stabilimenti è fondamentale per generare quel soffio vitale necessario alla resurrezione definitiva della Polaroid.

L'ascesa dei pixel aveva posto la parola fine sul regno delle istantanee ma, secondo i nuovi padroni, la pellicola Polaroid può ancora essere utile. "Se non puoi batterli, unisciti a loro" recita un proverbio: uno dei progetti della dirigenza attuale è proprio una fotocamera digitale dalle linee un po' vintage basata sulle vecchie Polaroid.
Proprio la commistione fra vecchio e nuovo potrebbe essere la piattaforma dalla quale la vecchia Polaroid si ritufferà nel mercato: armata di tutto punto e con in più quella fondamentale caratteristica che la contraddistingue dalle concorrenti. La stampa istantanea.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
22 Commenti alla Notizia Polaroid, la storia continua
Ordina
  • RITORNERAI + BELLA DI PRIMA
    non+autenticato
  • Ma la ripresa della fabbricazioni delle pellicole sara' per tutte le polaroid?????
    non+autenticato
  • ... non è vero che hanno seplicemente abbinato ad una vecchia Polaroid un sistema digitale vero? Se così fosse si tratterebbe di una delle più colossali stupidaggini degli ultimi 10 anni!
  • perché?
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > perché?


    E me lo chiedi pure? Che me ne faccio di un aggeggio a pellicole ultracostose! Non è un caso che le abbiano rimosse dal mercato... nessun o è disponibile a spendere 7-8 euro per un pacco da 10 fotografie quando le foto te le rivedi subito sul display della fotocamera e puoi poi condividere la foto con chi vuoi semplicemente copiando i file... Ecco avessero fatto qualche smartphone/fotocamera in grado di copiare i dati su un pen driver USB sarebbe stato molto più interessante!
  • credo che non ci sia paragone fra uno scatto "goduto" su display e una stampa su una buona carta fotografica (e non)..... sono due modi molto diversi di usufruire delle proprie foto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Petengy
    > credo che non ci sia paragone fra uno scatto
    > "goduto" su display e una stampa su una buona
    > carta fotografica (e non)..... sono due modi
    > molto diversi di usufruire delle proprie
    > foto.

    certo, ma le polaroid erano morte già prima che ci fosse il digitale proprio a causa del costo folle, immaginati adesso!
    non+autenticato
  • Mi sembra una buona idea, mi viene già voglia di acquistarla! In bocca al lupo!
    non+autenticato
  • Spesso una grossa fetta delle foto che scatto finiscono dell'HD a tempo indeterminato..... anche se cerco di archiviarle in maniera + o - sistematica finiscono praticamente in un buco nero di migliaia di scatti.
    Il problema è che spesso non si ha voglia/tempo per stamparle o farle stampare.
    Una fotocamera che risolve questo problema permettendo la stampa on-the-fly potrebbe non essere una cattiva idea.
    PS
    Avete idea dello sforzo (anche economico) che sta dietro a una buona stampa digitale fatta in casa ? fotoritocco, bilanciamento dei toni, del bianco, del contrasto, annullare eventuali dominanti, tener conto della carta utilizzata e del suo profilo colore, calibrare il monitor...ecc..ecc
    non+autenticato
  • >PS
    >Avete idea dello sforzo (anche economico) che sta dietro a una buona >stampa digitale fatta in casa ? fotoritocco, bilanciamento dei toni, del >bianco, del contrasto, annullare eventuali dominanti, tener conto della >carta utilizzata e del suo profilo colore, calibrare il monitor...ecc..ecc

    beh ma se stampi dalla Polaroid non é che ti fa fotoritocco, bilanciamento dei toni e del bianco e contrasto... la stampa e bastaSorride
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > >PS
    > >Avete idea dello sforzo (anche economico) che
    > sta dietro a una buona >stampa digitale fatta in
    > casa ? fotoritocco, bilanciamento dei toni, del
    > >bianco, del contrasto, annullare eventuali
    > dominanti, tener conto della >carta utilizzata e
    > del suo profilo colore, calibrare il
    > monitor...ecc..ecc
    >
    > beh ma se stampi dalla Polaroid non é che ti fa
    > fotoritocco, bilanciamento dei toni e del bianco
    > e contrasto... la stampa e basta
    >Sorride

    appunto .)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Petengy
    > Spesso una grossa fetta delle foto che scatto
    > finiscono dell'HD a tempo indeterminato.....
    > anche se cerco di archiviarle in maniera + o -
    > sistematica finiscono praticamente in un buco
    > nero di migliaia di
    > scatti.

    Io archivio le foto in cartelle per mese e anno, e con un buon mass renamer e un pizzico di pazienza ottengo un bell'ordine

    > Il problema è che spesso non si ha voglia/tempo
    > per stamparle o farle
    > stampare.

    Mia moglie poi le sceglie, le stampa (HP con cartucce ricaricabili) e le mette in begli album come quelli di una volta. A volte per fare prima dà il CD al fotografo.

    > Una fotocamera che risolve questo problema
    > permettendo la stampa on-the-fly potrebbe non
    > essere una cattiva
    > idea.
    > PS

    La mia stampante potrebbe anche farlo, ma per scegliere tra centinaia di foto non è pratico.

    > Avete idea dello sforzo (anche economico) che sta
    > dietro a una buona stampa digitale fatta in casa
    > ? fotoritocco, bilanciamento dei toni, del
    > bianco, del contrasto, annullare eventuali
    > dominanti, tener conto della carta utilizzata e
    > del suo profilo colore, calibrare il
    > monitor...ecc..ecc

    Questo è da perfezionisti, noi ci accontentiamo dopotutto non è che abbiamo delle grandi macchine fotografiche o velleità artisticheSorride
    Funz
    13017
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: Petengy
    > > Spesso una grossa fetta delle foto che scatto
    > > finiscono dell'HD a tempo indeterminato.....
    > > anche se cerco di archiviarle in maniera + o -
    > > sistematica finiscono praticamente in un buco
    > > nero di migliaia di
    > > scatti.
    >
    > Io archivio le foto in cartelle per mese e anno,
    > e con un buon mass renamer e un pizzico di
    > pazienza ottengo un
    > bell'ordine

    anche io

    >
    > > Il problema è che spesso non si ha voglia/tempo
    > > per stamparle o farle
    > > stampare.
    >
    > Mia moglie poi le sceglie, le stampa (HP con
    > cartucce ricaricabili) e le mette in begli album
    > come quelli di una volta. A volte per fare prima
    > dà il CD al
    > fotografo.
    >
    Mia moglie, come me, ha poco tempo per questa attività, anche perchè abbiamo letterlamente migliaia di scatti, quindi prima della stampa (che per me deve essere quasi perfetta, quindi calibrazioni varie e colori a pigamenti 6 cartucce + "film protettivo") c'è la cernita.


    > > Una fotocamera che risolve questo problema
    > > permettendo la stampa on-the-fly potrebbe non
    > > essere una cattiva
    > > idea.
    > > PS
    >
    > La mia stampante potrebbe anche farlo, ma per
    > scegliere tra centinaia di foto non è
    > pratico.

    ...non con la qualità di una polaroid (mediamente parlando e senza camera-oscura-digitale a priori)
    >
    > > Avete idea dello sforzo (anche economico) che
    > sta
    > > dietro a una buona stampa digitale fatta in casa
    > > ? fotoritocco, bilanciamento dei toni, del
    > > bianco, del contrasto, annullare eventuali
    > > dominanti, tener conto della carta utilizzata e
    > > del suo profilo colore, calibrare il
    > > monitor...ecc..ecc
    >
    > Questo è da perfezionisti, noi ci accontentiamo
    > dopotutto non è che abbiamo delle grandi macchine
    > fotografiche o velleità artistiche
    >Sorride

    su questo hai ragione ..... è il mio difettoOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Petengy

    > Avete idea dello sforzo (anche economico) che sta
    > dietro a una buona stampa digitale fatta in casa
    > ? fotoritocco, bilanciamento dei toni, del
    > bianco, del contrasto, annullare eventuali
    > dominanti, tener conto della carta utilizzata e
    > del suo profilo colore, calibrare il
    > monitor...ecc..ecc

    mah... carichi l'immagine in Picasa, premi il tasto "Auto Color" e poi "Auto Contrast", poi invii l'immagine a un service di stampa online e aspetti che qualcuno ti porti a casa le stampe, direi che ottenere una stampa di buona qualità non è mai stato così facile e veloce!
    (calibrare il monitor e farsi il bilanciamento colore da soli è solo controproducente per il 99,9% degli utenti e dei monitor in circolazione)
    non+autenticato
  • Quale parte della frase: "...stampa digitale fatta in casa....." non hai capito ?

    ;)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)