Claudio Tamburrino

Mozilla: così si coglie la prima Mela

Il Ballot Screen proposto da Microsoft all'UE nel caso antitrust prevede i browser principali posizionati in ordine alfabetico. Secondo Mozilla avvantaggerebbe Safari, il meno adatto a Windows

Roma - Mozilla interviene non ufficialmente sul Ballot Screen proposto da Microsoft per superare le critiche dell'antitrust europeo e slegare IE dalla vendita di Windows. E critica l'ultima soluzione adottata perché avvantaggerebbe Apple.

La soluzione del Ballot Screen sembra ormai accettata e tramite di esso si potrà scegliere il software di navigazione preferito e predefinito. Resta dunque da scegliere che principio adottare per presentare le alternative. Un prima proposta di Microsot prevedeva di usare come caratteristica rilevante il market share dei browser, ma la soluzione è stata bocciata perché IE sarebbe rimasta la prima scelta, mantenendo così i vantaggi della sua "posizione dominante". Così Redmond ha proposto il più imparziale ordine alfabetico.

"È la peggiore opzione possibile - ha commentato in un post Jenny Boriss, user experience designer di Firefox - Un utente non può compiere la scelta basandosi su un logo e due frasi".
Già il Ballot Screen così concepito, secondo Boriss, continuerebbe ad avvantaggiare IE: per adottare un browser diverso sarà necessaria un'installazione, processo lungo che scoraggerebbe i più (tanto che riporta una statistica per cui solo il 57 per cento degli utenti che hanno scaricato Firefox hanno poi completato l'installazione).

Inoltre, continua, non fornendo ulteriori informazioni "la scelta più facile sarà fra il familiare IE e Safari, il primo della lista". Presentando vari studi Boriss afferma infatti che si tende con più facilità a scegliere il primo risultato, accolto come una proposta preferenziale.

Sarebbe questo il maggiore difetto della soluzione scelta: "Safari non rappresenta una esperienza ideale su Windows, tanto da essere tra i quattro principali browser quello con un market share minore fra gli utenti del sistema operativo Microsoft (il 2,6 per cento)". Per Boriss inoltre "Safari è un buon browser solo su computer Apple": non avrebbe sostenuto gli sforzi necessari a migliorarsi anche sugli altri sistemi operativi.

Mettere come scelta primaria (apparentemente preferenziale) Safari dunque comprometterebbe la navigazione degli utenti spinti alla scelta dall'adozione dell'ordine alfabetico nel Ballot Screen.

Boriss, quindi, avanza tre alternative: la prima prevede di disporre i cinque browser casualmente ad ogni primo avvio, la seconda propone di ordinarli per market share con l'eccezione di IE posto come ultimo e quindi Firefox primo grazie al suo 25 per cento circa di preferenze. L'ultima alternativa prevede elementi delle due precedenti: disposizione casuale ma con la possibilità di essere la prima scelta direttamente proporzionale alla percentuale di quota di mercato (sempre con l'eccezione di IE).

Il commento, in ogni caso, non rappresenta la posizione ufficiale di Mozilla che avrà comunque tempo fino al 9 novembre per esprimere le proprie impressioni alla commissione UE incaricata di valutare la soluzione da adottare.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàUE: con Microsoft faremo la pace Le modifiche proposte al ballot screen per la scelta del browser sembrano soddisfare il Commissario Kroes. Ora passeranno al vaglio del pubblico, ma le autorità si dicono fiduciose
  • AttualitàDue Windows tutti nuovi Microsoft presenta alla stampa italiana le nuove release dei suoi OS desktop e mobile. Parola d'ordine: esperienza di utilizzo, non solo software. E occhi aperti sulla concorrenza
  • BusinessUE, l'antitrust vuol chiudere il caso MicrosoftLa responsabile dell'ufficio antitrust vorrebbe risolvere ciò che è in sospeso prima della fine del suo mandato. La fine degli scontri europei per il colosso di Redmond?
100 Commenti alla Notizia Mozilla: così si coglie la prima Mela
Ordina
  • Siccome qua c'è gente che ancora non ha capito cosa vuol dire posizione dominante, la soluzione sarebbe molto molto semplice...
    OEM non preinstallato, ma su cd autoinstallante da consegnare a chi acquista la licenza... difficile? Si fa si fa, e che non fa comodo alla ms...

    Ora x cortesia evitiamo di dire che win costa 7 euro, xche sappiamo tutti che ms pur di rimanere in vetta regala tutto (per poi rompere i coglioni dopo), sia in via "preinstallato" che in via "craccato"
    non+autenticato
  • si affacciasse nel mercato dei browser e fosse disponibile per Windows, non ci sarebbe un indubbio vantaggio degli "inclusi" all'interno del ballot screen e a danni del neo entrato?
    non+autenticato
  • Riferimenti a Rockmelt? In ogni caso su questo pienamente d'accordo. basta mettere le opzioni, basta lasciar scegliere.
    non+autenticato
  • Ben venuti al pateticCenter: By Mozilla
    non+autenticato
  • LOL

    - Scritto da: Ivan
    > Ben venuti al pateticCenter: By Mozilla
    non+autenticato
  • "Boriss, quindi, avanza tre alternative: la prima prevede di disporre i cinque browser casualmente ad ogni primo avvio, la seconda propone di ordinarli per market share con l'eccezione di IE posto come ultimo e quindi Firefox primo grazie al suo 25 per cento circa di preferenze. L'ultima alternativa prevede elementi delle due precedenti: disposizione casuale ma con la possibilità di essere la prima scelta direttamente proporzionale alla percentuale di quota di mercato (sempre con l'eccezione di IE)."

    Insomma qualsiasi cosa purché Mozilla finisca prima. Non gli va bene NIENTE, quando l'unica cosa giusta sarebbe che Microsoft facesse il cavolo che gli pare con il proprio OS, esattamente come fa Apple, e poi gli utenti decidessero secondo coscienza. Se decidono IE, facciamocene una ragione.
  • > quando l'unica
    > cosa giusta sarebbe che Microsoft facesse il
    > cavolo che gli pare con il proprio OS,
    > esattamente come fa Apple, e poi gli utenti

    eh, no. MS è tenuta, come tutti, a rispettare le regole antitrust. Lei, in particolare, non può fare quel che vuole con il proprio OS perché altrimenti rischia di abusare (comportamento già comprovato in passato) della propria posizione dominante. È ben diverso.
    pippuz
    1258
  • - Scritto da: pippuz

    > eh, no. MS è tenuta, come tutti, a rispettare le
    > regole antitrust. Lei, in particolare, non può
    > fare quel che vuole con il proprio OS perché
    > altrimenti rischia di abusare (comportamento già
    > comprovato in passato) della propria posizione
    > dominante. È ben
    > diverso.

    eh no! quai la faccenda è ben diversa. la comunità sta acclamando una soluzione proposta da Microsoft per accontentare l'antitrust UE che è fondamentalmente un NON CASO. Microsoft non sta abusando di alcuna posizione dominante, se per tale s'intende il fatto che include nel suo sistema operativo un suo accessorio: il browser. IMHO abuserebbe della sua posizione dominante solo se impedisse all'utente di installare altri browser o impedisse agli stessi browser di impostarsi come predefiniti nel sistema operativo.

    esiste tutto questo? risposta: no! Firefox ha accumulato una quota di mercato ai danni di IE nonostante il presunto abuso di posizione dominante. e buona parte della fetta di mercato, Mozilla la deve esclusivamente a versioni di FF per sistemi Windows.

    domanda: i produttori di altri browser (Firefox, Opera, Safari, ecc..) possono sostenere che viene impedito tecnicamente ai propri prodotti d'installarsi su OS WIndows? NO!

    allora dove sarebbe l'abuso di posizione dominante? le case automobilistiche forniscono accessori della casa madre (pneumatici, autoradio, antifurti) e nessun antitrust si è mai sognato di dire a un produttore di auto proporre al cliente durante la stesura del contratto di acquisto se vuole penumatici Firestone, Pirelli, Toyo, Michelin, ecc...

    l'antitrust europeo è casomai intervenuto per dire che la casa automobilistica non può esimersi dal concedere garanzia a quelle vetture che successivamente avessero montati pneumatici, o altri componenti essenziali della vettura prodotti dalla concorrenza, a patto che tali componenti siano analoghi alle specifiche dichiarate dalla casa madre.

    questa è la verità. io temo che in un caso molto singolare e nuovo l'antitrust abbia alla fine seguito i suggerimenti di una community molto faziosa. ed a confermare questa mia bislacca ipotesi c'è il fatto che gli unici a gridare al trionfo non siano nemmeno i consumatori (come me) ma solo i sostenitori di talune ipotesi (quelle di abuso della posizione dominante).
    non+autenticato
  • - Scritto da: petrestov

    > questa è la verità. io temo che in un caso molto
    > singolare e nuovo l'antitrust abbia alla fine
    > seguito i suggerimenti di una community molto
    > faziosa. ed a confermare questa mia bislacca
    > ipotesi c'è il fatto che gli unici a gridare al
    > trionfo non siano nemmeno i consumatori (come me)

    un utente Windows che ha nel suo sistema operativo i seguenti browser:

    IE 8 (32 e 64 bit), Firefox, Safari, Chrome (impostato come browser predefinito), Opera.

    mai avuto problemi a installare questi browser su OS Windows, o ad usarli per la navigazione (a parte gli eventuali siti web che non supportano questi browser).
    non+autenticato
  • > eh no! quai la faccenda è ben diversa. la
    > comunità sta acclamando una soluzione proposta da
    > Microsoft per accontentare l'antitrust UE che è
    > fondamentalmente un NON CASO. Microsoft non sta
    > abusando di alcuna posizione dominante, se per
    > tale s'intende il fatto che include nel suo
    > sistema operativo un suo accessorio: il browser.

    questo lo dici tu. l'antitrust UE, per la maggior parte (non sempre, se vai a vedere) supportata nelle sue opinioni dai tribunali comunitari, dice altro. come dicevano altro in passato antitrust non UE.

    > IMHO abuserebbe della sua posizione dominante
    > solo se impedisse all'utente di installare altri
    > browser o impedisse agli stessi browser di
    > impostarsi come predefiniti nel sistema
    > operativo.

    come hai sottolineato, è la tua opinione. Altri (Opera, UE, ....) hanno altre opinioni, che nel caso specifico hanno una valenza maggiore. Si può essere d'accordo o meno, ma tant'è.

    Ti faccio notare che MS abuserebbe della propria posizione dominante anche quando mettere altri produttori (di browser, in questo caso) in una posizione di svantaggio competitivo rispetto al proprio prodotto. Cosa che, imho, è legittimo pensare; non solo, è anche condiviso da chi prende le decisioni finali.

    > esiste tutto questo? risposta: no! Firefox ha
    > accumulato una quota di mercato ai danni di IE
    > nonostante il presunto abuso di posizione
    > dominante
    . e buona parte della fetta di
    > mercato, Mozilla la deve esclusivamente a
    > versioni di FF per sistemi
    > Windows.

    so what? questo non significa che MS, forte della propria quota nei SO non attui una politica atta a svantaggiare i propri competitor. Questo, l'antitrust UE e altri, lo hanno ritenuto una pratica che rispecchia l'abuso di posizione dominante.

    > domanda: i produttori di altri browser (Firefox,
    > Opera, Safari, ecc..) possono sostenere che viene
    > impedito tecnicamente ai propri prodotti
    > d'installarsi su OS WIndows?
    > NO!

    possono sostenere che hanno uno svantaggio competitivo alla partenza dato dalle politiche commerciali di MS? imho, e non solo mio, si.

    > questa è la verità. io temo che in un caso molto
    > singolare e nuovo l'antitrust abbia alla fine
    > seguito i suggerimenti di una community molto
    > faziosa. ed a confermare questa mia bislacca
    > ipotesi

    ben detto, è un'ipotesi bislacca. A bocca aperta

    > c'è il fatto che gli unici a gridare al
    > trionfo non siano nemmeno i consumatori (come me)
    > ma solo i sostenitori di talune ipotesi (quelle
    > di abuso della posizione dominante).

    nessuno grida al trionfo, si può soltanto accettare la decisione.
    E poi: essendo tu consumatore, rappresenti l'opinione dei consumatori? è come dire: essendo io italiano, rappresento l'opinione degli italiani.
    pippuz
    1258
  • - Scritto da: pippuz

    > > esiste tutto questo? risposta: no! Firefox ha
    > > accumulato una quota di mercato ai danni di IE
    > > nonostante il presunto abuso di posizione
    > > dominante
    . e buona parte della fetta di
    > > mercato, Mozilla la deve esclusivamente a
    > > versioni di FF per sistemi
    > > Windows.
    >
    > so what? questo non significa che MS, forte della
    > propria quota nei SO non attui una politica atta
    > a svantaggiare i propri competitor. Questo,
    > l'antitrust UE e altri, lo hanno ritenuto una
    > pratica che rispecchia l'abuso di posizione
    > dominante.

    ma quali sarebbero questi abusi, di grazia? io vorrei saperlo. si è appurato che altri browser si possono installare su Windows senza problemi; è un dato di fatto che un competitor, nonostante questi famigerati abusi e trovandosi in una quantomeno dubbia posizione di svantaggio, ha una ragguardevole presenza nei PC mondiali e il suo trend è in costante crescita da anni, mentre un altro produttore di browser ha da poco stretto un accordo con SONY per portare il suo prodotto sui piccì del produttore hw (stiamo parlando sempre di piccì con Windows).

    Domanda: quali sarebbero questi abusi? quelli perpetuati contro Netscape ormai tantissimo tempo fa? 1 netscape era a pagamento e IE era gratuito. oggi la situazione è la seguente: quasi tutti i browser sono gratuiti e traggono i loro ricavi da fonti diverse (Firefox si fa pagare per includere i motori di ricerca nella sua search bar).

    ancora una volta: quali sarebbero gli abusi di posizione dominante perpetuati da Microsoft e tali da produrre "svantaggi competitivi" nei produttori di altri browser (tra cui ci sarebbero tra gli altri una tale Apple e un'altrettanto tale Google)?

    se non rispondi dettagliatamente e circostanziatamente a queste domande vuol dire che sei tutto "chiacchiere e browser" per fare una citazione cinematografica.
    non+autenticato
  • > ma quali sarebbero questi abusi, di grazia?

    te l'ho ripetuto io in mille salse, lo si ripete da anni: se proprio non lo vuoi capire, non è certo per colpa mia. Tuttavia, te lo riscrivo per l'n-esima volta:

    Internet Explorer è legato al sistema operativo dominante di Microsoft, e questo fornisce alla società un vantaggio sleale sugli altri browser.

    Tu non ci vedi un problema, (molti) altri si. Appellati all'UE, se ritieni il caso.
    pippuz
    1258
  • - Scritto da: pippuz
    > > ma quali sarebbero questi abusi, di grazia?
    >
    > te l'ho ripetuto io in mille salse, lo si ripete
    > da anni: se proprio non lo vuoi capire, non è
    > certo per colpa mia. Tuttavia, te lo riscrivo per
    > l'n-esima
    > volta:
    >
    > Internet Explorer è legato al sistema operativo
    > dominante di Microsoft, e questo fornisce alla
    > società un vantaggio sleale sugli altri browser.

    ma nulla vieta a me come ad altri di usare browser alternativi, né sono mai stati impediti accordi tra i produttori di browser e i vendor di computer per introdurre altri browser sui sistemi operativi MS. quindi si è colpito MS per il solo fatto di avere realizzato un browser per il suo diffusissimo OS e non per il fatto di aver abusato della sua posizione dominante frenando la concorrenza. e forse perché moltissimi anni fa con questa mossa fece fuori Netscape (browser a pagamento). Da molti anni la situazione è diversa e ancora prima del ballot screen il mercato dei browser per Windows è diventato contendibile (Firefox docet).
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippuz
    > Internet Explorer è legato al sistema operativo
    > dominante di Microsoft, e questo fornisce alla
    > società un vantaggio sleale sugli altri browser.
    Il volante della BMW è legato all'automobile BMW e questo
    fornisce alla società un vantagglio sleale sugli altri volanti
    :DA bocca apertaA bocca aperta
  • [Click sull'icona di Exploder]
    Shiba
    3620
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)