Giorgio Pontico

Google a scuola di musica

Non c'è nulla di ufficiale ma il tam tam della Rete prevede un prossimo rilascio di un servizio musicale targato BigG. Per il momento solo negli USA

Roma - "Il lancio di Google Audio è imminente". La Rete è in fermento: BigG sembra seriamente intenzionata ad allungare l'ennesimo tentacolo. Stavolta la preda dovrebbe essere la musica e i nei Labs si starebbe lavorando duramente per carpirne ogni nota.

Stando a quanto si legge su TechCrunch, il paventato servizio musicale di Mountain View non dovrebbe ricalcare quello attualmente esistente in Cina.

Non è chiaro se si tratterà di una piattaforma per la ricerca e il download di brani musicali, oppure dell'ennesimo servizio di streaming in stile Spotify. L'unica certezza è che sarà disponibile solo negli Stati Uniti, almeno inizialmente. Un'eventuale esportazione in Europa sarebbe irta di ostacoli posti sopratutto dalle differenti leggi nazionali circa la tutela del copyright.
Visti i precedenti con Google Books appare difficile pensare che i dirigenti del Googleplex non abbiano stretto almeno degli accordi informali con l'industria dei contenuti musicali, onde non ripetere un iter giuridico simile a quanto accaduto per i libri digitalizzati.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • AttualitàYahoo! Music va con tutti Niente più ostracismi per i competitor. Come a dire che sul web c'è spazio per tutti. Social e fair play le parole chiave del rinnovato servizio di Sunnyvale
  • BusinessGoogle Cina, musica per le masseUn motore di ricerca per brani da scaricare gratis. E legalmente. La Grande G ha firmato con le major: per rosicchiare il mercato del search ai colossi della Repubblica Popolare darà ai netizen quello che vogliono ascoltare
  • AttualitàAlla Cina la musica non suona beneAnnunciata una nuova forma di controllo e approvazione per i brani stranieri forniti in Rete. Le major sorridono, Google e Baidu meno
3 Commenti alla Notizia Google a scuola di musica
Ordina