Dragon Chip II, 64 bit made in China

Per contribuire alla lunga marcia per l'indipendenza dal dominio tecnologico occidentale, la Cina ha costruito anche il suo primo processore a 64 bit destinato ai server di fascia bassa e ai sistemi a basso consumo

Pechino (Cina) - Dopo aver introdotto sul mercato il suo primo processore commerciale a 32 bit, il cosiddetto "Dragon Chip", la Cina è ora pronta ad offrire alla propria industria hi-tech una CPU a 64 bit che possa competere più efficacemente con gli standard tecnologici che guidano il mercato globale dei microchip.

Il nuovo processore, chiamato Godson-2 (che in cinese significa "drago"), è stato progettato da BLX IC Design, una delle più promettenti start-up cinesi che lo scorso anno ha licenziato l'architettura di Godson dall'Institute of Computing Technology, un ente di ricerca finanziato dal Governo cinese.

Il nuovo chip si baserà in larga parte sull'architettura MIPS e, nella sua prima versione, sarà in grado di funzionare ad una frequenza di clock intorno ai 500 MHz. Rispetto al suo predecessore a 32 bit, che gira a 266 MHz ed è destinato al mercato dei sistemi embedded, Godson-2 è stato progettato per il mercato dei server low-end e, in particolare, per i sistemi ultradensi a basso consumo.
Una delle caratteristiche più interessanti di Godson-2 è quella di conservare la compatibilità con il codice a 32 bit scritto per il suo predecessore: una scelta di progettazione che richiama da vicino quella intrapresa da AMD per i suoi imminenti processori a 64 bit basati sull'architettura x86-64, Opteron e Athlon64. Fra le altre caratteristiche tecniche del nuovo processore dagli occhi a mandorla si può citare l'architettura superscalare, la predizione dei salti e la cache non bloccante.

BLX, che sostiene di aver già preso contatti con alcuni dei maggiori produttori locali di server, ha intenzione di proporre il proprio chip come motore per i grid computer, reti per il calcolo distribuito spesso formate da cluster di server Linux a basso costo. Il piccolo produttore cinese sta poi cercando di creare un'alleanza di aziende interessate a collaborare allo sviluppo di nuovi progetti e di una futura evoluzione del proprio chip chiamata Godson-3: questo, a fronte di un consumo energetico circa doppio (intorno ai 10 watt) rispetto al suo diretto discendente, dovrebbe spingersi a frequenze di clock più elevate.

BLS ha già rilasciato i primi prototipi di Godson-2 ed è pronta, per l'inizio del prossimo anno, a commissionare la produzione del processore a qualche grosso chipmaker asiatico: in lizza ci sono Taiwan Semiconductor Manufacturing e Shanghaìs Semiconductor Manufacturing International.

Con la famiglia di processori Godson la Cina sta cercando, come ha già fatto nel campo dei sistemi operativi con Linux o nel campo dei media ottici con un DVD tutto suo, di conquistare una propria indipendenza tecnologica e ridurre al minimo l'acquisto di licenze e brevetti stranieri.
TAG: hw
38 Commenti alla Notizia Dragon Chip II, 64 bit made in China
Ordina
  • Stanno chiudendo con il comunismo,
    stanno opponendosi alla guerra,
    stanno facendo processori che consumano poco ,
    stanno facendo piccoli SO,
    fra poco faranno sim/emulatori di linguaggi.

    Che dire ? MI iscrivo ad un corso di taichicuan !

    Complimenti ai governanti della Cina che
    non hanno le vedute miopi dei ns. Signori:
    lo Stato DEVE
    finanziare apertamente filoni di ricerca volti
    all'utilizzo commerciale,
    sostenere la crescita di know-how locale.
    L'unica cosa positiva che ha fatot l'Italia
    è quell'accordo quadro con l'India per l'interazione
    di persone e culture dell IT.
    non+autenticato
  • Benone!! Vai in CINA allora.
    Ma poi non venire a ri-chiedere asilo in Italia se ti vogliono condannare a morte o carcerare perchè hai messo la macchina in sosta vietata o se per caso fai più di un figlio.
    Che bello il comunismo ahhh!!!
    Ciao!!
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > Benone!! Vai in CINA allora.
    > Ma poi non venire a ri-chiedere asilo in
    > Italia se ti vogliono condannare a morte o

    la condanna a morte in cina avviene SOLO se:
    1. hai ucciso volontariamente qualcuno
    2. hai tradito "la patria" (rubato miliardi, ecc)

    insomma, non ti condannano per la sosta vietata, per quella c'e' la multa come in italia...

    > carcerare perchè hai messo la macchina in
    > sosta vietata o se per caso fai più di un
    > figlio.

    in cina (due miliardi e passa di persone), il governo deve tenere un po' piu' le redini.. visto che la mentalita', fino a qualche hanno fa diceva che piu' figli avevi e piu' sembravi "sano e forte".. se il gov. non faceva una legge che dice che il primo figlio e' gratis, dal secondo paghi (e non che non ne puoi avere..), i cinesi a quest'ora stavano pure dentro casa tua..

    >   Che bello il comunismo ahhh!!!

    anche l'ignoranza non scherza..

    > Ciao!!


    ciao

    Alex
    (dalla cina da 1 anno)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Benone!! Vai in CINA allora.
    > > Ma poi non venire a ri-chiedere asilo in
    > > Italia se ti vogliono condannare a morte o
    >
    > la condanna a morte in cina avviene SOLO se:
    > 1. hai ucciso volontariamente qualcuno
    > 2. hai tradito "la patria" (rubato miliardi,
    > ecc)
    >
    > insomma, non ti condannano per la sosta
    > vietata, per quella c'e' la multa come in
    > italia...

    Sì, ma te la raccomando la certezza del Diritto in Cina.

    > > carcerare perchè hai messo la macchina in
    > > sosta vietata o se per caso fai più di un
    > > figlio.
    >
    > in cina (due miliardi e passa di persone),

    1,3 milardi circa

    Tetra Pak
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > Benone!! Vai in CINA allora.
    > > Ma poi non venire a ri-chiedere asilo in
    > > Italia se ti vogliono condannare a morte o
    >
    > la condanna a morte in cina avviene SOLO se:
    > 1. hai ucciso volontariamente qualcuno
    > 2. hai tradito "la patria" (rubato miliardi,
    > ecc)


    Sarà, ma chissà perchè i cinesi fuggono letteralmente dalla patria, quando possono.



    >
    > in cina (due miliardi e passa di persone),
    > il governo deve tenere un po' piu' le
    > redini..
    > Alex
    > (dalla cina da 1 anno)


    Da un anno in cina e non sai che sono la metà di "due miliardi e passa?". E dici a quello che l'ignoranza è brutta...
    non+autenticato
  • quelli documentati sì forse

    anonimo 1321928

    > Da un anno in cina e non sai che sono la metà di
    > "due miliardi e passa?". E dici a quello che
    > l'ignoranza è brutta...
    non+autenticato
  • Quando parti faccelo sapere: una bella festa a casa mia è assicurata!!!
    Quante ghignate!!!!
    non+autenticato
  • Non è ora di passare a qualcosa di simile ?

    http://www.f-cpu.org/

    >>Forward Agency
    Crediamo (sempre) nel progresso.

    contatti: fwdprojects@email.it
    non+autenticato
  • si ma impara prima a scrivere bene
    gli indirizzi.
    non+autenticato
  • almeno loro si sono sbattuti (e si stanno sbattendo)..

    in italia non mi sembra che ci sia qualcuno che faccia altrettanto..

    A.
    non+autenticato
  • la compatibilità binaria tra 64 e 32 bit esiste ormai da parecchi anni nell'architettura sparc di Sun
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > la compatibilità binaria tra 64 e 32 bit
    > esiste ormai da parecchi anni
    > nell'architettura sparc di Sun

    quindi ?
    non+autenticato
  • non ci rendiamo conto che siamo in mano in tutto e per tutto ad aziende americane ?
    che se facciamo arrabbiare George W. torniamo a fare i conti con le calcolatrici Olivetti ?

    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > non ci rendiamo conto che siamo in mano in
    > tutto e per tutto ad aziende americane ?
    > che se facciamo arrabbiare George W.
    > torniamo a fare i conti con le calcolatrici
    > Olivetti ?
    >

    Beh... che pretendi?
    persino chi ci governa non capisce questa cosa fondamentale.... ed infatti la PA e' in mano a Winzozz che e' appunto americano..

    Bah... io non vedo grandi soluzioni.... se non cambiare la testa dei politici... quindi non ci sono proprio speranze. -_-'
  • - Scritto da: Anonimo
    > non ci rendiamo conto che siamo in mano in
    > tutto e per tutto ad aziende americane ?
    > che se facciamo arrabbiare George W.
    > torniamo a fare i conti con le calcolatrici
    > Olivetti ?
    >

    ST microeletronics è Italiana ed è il terzo produttore di chip al mondo......
    nop
    563
  • franco-italiana (francese prima che italiana)
    non+autenticato

  • > ST microeletronics è Italiana ed è il terzo
    > produttore di chip al mondo......

    li costriusce, ma non mi risulta che abbia sviluppato o stia sviluppando processori proprietari
    non+autenticato
  • Kiro è una gpu ma è tutta loro

    ciaouz
    Dario

    - Scritto da: Anonimo

    > li costriusce, ma non mi risulta che abbia
    > sviluppato o stia sviluppando processori
    > proprietari
    non+autenticato
  • - Scritto da: Anonimo
    >
    > > ST microeletronics è Italiana ed è il
    > terzo
    > > produttore di chip al mondo......
    >
    > li costriusce, ma non mi risulta che abbia
    > sviluppato o stia sviluppando processori
    > proprietari

    E' vero processori x86 compatibili non li fà anche perchè il mercato è forse troppo competitivo...

    In cina probabilmente lo stato sarà costretto a comprare questo processore mentre in Italia dobbiamo garantire il libero mercato

    Ad oggi non mi sento di condannare una società perchè non si è schierata contro il duopolio Intel/AMD...

    ciao
    nop
    563
  • - Scritto da: nop
    > ST microeletronics è Italiana ed è il terzo
    > produttore di chip al mondo......

    Ma non ha un suo sito?
    non+autenticato
  • io ho 5 calcolatrici olivetti, tra meccaniche ed elettriche, dagli anni 40 agli anni 70, e funzionano egregiamente, non riesco però ad installare colin mcrae rally 3
    non+autenticato

  • - Scritto da: Anonimo
    > non ci rendiamo conto che siamo in mano in
    > tutto e per tutto ad aziende americane ?
    > che se facciamo arrabbiare George W.
    > torniamo a fare i conti con le calcolatrici
    > Olivetti ?
    >

    Hai ragione!
    Ora diamo tutto in mano a aziende cinesi!

    cosi appena possono si mettono a censurare tutto!
  • come fa anche il resto del mondo, italia compresa?
    - Scritto da: TaGoH
    >
    > - Scritto da: Anonimo
    > > non ci rendiamo conto che siamo in mano in
    > > tutto e per tutto ad aziende americane ?
    > > che se facciamo arrabbiare George W.
    > > torniamo a fare i conti con le calcolatrici
    > > Olivetti ?
    > >
    >
    > Hai ragione!
    > Ora diamo tutto in mano a aziende cinesi!
    >
    > cosi appena possono si mettono a censurare tutto!
    non+autenticato
  • Ottimo il discorso palladium-compliant... ma non distogliamo lo sguardo da quello che sta facendo la cina....
    Si sta' chiudendo... Sta chiudendo sempre di piu' il suo mercato in una situazione insostenibile.
    Non esiste per l'economia mondiale uno stato che fa solo export...
    La cina ha sempre puntato su questa filosofia commerciale... e anche nel campo IT non e' da meno.

    Inoltre la cina non mi sembra un esempio di liberta'... quindi in futuro potrebbe creare qualche alter-ego di palladium... chissa'...


  • Concordo. E ti diro'... Ho meno paura di una cpu-palladium (che dichiara apertamente al mondo di essere tale e come funziona), piuttosto che il chip (non dichiaratamente palladium o qualcosa di similie), espressione di un paese che chiude l'accesso a siti internet "scomodi".
    non+autenticato

  • - Scritto da: X-CASH
    > Ottimo il discorso palladium-compliant... ma
    > non distogliamo lo sguardo da quello che sta
    > facendo la cina....
    > Si sta' chiudendo... Sta chiudendo sempre di
    > piu' il suo mercato in una situazione
    > insostenibile.
    > Non esiste per l'economia mondiale uno stato
    > che fa solo export...
    > La cina ha sempre puntato su questa
    > filosofia commerciale... e anche nel campo
    > IT non e' da meno.

    non e' questione di chiusura. il problema in cina e' che ci sono troppe persone, il gov. cinese deve in qualche modo garantire un tasso di disoccupazione che sia il piu' possibile vicino allo zero. Percio' deve aumentare il numero di aziende al suo interno, e per far questo, aumentano le tasse dei prodotti importati, questo permette all'economia locale di funzionare quel tanto che basta per poi diventare competitiva anche sul campo estero. Inoltre il gov. cinese offre bassi costi alle aziende estere che vogliono "investire" in cina, sviluppando una economia locale che puo' sopravvivere anche senza l'auito da "fuori". Questa e' la mentalita' cinese, il loro stato deve essere indipendente dagli altri, deve poter sopravvivere anche senza l'aiuto/l'importazione di prodotti dall'estero. In realta', qui c'e' pieno di cose provenienti dall'italia, francia, germania e altri stati. qui la gente compra i nokia come da noi, compra ibm, ha windows.. (anche se linux qui se la tira parecchio.. installato di base su praticamente il 98% dei PC).

    >
    > Inoltre la cina non mi sembra un esempio di
    > liberta'... quindi in futuro potrebbe creare
    > qualche alter-ego di palladium... chissa'...

    non credo che interessi a loro controllare. se stessi qui (in cina) da abbastanza tempo (io sono qua da 1 anno, lavoro per una ditta cinese, conosco altri italiani che son qua da molti anni), capiresti che il gov. cinese vuole solo offrire stabilita', pace e offrire un livello di vita buono, ma per far questo, deve tenere controllato tutto (2.5 miliardi di persone non sono i 58 milioni di italiani). 20 anni fa, quando erano ancora sotto l'imperatore, la gente non aveva da mangiare, al max una ciotola di riso quando erano fortunati.. ora invece le cose stanno andando meglio, forse non per tutti, ma almeno ci stanno provando, e per far questo, devono rallentare la crescita demografica, mantenere il tasso di cambio a livelli buoni, far crescere l'economia locale, produrre abbastanza cibo per tutti (importarlo vorrebbe dire aumentarne il prezzo).

    Controllano e oscurano i siti scomodi per evitare eventuali "Rivoluzioni" e tentativi di destabilizzazioni (ad oggi io non ne ho ancora beccato uno di siti oscurati). Non dico che facciano bene (o male), dico solo che qui la mentalita' e' molto diversa, imparare a capire le differenze culturali invece che giudicarle farebbe bene a chiunque..

    Tornando al discorso del processore, credo che facciano benissimo a offrire sul mercato qualcosa di loro e a bassissimo costo (perche' questa e' la loro mentalita') per il mercato cinese. Non credo verra' mai commercializzato fuori dalla cina, almeno per le prime versioni, ma almeno impareranno a produrne di migliori, aumentando il know-how locale e aumentando i posti di lavoro..

    Alex
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)