Claudio Tamburrino

Norvegia: Kindle deve voltare pagina

I consumatori protestano contro lacci e lacciuoli dei sistemi DRM. In passato avevano giÓ fatto efficacemente pressione su Apple per i vincoli dell'ecosistema iTunes

Roma - L'Associazione dei consumatori norvegese Forbrukerradet attacca le condizioni di utilizzo di Kindle.

Come già nel 2006 aveva fatto nei confronti di Apple e dei file musicali acquistati tramite iTunes, così ora critica l'utilizzo da parte di Amazon dei sistemi DRM: tali meccanismi violerebbero numerose disposizioni in materia di protezione dei consumatori.

Secondo i rappresentanti dei cittadini le misure DRM, infatti, legano i prodotti acquistati ad un supporto specifico (allora iTunes a iPod, oggi Amazon a Kindle), limitando così la libertà di scelta del consumatore, sancita dalla legge.
Ma oltre a questo l'associazione critica il controllo mantenuto da Amazon, in particolare la possibilità, già utilizzata, di riservarsi il diritto di terminare il servizio in caso di violazione dei termini della licenza da parte dell'utente: "Non è accettabile - afferma il vertice dell'associazione Jans Marius Graasvold - che un cliente possa non avere più accesso ai giornali e ai libri legittimamente acquistati perché sospettato, per esempio, di aver fatto una copia in violazione del copyright".

Inoltre non sarebbe accettabile, continuano i rappresentati dei consumatori, che Amazon possa cambiare in ogni momento e senza preavviso le condizioni contrattuali: opzione comunemente prevista in numerosi ordinamenti ma non, secondo l'associazione, quello norvegese. Sarebbe inoltre inaccettabile il fatto che Amazon renda difficile produrre copie di backup per i lavori regolarmente acquistati, che la garanzia duri un massimo di due anni e che l'azienda possa "cambiare o modificare" i libri in circolo nell'ecosistema di Kindle.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàNorvegia: illegale il DRM di AppleDecisione storica del garante dei consumatori: le restrizioni sui brani acquistati su iTunes violano le leggi norvegesi, e Apple deve cambiar strada. DovrÓ abbandonare il DRM, cambiarlo o finire sotto processo
  • AttualitàSteve Jobs: se potessi cancellerei il DRMIl CEO di Apple fa il punto sulle tecnologie anticopia e afferma: non prendetevela con la Mela, sono le major a dettare le condizioni. Intanto in Italia Altroconsumo denuncia il DRM di Apple: viola i diritti dei consumatori
  • AttualitàContrappunti/ La spada digitale di M. Mantellini - Sulla testa delle major ne pende come quella di Damocle, fatta per˛ di bit. Se riusciranno ad addomesticare le proprie preoccupazioni, il futuro per loro e per i loro clienti non potrÓ che essere radioso
  • Diritto & InternetNorvegia, il provider filtri la BaiaTelenor, maggior ISP del paese, si era rifiutato di impedire l'accesso a The Pirate Bay. L'industria dei contenuti l'ha portato in aula: deve filtrare e ne ha le possibilitÓ tecnologiche. Telenor dissente
4 Commenti alla Notizia Norvegia: Kindle deve voltare pagina
Ordina
  • Come l'iphone, il kindle è un bell'oggetto tecnologicamente parlando, ma ha un'impostazione totalmente blindata e ha funzionalità limitate a quello che il produttore ha deciso di permettere.

    Personalmente non comprerò mai un apparecchio castrato nelle sue potenzialità, fosse anche il più bel giocattolo della Terra.
    Funz
    12980
  • Usate il Cybook Gen 3...è una bomba!!!!
    non+autenticato
  • Questi oggetti sarebbero una bomba, ma attualmente (prezzo a parte) sono inutili per le categorie che ne avrebbero veramente bisogno: studenti, professionisti, studiosi in generale.
    Tutti quelli che hanno a che fare ogni giorno con dei mallopponi da 1000 pagine.
    Il problema sta nella diagonale dello schermo. Tutti i libri tecnico/scientifici sono di taglia larga, hanno una diagonale di piu' di 20 centimetri.
    Ergo servono almeno 9/10 pollici, e dico almeno.
    Finche si rimane attorno ai 5"/6" vanno bene solo per romanzetti.
    Baratterei i wireless e il jack, i quali non servono a un ca**o, per quei 4 pollici in piu.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andrea P
    > Questi oggetti sarebbero una bomba, ma
    > attualmente (prezzo a parte) sono inutili per le
    > categorie che ne avrebbero veramente bisogno:
    > studenti, professionisti, studiosi in
    > generale.
    > Tutti quelli che hanno a che fare ogni giorno con
    > dei mallopponi da 1000
    > pagine.
    > Il problema sta nella diagonale dello schermo.
    > Tutti i libri tecnico/scientifici sono di taglia
    > larga, hanno una diagonale di piu' di 20
    > centimetri.
    > Ergo servono almeno 9/10 pollici, e dico almeno.
    > Finche si rimane attorno ai 5"/6" vanno bene solo
    > per
    > romanzetti.
    > Baratterei i wireless e il jack, i quali non
    > servono a un ca**o, per quei 4 pollici in
    > piu.

    E' vero, comunque da 10 c'è il dr1000s. Io mi arrangio in modalità landscape aspettando tempi migliori.
    non+autenticato