Alfonso Maruccia

Skype su Linux sarà open. Più o meno

Il software VoIP per antonomasia dovrebbe presto cambiar pelle. Mantenendo un cuore proprietario. Quanto basta, però, per scatenare la fantasia: in ballo ci sono Android, Maemo, Chrome OS. E tanti altri, tutti in attesa che si faccia la pace in tribunale

Roma - Skype per Linux si converte all'open source, per lo meno stando alle indiscrezioni circolate in rete in queste ore. Indiscrezioni che vengono invero parzialmente confermate dalla società, che ammette la propria intenzione di "trasformare Skype per Linux in un'applicazione open source nel prossimo futuro e rendere il codice sorgente dell'interfaccia utente disponibile per tutta la community".

"Si, c'è una versione open source del client Linux in via sviluppo" conferma un portavoce di Skype, dicendo che l'iniziativa sarà parte di un'offerta più ampia su cui la società non ha ancora intenzione di sbottonarsi più di tanto. Nel gioco delle indiscrezioni una cosa appare già chiara: Skype rilascerà sotto licenza open solo il codice dell'interfaccia grafica del suo software, tenendosi ben stretti i segreti del cuore del programma: vale a dire il protocollo di comunicazione VoIP noto come Global Index.

Anche stando così le cose, a ogni modo, uno Skype per Linux "quasi" open source potrebbe aprire le porte alla proliferazione di client compatibili per l'intero ecosistema del Pinguino che va dai desktop ai netbook, dagli smartphone basati su Maemo di Intel (come il recente N900 di Nokia) ai tablet, passando eventualmente per il prossimo Google Chrome OS.
E Global Index? I destini della tecnologia di proprietà di JoltID dipendono dalla causa intentata contro Skype dalla suddetta società (creata dagli ex-founder di Skype Janus Friis e Niklas Zennstrom), una causa che oramai si combatte a suon di richieste di ingiunzioni e che è sin qui riuscita nell'imbalsamare le trattative per la cessione di Skype a una "cordata" di investitori e società di capitali di ventura.

Il cuore di Skype non sarà open perché Skype è "nei guai" con la legge, anche se recenti indiscrezioni parlano di una discussione in corso tra le parti che nella migliore delle ipotesi potrebbe concludersi con un accordo extra-giudiziale e il salvataggio di capra, cavoli e VoIP. E senza che Skype debba essere obbligata a immaginarsi tecnologie alternative, dai costi probabilmente superiori a Global Index.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessSkype, è guerra apertaI fondatori chiedono un'ingiunzione preliminare contro l'ex CEO Joost: le informazioni ottenute non dovrebbero essere utilizzate nella trattativa per l'acquisto di Skype
57 Commenti alla Notizia Skype su Linux sarà open. Più o meno
Ordina
  • io spero che mettano la possibilità di inviare sms anche da linux.
    E' l'unica cosa di cui sento la mancanza.
    Se skype pensa di non guadagnare niente dagli utenti linux non capisco perché debbano essere 'privati cittadini' a svilupparle il software. E' una multinazionale! se lo faccia da sola!
    non+autenticato
  • "Skype per Linux si converte all'open source"

    Linux e' un kernel, non un sistema operativo.

    Il sistema operativo e' questo: www.gnu.org
    Chi ha inventato questo sistema operativo nel 1983 ha scelto di chiamarlo GNU quindi credo che gli articoli che si riferiscono a questo sistema dovrebbero riferirsi a GNU e non a Linux.

    Piu' precisamente sarebbe corretto chiamarlo GNU/Linux perche' il KERNEL in uso, tra i vari disponibili e' quello Linux e non quello BSD o HURD.

    http://www.gnu.org/gnu/why-gnu-linux.it.html

    Detto questo.
    Sicuramente e' un passo avanti il fatto di liberare l'interfaccia del programma ma se il protocollo che usa per comunicare rimane proprietario, che me ne faccio?

    Come posso essere sicuro che venga usato per tracciarmi o spiarmi (pratica diffusa in molti software proprietari vedi real player e company?)

    Vedi articolo di punto informatico:
    http://punto-informatico.it/2700193/PI/News/skype-...

    Esistono client voip liberi come Ekiga o QuteCom con tutto il codice sorgente disponibile e multipiattaforma.

    Vale la pena usare quelli e contribuire al loro sviluppo per migliorarli.

    Graziano Sorbaioli - sorbaioli.org

    LibrePlanet Italia
    http://groups.fsf.org/wiki/LibrePlanetItalia
    non+autenticato
  • Ancora con questa menata di Linux che è "solo" un kernel? Forse non sarà un O.S. completo ma di sicuro ne è il cuore (e quindi la componente più importante).
  • I'd just like to interject for a moment. What you're referring to as Linux, is in fact, GNU/Linux, or as I've recently taken to calling it, GNU plus Linux. Linux is not an operating system unto itself, but rather another free component of a fully functioning GNU system made useful by the GNU corelibs, shell utilities and vital system components comprising a full OS as defined by POSIX.

    Many computer users run a modified version of the GNU system every day, without realizing it. Through a peculiar turn of events, the version of GNU which is widely used today is often called Linux, and many of its users are not aware that it is basically the GNU system, developed by the GNU Project.

    There really is a Linux, and these people are using it, but it is just a part of the system they use. Linux is the kernel: the program in the system that allocates the machine's resources to the other programs that you run. The kernel is an essential part of an operating system, but useless by itself; it can only function in the context of a complete operating system. Linux is normally used in combination with the GNU operating system: the whole system is basically GNU with Linux added, or GNU/Linux. All the so-called Linux distributions are really distributions of GNU/Linux.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guru
    > I'd just like to interject for a moment.

    Ehi Guru, go back in India, maybe they'll appreciate your worthless paragraphs more.


    Cheers.
  • Penso che l'articolo si potrebbe migliorare chiamando il sistema gnu/linux dato che così si chiamaSorride e anche definendo il software sotto licenza libera, come la gpl che sta per Gnu General Public license, con opensource si intende soltanto la metodologia di programmazione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: edoardo moreni
    > Penso che l'articolo si potrebbe migliorare
    > chiamando il sistema gnu/linux dato che così si
    > chiamaSorride

    Ma piantala, si chiama Linux, se tu lo vuoi chiamare Gnu/Linux fallo, ma non cercare di imporlo agli altri.
    Lo chiamano Linux Fedora, Mandriva, Redhat, Opensuse ecc...:
    http://fedoraproject.org/wiki/Overview

    he Fedora Project builds open source software communities and produces a Linux distribution called "Fedora."

    http://www2.mandriva.com/
    More than 3 million people in the world enjoy our Mandriva Linux platform on their computer.

    http://www.opensuse.org/en/

    openSUSE is a free and Linux-based operating system for your PC, Laptop or Server.
    non+autenticato
  • Dai oggi sono buono il link dell'imbutu lo metto io
    http://www.ubuntu.com/
  • - Scritto da: Dovellas
    > Dai oggi sono buono il link dell'imbutu lo metto
    > io
    > http://www.ubuntu.com/

    Bello, l'imbuto nel suo sito non menziona in nessun posto che è "Linux". Nei pochissimi posti dove lo fa, dice "Linux" e non "GNU/Linux".

    Comunque sono d'accordo, "Linux" è il termine usato da tutti e riportato dai dizionari. "GNU/Linux" è magari la "nomenclatura scientifica" ma non esattamente il nome comunque, né si può pretendere che sia quello "corretto".


    Cordiali saluti
  • Linux e' il kernel
    Gnu/Linux il sistema operativo

    Il nome comune dipendera' dal bar del momento...
    non+autenticato
  • - Scritto da: eaman non mi ricordo il login
    > Linux e' il kernel
    > Gnu/Linux il sistema operativo

    E dimmi cosa c'è rimasto di GNU? intendo, gestito dalla Free Software Foundation. Assai poco.

    È soltanto Stallman che fa questa precisazione, ma notoriamente non lo caga quasi nessuno. A ben donde.


    > Il nome comune dipendera' dal bar del momento...

    GNU/Linux è un bar ormai chiuso da un pezzo.


    Cordiali saluti
  • Forse dicono per l'appunto Open Source per non dare false informazioni sul fatto che è sotto GPL... Sorgente aperto e licenza GPL non sono esattamente la stessa cosa.
    non+autenticato
  • opensource è soltanto il tipo di programmazione sarebbe meglio dire sotto licenza libera. L'idea iniziale di un sistema libero è parita da gnu, linux è soltanto un kernel. ritengo più opportuno chiamarlo gnu/linux è quello il suo nome e rimarrà quello per sempre. dalla fusione di due progetti abbiamo avuto un sistema libero gnu/linux.
    non+autenticato
  • Mi sa che molti qui non hanno capito cosa vuol dire questo.

    Il problema di Skype è che attualmente richiede di caricare l'infrastruttura grafica per comunicare, basandosi su QT che sono un bel pacchettone, con Xserver e compagnia, quindi in pratica limitarlo alle varie distribuzioni linux che sono una fettina limitatissima del mercato Skype.

    Se questi mi fanno una .SO compilata con il minimo di dipendenze (e sono capaci di farlo, perché esiste una versione statica di Skype) su cui è possibile attivare le normali la storia cambia completamente, per fare giusto tre esempi :

    - Portare Skype definitivamente nel mondo embedded, facendolo uscire dal computer ed entrare nei cordless e telefoni da scrivania e nei cellulari.

    - Integrarlo nativamente nell'infrastruttura dei messenger integrata dei sistemi linux (e non solo) e nel desktop come ulteriore canale di comunicazione.

    Ma il più importante è l'integrazione del protocollo nel PBX ASTERISK con possibilità di collegare le normali reti di VOIP (SIP/IAX2) con JABBER (già integrato) e quindi il mondo Google (TALK/VOICE), e SKYPE, ottenendo una convergenza di tecnologie senza eguali.

    Stiamo parlando di centralini in grado di convogliare nativamente telefonate delle reti aziendalli verso skype e da skype, (cosa che ora avviene già con Google) senza passare per le versioni proprietarie ?!?

    In pratica se è così si tratta di una completa inversione di tendenza che di fatto apre la soluzione alla concorrenza. Per l'importanza di Skype attuale nel mondo delle comunicazioni è assolutamente rivoluzionario.
    non+autenticato
  • - Scritto da: canguro di scorta

    > Se questi mi fanno una .SO compilata con il
    > minimo di dipendenze (e sono capaci di farlo,
    > perché esiste una versione statica di Skype) su
    > cui è possibile attivare le normali la storia
    > cambia completamente, per fare giusto tre esempi
    > :

    Si`, tutto bello, ma...

    > - Portare Skype definitivamente nel mondo
    > embedded, facendolo uscire dal computer ed
    > entrare nei cordless e telefoni da scrivania e
    > nei
    > cellulari.

    Mondo embedded = ARM e MIPS
    Se fanno la .so compilata solo per x86-32 non se ne fanno niente.

    Stesso problema per x32-64, PPC, ecc.

    Faranno 10 versioni della .so compilate per tutti i sistemi? Useranno la libc per accedere alla rete, e quindi terranno aggiornate le 10 versioni per le nuove major della libc?

    Faranno la .so anche per BSD?

    > - Integrarlo nativamente nell'infrastruttura dei
    > messenger integrata dei sistemi linux (e non
    > solo) e nel desktop come ulteriore canale di
    > comunicazione.

    Sperando che la tale .so abbia delle API decenti, soprattutto per la notifica di nuovi messaggi, e che non costringano a fare polling della connessione ogni tot millisecondi.

    > Ma il più importante è l'integrazione del
    > protocollo nel PBX ASTERISK con possibilità di
    > collegare le normali reti di VOIP (SIP/IAX2) con
    > JABBER (già integrato) e quindi il mondo Google
    > (TALK/VOICE), e SKYPE, ottenendo una convergenza
    > di tecnologie senza
    > eguali.

    Ecco, questo sarebbe interessante.

    Bye.
    Shu
    1232
  • - Scritto da: Shu
    > - Scritto da: canguro di scorta
    >
    > > Se questi mi fanno una .SO compilata con il
    > > minimo di dipendenze (e sono capaci di farlo,
    > > perché esiste una versione statica di Skype) su
    > > cui è possibile attivare le normali la storia
    > > cambia completamente, per fare giusto tre esempi
    > > :
    >
    > Si`, tutto bello, ma...
    >
    > > - Portare Skype definitivamente nel mondo
    > > embedded, facendolo uscire dal computer ed
    > > entrare nei cordless e telefoni da scrivania e
    > > nei
    > > cellulari.
    >
    > Mondo embedded = ARM e MIPS
    > Se fanno la .so compilata solo per x86-32 non se
    > ne fanno
    > niente.
    >
    > Stesso problema per x32-64, PPC, ecc.
    >
    > Faranno 10 versioni della .so compilate per tutti
    > i sistemi? Useranno la libc per accedere alla
    > rete, e quindi terranno aggiornate le 10 versioni
    > per le nuove major della
    > libc?
    >

    Sugli embedded hai ragione, effettivamente dovrebbero produrre la SO per ARM e MIPS e non so se sarà nel loro interesse farlo. Per il resto le libc non è cambino spesso. La vera bestia nera in Linux è il kernel, quello si che cambia ogni 2 mesi ma ciò che non è un driver di solito continua a funzionareOcchiolino

    >
    > > - Integrarlo nativamente nell'infrastruttura dei
    > > messenger integrata dei sistemi linux (e non
    > > solo) e nel desktop come ulteriore canale di
    > > comunicazione.
    >
    > Sperando che la tale .so abbia delle API decenti,
    > soprattutto per la notifica di nuovi messaggi, e
    > che non costringano a fare polling della
    > connessione ogni tot
    > millisecondi.
    >

    Eh .. .su questo hai pienamente ragione. Mi sa che per tenere su il sistema a causa del suo protocollo skype ha bisogno di tenere attivo il sistema di rete in modo da far passare i dati anche quando è IDLE.

    Per quanto riguarda asterisk, poi dopo aver scritto il commento ho cercato un po` e guarda cosa ho trovato datato 1/9

    http://share.skype.com/sites/business/2009/09/skyp...

    Bye.

    Bye.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)