Claudio Tamburrino

USA: gli ISP ci guardino dalle truffe

In un atto a tutela del mercato finanziario, disposizioni concernenti la responsabilitÓ dei provider. Se ospitano informazioni dannose al mercato e se ne hanno indizio dovranno rimuoverle

Roma - In una legge che tenta di rimediare all'attuale situazione normativa del settore finanziario rischia di annidarsi una norma che ripropone la responsabilità degli ISP sul contenuto ospitato dalle loro reti. Si tratta dell'Investor Protection Act 2009 approvato dal Comitato relatore senza tante difficoltà (41 voti contro 28): in un momento così critico per le Borse poteva quasi risultare un atto dovuto.

La legge prova a fare ordine nella materia, a dare maggiori poteri di controllo alla Securities Exchange Commission e cerca di fornire nuovi strumenti di indagine, per esempio aumentando il livello di protezione offerto alle talpe.

Ma alla pagina 92 contiene una disposizione che non è piaciuta agli operatori della rete: verrebbe riconosciuta la responsabilità degli ISP per informazioni passate sulle loro reti che possano costituire frode finanziaria, seppure di un tipo molto circoscritto. Le norme infatti fanno riferimento al ruolo della Securities Investor Protection Corporation (SIPC), gruppo che funge da garante di credibilità per i broker e che interviene nel caso di eventuali bancarotte tentando di salvare il salvabile. È successo che i truffatori si spacciassero per membri della SIPC o adottassero siti che ricalcavano omologhi dell'ufficiale: quello che si chiede agli ISP è di rendere inaccessibile tempestivamente materiale e informazioni errate o fuorvianti sulla SIPC e sui suoi siti.
La responsabilità sorgerebbe a condizione che il provider abbia conoscenza della frode in atto o nel momento in cui, una volta diventato consapevole, non abbia agito immediatamente: quel che preoccupa gli osservatori è proprio la mancanza di chiarezza sul meccanismo che effettivamente verrà adottato, in particolare se replicherà le modalità delle a volte abusate takedown notice, o se per esempio si debba sospendere il traffico anche nel caso in cui sia coinvolto un ente pubblico.

La norma inoltre rischia di aprire la via alla responsabilità dei fornitori di rete ogni volta che ci sono del materiale o degli argomenti che si vogliono mettere sotto controllo.

Il testo deve ancora passare per l'approvazione della Camera dei Rappresentati degli Stati Uniti, per cui può essere ancora discusso o modificato.

Claudio Tamburrino
TAG: Internet, USA, ISP
Notizie collegate
  • Diritto & InternetAlea ACTA est?Nessuna voce ufficiale, ma le indiscrezioni sul negoziato internazionale sul trattato contro la contraffazione scuotono la Rete
  • TecnologiaIl nuovo uTorrent aiuta gli ISPBitTorrent Inc. sostiene di aver sintetizzato la classica quadratura del cerchio, innestando tecnologie di auto-throttling della banda nei suoi client nel tentativo di far desistere i provider dalle discriminazioni a livello di infrastruttura
  • AttualitàFrancia, la ghigliottina non cala sulla leggeLe disconnessioni incombono sui cittadini francesi. Il Consiglio Costituzionale ha dato via libera alla dottrina Sarkozy. Con l'obiettivo, spiega il Presidente, di tutelare una Internet civilizzata
2 Commenti alla Notizia USA: gli ISP ci guardino dalle truffe
Ordina