Mauro Vecchio

Banda larga, multe per la velocitÓ

L'Antitrust trova fondamento nelle proteste da parte di vari utenti: Wind, Tele2 e Tiscali offrono informazioni lacunose sulle effettive velocitÓ di navigazione e sulle proprie tariffe. Uno scappellotto da 260mila euro: in totale

Roma - Erano stati per primi gli utenti a protestare, attraverso email e blog: le informazioni relative alle varie offerte da parte di alcuni operatori ADSL risultavano piuttosto scarne, soprattutto sulle velocità effettive di navigazione. E così è intervenuta l'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGCM) che, nell'ultimo bollettino settimanale pubblicato, ha fatto luce sulla situazione, risolvendola con una serie di multe a carico di Wind, Tele2 e Tiscali. Le sanzioni comminate, tuttavia, non rischiano di compromettere il futuro commerciale delle tre società telefoniche: ammontano complessivamente a 260mila euro.

L'Authority guidata da Antonio Catricalà ha dunque riconosciuto la fondatezza dei vari problemi segnalati in precedenza dagli utenti, particolarmente legati a velocità di trasferimento dati sconosciute e tariffe a consumo non brillanti nella propria chiarezza. Nel documento online di AGCM tutto questo è stato inserito sotto la voce politiche commerciali scorrette.

Si apprende che tra il dicembre 2007 e l'aprile 2009 sono arrivate 35 segnalazioni complessive, di cui 17 all'Unità Call Center istituita dall'Autorità. Ciò che emerso: una condotta scorretta di Tele2 in riferimento agli standard qualitativi di erogazione del servizio di collegamento ad Internet in modalità ADSL. "Nelle pagine relative alla propria offerta commerciale - si legge nel bollettino - Tele2 non chiarisce se la velocità dichiarata nelle proprie offerte commerciali sia quella di navigazione oppure quella di connessione, di minor rilievo per le scelte economiche del consumatore". Infine, non è chiaro se ci sia una velocità minima garantita per le varie offerte e in quali condizioni è possibile arrivare alla velocità massima. Curioso il caso di un cliente che ha spedito a Tele2 una mail sostenendo di navigare ad una velocità notevolmente inferiore a quella pubblicizzata. La risposta dell'operatore ha precisato: le statistiche di connessione per lo scambio dati del singolo cliente erano nella media.
Quindi, si è chiesta AGCM, se Tele2 possiede le informazioni sulla velocità media di navigazione, perché non le rende note ai propri clienti? C'è di più: Tele2 non avrebbe informato in maniera corretta che per le tariffe a consumo avrebbe fatturato anche il tempo in cui il router fosse rimasto acceso, a computer spento. Informazioni poco chiare e tariffe ingannevoli. Il risultato? 120mila euro di multa a Tele2, con altri 90mila comminati a Wind per motivi analoghi, ovvero aver "indotto i consumatori a ritenere di poter navigare in Internet ad una velocità particolarmente elevata, superiore a quella che molti utenti poi riescono a fornire".

Tiscali, che sembra non aver nulla da nascondere relativamente a tariffe e router, è stata anche lei multata per ribasso di velocità dall'Authority, per una cifra complessiva di 50mila euro. La stessa cifra era stata inflitta alla fine dello scorso mese, sempre da parte di AGCM: in quel caso, la motivazione era stata aver ostacolato il diritto dei propri clienti a trasferire le relative utenze presso altri operatori.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
65 Commenti alla Notizia Banda larga, multe per la velocitÓ
Ordina
  • Cavolo che bastardi... Io ho tele2 e mi trovo malissimo, viaggio a 2 mega e sono filtrato 24/24. L'unico modo per aggirare in parte i filtri è
    cambiare DNS.

    Ciao a tuttiSorride
    non+autenticato
  • Si sa che le connessioni di Tele2 fanno ridere... e di Tiscali idem... e che infostrada filtra !!!

    Se gli utenti hanno il cervello foderato con la lonza, fissati daventi a quello scatolo che si chiama televisione e rimangono abbaglati dalle pubblicità... c'è poco da fare....

    Il problema si risolve non abbonandosi ai servizi di questi operatori. Che per 4 o 5 euro al mese di risparmio, non vale la pena !!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Ginorra
    > Si sa che le connessioni di Tele2 fanno ridere...
    > e di Tiscali idem... e che infostrada filtra
    > !!!
    >
    > Se gli utenti hanno il cervello foderato con la
    > lonza, fissati daventi a quello scatolo che si
    > chiama televisione e rimangono abbaglati dalle
    > pubblicità... c'è poco da fare....
    >
    >
    > Il problema si risolve non abbonandosi ai servizi
    > di questi operatori. Che per 4 o 5 euro al mese
    > di risparmio, non vale la pena
    > !!!

    E con chi dovrei abbonarmi? Con Telecom forse?
    No grazie... l'ho abbandonata in toto 4 anni fa e sono rinato. La mia connessione non fa una piega e guarda un po' e' una delle 3 che hai citato.
    non+autenticato
  • E' palese da anni che gli operatori fanno i furbi.. 20 mega qua, 20 mega là, 8 mega sopra, 10 mega sotto.
    Alla fine tutti gli utenti si ritrovano una connessione a X mega.. navigando come se avessero una 640.. se non peggio.

    Tutti lo sanno, uno sproposito di persone protesta.. mail, raccomandate, telefonate inferocite.. risultato ZERO.
    "eehhhhh ma quella è la velocità massima mica è garantito che sia quella.. dipende dal traffico, dai server [si si certo].. "

    Qualcuno si intestardisce, si rivolge all'autorità.. E' vero, avete ragione !!! [ma va?!!]
    Brutti operatori cattivi!! Vi faccio una bella multona da.... da.... da... DUECENTOSESSANTAMILA euro DIVISO 3!?!?!?

    Ennesima presa per il culo.
    In altri paesi gli avrebbero fatto un c*lo come uan capanna.. ma del resto siamo in itaGlia... :-/
    non+autenticato
  • Perfetti gli ultimi interventi ! Grazie per aver esposto
    così bene la situazione della disponibilità di banda in Italia.

    TISCALI adesso fa un'offerta di pochi mesi
    a 5 euro di meno della precedente.
    Chi ha aderito alla precedente è stato di fatto penalizzato
    dall'adesione, perchè ora pagherebbe meno !
    Vi rendete conto come si comportano?
    Non so come spiegarlo, ma questa mi sembra condotta commerciale scorretta.
    non+autenticato
  • Se un operatore "vende" connessioni ad internet, vuol dire che deve possederne. Se un operatore annovera 500.000 utenti con connessione a 6 Mbit, vuol dire che deve averne acquistati altrettanti (500.000 * 6 Mbit = 3.000.000 Mbit). Dimostrare di averne a disposizione significa correttezza commerciale, non averne significa TRUFFA!!
    Ebbene si, TRUFFA, vendere un qualcosa che non si possiede, in Italia si chiama TRUFFA!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luigi Quintavall e
    > Se un operatore "vende" connessioni ad internet,
    > vuol dire che deve possederne. Se un operatore
    > annovera 500.000 utenti con connessione a 6 Mbit,
    > vuol dire che deve averne acquistati altrettanti
    > (500.000 * 6 Mbit = 3.000.000 Mbit). Dimostrare
    > di averne a disposizione significa correttezza
    > commerciale, non averne significa
    > TRUFFA!!
    > Ebbene si, TRUFFA, vendere un qualcosa che non si
    > possiede, in Italia si chiama
    > TRUFFA!!

    beh si, pero' anche voi che abboccate alle offerte di certi operatori ... ormai sono passati anni e dovremmo saperlo tutti che certi operatori sono peggiori di altri
    non+autenticato
  • L'articolo parla chiaro, ma non specifica una cosa importante. Cosa che nel nostro paese avviene da molto tempo, anche per uqello che riguarda tariffe/offerte telefoniche.
    E' il solito gioco di "offrire" un servizio nascondendone altri /che inevitabilmente useremo, spesso senza saperlo) a pagamento.
    Non volgio dilungarmi su tutto quello che si sono inventati in questi anni, anche perchè non basterebbe un pomeriggio intero, ma mi soffermerò su una cosa che, personalmente, ho notato già da parecchi mesi (se non qualche annetto) riguardante le famose "velocità" di navigazione offerte dai vari ISP.
    Tecnicamente parlando avviene questo: (e invito chiunque a provare)

    - Mettete a scaricare un file da un portale con un server stabile e veloce, e spesso noterete che la velocità non supera mai una certa soglia.
    - Ora mettete a scaricare 2 o 3 file contemporaneamente...
    Probabilmente ora, e solo ora, avrete raggiunto la velocità dichiarata nel vostro contratto. Questo avviene perchè (molto probabilmente) sono applicati dei limiti al singolo download. Limiti che vengono superati solo se si sommano altri download. Come dire: io ti vendo un'automobile "dichiarata" a 200Km/orari, ma li raggiungerai solo in determinate situazioni.. Ovvio che, a saperlo prima, magari qualcuno ci penserebbe prima di fare l'acquisto, senza contare chi l'automobile la usa per lavoro o comunque necessità.
    Niente di nuovo quindi... E' una delle tante fregature che subiamo a danno della collettività prima ancora che dell'utente finale, perchè ricordiamoci che non esiste solo il digital-divide dovuto a mancanza di infrastrutture... Anche quello sopra menzionato, se vogliamo, è una forma di digital-divide, forse anche peggiore e più subdola.

    Aloha!
    non+autenticato
  • bene bravo bis !!!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 14 discussioni)