Alessandro Del Rosso

Firefox, la Fenice che terrorizzò Mammona

Mozilla ha festeggiato il quinto anniversario dal rilascio di Firefox 1.0, ma la storia di questo browser è ben più antica. Affondando le sue radici nell'epoca quasi mitologica di Netscape Communicator

Roma - Lunedì la comunità di Mozilla ha festeggiato il quinto compleanno di Firefox, anniversario calcolato a partire dal rilascio della versione 1.0 del celebre browser open source. Ma più che un inizio, quel 9 novembre del 2004 rappresentò il compimento di un progetto che aveva avuto origine diversi anni prima, quando al principio del 1998 Netscape Communications fondò la Mozilla Organization, embrione dell'odierna Mozilla Foundation.

Quinto compleanno di FirefoxLe origini di Firefox passano dalla Mozilla Application Suite, ovvero dal primo browser sviluppato in seno al progetto Mozilla, affondano le loro radici in Netscape Communicator, dal cui codice nacque Mozilla Suite, e tramite Netscape possono essere fatte risalire al capostipite di tutti i web browser: NCSA Mosaic.

In un certo senso Firefox rappresenta l'importante tappa di un percorso vecchio quasi quanto lo stesso World Wide Web, un percorso che ha visto il coinvolgimento di un incalcolabile numero di sviluppatori: alcuni stipendiati ma in più larga parte volontari.
Frammenti di storia
"La bestia emergerà circondata da una densa nuvola di vendetta. La casa di chi non crede sarà distrutta e tutti loro saranno bruciati sulla Terra. I loro tag continueranno ad accendersi ad intermittenza fino alla fine dei giorni - da Il Libro di Mozilla, 12:10". Questa era la "biblica" profezia che nel 1995 gli sviluppatori di Netscape "nascosero" nella versione 1.1 del loro browser (per visualizzarla era sufficiente inserire la stringa about:mozilla nella barra degli indirizzi).

Una profezia che parla di una bestia, Netscape (il cui logo era una lucertola verde chiamata Mozilla, da qui l'invenzione del Libro di Mozilla), che avrebbe punito tutti i "miscredenti", vale a dire tutti coloro che non utilizzavano questo browser. Il succitato "versetto" fu scritto in risposta al lancio, proprio in quell'anno, di Microsoft Internet Explorer, un software che solo pochi anni più tardi avrebbe stretto all'angolo "la bestia" e spinto Netscape Communications a rilasciare il codice sorgente del proprio browser.

In quell'occasione l'about:mozilla di Netscape 6.0 venne mutato come segue: "E la bestia diventerà legione. I suoi numeri cresceranno di migliaia in migliaia. Il rintocco di un milione di tastiere come una furiosa tormenta coprirà la Terra, e i seguaci di Mammona tremeranno". È opinione diffusa che Mammona raffiguri metaforicamente Microsoft, mentre il "rintocco di un milione di tastiere" alluda al grande numero di programmatori volontari che, da lì in avanti, avrebbe contribuito a migliorare Netscape Communicator.

Ma per la società fondata da Marc Andreessen e Jim Clark le cose non andarono come sperato. Nel luglio del 2003 Time Warner (ex AOL Time Warner, che aveva acquisito Netscape alla fine del 1998) smembrò quel che rimaneva di Netscape Communications, licenziando buona parte dei suoi programmatori e consegnando lo sviluppo di Netscape ad uno staff interno. Dopo anni di agonia, e il vano tentativo di attualizzare il navigatore dalla grande "N" fondendolo con Firefox, lo storico browser è ufficialmente morto il 20 febbraio del 2008, quando AOL rilasciò l'ultimo aggiornamento a Netscape Navigator 9.
Notizie collegate
  • TecnologiaFirefox 3.6 accoglie Windows 7Mozilla ha rilasciato la prima beta di Firefox 3.6, browser che introduce il supporto parziale a Windows 7 e promette di migliorare la velocità e la reattività del predecessore
  • TecnologiaSeaMonkey 2: un po' Firefox, un po' NetscapeLa nuova versione del browser open source combina il design all-in-one del vecchio Communicator con le più recenti tecnologie di Mozilla. Ma per il momento niente versione italiana
  • SicurezzaFirefox si cura in vista del compleannoMozilla ha rilasciato versioni aggiornate di Firefox 3.5 e 3.0 che correggono oltre una decina di vulnerabilità, alcune sfruttabili per eseguire codice a distanza. Nel frattempo fervono i preparativi per il quinto genetliaco
94 Commenti alla Notizia Firefox, la Fenice che terrorizzò Mammona
Ordina
  • Nell'articolo si legge:
    > "Netscape (il cui logo era una lucertola verde chiamata Mozilla,"

    Il logo di Netscape è sempre stata la N che andava oltre un romantico orizzonte stellato e Netscape Navigator era contraddistinto da un timone.
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    Nel throbber ad un certo punto c'era un'animazione di meteore.
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Il lucertolone verde, che in realtà è rosso (era verde solo nelle primissime incarnazioni)...
    Clicca per vedere le dimensioni originali
    ...era il nome in codice del progetto Netscape. Il browser opensource derivato dal defunto Netscape 4.x si chiamava Mozilla (col lucertolone rosso come logo), di cui Firefox (ex Phoenix, ex Firebird) doveva essere un derivato alleggerito, anche se ora non è così più leggero dell'attuale Seamonkey. Mozilla è anche il nome della fondazione. Mozilla è il nome della mascotte.
    non+autenticato
  • "Mammona si svegliò, ed ecco: null’altro era se non un discepolo."

    Del Rosso la legge come:

    Parafrasando Mozilla, Internet Explorer 7 non era che un mero "discepolo" di Firefox.

    Invece potrebbe essere letta nel senso che quando Microsoft si sveglio' (troppo tardi) gli utilizzatori di Internet Explorer si erano ridotti ormai ad uno solo.
    non+autenticato
  • Chi!? Dovella?
    -
    Stando a wikipedia l'interpretazione giusta è la prima.
    ...Ma c'è una logica superiore: fino ad ora le pagine web erano fatte per adattarsi ad IE; ora è il contrario.
    non+autenticato
  • Mammon awoke, and lo! it was naught but a follower.
    ^- versione originale, è questa quella da interpretare, eventualmente.
    non+autenticato
  • Che ca**ate, sembra l'apocalisse.... tra un po' fanno la stessa fine dei messenger di yahoo e ms, una lotta all'ultimo sangue finché si complicano e si incasinano al punto che non li usa pi`u nessuno....
    non+autenticato
  • - Scritto da: Aname
    > Che ca**ate, sembra l'apocalisse....

    Ma tu pensa un po ... No, dici che abbiano fatto appostaSorpresa ?!?!?

    > tra un po' fanno la stessa fine dei messenger di yahoo e ms,
    > una lotta all'ultimo sangue finché si complicano
    > e si incasinano al punto che non li usa pi`u
    > nessuno....

    Il 2012 si avvicina, pauuuUUUuuuraDeluso !
    11237
  • Ma quello e' il Colosseo!
  • Occhio che Piazza del Popolo non è riferito alla foto, ma al video linkato nell'articolo Occhiolino

    - Scritto da: franius
    > Ma quello e' il Colosseo!
  • Allora Firefox è discepolo di Opera
    2678
  • Discepolo!?
    Io direi che e' solo una vaga imitazione.
    -
    P.S. La navigazione a schede mi pare che esista in Opera dalla versione 5
    (da una decina di anni)
    non+autenticato
  • Tutti browser alla fine fann le stesse cose.

    P.S. L'aggiornamento automatico su Firefox è presente dalla versione 1.5 cioè da circa 4 anni, mentre Opera lo ha da pochi mesi, solo da quando è stata rilasciata la versione 10.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 novembre 2009 12.42
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: gnulinux86
    > Tutti browser alla fine fann le stesse cose.
    >
    > P.S. L'aggiornamento automatico su Firefox è
    > presente dalla versione 1.5 cioè da circa 4 anni,
    > mentre Opera lo ha da pochi mesi, solo da quando
    > è stata rilasciata la versione
    > 10.
    > --------------------------------------------------
    > Modificato dall' autore il 11 novembre 2009 12.42
    > --------------------------------------------------


    peccato che si configura un account in windows con privilegi limitati
    non si aggiorna automaticamente
    e mi tocca farlo ogni volta manualmente su ogni PC
    non+autenticato
  • - Scritto da: anonimo pasticcere
    > - Scritto da: gnulinux86
    > > Tutti browser alla fine fann le stesse cose.
    > >
    > > P.S. L'aggiornamento automatico su Firefox è
    > > presente dalla versione 1.5 cioè da circa 4
    > anni,
    > > mentre Opera lo ha da pochi mesi, solo da quando
    > > è stata rilasciata la versione
    > > 10.
    > >
    > --------------------------------------------------
    > > Modificato dall' autore il 11 novembre 2009
    > 12.42
    > >
    > --------------------------------------------------
    >
    >
    > peccato che si configura un account in windows
    > con privilegi
    > limitati
    > non si aggiorna automaticamente
    > e mi tocca farlo ogni volta manualmente su ogni PC


    P.S.
    Vale anche per windows e ie
    non+autenticato
  • - Scritto da: gnulinux86
    > Tutti browser alla fine fann le stesse cose.

    Diciamo che le buone cose si copiano, com'è giusto che sia.
    2678
  • "Le buone cose si copiano"
    Firefox ed Opera rispettano gli standard (quasi) e supportano *.svg
    -
    Mi sembrano cose buone ma M$ non le copia.
    => M$ copia che cose che sono "buone per lei"
    non+autenticato
  • Veramente Opera e' nato dalla prima release pubblica come ambiente MDI e cosi' e' rimasto sino ad oggi. Opera e' il browser che ha veramente innovato nel suo campo gli altri piu' o meno blasonato sono sempre arrivati dopo
    non+autenticato
  • - Scritto da: vac
    > Discepolo!?
    > Io direi che e' solo una vaga imitazione.
    > -
    > P.S. La navigazione a schede mi pare che esista
    > in Opera dalla versione
    > 5
    > (da una decina di anni)

    Opera ha introdotto per prima un sacco di cose, oltre ai tab: i gesti del mouse, il resize delle pagine, il supporto a Linux, la versione mobile... e da prima di FF.
    Alla fine tutti copiano tutti, e uno usa quello con cui si trova meglio.
    Eccezione: se uno si trova bene con IE, è solo perchè ignora che c'è di meglio in giroCon la lingua fuori
    Funz
    13000
  • - Scritto da: gerry
    > Allora Firefox è discepolo di Opera

    Entrambi (IE e Firefox) derivano dal codice originale di Mosaic

    Cordiali saluti
  • ...vi siete dimenticati che Mozilla, derivato dal progetto Netscape, oltre a Phoenix, poi mutato in Firefox (usati dalla prima release) ha "generato" anche il progetto K-Meleon, che ha lo stesso motore Gecko ma si differenzia da Firefox per una maggiore personalizzazione ed un notevole risparmio di RAM.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Egli
    > ...vi siete dimenticati che Mozilla, derivato dal
    > progetto Netscape, oltre a Phoenix, poi mutato in
    > Firefox (usati dalla prima release) ha "generato"
    > anche il progetto K-Meleon, che ha lo stesso
    > motore Gecko ma si differenzia da Firefox per una
    > maggiore personalizzazione ed un notevole
    > risparmio di
    > RAM.

    Ciao,
    di browser basati sul motore open source Gecko ce ne sono parecchi là fuori: K-Meleon (di cui abbiamo più volte parlato anche qui su PI), Camino, Galeon, le versioni di Epiphany fino alla 2.27.x, Flock, Lunascape ed altri ancora, ma si tratta in tutti i casi di progetti indipendenti, nati al di fuori di Mozilla Organization o di Mozilla Foundation. Per tale ragione, una loro citazione è poco pertinente all'interno di una versione estremamente sintetica della storia di Firefox Occhiolino
  • - Scritto da: Egli
    > ...vi siete dimenticati che Mozilla, derivato dal
    > progetto Netscape, oltre a Phoenix, poi mutato in
    > Firefox (usati dalla prima release) ha "generato"
    > anche il progetto K-Meleon, che ha lo stesso
    > motore Gecko ma si differenzia da Firefox per una
    > maggiore personalizzazione ed un notevole
    > risparmio di RAM.

    ehh... k-Meleon....
    K-Meleon ha un UNICO difetto: non e' presente ua versione per GNU/Linux.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)