Alfonso Maruccia

Electronic Arts licenzia, ma investe nel social gaming

La multinazionale dei videogame registra consistenti perdite e margini di guadagno ridotti. Per uscire dalla crisi propone due soluzioni complementari: via 1.500 lavoratori, dentro i cuccioli virtuali via Facebook di Playfish

Roma - Nella perdurante crisi economica soffrono tutti, anche le principali società impegnate nel divertimento interattivo. Electronic Arts, il colosso statunitense noto per i vari Sims, FIFA, Madden NFL e compagnia, ha annunciato numeri tutti in negativo per il consuntivo del suo secondo quarto fiscale, comunicando altresì che per il management dalla crisi si esce con una forza lavoro ridotta e la diversificazione degli introiti con forti investimenti nei "giochini" a mezzo web, iPhone e portali sociali.

Nel secondo quarto la perdita sui ricavi netti è stata di 391 milioni di dollari, comunica EA, pari a 1,21 dollari per azione (la società è quotata al NASDAQ) e un ulteriore contrazione de 26 per cento rispetto alle perdite dello scorso anno. I ricavi di EA sono scesi del 12 per cento sino a 788 milioni di dollari nel periodo luglio-settembre, mentre si parla di un leggero incremento (+2 punti) se si includono le fonti di guadagno "differite" come i videogame online.

Come doloroso viatico per la ripresa economica, EA mette sul piatto la prospettiva di licenziare 1.500 dipendenti entro il 31 marzo 2010, corrispondenti al 17 per cento della sua forza lavoro complessiva e a un numero di studi di produzione ancora tutto da quantificare e qualificare. Incerti, ancorché scontati, i tagli ai giochi in via di sviluppo che nelle precedenti edizioni hanno fatto registrare le prestazioni meno spumeggianti sul mercato.
Con 1.500 teste pensanti fatte accomodare fuori dalla porta, EA prospetta di risparmiare almeno 100 milioni di dollari per l'anno 2009. Per quanto riguarda la crescita in prospettiva, poi, la società ha investito 300 milioni di dollari - più altri 100 milioni a fronte del raggiungimento di certe prestazioni economiche - nell'acquisizione dello sviluppatore di casual gaming con elementi social Playfish.

Playfish, che sul curriculum può vantare passatempi del calibro di "Pet Society" e "Restaurant City", è la strada scelta da EA per un approdo morbido ma - si dice - inevitabile ai guadagni diversificati della giocabilità istantanea e dell'intrattenimento a impegno zero, dei beni virtuali e delle microtransazioni che secondo il management della multinazionale rappresentano un mercato inesorabilmente destinato a continuare la sua "crescita drammatica" nel corso dei prossimi anni.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
11 Commenti alla Notizia Electronic Arts licenzia, ma investe nel social gaming
Ordina
  • Basta vedere quello che hanno fatto con Dragon Age: hanno tolto un contenuto dal gioco completo (warden's keep) e l'hanno messo come contenuto scaricabile dal day 1.
    In pratica il gioco PC (così come era stato concepito da Bioware) costa 54,95 + 6,51 per il contenuto scaricabile.
    Ok, il gioco può essere finito anche senza ma ci si perde cmq una bella zona con alcuni vantaggi (un inventario "fisso" in cui lasciare molti oggetti e visto come viene gestito l'inventario del gruppo è quasi indispensabile), una bella quest e cmq una parte di gioco.
    Io l'ho comprata perché il gioco mi sta piacendo parecchio e ho accettato a malinquore di farmi "rubare" 6,51 euro dalla EA per supportare Bioware che ha finalmente reintrodotto un gioco CRPG "old style" elevandosi quindi dagli "standard" un po' troppo semplicistici e banali propri della serie Neverwinter Nights.
    A mio avviso un gioco stupendo anche se non per tutti.

    Purtroppo ormai dobbiamo metterci il cuore in pace dato che lo standard sarà dlc a pagamento e microtransations.
    non+autenticato
  • - Scritto da: tDv
    > ... e ho accettato a malinquore

    Scusate torno alle elementari che è meglioA bocca aperta
    non+autenticato
  • Giochilli gratuiti come Farmville possono dare assuefazione, ma attenti al trucco della doppia valuta: per alcuni oggetti, anche rinunciabili, occorre la valuta speciale, che si guadagna lentissimamente, un'unità ad ogni avanzamento di livello, a meno di non mandar loro soldi o acquistare suonerie, sfondi e rumente varie per cellulari (in abbonamento, occhio che se non state attenti vi prosciugano le ricariche) o, unico metodo gratuito, dare i propri dati a chissà chi con sondaggi e cose simili. Ma qui scatta il trucco peggiore: la valuta speciale anziché quella ordinaria che guadagnate coi raccolti è necessaria anche per il carburante dei macchinari, quindi, se volete velocizzare i raccolti potreste trovarvi a spendere, per un giochino Flash, cifre mensili superiori agli abbonamenti di grandi MMORPG come WoW, UO, etc...
    Io sono un taccagno, ho fatto i miei conti per bene e gioco solo con le possibilità offerte gratuitamente, ma mi fa un po' impressione sapere che le "fattorie" più grosse, ma pur sempre delle cosine semplici, possono costare ai proprietari più di giochi molto più complessi.
    Certo, vale il "de gustibus", ma se troppa gente non bada al rapporto qualità/prezzo il rischio è che sempre più sviluppatori cedano alla tentazione di offrire sempre meno chiedendo sempre di più.
    E ora, puntualmente, arriva EA, specialista nella mungitura seriale di seguiti inflazionati di giochi che SW house più serie rilascerebbero come espansioni, anziché giochi nuovi.
    non+autenticato
  • Vuoi velocizzare il raccolto senza usare macchinari? Trucco stupido ma funzionante: l'omino inizia sempre nel punto centrale del campo. Attorno all'omino costruisci una palizzata 1x1. L'omino non potrà più muoversi ma cliccando sul terreno riuscirai comunque a seminare e a raccogliere. Quindi ti risparmi il tempo in cui l'omino cammina, che non è proprio poco. Per il resto... anche io faccio a meno della valuta verde, tutto quello che ti serve c'è già... altro trucchetto, non so a che livello sei ma coltiva l'uva, è quella che rende in assoluto più di tutto il resto. Con 100.000 monete ogni giorno fai presto ad accumulare punti esperienza, compri e rivendi le casette o i mulini a ventoOcchiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: Bastard Inside
    > Giochilli gratuiti come Farmville possono dare
    > assuefazione, ma attenti al trucco della doppia
    > valuta: per alcuni oggetti, anche rinunciabili,
    > occorre la valuta speciale, che si guadagna
    > lentissimamente,

    Farmville è di Zynga, non di Playfish, però, quindi EA non c'entra. Ma sì, sono d'accordo su tutto il tuo discorso, visto che anche nella Pet Society e in Restaurant City hai la doppia valuta.

    Ma ci sta. E` un modello di business, non sei obbligato (se non moralmente dal fatto che ci giocano tutti gli amici, ma se hai più di 15 anni magari non cadi nella "trappola") a giocarci o a spenderci soldi.

    Bye.
    Shu
    1232
  • Io infatti schivo tutti i giochini dove chi paga ha vantaggi sostanziali rispetto a chi gioca gratis.
    O è gratis o si paga un abbonamento, ma tutti giocano alla pari.
    Funz
    12995
  • I giochini in flash stanno soppiantando i giochi enormi, con richieste hardware spropositate?

    Almeno non ci sarà più da aggiornare il computer ogni sei mesi per avere l' ultimo gioco (e gli stessi giochi andranno su windows, linux e os x)
    non+autenticato
  • tu hai capito tutto dell'articolo è evidente lol
    non+autenticato
  • Yep, forse. Intanto io gioco a Le Sabbie del Tempo (ogni volta 7:30 ore di pura goduria videoludica) e Street Fighter IV giusto perché non ho capito niente del progresso Con la lingua fuori
  • - Scritto da: angros
    > I giochini in flash stanno soppiantando i giochi
    > enormi, con richieste hardware
    > spropositate?
    >
    > Almeno non ci sarà più da aggiornare il computer
    > ogni sei mesi per avere l' ultimo gioco (e gli
    > stessi giochi andranno su windows, linux e os
    > x)

    Scherzi? Con la parabola discendente di prestazioni che ha avuto flash negli ultimi 3 anni, direi che dovremo comprare computer strapotenti solo per far girare giochini che andavano sul C-64!

    Tra l'altro, i giochi di Playfish sono gli unici in tutta facebook che NON funzionano su flash a 64bit (sotto Linux), ma solo su flash 32bit. Alla faccia del cross-platform.

    Bye.
    Shu
    1232
  • Intanto giochini in flash facebookiani come HappyAcquarium scattano su computer P4 3,2Ghz e GeForce9600...computer che non fanno una piega a gestire giochi quali Bioshock e simili.. chi l'avrebbe mai detto!
    non+autenticato