Alessandro Del Rosso

GNOME 3.0 arriverà ad autunno 2010

Il team di sviluppo ha confermato che la prossima major release del celebre desktop environment per Linux slitterà a settembre del prossimo anno. Nel frattempo verrà rilasciata la versione 2.30

Roma - In un annuncio ufficiale, il GNOME Release Team ha confermato le indiscrezioni circolate nelle scorse settimane circa il ritardo di GNOME 3.0: la data di rilascio della prossima major release del software è stata effettivamente posticipata da marzo a settembre 2010.

Per conservare l'ormai tradizionale ciclo semestrale dei rilasci, il prossimo marzo verrà invece rilasciata l'ultima release 2.xx di GNOME, la 2.30, che pur focalizzandosi su bug fix e piccole migliorie non mancherà di introdurre anche novità di un certo rilievo.

Vincet Untz, responsabile del GNOME Release Team, ci tiene a precisare che la data di rilascio della versione 3.0 "non è scolpita sulla pietra", ma si basa sui feedback ricevuti dalla comunità di sviluppo del celebre desktop environment open source. "Sebbene stiamo seguendo una pianificazione piuttosto rigorosa, che prevede il rilascio di un nuova versione di GNOME ogni sei mesi, la nostra priorità resta la qualità" scrive Untz.
Il release manager di GNOME ha anche assicurato che GNOME 2.30 non sarà meno stabile della versione attuale, ed il motivo è che verranno incluse in tale release solo le novità realmente pronte e mature: tutto il resto sarà rimandato alle future release del software. Tra i componenti che non faranno parte di GNOME 2.30 vi sono il visualizzatore di mappe Emarillion, ritirato dal suo stesso maintainer, il database document-oriented Apache CouchDB, considerato ancora non sufficientemente maturo, e la libreria per sviluppatori Clutter, sulla quale pendono diversi problemi relativi al copyright.

Per GNOME 3.0 sono state proposte diverse novità sia a livello di stack applicativo sia a livello di interfaccia grafica. Un assaggio delle novità dell'interfaccia di GNOME 3.0 sono fornite nel video riportato sotto.



Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • AttualitàC'è uno Gnome in quell'XOIl nuovo portatilino del progetto OLPC permette il dual boot tra l'interfaccia Sugar e l'ambiente desktop impiegato su un gran numero di distro Linux
  • TecnologiaGNOME 2.26 rinfresca il multimediaLa Foundation ha rilasciato una nuova release del suo famoso desktop environment per Linux. Che aggiunge un nuovo programma per la masterizzazione e migliora il client di instant messaging Empathy
  • BusinessGoogle e Motorola sponsor di GNOME FoundationLa celebre fondazione americana ha guadagnato l'appoggio di altri due pesi massimi dell'industria, entrambi interessati soprattutto ai progetti che GNOME Foundation sta portando avanti nel settore mobile
63 Commenti alla Notizia GNOME 3.0 arriverà ad autunno 2010
Ordina
  • oops...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 29 luglio 2010 19.19
    -----------------------------------------------------------
    Ubunto
    1350
  • Ma con Gnome 3.0 si potrà disattivare Gnome Shell e tornare all'interfaccia tradizionale.
    A me non piacciono gli effetti grafici e soprattutto odio dover scrivere su una barra per trovare una applicazione.
    Tanto vale allora usare il terminale, dove tra l'altro si possono fare molte più cose.
    non+autenticato
  • ovviamente era una domanda...
    "Ma con Gnome 3.0 si potrà disattivare Gnome Shell e tornare all'interfaccia tradizionale?"
    non+autenticato
  • sarebbe bello poter scegliere:se é un desiderio legittimo mostrare di saper portare quelli che vengono considerati dei miglioramenti al proprio lavoro,lo é anche quello di scegliere per la propria comoditá.in altre parole se gnome ritiene necessario portarsi al passo con i tempi o tentare di precorrerli con il desktop semantico(se ho ben capito), perché non fare in modo da consentire di inserire il tutto anche nella sua impostazione tradizionale(menú triplice in alto)con l´adozione di gnome do.se non ricordo male, nel formato dock la si puó collocare in basso e tramite campo di testo apposito ricercare documenti o avviare programmi.cosa ne pensate?data la modularitá di gnu credo ci siano sempre ampie prospettive.
    non+autenticato
  • GNOME è sempre stato un desktop interessante, almeno a mio modo di vedere.

    Non entro nel merito se sia meglio o peggio di altri, questo riguarda i propri gusti.

    Ma quello che mi fa "paura" sono le "dipendenze esterne" di GNOME, che ormai ci ritroveremo anche senza volerlo.

    Basta citarne 2:

    1 - PulseAudio

    2 - DeviceKit-*

    PulseAudio è un danno totale. Non capisco perché non hanno lasciato alsa+esound. Almeno con esound (o arts di kde) tutte le applicazioni audio potevano scegliersi la propria uscita/entrata audio, in modo del tutto indipendente dal server sonoro, relegato a processare i suoni di sistema e basta. Ora sono veramente 'azzi: tutto passa per pulseaudio. VLC, mplayer, totem. Non voglio pensare a come e se si potranno utilizzare Ardour, jack-rack, il server jack-audio (che è micidiale quanto a prestazioni: si può collegare una chitarra elettrica all'input della scheda audio e suonare in real-time, con tempi di latenza di qualche millisecondo) visto che tutto diventa una "pulsazione".

    Ma chi è che le decide 'ste cose? Domanda peraltro retorica, perché basta farsi un giro in rete per scoprirlo.

    La seconda delle 2 poi: device-kit.

    Device-kit non è ancora pronto per soppiantare HAL: ad esempio nella gestione delle periferiche. Eppure e già su GNOME come dipendenza: basta provare ubuntu karmic koala per farsi un'idea, e magari buttare un occhio ai log quando s'inserisce un cd/dvd nel lettore per accorgersi che qualcosa non sta andando per il verso giusto.
    Per non parlare poi della gestione del risparmio energetico.

    Io la vedo brutta: allo stato attuale 2 pessime scelte.
    non+autenticato
  • Non è il caso, a questo punto, di rinviare di 6 mesi la prossima LTS? Altrimenti si dovranno aspettare 2 anni e mezzo per vedere GNOME 3 su una distro davvero stabile...
    Oppure pensano di mettere GNOME 3 in beta, affidandosi ai successivi update?
  • - Scritto da: advange
    > Non è il caso, a questo punto, di rinviare di 6
    > mesi la prossima LTS? Altrimenti si dovranno
    > aspettare 2 anni e mezzo per vedere GNOME 3 su
    > una distro davvero
    > stabile...
    > Oppure pensano di mettere GNOME 3 in beta,
    > affidandosi ai successivi
    > update?

    Credo che la prima ipotesi sia la più probabile. Proprio perché è una LTS, Canonical tenderà ad includere solo software provatamente stabile, e questo tende ad escludere gli ultimi rilasci, specie poi di una major release.
  • Anche se nel caso di Firefox 3
    Canonical aveva inserito una versione beta in Ubuntu LTS
    pur di mettercelo.
    non+autenticato
  • Lì, in effetti, c'era una differenza: il supporto a FF 2 sarebbe stato interrotto prima che scadesse il supporto alla LTS. Da qui la decisione "forte".
  • Gnome3 sarà Gnome2.32, la versione che sarà preinstallata su Ubuntu 10.04 LTS sarà la 2.30.
  • Questo l'avevo letto già; mi chiedo se no sarebbe opportuno ritardare la LTS alla 10.10 piuttosto che aspettare il 2012 per vedere Gnome 3 su una LTS.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)