Giorgio Pontico

Francia, miliardi per la banda larga

Investire è la parola d'ordine all'Eliseo. La tecnologia è la priorità per rilanciare l'economia, anche in Spagna: pure a Madrid Internet è pronta a divenire diritto fondamentale dell'individuo

Roma - In Francia lo sviluppo di nuove tecnologie, tra cui rientra l'infrastruttura di supporto alla banda larga, è sentito come un impegno urgente dall'esecutivo transalpino che avrebbe destinato allo sviluppo del broadband una buona fetta dei 4 miliardi di euro in programma per l'innovazione.

A loro volta questi fondi farebbero parte di un programma di investimenti da 35 miliardi di euro che dovrebbe essere discusso e successivamente approvato dal Presidente Sarkozy entro i primi di dicembre.

Nell'ultimo anno, complice anche la crisi economica, la spinta innovativa è venuta a mancare in Francia, ma ora si punta ad aumentare drasticamente il numero di utenti collegati alla fibra, portandolo dai 138mila attuali a quasi tutti i cittadini d'oltralpe.
Anche in Spagna la sensibilità nei confronti delle infrastrutture di Rete è andata via via crescendo fino a portare l'esecutivo iberico ad emulare quanto già fatto in Finlandia, elevando a diritto costituzionale l'accesso a Internet veloce per ogni cittadino.

Dall'altra parte del mare, invece, l'esecutivo italiano ha congelato gli 800 milioni di euro inizialmente stanziati per sanare il divario digitale che affligge il Belpaese, suscitando le perplessità di molti addetti ai lavori circa la sopravvivenza stessa di quel fondo.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • AttualitàLa Francia è il paradiso della banda larga?Anti Digital Divide evidenzia l'esempio del mercato d'oltralpe, dove la connettività vanta una migliore capillarità e una regolamentazione applicata con rigore. Imminente l'arrivo di una ADSL a 100 Mbps
  • AttualitàNon siamo ancora un Paese per Internetdi Massimo Mattone - Addio agli 800 milioni promessi per abbattere il digital divide. La sensazione è che il divide sia innanzitutto culturale. E che aumenti sempre più la distanza tra chi governa la Rete e chi la abita
  • AttualitàContrappunti/ Reti forzose di M. Mantellini - Noi si discute di creare l'infrastruttura. Gli altri di diritto inalienabile alla interconnessione via Web. Paese che fai, usanze che trovi
40 Commenti alla Notizia Francia, miliardi per la banda larga
Ordina
  • Ci credo che abbiano bisogno di investire 4 miliardi ...
    138.000 utenti in fibra in tutta la Francia e' una
    cifra ridicola ...
    Sveglia !! in Italia siamo sempre ultimi nelle classifiche
    sulla banda larga perche' qua la tv via cavo non ha mai
    preso piede e negli altri paesi su quei cavi ora ci fanno
    girare le connessioni dati, per quel che riguarda la fibra
    siamo sempre stati un passo avanti a quasi tutti ... di
    sicuro alla Francia, e in piu' gran parte degli
    investimenti sono arrivati da privati, noi non abbiamo dovuto
    metterci una lira ...


    Sempre tutti pronti a piangersi addosso eh ...
    non+autenticato
  • ma cosa dici ?
    il progetto socrate è stato pagato da NOI, poi dopo SOLI 10 anni qualcuno finalmente ci ha messo dei cavi (vedi FASTWEB e vedi solo perchè è venuto a cadere l'ultimo miglio altrimenti con il CACCHIO che avevamo le fibre)
    la tv in itaGlia è impossibile perchè un NANO ne ha il monopolio totale e completo, così come ha il monopolio totale e completo di tutto il paese, della stampa e di tutto ciò che ti viene in testa.
    in'oltre, investire in banda larga in questo paese è proprio l'ultimo dei problemi: certo, se poi al posto della banda larga costruiamo ponti inutili ti do perfettamente ragione.
    non+autenticato
  • Valeren, hai ragione: siccome non ci sono alternative, teniamoci il nano.

    Il mio ragionamento invece: intanto mandiamo via il nano che blocca tutto, poi iniziamo NOI a fare politica. I cittadini. Gli italiani.
    Poi iniziamo a far discutere le nostre proposte di legge.
    Poi iniziamo a mandare a casa chi non risolve i problemi nell'arco di una legislatura. A casa per sempre però. Non come Veltrusconi che rientra dalla finestra.

    Alla redazione: non amo scatenare flame. Non credo che questa mia risposta possa scatenare flame. Perché chiudere una discussione a priori?
    non+autenticato
  • Vuoi cacciare il "nano", bravo. Poi sarà il turno dei "negri", degli ebrei, degli invalidi. Complimenti davvero, si vede che NON sei di sinistra.
    Vai dal tuo amico Beppe Grillo, è meglio.

    Meglio non essere rappresentati in parlamento, come adesso, che andarci grazie ai voti dei razzisti come te. Vi meritate Berlusconi (io lo chiamo col suo nome).
    non+autenticato
  • perchè se parli di politica vieni cassato a priori. Appunto, siamo in Italia ricordi ?A bocca aperta
    Guai poi a parlare di Bing, la scure della censura interverrà su di te inesorabile.
    non+autenticato
  • Ancora una volta, la Francia ci umilia. Sono migliori di noi, arrivano sempre prima di noi, riescono meglio di noi, hanno più gnocca di noi.
    Solo nel calcio siamo migliori; ovvio, tutti i paesi del terzo mondo sono forti nello sport.

    E' giunto il momento per chiederlo ufficialmente:
    o francesi, siate buoni, colonizzateci. Saremo sudditi disciplinati e mansueti, se c'è una cosa in cui riusciamo bene noi italiani è chinare la testa al potere costituito. Per cui: conquistateci, portateci la vostra civiltà superiore, e regnerete felici per secoli.

    Merci.
    non+autenticato
  • Ma che cavolo dici ???
    A Milano e dintorni fastweb i 100 mega li fa arrivare da un pezzo, e senza
    contributi pubblici , solo un privato (fastweb) che investe dove
    ha un tornaconto.
    non+autenticato
  • Nessuno ti obbliga a restare, emigra pure, più aria per noi.
    non+autenticato
  • In Italia invece di investire sul futuro si continua a finanziare solo Ciarrapico e le annesse fabbriche di parrucchini.
    non+autenticato
  • Quando scrivevo il blog, raccoglievo e documentavo tutte le malefatte.
    Sono anni (almeno 10) che destra e sinistra rallentano VOLUTAMENTE lo sviluppo di mezzi di comunicazione/informazione alternativi alla tivvù.
    Leggasi Internet, UMTS, Wimax et similia.
    A suon di leggi, decreti e aggiunte "bizzarre" nelle finanziarie.
    Urbani, Levi, Pisanu, Fioroni, Gentiloni...
    Andatevi a leggere cosa hanno fatto costoro negli anni.

    Davvero ancora credete che sono vecchietti incapaci?

    Ingenui. E' VOLUTO. Conoscono bene le potenzialità della Rete e ne hanno paura. Berlusconi è iscritto alla P2.
    Andatevi a leggere il programma di Propaganda 2 (P2).
    Mi pare che lo stiano portando avanti abbastanza bene.

    Il motivo è semplice: se non hai lavoro non sei libero. Lo diceva Pertini.

    Gli appoltronati, i monarco-politici, hanno una paura fottuta che la gente riesca a comunicare. Meglio il digitale terrestre, perché si sa, la tivvù lava bene il cervello.

    Il 5 dicembre, a Roma, c'è il No-B-Day. Invece di star qui a lamentarci, PARTECIPIAMO in massa.
    non+autenticato
  • Tutto convincente fino all'ultimo paragrafo.
    OK, mettiamo che si riesce a spedire nano e ballerine a casa.
    Come hai scritto tu ci sono solo altri con lo stesso obiettivo, per volontà o per incapacità poco importa.

    Chi mettiamo al governo, Pannella?
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)