Mele, staccionate e DMCA

di Guido Scorza - Il diritto d'autore come strumento per difendere la propria posizione sul mercato? E' successo con Lexmark ma Ŕ stato un buco nell'acqua, potrebbe succedere con Apple e George Hotz

Mele, staccionate e DMCARoma - Per milioni di iPhoner in tutto il mondo George Hotz aka GeoHot incarna il mito di Davide che ha osato sfidare il Gigante Golia - al secolo la Apple di Steve Jobs - mentre per l'azienda di Cupertino è il nemico da sconfiggere per non veder demolito il proprio modello di business e non ritrovarsi ridotta al rango di semplice venditrice di pezzi di plastica e vetro.
Può essere riassunta così la storia del ragazzino americano che ha "liberato" due volte iPhone - una prima da AT&T ed una seconda da Apple Store - e che, ormai da mesi, sta rimbalzando in Rete.

È una storia nota che, in tanti, hanno già raccontato: il genietto in casacca a stelle e strisce ha sempre guardato con malcelata insofferenza i limiti d'uso che l'azienda della mela morsicata ha, sin dall'inizio imposto ai suoi utenti dapprima imponendo loro un contratto con AT&T e, quindi, "costringendoli" ad approvvigionarsi di software - gratis o a pagamento - esclusivamente attraverso il proprio portale e, per questo, ha fatto del superamento di tali limiti e della "liberazione" degli iPhoner di tutto il mondo da queste "catene commerciali" una specie di ragione di vita.

Sin qui GeoHot ha vinto. Negli Stati Uniti - ma anche nel resto del mondo - esistono milioni di iPhoner che usano con soddisfazione la sua applicazione mentre Apple non può che stare a guardare lanciando anatemi all'indirizzo del profanatore della sua business religion e promettendo crociate a colpi di protezioni tecnologiche ed azioni legali contro il pagano Hotz ed i suoi sempre più numerosi seguaci.
È uno scenario che al di là di tante riflessioni di natura tecnica ed economica che lascio ad altri solleva talune - credo importanti - considerazioni di carattere giuridico perché sintomatico di una pericolosa - e peraltro non recente - deriva della proprietà intellettuale che spetta a legislatori, giudici ed autorità antitrust arginare.

Apple, negli Stati Uniti, ha già annunciato di aver chiesto ai propri avvocati che si dedicano alla proprietà intellettuale di agire contro Hotz ed i suoi, e, sebbene non sia ancora chiaro a che titolo, c'è da scommettere che la crociata legale affonderà le proprie radici nel solito Digital Millennium Copyright Act (DMCA).
Credo, però, si rivelerebbe un errore.

La strada, infatti, è già stata seguita qualche hanno fa da Lexmark, popolare produttore di stampanti americano che pretendeva, proprio in forza del Digital Millennium Copyright Act (DMCA), di impedire ad un concorrente di abilitare, attraverso un apposita modifica, gli utenti delle proprie stampanti ad utilizzare su di esse anche cartucce non originali.
All'esito di una lunga battaglia giudiziaria, tuttavia, i Giudici diedero torto a Lexmark e respinsero la tesi di quest'ultima che avrebbe preteso - proprio come oggi sembrerebbe intenzionata a fare Apple - di piegare le disposizioni del Digital Millennium Copyright Act (DMCA) alla difesa del proprio mercato collaterale a quello delle stampanti: il mercato dei toner e delle ricariche originali.

La storia, nella vicenda che, oggi, vede contrapposta la società di Cupertino a Hotz, si ripete. Oggi come ieri, infatti, il produttore del prodotto fisico vorrebbe far pesare - attraverso la disciplina sul diritto d'autore - la propria posizione di forza sul mercato parallelo delle applicazioni destinate a girare su quei pezzi di plastica, mercato nel quale, sino all'arrivo di GeoHot, aveva operato in regime di monopolio e nel quale, naturalmente, aspirerebbe a continuare a poter "regnare" indisturbato.

Non può essere, però - e mi auguro non sarà né in questa vicenda né nelle altre analoghe che sempre più di frequente il mercato ci racconta - la disciplina sul diritto d'autore a tagliare l'elastico della fionda con la quale Davide Hotz vuol colpire Golia (Jobs). Il diritto d'autore nasce - e deve continuare ad esistere - con una finalità ben diversa da quella di garantire monopoli o oligopoli al di là di quelli - che già di per sé rappresentano un'importante eccezione rispetto alle regola della concorrenza ed al diritto costituzionalmente garantito di fare impresa - sull'opera dell'ingegno sulla quale esso insiste.

La storia moderna, al contrario, è ricca di vicende nelle quali si è tentato - e tal volta riusciti - in nome del diritto d'autore, di difendere e garantire la verticalizzazione di mercati paralleli in danno di utenti e consumatori: al di là della già richiamata vicenda Lexmark, mi vengono in mente - ma ce ne sono molte di più, note e meno note - la storia dei famosi modchip per la PlayStation Sony o, più di recente di R4 prodotta dalla PCBox per la console portatile di Nintendo al centro di una vicenda attualmente al vaglio dell'autorità antitrust italiana e di quella europea.

Non solo, a mio avviso, Apple non può pretendere di fermare Hotz in nome del diritto d'autore ma, anzi, sono Hotz e tutti gli iPhoner del mondo che ben potrebbero pretendere di utilizzare il proprio melafonino senza doversi necessariamente soggiogare a vincoli tecnici o commerciali imposti dalla società di Jobs.

In caso contrario credo che la vicenda potrebbe riservare interessanti risvolti in sede antitrust - poco importa se negli USA, in Europa o in un singolo Paese membro - e così contribuire, una volta per tutte, a far capire ai più grandi che nella società dell'informazione e nell'Era dell'accesso non c'è spazio per continuare a creare staccionate, giardini privati per accedere ai quali si impongono a consumatori ed utenti elevate tasse d'ingresso.
Tutto sommato, forse, questa volta, alla Mela converrebbe lasciarsi mordere dal giovane Hotz.

Guido Scorza
Presidente Istituto per le politiche dell'innovazione
www.guidoscorza.it
Notizie collegate
126 Commenti alla Notizia Mele, staccionate e DMCA
Ordina
  • se vi impacchetate una distro Linux per iPhone e riuscita ad installarla senza ridistribuire codice Apple modificato Apple non puˇ dirvi un bel nulla!

    Chi jailbreakka modifica OSX Mobile, OSX Mobile non é tuo, compri solo una licenza per il suo utilizzo.

    Il pezzo di ferro é tuo e puoi farci quello che vuoi... anche usarlo come gadget erotico... o avvolgerlo di carta e usarlo come spoletta per la carta igienica.

    ╔ incredibile che in tutto l'articolo non si arrivi a menzionare la differenza tra l'HW e la licenza di OSX Mobile
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > se vi impacchetate una distro Linux per iPhone e
    > riuscita ad installarla senza ridistribuire
    > codice Apple modificato Apple non puˇ dirvi un
    > bel
    > nulla!
    >
    > Chi jailbreakka modifica OSX Mobile, OSX Mobile
    > non é tuo, compri solo una licenza per il suo
    > utilizzo.
    >
    > Il pezzo di ferro é tuo e puoi farci quello che
    > vuoi... anche usarlo come gadget erotico... o
    > avvolgerlo di carta e usarlo come spoletta per la
    > carta
    > igienica.
    >
    > ╔ incredibile che in tutto l'articolo non si
    > arrivi a menzionare la differenza tra l'HW e la
    > licenza di OSX
    > Mobile

    Perché avrebbero dovuto? Non stavano contestando la legittimità o illegittimità del jailbreakkamento.
  • Quanto vorrei veder multata anche la Apple per abuso di posizione dominante. Hanno giustamente multato più volte la Microsoft, ma la Apple sta facendo molte più porcherie, andrebbe stramultata subito.

    Per fortuna esistono persone che "liberano" gli utenti da vincoli monopolitici iposti dall'alto.

    Intanto io faccio la cosa più ragionevole: mene frego se apple è uno "status-simbol" e evito i loro prodotti, che a mio dire, non sono poi di questa qualità che tanto vantano. Sul mercato esistono prodotti migliori e a costi più ragionevoli... ok, niente mela metallizzata sul retro, ma posso vivere anche senza....
    non+autenticato
  • scusa, ma non mi risulta che apple abbia pi˙ del 50% del mercato smartphone... riprovaci...
    MeX
    16902
  • - Scritto da: Andreabont
    > Quanto vorrei veder multata anche la Apple per
    > abuso di posizione dominante. Hanno giustamente
    > multato più volte la Microsoft, ma la Apple sta
    > facendo molte più porcherie, andrebbe stramultata
    > subito.
    >

    SI?

    e di dimostri dove starebbe l'abuso di posizione dominate di apple?
    Perché se non lo puoi dimostrare, difficilmente potrai attaccarla nelle sedi appropriate.


    > Per fortuna esistono persone che "liberano" gli
    > utenti da vincoli monopolitici iposti
    > dall'alto.

    "iposti" = ?




    >
    > Intanto io faccio la cosa più ragionevole: mene
    > frego se apple è uno "status-simbol" e evito i
    > loro prodotti, che a mio dire, non sono poi di
    > questa qualità che tanto vantano.

    Se te ne frteghi evita di commentarli altrimenti sembri uno a cui gli frega e che rosica.


    Sul mercato
    > esistono prodotti migliori e a costi più
    > ragionevoli... ok, niente mela metallizzata sul
    > retro, ma posso vivere anche
    > senza....


    Echissenefrega, comprati altro e non smarronare per nulla.

    Vedi tu quale multinazionale vuoi ingrassare, ma almeno non fare in conti in tasca agli altri.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andreabont
    > Quanto vorrei veder multata anche la Apple per
    > abuso di posizione dominante.
    Aspetta & spera: Apple non ha bisogno di abusare, per stare sulla cresta dell'onda.

    > Hanno giustamente
    > multato più volte la Microsoft, ma la Apple sta
    > facendo molte più porcherie, andrebbe stramultata
    > subito.
    Apple può fare tutte quelle che tu chiami "porcherie" perché sono, incredibile incredibile, legali.

    > Per fortuna esistono persone che "liberano" gli
    > utenti da vincoli monopolitici iposti
    > dall'alto.
    Quelle persone a cui ti riferisci, invece, compiono una operazione illegale.
    Vedi la differenza?

    > Intanto io faccio la cosa più ragionevole: mene
    > frego se apple è uno "status-simbol"
    Apple è anche un sistema che ti impedisce di fare la figura dell'ignorante scrivendo "simbol" invece di "symbol":
    Clicca per vedere le dimensioni originali

    > e evito i
    > loro prodotti, che a mio dire, non sono poi di
    > questa qualità che tanto vantano.
    A tuo dire? E sulla base della tua esperienza o su preconcetti?

    > Sul mercato
    > esistono prodotti migliori e a costi più
    > ragionevoli... ok, niente mela metallizzata sul
    > retro, ma posso vivere anche
    > senza....
    No, sul mercato NON esistono prodotti migliori e a costi più ragionevoli.
    Ma se tu ne conosci, linka pure.
    ruppolo
    33147
  • "Il diritto d'autore nasce - e deve continuare ad esistere - con una finalità ben diversa da quella di garantire monopoli o oligopoli al di là di quelli - che già di per sé rappresentano un'importante eccezione rispetto alle regola della concorrenza ed al diritto costituzionalmente garantito di fare impresa - sull'opera dell'ingegno sulla quale esso insiste."

    Trovo questa frase dell'articolo di Guido Scorza universale ed illuminante, un esempio di onestà e trasparenza.

    Purtroppo però Dott. Scorza, a quanto pare è vero il detto: la mamma degli stupidi è sempre incinta.
    Ubunto
    1350
  • - Scritto da: Ubunto
    > "Il diritto d'autore nasce - e deve continuare
    > ad esistere - con una finalità ben diversa da
    > quella di garantire monopoli o oligopoli al di là
    > di quelli - che già di per sé rappresentano
    > un'importante eccezione rispetto alle regola
    > della concorrenza ed al diritto
    > costituzionalmente garantito di fare impresa -
    > sull'opera dell'ingegno sulla quale esso
    > insiste.
    "
    >
    > Trovo questa frase dell'articolo di Guido Scorza
    > universale ed illuminante, un esempio di
    > onestà e
    > trasparenza.
    >
    > Purtroppo però Dott. Scorza, a quanto pare è vero
    > il detto: la mamma degli stupidi è sempre
    > incinta.
    quindi in questo caso come dovrebbe essere?
    Apple fa la macchina, poi fa l'OS e poi gli utenti installano sulla sua macchina l'OS che vogliono e mettono il suo OS sulla macchina che preferiscono?
    Magari evitando di proteggere l'OS così tutti lo possono scaricare da emule?
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro

    > quindi in questo caso come dovrebbe essere?
    > Apple fa la macchina, poi fa l'OS e poi gli
    > utenti installano sulla sua macchina l'OS che
    > vogliono e mettono il suo OS sulla macchina che
    > preferiscono?
    > Magari evitando di proteggere l'OS così tutti lo
    > possono scaricare da
    > emule?

    Non hai capito nulla...ma pazienza...
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: pietro
    > - Scritto da: Ubunto
    > > "Il diritto d'autore nasce - e deve
    > continuare
    > > ad esistere - con una finalità ben diversa da
    > > quella di garantire monopoli o oligopoli al di
    > là
    > > di quelli - che già di per sé rappresentano
    > > un'importante eccezione rispetto alle regola
    > > della concorrenza ed al diritto
    > > costituzionalmente garantito di fare impresa -
    > > sull'opera dell'ingegno sulla quale esso
    > > insiste.
    "
    > >
    > > Trovo questa frase dell'articolo di Guido Scorza
    > > universale ed illuminante, un esempio di
    > > onestà e
    > > trasparenza.
    > >
    > > Purtroppo però Dott. Scorza, a quanto pare è
    > vero
    > > il detto: la mamma degli stupidi è sempre
    > > incinta.
    > quindi in questo caso come dovrebbe essere?
    > Apple fa la macchina, poi fa l'OS e poi gli
    > utenti installano sulla sua macchina l'OS che
    > vogliono e mettono il suo OS sulla macchina che
    > preferiscono?
    > Magari evitando di proteggere l'OS così tutti lo
    > possono scaricare da
    > emule?

    Ma l'hai letto l'articolo?
    Allora riporto un'altra parte:
    "╚ una storia nota che, in tanti, hanno già raccontato: il genietto in casacca a stelle e strisce ha sempre guardato con malcelata insofferenza i limiti d'uso che l'azienda della mela morsicata ha, sin dall'inizio imposto ai suoi utenti dapprima imponendo loro un contratto con AT&T e, quindi, "costringendoli" ad approvvigionarsi di software - gratis o a pagamento - esclusivamente attraverso il proprio portale e, per questo, ha fatto del superamento di tali limiti e della "liberazione" degli iPhoner di tutto il mondo da queste "catene commerciali" una specie di ragione di vita."

    I programmi piratati non centrano niente con questo discorso. Il ragazzo a cui Apple vuol fare un vero e proprio RICATTO, sfruttando la sua posizione economica superiore, ha realizzato un programma che ti permette di acquistare software per iPhone da fornitori differenti dal negozio on-line di Apple.

    Vuol dire che dopo aver comprato e pagato il tuo apparecchio, con quel software non sei costretto a comprare *solo* nel negozio Apple, ma puoi farlo dove pare a te.

    Il diritto d'autore, come dice chi ha scritto l'articolo, deve essere strumento di tutela in merito all'opera realizzata, non all'indotto "forzato" che essa, in questo caso, introduce.
    Ubunto
    1350
  • Job's prima era vendeva le ble box per chiamare gratis sulle linee proprio di AT&T da giovane, poi nemico delle corporazioni, ora amico di AT&T e corporazione.

    La libertà gente... GNU!
  • - Scritto da: dariocaruso
    > Job's prima era vendeva le ble box per chiamare

    il tuo italiano é funzionale come i sandali del tuo avatar
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > - Scritto da: dariocaruso
    > > Job's prima era vendeva le ble
    > box per
    > chiamare
    >
    > il tuo italiano é funzionale come i sandali del
    > tuo
    > avatar


    haha scusa!! l'ho scritto con iphone!! non mi ero accorto!!!!

    Adesso mi rendo conto che può succedere anche non volendo..
  • ;) eheh

    Si ma adesso non dare solo la colpa all'iPhoneSorride
    Pi˙ che altro quando scrivi in mobilitß si hanno troppe distrazioni ha volte...
    MeX
    16902
  • La politica di apple (volutamente minuscolo) è sempre stata questa: gadget super costosi (certo spesso più cool nel packaging, ma pure certo mai tecnicamente così superiori alla concorrenza da giustificarne l'acquisto a prezzo almeno doppio rispetto alla concorrenza) e incompatibili con qualsiasi altro sw o hw.
    Personalmente proprio per questo ho sempre visto i prodotti apple come il fumo negli occhi e la loro sola prossimità mi causa l'orticaria. Ben vengano quindi il primo e molti altri Hotz.
    non+autenticato
  • - Scritto da: uno che passava di qui
    > La politica di apple (volutamente minuscolo) è
    > sempre stata questa: gadget super costosi (certo
    > spesso più cool nel packaging, ma pure certo mai
    > tecnicamente così superiori alla concorrenza da
    > giustificarne l'acquisto a prezzo almeno doppio
    > rispetto alla concorrenza) e incompatibili con
    > qualsiasi altro sw o
    > hw.

    E immagino che puoi provare tutto quello che ci hai vomitato nel tuo post pattume Sorride

    > Personalmente proprio per questo ho sempre visto
    > i prodotti apple come il fumo negli occhi e la
    > loro sola prossimità mi causa l'orticaria. Ben
    > vengano quindi il primo e molti altri
    > Hotz.

    L'unica cosa vera è che a te l'orticaria viene per davvero non appena leggi Apple o apple e ti precipiti qui a partorire perle di saggezza popolare.

    Ad ogni occasione cambi nick ma rimani la stessa persona che si fa beccare con le mani nella marmellata.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • vai campione!
    non+autenticato
  • quicktime .mov e' il container multimedialle alla base del mp4 sostituto ufficiale dell'mpeg
    webkit e' tra i browser uno dei piu' standard compliant sul mercato
    osx scrive nativamente documenti .pdf
    osx scrive nativamente documento .odt

    e finisco qua perche' tanto sei il solito alias di troll che cerca di innescare un flame...
    bibop
    3451
  • - Scritto da: uno che passava di qui

    A troll!!!

    Torna da dove sei venuto.

    Povero troll penoso
    FDG
    10980
  • - Scritto da: uno che passava di qui
    > Personalmente proprio per questo ho sempre visto
    > i prodotti apple come il fumo negli occhi e la
    > loro sola prossimità mi causa l'orticaria.

    Sono felice di questo e spero ti brucino anche gli occhi.
    Preparati anche del Maalox per il prossimo anno, quando uscirà il tablet: i bruciori di stomaco sono garantiti al limone.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > Sono felice di questo e spero ti brucino anche
    > gli
    > occhi.
    > Preparati anche del Maalox per il prossimo anno,
    > quando uscirà il tablet: i bruciori di stomaco
    > sono garantiti al
    > limone.

    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Lui ha il fumo negli occhi, ma tu ti fai gli aerosol col vaporware!
    Rotola dal ridereRotola dal ridere
    Funz
    13017
  • Dal tenore delle risposte all'intervento par di cogliere un certo becero fanatismo, peraltro spesso riscontrato nei gadgettari da mac.
    Tuttavia, al solito, fanfaronate alla "vai campione" o trollate varie e nessuno mai in grado di presentare prove della presunta superiorità del gingillo pc-sw chiuso rispetto ad altri sistemi.
    Anche se, a onor del vero, bibop stava iniziando ad abbozzare qualcosa.

    PS prima che a qualche volpe venga l'ulcera, meglio specificare che sono diverse le persone cui i giochini mac danno perplessità; anche se certo piace credere che sia solo uno a scrivere con nomi diversi ogni volta.
    non+autenticato
  • infatti nel 1984 l'unico computer mainstream che poteva vantarsi di avere un sistema operativo a finestre era un Mac, proprio proprio molto più avanti non lo so ma avanti sicuramente si!

    oltretutto giusto per dirne una, c'è un ragazzotto che ha postato su un noto sito italiano che parla del Mondo Mac di una sua esperienza con un iPhone prima generazione che fa girare tranquillamente i giochi usciti ora, magari non sono 5 anni avanti ma 3 potrebbe essere!

    ciao

    igor
    ps: firewire l'ha inventata Apple, Safari fa 100 all'Acid test, il S.O. a finestre l'ha inventato Apple, il DTP pure, il montaggio video professionale ora si fa praticamente quasi solo con software e hardware Mac, la produzione audio come sopra e potrei continuare!
    non+autenticato
  • - Scritto da: higgybaby

    > igor
    > ps: firewire l'ha inventata Apple, Safari fa 100
    > all'Acid test, il S.O. a finestre l'ha inventato
    > Apple, il DTP pure, il montaggio video
    > professionale ora si fa praticamente quasi solo
    > con software e hardware Mac, la produzione audio
    > come sopra e potrei
    > continuare!

    il Webkit fa il 100 non Safari è diversoA bocca aperta
    Sgabbio
    26177
  • si ma il Webkit è stato implementato e migliorato anche da Apple, anzi qualcuno sostiene che da quando ci hanno messo mano in quel di Cupertino tutto è migliorato molto più velocemente

    ciao

    igor
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)