Alfonso Maruccia

App Store? Una meraviglia

Phil Schiller, capo del marketing di Apple, difende a spada tratta il discusso negozio di applicazioni per iPhone e iPod Touch. Non tutto è perfetto ma tutto funziona, dice: per il resto, Cupertino fa del proprio meglio

Roma - In una recente intervista concessa a BusinessWeek, Phil Schiller difende a spada tratta l'App Store di Cupertino e promuove a pieni voti il discusso sistema di approvazione delle appliance per il Melafonino. Pur con alcuni difetti, dice il responsabile marketing di Apple, lo store piace a utenti e sviluppatori. E meglio di così in futuro proprio non sarà possibile fare.

Con le centinaia di migliaia di applicazioni e gli altri numeri da capogiro, lo store digitale di Apple si trova costantemente sotto il fuoco delle polemiche da parte degli sviluppatori costretti ad affrontare iter di approvazione poco trasparenti, rifiuti giustificati con scuse discutibili e comunicazioni insoddisfacenti.

Schiller risponde ai rilievi sull'App Store difendendo la piattaforma da tutti i punti di vista, a cominciare dalle accuse mosse nei confronti di Cupertino dallo sviluppatore Joe Hewitt che tempo addietro aveva sbattuto rumorosamente la porta in faccia a Apple denunciando una politica di gestione poco trasparente e pericolosa in quanto potrebbe rappresentare un "pericoloso precedente" per il settore delle apps mobile.
Schiller sostiene che le lungaggini del processo di approvazione siano il male minore per salvaguardare il bene superiore della sicurezza complessiva della piattaforma. Apple ha creato "uno store store di cui le persone possono fidarsi" dice il vicepresidente di Cupertino, uno store da cui è possibile scaricare applicazioni che "fanno quello che ti aspetti", per cui si paga quanto ci si aspetta, e il tutto "semplicemente funziona".

Con decine di migliaia di applicazioni ricevute alla settimana, Apple non può che comportarsi come si comporta, per offrire agli utenti un'esperienza all'altezza degli standard di Cupertino. Tanto più che, dice ancora Schiller, nel 90 per cento dei casi di app rifiutata "Apple richiede fix tecniche per bug nel software o perché qualcosa non funziona come previsto". Gli sviluppatori sarebbero in tal senso grati ad Apple per il suo ruolo da "beta tester esterno", capace di migliorare le applicazioni prima del debutto in iSocietà.

Le parole di Schiller non lasciano molto spazio ai dubbi, Apple è soddisfata dell'App Store e stando così le cose ben difficilmente si prevedono cambiamenti in un futuro prossimo. La risposta del responsabile marketing di Cupertino potrebbe risultare ancora più indigesta agli sviluppatori, dunque, che non a caso decidono di adottare o di investire sempre maggiori risorse in piattaforme alternative come Android di Google, BlackBerry App World per i dispositivi RIM e via elencando.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
15 Commenti alla Notizia App Store? Una meraviglia
Ordina
  • La risposta del responsabile marketing di Cupertino potrebbe risultare ancora più indigesta agli sviluppatori, dunque, che non a caso decidono di adottare o di investire sempre maggiori risorse in piattaforme alternative come Android di Google, BlackBerry App World per i dispositivi RIM e via elencando.

    http://www.macitynet.it/iphonia/aA40837/gameloft_i...
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo

    Vabeh ma che c'entra...una comparativa del genere è molto stupida.
    Android è sul mercato davvero da pochissimo tempo, app store lo è da molto di più...è normale che stravinca su android.

    Io non gradisco il modello closed dell'app-store.
    Puoi dirmi che sia facile quanto vuoi, ma devi comunque passare per apple e non puoi pubblicare una tua applicazione per conto tuo. Oltreutto devi essere soggetto alle censure apple, a suo insindacabile giudizio.
    Sebbene la cosa non sembra creare troppi problemi ma, anzi, favorisca la sicurezza, personalmente non mi va giù.
  • - Scritto da: DarkOne
    > Io non gradisco il modello closed dell'app-store.
    > Puoi dirmi che sia facile quanto vuoi, ma devi
    > comunque passare per apple e non puoi pubblicare
    > una tua applicazione per conto tuo. Oltreutto
    > devi essere soggetto alle censure apple, a suo
    > insindacabile
    > giudizio.
    > Sebbene la cosa non sembra creare troppi problemi
    > ma, anzi, favorisca la sicurezza, personalmente
    > non mi va
    > giù.

    Quoto, Apple se vuole fare il suo app store blindato lo faccia pure, ma non impedisca ad altri di installare programmi al di fuori del suo controllo.
    Se poi uno vuole stare sotto l'occhio vigile di Jobs faccia pure...
    Funz
    12995
  • Eccolo il liberticida senza ritegno.

    Ma dillo che ti interessa solo il tuo mero interesse e non la liberté per tutti.

    IPOCRITA!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Funz

    > Se poi uno vuole stare sotto l'occhio vigile di
    > Jobs faccia
    > pure...

    E se qualcun'altro non gli sta bene la situazione può:
    1. sviluppare per altre piattaforme contribuendo alla loro crescita, se è uno sviluppatore
    2. comprare un telefono diverso dall'iPhone se è un utente finale.

    giusto?
  • - Scritto da: stivy
    > - Scritto da: Funz
    >
    > > Se poi uno vuole stare sotto l'occhio vigile di
    > > Jobs faccia
    > > pure...
    >
    > E se qualcun'altro non gli sta bene la situazione
    > può:
    >
    > 1. sviluppare per altre piattaforme contribuendo
    > alla loro crescita, se è uno
    > sviluppatore

    Fin qui OK.
    Ma se iphone ammazza il mercato degli smartphone (speriamo non diventi un'altra MS), allora le cose cambiano

    > 2. comprare un telefono diverso dall'iPhone se è
    > un utente
    > finale.
    >
    > giusto?

    E perchè devo rinunciare all'iphone, solo perchè mancano una - due app che mi servono e che ad Apple non piacciono? Sarò libero di protestare?
    Funz
    12995
  • "Apple richiede fix tecniche per bug nel software" ???

    e cosa vorrebbe dire? (in italiano intendo)
  • - Scritto da: p4bl0
    > "Apple richiede fix tecniche per bug nel
    > software"
    > ???
    >
    > e cosa vorrebbe dire? (in italiano intendo)

    Significa che potrebbero eventualmente chiedere di sistemare una funzione che non funziona o che fa crashare l'iPhone.
  • - Scritto da: albertobs88
    > - Scritto da: p4bl0
    > > "Apple richiede fix tecniche per bug nel
    > > software"
    > > ???
    > >
    > > e cosa vorrebbe dire? (in italiano intendo)
    >
    > Significa che potrebbero eventualmente chiedere
    > di sistemare una funzione che non funziona o che
    > fa crashare
    > l'iPhone.

    Quindi, di fatto, Apple svolge anche alcune funzioni proprie dei betatester. Ma ovviamente alcuni sviluppatori si lamentano... MAH!!!!!!!!!
  • Cito dall'articolo: "[...]decidono di adottare o di investire sempre maggiori risorse in piattaforme alternative come Android di Google, BlackBerry App World per i dispositivi RIM e via elencando."

    Si come no... Android ha il problema dei sistemi operativi non allineati tra i vari produttori, gli altri (Ovi, MS, RIM...) ti fanno pagare soldoni solo per sottoporre la tua applicazione al loro nogozio... che poi può essere comunque rifiutata

    Nel bene o nel male apple con $99 ti fa sottoporre un numero illimitato di APP, e se poi qualcuna viene rifiutata, fa parte del gioco...

    Per gli sviluppatori indipendenti con un minimo di capacità, AppStore al momento è l'unico modo per fare due soldi con le applicazioni e quindi, pur con qualche lamentela, è al momento il Klondike dei programmatori! (Ricordate Zio Paperone?)
    frk
    344
  • > Le parole di Schiller non lasciano molto spazio ai dubbi, Apple è soddisfata dell'App Store e stando così le cose ben difficilmente si prevedono cambiamenti in un futuro prossimo.

    Niente di più lontano dalla realtà!

    In particolare, è NOTO che in Apple stanno apportando cambiamenti al fine di rendere più trasparente il processo di approvazione delle Apps.

    ... o forse non si tratterà dell'ennesimo articolo attira trolls, senza la pretesa di fare informazione?Triste
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e cognome

    > In particolare, è NOTO che in Apple stanno
    > apportando cambiamenti al fine di rendere più
    > trasparente il processo di approvazione delle
    > Apps.

    Si infatti ha detto "Non tutto è perfetto ma tutto funziona"

    Alla fine, alla maggiorparte dei consumatori non frega una cippa del processo di approvazione. La scelta c'e' e comprano. Mica la apple e' ai livelli del pre con 300 di applicazioni in tutto o come symbian/Windows mobile dove trovi app cacata a 50$!

    > ... o forse non si tratterà dell'ennesimo
    > articolo attira trolls, senza la pretesa di fare
    > informazione?
    >Triste

    Non so questo, ma quello della garanzia invalidata per via del fumo, non era male..
    non+autenticato
  • Beh ha sortito il suo effetto. Sei stato il primo troll a postare.
    non+autenticato
  • Fai tanta tenerezza Occhiolino
    non+autenticato