LinuxNews/ Finalmente l'anti-aliasing in Linux

Con la versione 2.x del KDE la novità più grande è stata sicuramente l'anti-aliasing offerto per la prima volta sui desktop Linux

Le nuove versioni delle librerie QT includono in maniera permanente le estensioni Xft di Keith Packard. Ciò significa che compilando la librerie QT con l'opzione -xft si possono finalmente avere i font del video con l'anti-aliasing!

L'anti-aliasing è un processo in cui i bordi dentellati nelle curve delle immagini e dei font vengono "arrotondati", facendoli sembrare più reali e meno somiglianti a blocchi Lego: ciò lo si ottiene aggiungendo dei colori intermedi tra il colore dell'immagine e quello dello sfondo. L'effetto che si ottiene è un notevole miglioramento grafico nella definizione del carattere.
Questo processo è una reminescenza della "Resolution Enhancement" impiegata da HP nelle stampanti LaseJet III.

La TrollTech ha incluso il supporto all'anti-aliasing a partire da Xfree86 4.02 e di conseguenza è stato reso disponibile a tutti gli utenti del KDE 2.x. Ciò rappresenta un notevole balzo in avanti per Linux. Le interfacce grafiche di Windows e Mac hanno da tempo questa caratteristica, mentre è la prima volta che un'interfaccia Linux la offre.
Su LinuxPlanet ci sono tutte le istruzioni per installarlo sul proprio sistema.

A cura di
Soluzioni Open-Source
9 Commenti alla Notizia LinuxNews/ Finalmente l'anti-aliasing in Linux
Ordina
  • Cos'e' l'antialiasing?
    Ne sento spesso parlare, anche relativamente alla grafica 3d.

    Grazie.
    Ciao.
    non+autenticato


  • - Scritto da: ncrfgs
    > Cos'e' l'antialiasing?
    > Ne sento spesso parlare, anche relativamente
    > alla grafica 3d.

    E' un procedimento per cui l'immagine viene "addolcita". Se hai windows per esempio (dico windows solo perche' lo conosco bene... qui senno' ti ammazzano Sorride ) puoi impostare negli "effetti" di schermo di smussare i caratteri sullo schermo. questo viene fatto "miscelando" i colori del bordo con lo sfondo, creando così un'immagine più sfumata e meno "tagliente".
    Nel caso dei giochi l'effetto è notevole e di fatto migliora incredibilmente la qualità della grafica, anche se per questo sono necessarie una gran mole di operazioni; tra l'altro in questo modo non è necessario, almento dal punto di vista estetico, ricercare risoluzioni molto spinte.
    Questo in generale, spero di averti chiarito il dubbio. Comunque sui motori di ricerca trovi informazioni senz'altro più complete (e corrette).
    Ciao.
    non+autenticato


  • - Scritto da: ncrfgs
    > Cos'e' l'antialiasing?
    > Ne sento spesso parlare, anche relativamente
    > alla grafica 3d.

    E' una tecnica grafica che consente di mitigare il taglio netto a dente di sega dei contorni dei caratteri (o dei poligoni in CG) riempiendo le zone di confine con dei pixel di colore intermedio tra l'oggetto e lo sfondo creando un'illusione ottica che fa' sembrare l'oggetto piu' arrotondato sugli angoli e fa' sparire i denti di sega sui lati!

    > Grazie.
    > Ciao.
    non+autenticato
  • windows ce l'ha dal '95, col Plus!

    non+autenticato


  • - Scritto da: Guglielmo
    > windows ce l'ha dal '95, col Plus!

    vogliamo elencare tutta la roba che windows non ha ancora adesso e che linux supporta nativamente da molto prima del 95?
    non+autenticato
  • Mah, cmq sia l'antialiasing del kde riguarda TUTTI i fonts, mentre quello di winzoz no, mi pare che antialiasinghi solo i font grandi (non quelli della barra del titolo ecc.ec.)

    - Scritto da: munehiro
    >
    >
    > - Scritto da: Guglielmo
    > > windows ce l'ha dal '95, col Plus!
    >
    > vogliamo elencare tutta la roba che windows
    > non ha ancora adesso e che linux supporta
    > nativamente da molto prima del 95?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Psyk[o]
    > Mah, cmq sia l'antialiasing del kde riguarda
    > TUTTI i fonts, mentre quello di winzoz no,
    > mi pare che antialiasinghi solo i font
    > grandi (non quelli della barra del titolo
    > ecc.ec.)

    oooh ennesima conferma che i linuxari non conoscon windows e ne parlano male...

    GRAZIE.
    non+autenticato


  • - Scritto da: ZioBill
    >
    > oooh ennesima conferma che i linuxari non
    > conoscon windows e ne parlano male...

    Come sei in gamba! Tu conosci windows, beato te. Io invece sono costretto ad adopearlo da profano e a rifugiarmi in linux per sopperire alla mia ignoranza. Probabilemnte hai anche scritto molte delle API e hai accesso al codice sorgente speditoti settimananlmente da Bill Gates stesso.

    Eh, si. Ti invidio proprio.

    Come si fa a parlare male di un sistema stabile, economico (ma si, a che serve la licenza, mi dirai tu...), valido e soprattutto aperto alla concorrenza ed al libero mercato.

    E poi basta con questi "linuxari" che parlano male a vanvera di Windows(c). Che potranno vantare mai? Un sistema multitasking e multi utente stabile e robusto, personalizzabile, completo, che permette di essere produttivi senza spendere una lira e senza aggiungere software a pagamento? A chi serve un potentissimo compilatore come il gcc se uno puo' pagare fir di quattrini a Microsoft per un software fico come visual basic(c). Eh si, amici del pinguino, questo e' solo uno degli esempi della vostra stoltezza...

    Complimenti a ZioBill, quello del post e quello vero.

    Viva il Pinguino...

    Wish
    non+autenticato

  • >
    > Complimenti a ZioBill, quello del post e
    > quello vero.
    >
    > Viva il Pinguino...
    >
    > Wish

    Senza scendere in polemiche... ma com'è che appena si parla di qualunque cosa che riguarda Linux e Windows si scende a livelli di bagarre degni della curva sud? E' semplicemente stupido.

    1) Chi utilizza Linux spesso ha una superiore competenza nell'uso delle reti e non ha caso Linux è molto diffuso sui server. Linux però, per ammissione del suo stesso creatore, non può ancora (dico ancora) competere con rivali come windows (ma anche MacOs) per una sua ruvidezza iniziale, che secondo me allontana l'utente medio (perchè esiste anche lui).

    2) Chi usa Windows non è un imbecille, nè è un ignorante; semplicemente Windows si è diffuso a macchia d'olio perchè non è complicato anche se non molto stabile (ma il problema è intrinseco nelle versioni 16 bit, per compatibilità col DOS); non è vero che ogni 2 minuti ho la schermata blu, e neanche ogni settimana. Se c'e' monopolio MS, c'è ORA, che windows è diffuso.

    Conclusione... chi parteggia per una maggiore diffusione di Linux sul lato end-user dovrà aspettare un po'; nel frattempo meglio evitare (almeno per educazione) di classificare come tonto chiunque usi windows... altrimenti dovrei qualificare come tale chiunque usi un'automobile senza conoscerne i più intimi dettagli. Quanti di voi sanno come funziona l'ABS? Sapreste disegnarlo? A cosa serve il common rail? Perche'? Ecc. Ecc.
    E lo stesso per chi usa windows... meglio essere un po' più aperti a filosofie alternative e utilizzarne gli aspetti positivi. Per esempio l'open source è una filosofia di qualità. Se un software opensource fa un certo numero di cose, dal suo analogo commerciale devo aspettarmi molto, molto di piu'.

    Ciao a tutti.

    non+autenticato