Alessandro Del Rosso

Più vicini Firefox 3.6 e Thunderbird 3

Questa settimana sono state rilasciate la quarta beta di Firefox 3.6 e la prima release candidate di Thunderbird 3, due release che anticipano di poco l'arrivo delle versioni finali

Roma - Nei giorni scorsi i due futuri prodotti chiave di Mozilla Foundation, Firefox 3.6 e Thunderbird 3, hanno fatto un altro importante passo verso la luce: del primo è stata rilasciata la quarta e forse ultima beta, del secondo la prima e - salvo sorprese - unica release candidate.

Firefox 3.6 Beta 4 corregge oltre un centinaio di bug e introduce quale novità più importante il supporto all'API File di HTML5, che permette a siti e applicazioni web di accedere ai file locali selezionati dall'utente. Un sito dedicato alle foto, ad esempio, può ora lavorare direttamente sulle immagini archiviate nell'hard disk dell'utente: per ottimizzare le proprie foto, dunque, l'utente non sarà più costretto a farne l'upload sul server remoto.

L'implementazione del supporto ai file locali è destinato ad assottigliare ancor di più la linea di confine che separa le applicazioni web da quelle desktop, favorendo il nascere di web application ancor più potenti e comode da usare ma nondimeno basate sui soli standard aperti.
Per il resto, la Beta 4 si limita a migliorare le funzionalità preesistenti, quali ad esempio il sistema degli add-on, la capacità di far girare gli script in modo asincrono, il meccanismo di notifica dei plug-in non aggiornati, il supporto al formato dei font WOFF ecc.

Mozilla fa poi sapere che almeno il 70% delle estensioni per Firefox sono state aggiornate dai rispettivi autori per funzionare anche sulla versione 3.6 del browser: questo semplifica notevolmente le cose a chi, per curiosità o lavoro, ha deciso di migrare a Firefox 3.6 già adesso. Per aiutare Mozilla a testare la compatibilità delle estensioni con la nuova versione del suo browser è possibile scaricare il tool Add-on Compatibility Reporter.

Firefox 3.6 Beta 4 può essere scaricato dai link forniti in questo comunicato del Mozilla Developer Center.

Se il testing dell'attuale beta filerà liscio, Mozilla conta di rilasciare la prima release candidate di Firefox 3.6 entro la fine dell'anno e la release finale all'inizio del 2010.

Thunderbird 3
Atteso da lungo tempo, il nuovo client di posta elettronica sviluppato da Mozilla Messaging appare ormai vicinissimo al traguardo. La prima release candidate (RC1) di Thunderbird 3, annunciata alcuni giorni addietro, è stata descritta dal team di sviluppo come "l'ultima milestone": ciò significa che, se non emergeranno problemi gravi, la prossima release del programma sarà quella finale.

Mozilla Messaging non ha fornito stime al riguardo, ma i più ottimisti prevedono che Thunderbird 3 sarà lanciato ufficialmente entro la fine dell'anno.

Chi desidera provare la RC1 del software può scaricarla da qui per Windows, Linux e Mac OS X. Già presente anche la localizzazione italiana.

Delle principali novità di Thunderbird 3 si è parlato nei precedenti articoli e si tornerà a parlare in occasione del debutto ufficiale.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaFirefox 3.6 accoglie Windows 7Mozilla ha rilasciato la prima beta di Firefox 3.6, browser che introduce il supporto parziale a Windows 7 e promette di migliorare la velocità e la reattività del predecessore
  • TecnologiaSeaMonkey 2: un po' Firefox, un po' NetscapeLa nuova versione del browser open source combina il design all-in-one del vecchio Communicator con le più recenti tecnologie di Mozilla. Ma per il momento niente versione italiana
  • SicurezzaFirefox si cura in vista del compleannoMozilla ha rilasciato versioni aggiornate di Firefox 3.5 e 3.0 che correggono oltre una decina di vulnerabilità, alcune sfruttabili per eseguire codice a distanza. Nel frattempo fervono i preparativi per il quinto genetliaco
54 Commenti alla Notizia Più vicini Firefox 3.6 e Thunderbird 3
Ordina
  • Uso la beta di TB3 da quando è stata rilasciata e mi trovo benissimo.
    Ho notato al massimo qualche bug in alcuni messaggi IMAP, per il resto è ottimo, soprattutto le smart folder e la ricerca.
    Di una cosa sento la grossa mancanza: l'estensione lighting per gestire il calendario!
    Qualcuno sa se la svilupperanno o se la integreranno nella versione definitiva del client e-mail?
  • > Di una cosa sento la grossa mancanza:
    > l'estensione lighting per gestire il
    > calendario!
    > Qualcuno sa se la svilupperanno o se la
    > integreranno nella versione definitiva del client
    > e-mail?

    una cosa che mi interessa, hanno corretto il raggruppamento dei messaggi?

    Spero anche l'ordinamento per data, ogni tanto mi trovo i messaggi disordinati per dataSorride .
    ( che sia quella la funzione voluta ? )
  • - Scritto da: pippo75
    > una cosa che mi interessa, hanno corretto il
    > raggruppamento dei
    > messaggi?

    Non uso molto la funzione di raggruppamento, ma sembra andare benone.
    Comunque non ho thread di email molto lunghi.

    > Spero anche l'ordinamento per data, ogni tanto mi
    > trovo i messaggi disordinati per dataSorride

    Anche qui non ho mai trovato problemi. Non è che hai ordinato per qualche altro campo?Occhiolino
  • - Scritto da: TheGynius
    > Uso la beta di TB3 da quando è stata rilasciata e
    > mi trovo
    > benissimo.
    > Ho notato al massimo qualche bug in alcuni
    > messaggi IMAP, per il resto è ottimo, soprattutto
    > le smart folder e la
    > ricerca.
    > Di una cosa sento la grossa mancanza:
    > l'estensione lighting per gestire il
    > calendario!
    > Qualcuno sa se la svilupperanno o se la
    > integreranno nella versione definitiva del client
    > e-mail?

    Quoto

    Sento la mancanza anche di Enigmail
    non+autenticato
  • - Scritto da: peto tonante
    > - Scritto da: TheGynius
    > > Uso la beta di TB3 da quando è stata rilasciata
    > e
    > > mi trovo
    > > benissimo.
    > > Ho notato al massimo qualche bug in alcuni
    > > messaggi IMAP, per il resto è ottimo,
    > soprattutto
    > > le smart folder e la
    > > ricerca.
    > > Di una cosa sento la grossa mancanza:
    > > l'estensione lighting per gestire il
    > > calendario!
    > > Qualcuno sa se la svilupperanno o se la
    > > integreranno nella versione definitiva del
    > client
    > > e-mail?
    >
    > Quoto
    >
    > Sento la mancanza anche di Enigmail

    Enigamil presente
    non+autenticato
  • Non esiste la community di cantinari dedita allo sviluppo, ma solo gli interessi di grosse aziende che si ingrassano alle spalle degli invasati del codice aperto.


    Alcuni esempi:

    - BSD: è pilotato da Apple che ha interesse perchè Leopard è basato su kernel BSD.

    - KDE: è pilotato da Nokia che lo usa per testare le sue librerie QT (a pagamento per progetti non open).

    - Gnome: è pilotato da Novell e quindi indirettamente da MS.

    - Linux: è pilotato dalle major americane quali IBM, HP, Dell, Intel, ecc perchè poi lo vendono in soluzioni enterprise o dispositivi embedded.


    Si capisce subito se un progetto open è pilotato quando non ci sono fork. BSD, KDE, Gnome e il kernel Linux non hanno fork. Le aziende che spingono su tali progetti in pratica applicano i concetti vincenti del closed (nessun fork, un solo obiettivo), ma in più lasciano il codice aperto così si fanno pure sistemare i bug dagli sfigatelli di turno.


    La filosofia di libertà che secondo molti sta alla base dell'opensource è una bugia colossale, sta solo a voi decidere se abboccare come pesci o aprire gli occhi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: trollvella
    > Non esiste la community di cantinari dedita allo
    > sviluppo, ma solo gli interessi di grosse aziende
    > che si ingrassano alle spalle degli invasati del
    > codice
    > aperto.
    >
    >
    > Alcuni esempi:
    >
    > - BSD: è pilotato da Apple che ha interesse
    > perchè Leopard è basato su kernel
    > BSD.
    >
    > - KDE: è pilotato da Nokia che lo usa per testare
    > le sue librerie QT (a pagamento per progetti non
    > open).
    >
    > - Gnome: è pilotato da Novell e quindi
    > indirettamente da
    > MS.
    >
    > - Linux: è pilotato dalle major americane quali
    > IBM, HP, Dell, Intel, ecc perchè poi lo vendono
    > in soluzioni enterprise o dispositivi
    > embedded.
    >
    >
    > Si capisce subito se un progetto open è pilotato
    > quando non ci sono fork. BSD, KDE, Gnome e il
    > kernel Linux non hanno fork. Le aziende che
    > spingono su tali progetti in pratica applicano i
    > concetti vincenti del closed (nessun fork, un
    > solo obiettivo), ma in più lasciano il codice
    > aperto così si fanno pure sistemare i bug dagli
    > sfigatelli di
    > turno.
    >
    >
    > La filosofia di libertà che secondo molti sta
    > alla base dell'opensource è una bugia colossale,
    > sta solo a voi decidere se abboccare come pesci o
    > aprire gli
    > occhi.

    stesa cosa per apache.

    m la vuoi smettere di rompere? lo hai già scritto.

    ah, hai dimenticato red hat su gnome.

    fortuna che kde è meno pilotato, solo le qt sono di nokia.

    e ti sei dimenticato localhost:631 (inutile se ci provi se hai windows).

    a me va bene. queste aziende finanziano, portano avanti lo sviluppo e poi vendono l'assistenza tecnica (licenza gnu)-aggiungono due orpelli grafici e rivendono (bsd e apache)
  • - Scritto da: boh.
    > stesa cosa per apache.
    >
    > m la vuoi smettere di rompere? lo hai già scritto.
    >
    > ah, hai dimenticato red hat su gnome.
    >
    > fortuna che kde è meno pilotato, solo le qt sono
    > di
    > nokia.
    >
    > e ti sei dimenticato localhost:631 (inutile se ci
    > provi se hai
    > windows).
    >
    > a me va bene. queste aziende finanziano, portano
    > avanti lo sviluppo e poi vendono l'assistenza
    > tecnica (licenza gnu)-aggiungono due orpelli
    > grafici e rivendono (bsd e
    > apache)

    Ti brucia il c**o vero, quando crollano tutte le tue certezze e ti trovi faccia a faccia con la cruda realta?!
    non+autenticato
  • - Scritto da: trollvella
    > - Scritto da: boh.
    > > stesa cosa per apache.
    > >
    > > m la vuoi smettere di rompere? lo hai già
    > scritto.
    > >
    > > ah, hai dimenticato red hat su gnome.
    > >
    > > fortuna che kde è meno pilotato, solo le qt sono
    > > di
    > > nokia.
    > >
    > > e ti sei dimenticato localhost:631 (inutile se
    > ci
    > > provi se hai
    > > windows).
    > >
    > > a me va bene. queste aziende finanziano, portano
    > > avanti lo sviluppo e poi vendono l'assistenza
    > > tecnica (licenza gnu)-aggiungono due orpelli
    > > grafici e rivendono (bsd e
    > > apache)
    >
    > Ti brucia il c**o vero, quando crollano tutte le
    > tue certezze e ti trovi faccia a faccia con la
    > cruda
    > realta?!

    certo che no, anche perchè lo sapevo da prima che tu, caro troll, lo scrivessi.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 novembre 2009 01.10
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: trollvella

    I tuoi pensieri sono assolutamente NON pilotati da una mente.

    Povero Troll Penoso!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 30 novembre 2009 08.47
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10933
  • ma è nato prima l'uovo o la gallina?
    da quel che ricordo da ragazzino non c'era Leopard ma FREEBSD si... stessa cosa per gli altri progetti.
    Se un progetto è buono perchè non dovrebbe essere sostenuto dalle major?
    non+autenticato
  • > - KDE: è pilotato da Nokia che lo usa per testare
    > le sue librerie QT (a pagamento per progetti non
    > open).

    ROTFL

    > La filosofia di libertà che secondo molti sta
    > alla base dell'opensource è una bugia colossale,
    > sta solo a voi decidere se abboccare come pesci o
    > aprire gli occhi.


    Spari solo delle balle, verificabili in qualche secondo,
    cio' che conta e' la licenza e la licenza di cio' di cui
    parli consente le liberta' che c'interessano.
    non+autenticato
  • > - Linux: è pilotato dalle major americane quali
    > IBM, HP, Dell, Intel, ecc perchè poi lo vendono
    > in soluzioni enterprise o dispositivi
    > embedded.
    >

    questo non è vero, Linux lo fa la MS per evitare l'antitrust.

    mai fatto caso i casi
    è come BatMan - Robin

    qui invece: Torvalds-Stallman che in realtà sono ( Steve e Bill ).

    :)
  • - Scritto da: trollvella

    Tralasciando tutte le altre sciocchezze, questa mi ha fatto ridere:

    > Si capisce subito se un progetto open è pilotato
    > quando non ci sono fork.

    Quando c'è un fork tutti a dare addosso a Linux, adesso i progetti grossi non vanno bene perchè non hanno forkA bocca aperta
    (come se forkare il kernel, Gnome o KDE fosse cosa sempliceCon la lingua fuori)

    Insomma decideteviA bocca aperta
    Funz
    12995
  • - Scritto da: anonimo
    > Come da oggetto

    Vero. Thunderbird è anche un newsreader con cui mi trovo bene. C'è chi usa altri software che dicono siano più completi ma TB è abbastanza evoluto per un utente basilare.

    Poi si dimentica che thunderbird ha pure i plug in come il dizionario in italiano e altre lingue, la possibilità di avere enigmail per corrispondere notizie delicate e tanti altri add on.
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione

    > Diciamo che essendo software come Dialog e simili
    > (ce n'è su ogni piattaforma) gratuiti non c'è
    > nessun valido motivo di usare TB per i NG se non
    > la pigrizia di non voler cliccare su un'icona
    > diferente
    >Sorride

    Non lo conosco, comunque ho provato pichissimi newsreader. Un tempo usavo rn via linea di comando quando non esisteva il web e poi alcuni programmi per mac, comunque sono molto indietro in questo settore. TH ha moltissime funzionalità che non uso e qualcuna che mi manca, perché cambiare lettore?

    Poi come dici tu è anche pigrizia e comodità: avere un unico programma da gestire con cui con due clic si vedono ogni giorno le news e le mail.
  • Pensa che io uso ancora Forté Agent 4.2 (devo ancora fare l'aggiornamento al 5 che è già uscito il 6!) sia per la posta che per Usenet. Tutto installato su chiavetta.
    Il fatto è che l'ho talmente personalizzato e i filtri sono talmente limati che ad installare Dialog o qualcos'altro perderei una giornata a cercare di farlo comportare come voglio ioSorride
    Quindi il motivo è proprio quello: pigriziaSorride
    Funz
    12995
  • con Gmail in circolazione, serve ancora un client di posta come TB?
    non+autenticato
  • Certo che serve!
    Io lo uso e non posso farne a meno, ho ancora la mia posta sui pc di casa.

    Perchè devo metterla tutta online su GMail, che tra l'altro non ha spazio sufficiente.

    La tendenza al cloud spingerà sempre di più la gente a tenere i file sempre online, ma se cade la connessione cosa fai? A me succede di continuo, e nella mia zona non ho alternative.
    non+autenticato
  • Non ti basta lo spazio di Gmail? Ma cosa ci fate con la posta elettronica?
  • E vero, gmail ha 6 o 7 GB di spazio a gratis! Mi domando che corrispondenza intensa hai via mail, per non farti bastare quello spazioA bocca aperta

    Comunque hai ragione, un client di posta e molto utile (però il filtro antispam di gmail ogni tanto rompe le scatole, non mi fa arrivare email lecite tramite clientA bocca aperta).

    Poi è utile un client di posta se hai più indirizzi e-mailA bocca aperta
    Sgabbio
    26178
  • Non è la posta giornaliera, quella con 10 mega sei a posto.
    E' l'archivio con lo storico di tutto che tiene spazio... dal 98 ad oggi, anche se ho cambiato diversi posti di lavoro, ho sempre la mia posta completa in un solo punto.

    Seconda cosa: non mi va di mettere online queste cose e quindi mi tengo i file a casa, magari con un paio di backup ogni tanto su altri dispositivi.
    non+autenticato
  • come fai ad avere posta del 98 su gmail ?
    Sgabbio
    26178
  • Infatti non è su Gmail, all'epoca era su VideoOnLine se ricordo bene.
    Certo che quelle mail, che ormai posso buttare nel cestino, occupano davvero pochissimo in confronto a quelle moderne piene di html e allegati.

    Uso TB come client di posta e non come archivio centrale, quindi mi serve un client normale e non una web mail.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio
    > come fai ad avere posta del 98 su gmail ?

    per la posta non-gmail (di qualsiasi epoca) basta scaricarsi la posta dagli altri account sul client e poi spostarla nelle cartelle imap di gmail, sincronizzare il tutto con adsl q.b. e voilà, il gioco è fatto.
    pippuz
    1260
  • Tengo la posta scambiata anche se vecchia, sia quella di lavoro sia quella di casa (es. bollette, fatture, richieste assistenza, ecc)

    Poco alla volta, nel tempo ha superato la decina di giga.
    non+autenticato
  • > Perchè devo metterla tutta online su GMail, che
    > tra l'altro non ha spazio
    > sufficiente.

    mail di lavoro, immagino. O ti riferisci alla posta personale? se è la seconda, complimenti. se è la prima, io la farei stare sul server del lavoro, ma è solo la mia opinione.

    > La tendenza al cloud spingerà sempre di più la
    > gente a tenere i file sempre online, ma se cade
    > la connessione cosa fai? A me succede di
    > continuo, e nella mia zona non ho
    > alternative.

    esiste Google Gears. Usi Gmail anche off-line, Puoi fare ricerche e tutto il resto come fossi online; appena hai di nuovo la connessione, si sincronizza. Non molto diverso da usare IMAP, ma così utilizzi sempre la stessa interfaccia e non devi ricordarti di aprire il client di posta elettronica per sincronizzare il tutto. Poi, hai i contatti e il resto solo da una parte, senza dover ogni volta riaggiornare una rubrica o l'altra. Io lo trovo comodo.

    Per sicurezza, non si sa mai che Gmail faccia qualche scherzo come già successo a qualcuno, ho una copia che ogni tanto aggiorno per backup.
    pippuz
    1260
  • > mail di lavoro, immagino. O ti riferisci alla
    > posta personale? se è la seconda, complimenti. se
    > è la prima, io la farei stare sul server del
    > lavoro, ma è solo la mia
    > opinione.

    Quella personale è poca (20-30%) e il resto è di lavoro.
    L'azienda vuole la mail sul proprio server ma poi limita a 100MB, quindi devi avere un metodo di memorizzazione offline.
    Inoltre voglio tenermi una copia di sicurezza, totalmente a mio carico ovviamente. Ma cosa sono 10GB di spazio al giorno d'oggi?
    Mi è già capitato di perdere interi archivi per colpa del sistemista o di errori da parte di altri colleghi, e questo metodo mi ha salvato in entrambi i casi.


    > esiste Google Gears. Usi Gmail anche off-line,
    > Puoi fare ricerche e tutto il resto come fossi
    > online; appena hai di nuovo la connessione, si
    > sincronizza.

    Corretto, ma come ho evidenziato prima non mi va e non riesco ad essere sempre online. A lavoro ti contano il tempo che stai su Internet, quindi devo chiudere GMail perchè scambia informazioni ogni secondo anche se non ci sono mail (Ajax), mentre a casa ho una banda che a parte la posta non consente di fare molto (i video su youtube di 1 minuto ci mettono almeno 4 minuti per caricarsi!)
    Per me essere sempre online non è la soluzione perchè la situazione italiana non permette di farlo. Sono spesso fuori sede con un portatile, che ovviamente non ha la connessione internet per "scelta" aziendale.


    > Non molto diverso da usare IMAP, ma
    > così utilizzi sempre la stessa interfaccia e non
    > devi ricordarti di aprire il client di posta
    > elettronica per sincronizzare il tutto. Poi, hai
    > i contatti e il resto solo da una parte, senza
    > dover ogni volta riaggiornare una rubrica o
    > l'altra. Io lo trovo
    > comodo.

    Uso sempre Thunderbird o una webmail per la normale corrispondenza, normalmente gli ultimi 20-30 giorni, ma quando voglio la posta più vecchia devo per forza di cose essere a casa o averne una copia recente da qualche parte (sola lettura).


    Mi piace Gmail e la sua interfaccia web, ma non ci scrivo mail importanti.
    non+autenticato