Alfonso Maruccia

Sony e la TV 3D

Il management della multinazionale scommette sulla proliferazione delle televisioni a tecnologia tridimensionale da qui a tre anni. Un risultato, a ben guardare, non tanto impossibile

Roma - In una dichiarazione di intenti che apparentemente non lascia adito a dubbi, il vicepresidente responsabile della divisione TV di Sony Hiroshi Yoshioka "spara" la previsione secondo cui, entro il 2012, la corporation venderà televisori con tecnologia 3D nell'ordine del 30-50 per cento del suo intero parco in alta definizione.

Nonostante ancora si attenda la fantomatica adozione mainstream del formato di videodischi Blu-ray, procrastinata di Natale in Natale, gli schermi HDTV 3D sono già nei pensieri delle grandi protagoniste dell'elettronica di consumo come la "next big-thing" di un mercato condannato a innovare, bruciare se stesso e risorgere dalle proprie ceneri con frequenza regolare.

Ai televisori 3D - che per essere apprezzati al meglio necessitano di appositi occhialini a otturatore come già oggi capita nei pochi cinema che offrono questo tipo di esperienza - pensano in tanti incluse Panasonic, JVC, Samsung, Mitsubishi e naturalmente Sony. Più precisamente l'idea del colosso nipponico sarebbe quella di vendere schermi HDTV "3D ready" per un sovrapprezzo che non dovrebbe essere eccessivo, lasciando poi all'utente l'opzione dell'acquisto degli occhialini (prezzo stimato 200 euro) necessari alla visione in tre dimensioni di film e canali televisivi compatibili.
Osservando più da vicino questa idea, però, si scopre che il principale requisito della visione 3D (un refresh rate di almeno 120 Hz) è già presente e persino superato (sino a 200 Hz) in alcuni modelli di alto profilo commercializzati dalla multinazionale nipponica.

Qualora Sony volesse includere nel suo conteggio di HDTV 3D vendute anche questi modelli, la percentuale del 50 per cento entro il 2012 non sarebbe poi così difficile da raggiungere e la differenza tra televisori tridimensionali e "piatti" finirebbe per confondersi o persino sparire. Resta il fatto che Sony, 3D o non 3D, ha l'impellente necessità di far tornare profittevole il business delle televisioni dopo svariati anni passati a rincorrere la concorrenza.

Alfonso Maruccia
TAG: tecnologia, sony, 3d, tv
75 Commenti alla Notizia Sony e la TV 3D
Ordina
  • Azz, 200 euro di occhiali con otturatore? Ma perché non utilizzare i simpatici occhialini da 1 euro che si usano attualmente nei cinema 3D?
    Basterebbe dotare i televisori di un filtro polarizzato applicato sullo schermo, in modo tale da generare un effetto simile a quello degli schermi dei cinema... no? Ho visto qualche film 3D e direi che l'effetto è piuttosto buono, senza andare a spendere soldi in costosi occhialini da 200 euro al paio!
    non+autenticato
  • Se aspettano che la gente ricompri i televisori e che prenda pure gli occhialini possono chiudere.
    Già la TV costa, poi degli occhiali da 200 a botta... Noi siamo in due in casa, ma una famiglia non può spendere uno stipendio in occhiali!

    Se poi hai i figli in età dello sviluppo devi vendere un rene A bocca aperta
  • Ma infatti, assurdo, non riesco a capire!
    C'è questa tecnologia realD, no? non basta uno schermo che spara alternativamente le immagini polarizzate differentemente, e un paio di occhialini reald 3d come quelli che si usano al cinema?

    invece che so, i driver di nvidia richiedono occhialini polarizzati pilotati via usb e sincronizzati con il video.

    Io non me ne intendo, ma se è così vuol dire che i monitor normali non possono sparare alternativamente immagini polarizzate in modo diverso (cosa che fanno i proiettori voluti da cameron)
    non+autenticato
  • La stereoscopia è la terza rivoluzione

    1. Sonoro
    2. Colore
    3. Stereoscopia

    Come sempre ci sono delle resistenze alle novità, ma alla fine sarà una cosa normalissima, come lo sono ora il sonoro e il colore.
    non+autenticato
  • non se devo mettermi gli occhiali per vedere il 3d

    Pensa ad una cosa banalissima come un miope che giá porta degli occhiali da vista
    MeX
    16897
  • > Pensa ad una cosa banalissima come un miope che
    > già porta degli occhiali da vista

    Il problema è già stato risolto.

    Gli occhiali per la stereoscopia possono essere fatti in modo da poterli sovrapporre agli occhiali da vista.

    Se non ci credi prova ad andare a vedere un film in stereoscopia al cinema.
    Lista sale http://www.screenweek.it/3d
    non+autenticato
  • > Gli occhiali per la stereoscopia possono essere
    > fatti in modo da poterli sovrapporre agli
    > occhiali da
    > vista.

    é scomodo.

    > Se non ci credi prova ad andare a vedere un film
    > in stereoscopia al
    > cinema.
    > Lista sale http://www.screenweek.it/3d

    ci sono giá andato, ha senso farlo appunto al cinema, dove gli occhialini me li danno pure...

    Immagina che siamo 5 amici e mi inviti a casa a vedere un film... che si fa?
    MeX
    16897
  • Infatti, fatto così il 3d è una caxxata.

    Tra l' altro, con il sistema digitale, sarebbe anche possibile usare più sistemi icon lo stesso disco: il film in 3d, in pratica, ha un frame rate doppio, ed una serie di informazioni aggiuntive che indicano, per ogni fotogramma, a quale occhio è destinato e quindi quale otturatore va aperto (esistono quindi due "canali" video).

    Non dovrebbe essere perciò difficile riprodurre tali film anche su uno schermo autostereoscopico, o su occhiali RV con due schermi LCD: tali sistemi hanno bisogno di due input video in contemporanea, e tali input sarebbero forniti dividendo il video originale e spedendo i fotogrammi pari da ua parte, i dispari dall' altra.

    In questo modo potremmo avere:
    -dispositivi ultraportatili, con solo gli occhiali (adatti per l' uso in treno, ad esempio)
    -Dispositivi trasportabili: laptop con schermo autostereoscopico, che essendo usato da un solo utente alla volta, che in genere si trova esattamente di fronte, non avrebbe grossi problemi di angolazione
    -home video: quelli attualmente in uso

    Finchè si limitano solo all' home video, e fatto così, non andranno da nessuna parte
    non+autenticato
  • il punto é che a cosa mi serve il 3d per vedere il TG?
    a cosa mi serve il 3d per leggere news su Google o le email in treno?

    Il 3d é una "nicchia" dell'intrattenimento, e secondo me resterá sempre tale, salvo la proiezioni a ologromma... ma anche li... ha senso solo per certi tipi di film e videogiochi
    MeX
    16897
  • Pienamente d' accordo; unica eccezione.. per quanto riguarda gli ologrammi, potrebbero avere altre applicazioni nella progettazione, nella prototipaione, nella diagnostica per immagini e nella psimulazione di interventi chirurgici (o anche nella chirurgia robitica).

    Così come lo sta realizzando Sony, il 3d non serve a nulla, su questo sono d' accordo
    non+autenticato
  • si si, ma infatti in quei contesti é anche giá pure utilizzato...
    MeX
    16897
  • > il punto é che a cosa mi serve il 3d per vedere
    > il TG? a cosa mi serve il 3d per leggere news su Google
    > o le email in treno?

    il punto é che a cosa mi serve il COLORE per vedere il TG? a cosa mi serve il COLORE per leggere news su Google o le email in treno?

    > Il 3d é una "nicchia" dell'intrattenimento, e
    > secondo me resterá sempre tale

    No, si diffonderà per il semplice motivo che è molto più realistico.

    Come tutte le nuove tecnologie, all'inizio c'è sempre della resistenza. All'introduzione del sonoro molti parlavano di morte del cinema.
    non+autenticato
  • > il punto é che a cosa mi serve il COLORE per
    > vedere il TG?

    "la macchina rossa inquadrata é stata sequestrata in seguito a ..."

    > a cosa mi serve il COLORE per
    > leggere news su Google o le email in
    > treno?

    "ciao caro, ho trovato una giacca per te, ti piace di piú di questo blu oppure celeste?"

    > No, si diffonderà per il semplice motivo che è
    > molto più
    > realistico.

    vero, ma si diffonderá se non c'é bisogno di mettersi gli occhiali o essere seduto perfettamente di fronte allo schermo

    > Come tutte le nuove tecnologie, all'inizio c'è
    > sempre della resistenza. All'introduzione del
    > sonoro molti parlavano di morte del
    > cinema.

    ed era una razzata, mentre non é una razzata dire che nessuno ha voglia di spendere 200€ o portarsi sempre appresso degli stupidi occhialini
    MeX
    16897
  • >> il punto é che a cosa mi serve il COLORE per
    >> vedere il TG?

    > "la macchina rossa inquadrata é stata sequestrata
    > in seguito a ..."

    Quindi prima del 1978, anno di introduzione del colore nelle trasmissioni televisive, non si facevano i TG...

    senza contare

    "la roccia sullo sfondo, quella più vicina"

    >> No, si diffonderà per il semplice motivo che è
    >> molto più realistico.

    > vero, ma si diffonderá se non c'é bisogno di
    > mettersi gli occhiali o essere seduto
    > perfettamente di fronte allo schermo

    Si diffonderà comunque, l'arricchimento dell'esperienza visiva è molto superiore al dovere fare la terribile Sorride fatica di indossare un paio di occhiali.

    >> Come tutte le nuove tecnologie, all'inizio c'è
    >> sempre della resistenza. All'introduzione del
    >> sonoro molti parlavano di morte del
    >> cinema.

    > ed era una razzata

    Per te, per loro era una disgrazia che avrebbe distrutto il cinema.

    > mentre non é una razzata dire
    > che nessuno ha voglia di spendere 200€ o portarsi
    > sempre appresso degli stupidi occhialini

    Ora costano così, e si riferiscono specificamente a quelli attivi. Con la diffusione della stereoscopia te li regaleranno.

    Inoltre non te li devi portare sempre appresso, ma solo quando ti servono.
    non+autenticato
  • ... deve essere roba letale per i neuroni!
    Questi parlano di adozione di tecnologie 3D sul 50% degli apparecchi di nuova produzione entro 3 anni... ma stanno farneticando o cosa?
    Il Bluray non supporta ancora il 3D, il digitale terrestre è ancora a standard definition e stanno ancora valutando la tecnologia (probabilmente H264) per passare a trasmissioni HD... con il 3D bisogna aumentare di almeno il 30% il flusso dati (e questo secondo i protocolli più ottimizzati)... come è possibile immaginare una simile rivoluzione tecnologica nel giro di 3 anni? Poi ve lo immaginate il consumatore che ha appena comprato un LCD magari a LED che corre a sbarazzarsene per prendere il nuovo televisore 3D?
    Secondo me sono fortunati se nel 2012 ha davvero preso piede il bluray... altro che storie!
  • Sony ha perso credibilità dal rootkit in poi.
    Hanno detto cazzate allora e stanno ripetendosi con gioia.
    3D in tre anni in metà delle case, come no.
  • Mi tengo stretto il mio Panasonic da 28 pollici, lo guardo in una stanza piccola e col DT và da Dio.
    Sinceramente di vedere i film a scia proprio non mi và.
    Inoltre l'Lcd soffre di spixellamenti dovuti alla bassa definizione delle trasmissioni, per cui si comincia a vedere bene dal DVD in poi.
    Sky non ce l'ho e il Blu-Ray neppure.
    Bocciato.
    Aspettiamo l'OLED o tecnologie affini (pare che Sony abbandoni l'oled per gli elevati costi di produzione)
    non+autenticato
  • al di là delle questioni sui framerate, chi è che si metterebbe in casa con gli occhialini per guardare la TV? Troppo scomodo!!! ancora più scomodo se tirano in ballo questi occhiali a cristalli liquidi. al di là di questo, già fanno fatica a piazzare i lettori blu-ray (i telvisori hd li vendo perché ormai troci quasi solo quelli), figurati se devono piazzare dei modelli nuovi con nuovi televisori e poi, ancora, nuovi dischi (perché i dischi venduti finora non contengono certo il film in 3D)... non è che la gente è lì pronta a spendere... entro due anni poi? suvvia non siamo ridicoli... è più facile prevedere la morte del blu-ray (che, tra parentesi, è ancora in fasce) a vantaggio dei film comprati in internet in questo lasso di tempo...
  • - Scritto da: sadness with you
    > è più facile
    > prevedere la morte del blu-ray (che, tra
    > parentesi, è ancora in fasce) a vantaggio dei
    > film comprati in internet in questo lasso di
    > tempo...

    Più che in fasce io mi azzardo a dire: è già con un piede nella fossa.
    La spinta nel baratro arriverà con i film su chiavi usb.
  • > La spinta nel baratro arriverà con i film su
    > chiavi
    > usb.

    ? chi compra dischi (DVD, BlueRay) é perché ha una TV, che se ne fa del film su USB?

    Il BlueRay va bene per i 50enni devono puntare TUTTO sulla distribuzione su internet!
    MeX
    16897
  • > ? chi compra dischi (DVD, BlueRay) é perché ha
    > una TV, che se ne fa del film su
    > USB?

    Alcuni decoder digitale terrestre hanno la possibilità di leggere i film su chiave USB (e anche di registrare su chiave USB): il mio ce l' ha, e personalmente lo trovo molto comodo.
    non+autenticato
  • si ma quello serve per vedere i film scaricati da internet sulla TV.

    Non ha senso venderti una chiavetta USB per distribuire un FILM.

    Internet sará il futuro della distribuzione e fruizione dei contenuti.
    MeX
    16897
  • Il punto è: il sistema per leggere le chiavette USB ce l'ho; il sistema per leggere i BD non ce l' ho; se trovo in vendita lo stesso film , allo stesso prezzo, su BD e su chiavetta, quale comprerò?

    Il discorso è simile a quanto era accaduto con i laserdisc e le cassette: a parità di qualità, era più interessante un videoregistratore rispetto ad un lettore di laserdisc, perchè era più versatile, e quindi c' era più gente con il videoregistratore che con il laserdisc: per questo, è stato più faile vendere le cassette rispetto ai dischi.
    non+autenticato
  • no non ha senso distribuire film in formato digitale su memoria esterna.

    Se tu potessi accedere ad un catalogo aggiornatissimo e comlpeto online con film in affitto a un paio di € o meno e in acquisto a 8€ o meno... usciresti di casa per vedere se la mediaworld é disponibile quel film su chiavetta USB?
    MeX
    16897
  • - Scritto da: angros
    > Il punto è: il sistema per leggere le chiavette
    > USB ce l'ho; il sistema per leggere i BD non ce
    > l' ho; se trovo in vendita lo stesso film , allo
    > stesso prezzo, su BD e su chiavetta, quale
    > comprerò?

    certo, ma immagino che avrai anche una connessione internet a banda larga a casa... e lo stesso film lo puoi comprare online (magari a prezzo un po' più basso) anche alle 22:00 della domenica sera, scegliendo da un catalogo "infinito", far partire il download, e iniziare a vederlo dopo pochi minuti. E il file scaricato lo puoi backuppare su un secondo HD e averlo sempre a portata di mano (cosa che potrebbe non essere vera su una chiavetta USB straprotetta).
    A quel punto cosa fai? compri la chiavetta e ti fai la scorta di chiavette, oppure compri online?
    I vecchi sistemi di distribuzione sono ormai "morti"...

    > Il discorso è simile a quanto era accaduto con i
    > laserdisc e le cassette: a parità di qualità, era
    > più interessante un videoregistratore rispetto ad
    > un lettore di laserdisc, perchè era più
    > versatile, e quindi c' era più gente con il
    > videoregistratore che con il laserdisc: per
    > questo, è stato più faile vendere le cassette
    > rispetto ai dischi.

    magari è stato più facile perché costava meno produrre le cassette che i laserdisc, e costavano meno pure all'utente... perché non è che di punto in bianco in 10'000'000 di case si è materializzato il lettore di cassette, mentre il lettore lasedisc si è materializzato solo in 1'000
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)