Giorgio Pontico

Facebook: più privacy per tutti

Il social network raggiunge quota 350 milioni di utenti e il suo creatore parla di importanti cambiamenti nella struttura. Con un occhio di riguardo alla tutela dei dati personali. Che, a detta di alcuni, non è sufficiente

Roma - Facebook cresce e raggiunge quota 350 milioni di utenti: un numero considerevole se si pensa alle poche decine di studenti di Harvard che nel 2004 scelsero di comunicare attraverso quello che sarebbe poi diventato il social network più popolare del Web. Commentando questo traguardo sul blog ufficiale, il fondatore Mark Zuckerberg ha annunciato alcuni cambiamenti che prossimamente coinvolgeranno il social network.

Quella che viene paventata pare essere una vera e propria ristrutturazione, ma ciò che balza all'occhio sono i nuovi sistemi di tutela della privacy.

Zuckerberg ha sottolineato come ormai il crescente numero di utenti abbia di fatto annullato l'efficacia di alcune protezioni come i network regionali, utili in principio quando riunivano poche centinaia di persone e consentivano la condivisione di alcuni dati anche con chi non fosse amico. Oggi queste reti zonali sono affollate da milioni di persone che, come afferma Zuckerberg, difficilmente si conoscono tutte.
Pertanto è stato deciso di cancellare questi network, giudicati non più adatti alla conformazione del sempre più popolato social network. Verranno introdotte nuove modalità, di cui ancora non si conoscono le caratteristiche, per il controllo del materiale che si immette nel flusso di dati.

Evidentemente queste modifiche erano state pianificate già da qualche tempo, tuttavia un'associazione di consumatori norvegesi, Forbrukerrådet, sta progettando di portare Facebook alla sbarra in quanto opererebbe in totale anarchia, ignorando le più basilari norme civili: principi generali che, secondo il portavoce Hans Marius Graasvold, devono essere rispettati anche sul Web.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • AttualitàContrappunti/ Clicco link, vedo gentedi M. Mantellini - La tecnologia in aiuto dei misantropi del Duemila? Un studio di Pew Research disegna così la realtà statunitense. In Italia, invece, si promuove la disintossicazione da Internet
  • BusinessFacebook, chi vuol esser milionarioRaggiunge 300 milioni di utenti. E inizia a guadagnare in anticipo sulle aspettative
  • TecnologiaFacebook si spogliaTolti gli indumenti più pesanti per una nuova veste più leggera. Ne beneficeranno gli utenti dalle connessioni più lente e tutti quelli che non hanno mai visto di buon occhio applicazioni e riquadri
33 Commenti alla Notizia Facebook: più privacy per tutti
Ordina
  • Devono impostare "tutto chiuso" di default e
    lasciare che sia l'utente a far vedere cosa e a chi.

    Invece ora e' il contrario, alla windows! Sorride

    Fermo restando che io preferirei comunque non
    usarlo perche' i fatti miei non li voglio far
    sapere neppure a loro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: sxs
    > Devono impostare "tutto chiuso" di default e
    > lasciare che sia l'utente a far vedere cosa e a
    > chi.
    >
    > Invece ora e' il contrario, alla windows! Sorride
    >
    > Fermo restando che io preferirei comunque non
    > usarlo perche' i fatti miei non li voglio far
    > sapere neppure a loro.

    Da quanto ne so adesso di default è quasi tutto chiuso.
    Prima invece era quasi tutto aperto.

    Eviterei le classiche battute antiwindows che qui non c'entrano.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 03 dicembre 2009 12.42
    -----------------------------------------------------------
  • non sai di cosa stai parlando.
    riprova. senza battute.
    non+autenticato
  • Fessbook comincia a fare marcia indietro...

    Non è possibile paragonare l'uso che ne fanno i "bambocci"
    americani figli di papà che bivaccano nei college con l'uso
    che ne fanno in Italia per esempio...

    Ergo si sono resi conto di doversi dare una regolata
    non+autenticato
  • - Scritto da: TheStylist
    > Fessbook comincia a fare marcia indietro...
    >
    > Non è possibile paragonare l'uso che ne fanno i
    > "bambocci"
    > americani figli di papà che bivaccano nei college
    > con
    > l'uso
    > che ne fanno in Italia per esempio...

    In italia non si bivacca nelle università fino ai 35 anni?
  • Vero, ma comunque non mi risulta che in Italia ci siano college da 15,000$ all'anno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: TheStylist
    > Vero, ma comunque non mi risulta che in Italia ci
    > siano college da 15,000$
    > all'anno.
    Lo so ma non ciò ha importanza relativa, sempre di bivacco si tratta
  • > Ergo si sono resi conto di doversi dare una
    > regolata

    giá perché tanto ormai tutti hanno capito che gli Italiani una regolata non se la daranno mai... In lacrime
    MeX
    16896
  • Ma santo dio privacy o no,ma se uno nn vuole esser trovato non si uscrive!!santa miseria tutta sta polemica!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Paga
    > Ma santo dio privacy o no,ma se uno nn vuole
    > esser trovato non si uscrive!!santa miseria tutta
    > sta
    > polemica!

    Oppure picchia gli amici che pubblicano storie, foto o filmati che lo ritraggono.
    Shiba
    3641
  • > Oppure picchia gli amici che pubblicano storie,
    > foto o filmati che lo
    > ritraggono.

    Già, bastasse non iscriversi non si porrebbe la questione. FECEbook è un po' come il fumo passivo, anche se detesti le sigarette è sufficiente che le persone che ti sono vicine si avvelenino perché anche tu ne debba soffrire gli effetti negativi.
    D'altra parte è una piattaforma che può tornare utile per promuovere la propria attività, se usata in maniera opportuna.
  • eliminiamo un problema per volta allora, prima pensiamo a vietare totalmente l'uso del tabacco in qualunque sua forma, dopodichè passiamo a facebook
    non+autenticato
  • Dopodiché togliamo pure la libertà di pensiero, almeno non ci sono più discussioni
    harvey
    1481
  • giá, ci hanno pure tolto la libertá di avere schiavi
    MeX
    16896
  • Facebook è nato per gli esibizionisti e per i fannulloni.

    In effetti bloccare i siti come Facebook sarebbe un danno, perchè questa grande mole di utenti andrebbe a riversarsi su altri siti, rovinandoli.
    non+autenticato
  • - Scritto da: rido per non piangere
    > Facebook è nato per gli esibizionisti e per i
    > fannulloni.

    e per quelli che emigranoOcchiolino
    MeX
    16896
  • ha parlato quello che ha il blog su blogger.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Shiba
    > Oppure picchia gli amici che pubblicano storie,
    > foto o filmati che lo ritraggono.

    Esatto. È indispensabile iscriversi proprio per monitorare quello che gli altri postano di te.
    Triste verità, lo so.
    non+autenticato
  • paranoia e mania di protagonismo... nice startOcchiolino
    MeX
    16896