Giorgio Pontico

USA, cacciato il cacciatore di UFO

Un tecnico informatico si serviva dei computer della scuola presso cui lavorava per cercare tracce radio aliene nell'ambito del progetto SETI. Con un costo energetico impressionante

Roma - Costretto alle dimissioni e indagato dagli organi di giustizia dell'Arizona, probabilmente per aver utilizzato materiale elettronico di proprietà della scuola presso la quale lavorava per collaborare al progetto SETI.

Brad Niesluchowski, questo il nome del novello cacciatore di foo fighter, quando era direttore del dipartimento tecnologico di un istituto scolastico locale avrebbe causato alla Higley Unified School una spesa aggiuntiva di circa 1,5 milioni di dollari. Avrebbe inoltre abusato della sua posizione per acquistare materiale informatico esclusivamente per cercare tracce di Grigi, Rettiliani e Marziani.

Questo comportamente evidentemente non è andato giù al sovrindendente Denise Birdwell, che ha deciso di annichilire le velleità ufologiche del suo sottoposto invitandolo a lasciare il proprio posto di lavoro: "I computer del dipartimento lavoravano ininterrottamente - ha spiegato Birdwell - anche se uno studente si limitava semplicemente a lavorare con un editor di testi il processore processava dati a ritmi serrati".
Di conseguenza, il consumo elettrico dei computer cresceva: Niesluchowski avrebbe addirittura allargato il suo "giro" oltre la propria scuola, coinvolgendo PC di tutto il distretto. Inevitabile la sua defenestrazione: avrebbe utilizzato più corrente del dovuto, ergo avrebbe costretto le scuole a pagare bollette astronomiche oltre il budget fissato.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • Tecnologia2025, Primo ContattoL'anno dell'incontro dell'umanitÓ con gli alieni. Sino ad allora le tecnologie per sondare lo spazio continueranno a progredire. Nuove civiltÓ in arrivo
  • AttualitàIl SETI@HOME scova... un portatileCuriosa vicenda di uno smanettone che partecipa al progettone di ricerca e che proprio grazie a questo Ŕ riuscito a individuare il portatile rubato alla moglie
  • AttualitàLe mani degli USA su McKinnonUn giudice britannico ha deciso che l'hacker non potrÓ ricorrere alla Corte Suprema per evitare l'estradizione. Se condannato, rischia fino a 60 anni. Montano le proteste
27 Commenti alla Notizia USA, cacciato il cacciatore di UFO
Ordina
  • Mi chiedo se l'autore dell'articolo abbia la minima idea di cosa sia SETI@Home
    Da quello che scrive dimostra un'ignoranza persino maggiore di quella della S.ra Birdwell

    da non credereTriste
    non+autenticato
  • Fate voi i conti, ma per spendere 1,5 milioni di dollari in corrente elettrica avrebbe dovuto avere 1.000 pc a disposizione, far girare il seti 24/24, 365 giorni l'anno e per 15 anni.

    Quindi i fatti sono due: o l'importo e' esagerato, oppure la notizia e' stata riportata sbagliata. Credo che nel computo del danno siano stati tenuti conto molti altri fattori, come la mancata produttivita' del dipendente, l'acquisto improprio di materiale informatico e via discorrendo.
    non+autenticato
  • Brad Niesluchowski scaricava anche porno?
    Brad Niesluchowski non faceva il suo lavoro correttamente?
    SECONDO ME, A LUME DI NASO, POTREBBE ANCHE DARSI CHE BRAD SIA COMPLETAMENTE INNOCENTE....(OVVERO C'E' QUALCOSA DI GROSSO NASCOSTO).

    "Brad Niesluchowski is accused of taking school computers home to use in his home business, downloading pornography, not doing his job correctly and downloading unauthorized software that searches for extraterrestrial intelligence."
    http://www.eastvalleytribune.com/story/147955
  • Mentre posso accettare la critica che viene fatta al dirigente scolastico per l'eccessivo sfruttamento delle risorse energetiche della scuola; penso invece che sia assolutamente da ignoranti ridicolizzare in questo modo il progetto SETI@home, che come hanno già sottolineato altri non ha nulla a che vedere con grigi, rettiliani o altri personaggi di fumetti che l'autore dell'articolo può aver letto di recente al posto di documentarsi in modo serio.
    SETI@home è un progetto molto serio, che va avanti da molti anni e cerca di analizzare segnali radio anomali provenienti dallo spazio, inoltre il progetto @home è utilizzato anche per analizzare enormi quantità di dati relativi a ricerche avanzate in altri ambiti di ricerca.
    non+autenticato
  • Infatti.
    Articolo impostato malissimo con nozioni superficiali sull'argomento.
    non+autenticato
  • Per la precisione, sono 10 anni da che e' stato lanciato lo "home computing" col progetto SETI.
    Ciao,
    Ermanno
    non+autenticato
  • Tra l'altro sarebbe da chiarire come mai hanno incolpato il tizio per fare girare software Grid, che a mio avviso sarebbe un ottima iniziativa da parte di un ente scolastico contribuire al progresso scientifico, e non, per esempio, di lasciare pc accesi la notte appositamente...

    Ma per quanto riguarda il tempo in cui il pc è comunque acceso non vedo come le esili differenze di consumo vadano a generare tale scalpore...

    Che si concentrino su altri sprechi energetici! uno fra tanti, le luci lasciate accese nei bagni... entrate in un bagno pubblico, uno qualsiasi, com'è la luce ? Accesa... Entrate in un altro ? Entrate in 10, 20... su un centinaio ne troverete 1 o 2 con la luce spenta (esclusi quelli con le lampadine bruciate) o con un sistema di accensione a rilevazione di movimento...

    Poi questo accanirsi contro chi scrive gli articoli lo trovo fuori luogo... non vi piacciono gli articoli di PI ? leggete altrove. i commenti a mio avviso servono per discutere sulla notizia non per infamare chi le scrive.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Alberto
    > Tra l'altro sarebbe da chiarire come mai hanno
    > incolpato il tizio per fare girare software Grid,
    > che a mio avviso sarebbe un ottima iniziativa da
    > parte di un ente scolastico contribuire al
    > progresso scientifico, e non, per esempio, di
    > lasciare pc accesi la notte appositamente...

    > Ma per quanto riguarda il tempo in cui il pc è
    > comunque acceso non vedo come le esili differenze
    > di consumo vadano a generare tale scalpore...

    > Che si concentrino su altri sprechi energetici!
    > uno fra tanti, le luci lasciate accese nei
    > bagni... entrate in un bagno pubblico, uno
    > qualsiasi, com'è la luce ? Accesa... Entrate in
    > un altro ? Entrate in 10, 20... su un centinaio
    > ne troverete 1 o 2 con la luce spenta (esclusi
    > quelli con le lampadine bruciate) o con un
    > sistema di accensione a rilevazione di movimento...

    Quoto...

    > Poi questo accanirsi contro chi scrive gli
    > articoli lo trovo fuori luogo... non vi piacciono
    > gli articoli di PI ? leggete altrove. i commenti
    > a mio avviso servono per discutere sulla notizia
    > non per infamare chi le scrive.

    Infatti e' gia' cosi : si legge altrove e si viene a trollare qui Rotola dal ridere
    krane
    22528
  • Il SETI@home non c'azzecca niente con i Foo Fighters. Non buttiamo parole lì a caso solo per far colore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: R_Duke
    > Il SETI@home non c'azzecca niente con i Foo
    > Fighters. Non buttiamo parole lì a caso solo per
    > far
    > colore.

    Giusto, il gruppo pop non c'entra un cavoloCon la lingua fuori
    Funz
    11966
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 10 discussioni)