Alfonso Maruccia

Spionaggio sociale, EFF denuncia tutti

L'associazione che si batte in difesa dei diritti digitali pretende che le agenzie investigative federali degli Stati Uniti la dicano tutta su come utilizzano i dati pubblici di utenti dei portali web di relazione

Roma - La Electronic Frontier Foundation in associazione con la School of Law dell'Università di Berkeley ha denunciato "una mezza dozzina" di agenzie governative per la loro perniciosa tendenza a non rendere pubbliche le politiche di utilizzo dei siti di social network nell'ambito di pratiche quali investigazioni, raccolta e archiviazione di dati, sorveglianza telematica.

Chiamata a rispondere del proprio operato è la CIA, agency che non fa certo mistero di volersi servire dello sterminato fluire di parole che circolano nell'ambito dei network sociali online, ma anche il Dipartimento di Giustizia, il Department of Homeland Security (DHS) e altre propaggini della massiccia burocrazia della sorveglianza e del controllo made in USA.

Secondo la EFF e gli studenti di legge dell'UCLA, le agenzie denunciate sono colpevoli di voler mantenere segrete le modalità di raccolta e impiego delle informazioni dei cittadini statunitensi disponibili sui social network, su Facebook, MySpace, i blog e via elencando. Agli apparati era stato chiesto di divulgare le proprie metodologie operative attraverso apposite richieste tramite il Freedom of Information Act, e in tutta risposta EFF ha ricevuto nient'altro che silenzio.
"Ogni giorno milioni di persone utilizzano i siti di social networking come Facebook, diffondendo molte informazioni riguardo la loro vita privata" osserva James Tucker, studente dell'UCLA al lavoro sul caso con EFF. "Mentre il Congresso dibatte di nuove leggi sulla privacy che includono siti come Facebook - continua Tucker - sia i legislatori che gli elettori hanno bisogno di sapere come il governo sta già impiegando tali dati e quello che c'è realmente in gioco".

Le agenzie governative sorvegliano, ma le aziende non sono da meno, come il caso Sprint Nextel sta lì platealmente a dimostrare. Il carrier USA continua a gettare acqua sul fuoco dello "scandalo" delle otto milioni di richieste effettuate da polizia e forze dell'ordine nel sistema di geolocalizzazione degli utenti, provando a rassicurare sul fatto che "qualche migliaio" di clienti interessati dalla faccenda non sono poi un dato così esagerato se rapportato ai 47 milioni di utenti totali in carico al provider.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
1 Commenti alla Notizia Spionaggio sociale, EFF denuncia tutti
Ordina
  • .. non lo avete capito ancora? facebook, il poker online, MSN, le chat ,netlog, google, yahoo, sono puri e semplici SPYWARE.... vi siete chiesti perche' questi servizi sono gratis???? Semplice, perchè vengono finanziati dalle agenzie di raccolta dati che pagano fior di quattrini agli amministratori/gestori/sviluppatori dei siti/programmi... sveglia... siamo tutti spiati !!!!! un po' come la raccolta punti al supermercato che in realta' registra le tue abitudini... c'e' dietro tutto un traffico di dati personali che muove milioni di euro !!!
    non+autenticato