Giorgio Pontico

Scudi deflettori per navi spaziali

EADS e ESA stanno approntando un sistema che proteggerà i veicoli durante il rientro sulla Terra. La parte più travagliata dei viaggi orbitali

Roma - Gli attuali scudi termici in ceramica che dovrebbero garantire un rientro sicuro nell'atmosfera a tutti i vettori spaziali potrebbe presto cedere il posto ad una soluzione sviluppata dai laboratori tedeschi di EADS in collaborazione con ESA: un campo magnetico che avvolgerebbe il velivolo in rotta verso la Terra proteggendolo dall'impatto con l'atmosfera.

L'idea di base è quella di posizionare un superconduttore cilindrico nella parte del vettore che sarà più esposta al plasma atmosferico in fase di rientro. Non ancora quello che si aspetterebbero gli appassionati di Star Trek ma quasi.

Questa sorta di "scudo deflettore" impedirà il contatto delle particelle atmosferiche con la struttura della navetta e, se i test si riveleranno proficui, un vettore russo sperimenterà il prossimo 21 marzo le sue attuali capacità direttamente nello Spazio.

Giorgio Pontico

Notizie collegate
  • TecnologiaLa magnetricità è realtàDue team inglesi confermano per la prima volta l'esistenza del fantomatico monopolo magnetico. Uno di questi va oltre e riesce a dimostrare la magnetricità, un flusso di corrente magnetica che si comporta come l'elettricità
  • TecnologiaIl micromotore elettromagneticoLe nanomacchine non sono ancora pronte per l'impiego in scenario di utilizzo reali, ma i motori per muoverle già ci sono. E funzionano con i campi elettromagnetici.
  • TecnologiaQuando il robot impara a volareGli elicotteri della Stanford University svolazzano e si esibiscono in acrobazie. Hanno imparato grazie all'intelligenza artificiale. E sono molto, molto più bravi dei piloti in carne e ossa
31 Commenti alla Notizia Scudi deflettori per navi spaziali
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 9 discussioni)