Giorgio Pontico

iTunes difende il copyright

Il responsabile europeo, intervistato, dichiara il suo amore per gli artisti musicali. E, spiega, Apple si dà da fare per loro: ma il marketplace di Cupertino resta una goccia in mezzo al mare del file sharing

Roma - Il 2009 è stato ricco di soddisfazioni per iTunes, che si avvia a chiudere l'anno superando tutti i precedenti record di vendite musicali dalla sua prima comparsa. Intervistato dalla BBC, il suo responsabile europeo Oliver Schusser ha tirato le somme ricordando le fasi cruciali che hanno portato a questo successo, dall'alto del quale vorrebbe progettare il futuro di iTunes.

Sin dalla sua introduzione iTunes ha generato più di 8,5 miliardi di download, conquistandosi un pubblico sempre più ampio che, secondo Schusser, ancora non è comparabile alla popolazione di adepti al file sharing: "Vogliamo convincere le persone - continua Schusser - che è meglio ottenere i contenuti legalmente piuttosto che rubarli attraverso Internet".

iTunes avrebbe quindi un ruolo educativo in una Rete che sembra farsi beffe del diritto d'autore: "Crediamo nel valore della musica - ha concluso Schusser - vogliamo ricompensare gli artisti e le etichette, ma sfortunatamente motli utenti scaricano ancora illegalmente".
Di fronte alle voci che avevano accusato Apple di occupare una posizione privilegiata all'interno del mercato musicale, Schusser ha ribadito che nonostante i grandi numeri iTunes rimane un contenitore di nicchia. In Gran Bretagna, ha spiegato, in molti comprano ancora CD: tuttavia il recente acquisto di Lala proprio da parte di Apple potrebbe suggerire uno scenario diverso per il futuro.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • BusinessiTunes in concertoPartnership tra il promoter di eventi musicali Live Nation e lo store online della Mela. Sarà possibile acquistare e scaricare interi show dal vivo, in formato audio e video. Un'opportunità, anche per le Grandi Sorelle
  • BusinessApple, singolo della settimana e buffet tvAnche in Italia la Mela regala singoli, mentre negli States Cupertino è vicina ad un accordo con le emittenti: per offrire un prezzo forfettario in cambio di tutta la televisione possibile
57 Commenti alla Notizia iTunes difende il copyright
Ordina
  • Ti senti un musicista o cantante in gamba? Vai qui:
    http://www.tunecore.com
    e con 19$ l'anno inizi a vendere la tua musica su iTunes Music Store in tutto il mondo

    Ti senti un brano sviluppatore? Vai qui:
    http://developer.apple.com/iphone
    e con 65 € l'anno inizi a vendere il tuo software su iTunes App Store in tutto il mondo

    Non sei ne un cantante ne uno sviluppatore in gamba? Tornatene nella tua mediocrità ma non venire a dire che iTunes difende le rendite non sapendo magari nemmeno che in Italia ci stanno privatizzando l'acqua..

    Fan LinuxFan Apple
  • Magnifico slogan: lavori per Apple?
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Magnifico slogan: lavori per Apple?

    No, è più facile che chi spara contro Apple in questo forum abbia qualche interesse nel farlo.

    Per interesse basta solo che sia un cacciavitaro-disinfestatore-formattone delle domenica che non vuole vedere il suo stipendio diminuire con l'avanzare di Mac OS X. O anche un semplice rivenditori di telefoni... senza andare nel complottismo di bassa lega.

    Il mio interesse verso Apple si ferma all'agio e alla comodità nel affidarmi alle sue soluzioni rispetto alla concorrenza. Beh, un certo interesse in effetti c'è, una postazione di post-produzione Apple costa la metà di una pari workstation AVID...

    Fan LinuxFan Apple
  • > Fan LinuxFan Apple

    Perchè i due loghi? usi anche linux?

    Te lo chiedo perchè trovo un po' insolito, per gli appassionati di Apple, apprezzare linux (e viceversa), dato che i due sistemi implicano un approccio molto diverso (a meno, ovviamente, che tu non sia uno sviluppatore che programma per più piattaforme)
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > Fan LinuxFan Apple
    >
    > Perchè i due loghi? usi anche linux?
    >
    > Te lo chiedo perchè trovo un po' insolito, per
    > gli appassionati di Apple, apprezzare linux (e

    Perché? fatti un giro su qualche forum mac-oriented e vedrai un grande rispetto verso Linux.
    Su forum di professionisti nel mio settore non ci facciamo proprio caso all'OS.
    Poi vai su forum AVID-oriented... e vedrai la gente tirare giù i calendari (e i santi) per colpa di Microsoft.

    > viceversa), dato che i due sistemi implicano un
    > approccio molto diverso (a meno, ovviamente, che
    > tu non sia uno sviluppatore che programma per più
    > piattaforme)

    Nel mio ambito lavorativo Linux è una piattaforma molto importante, ci sono alcuni software di compositing che girano solo su Linux. Anche i server di produzioni in azienda sono tutti Linux e non ci hanno mai dato problemi.

    A me non interessa la filosofia che sta dietro un prodotto, se il prodotto è buono (ripeto buono) e fa il suo lavoro senza fallo ferire ha tutta la mia stima.

    Certo Linux potrebbe essere più user-friendly ma non si può avere tutto dalla vita.

    Ovvio che il mio computer a casa è un Mac, un server in azienda è Linux.

    Fan LinuxFan Apple
  • - Scritto da: angros
    > Magnifico slogan: lavori per Apple?
    No, fa lo schiavoA bocca aperta
    non+autenticato
  • E tu il giullare? A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Giorgio
    > E tu il giullare? A bocca aperta
    Toh un altro schiavetto difensore. Sempre meglio giullare che schiavoA bocca aperta
    non+autenticato
  • Da quando ottenere una copia è rubare ? Rubare è quando levo un bene ad unoA bocca aperta

    Comunque itunes a mio personale parere non mi piace tanto.
    Sgabbio
    26177
  • ma quante c...e e quanta ipocrisia questu "signori" difensori del (C)...
    iTunes difende le rendite e gli interessi di pochi
    chi difende il (C) difende le rendite e gli interessi di pochi
    non+autenticato
  • Quoto: iTunes difende gli interessi di chi magari ha lavorato per l' ultima volta 20 anni fa, e continua ancora a farsi pagare: quale altra parola, se non parassita?
    E iTunes cerca di incoraggiare questo modello... sono solo delle inutili sanguisughe.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Quoto: iTunes difende gli interessi di chi magari
    > ha lavorato per l' ultima volta 20 anni fa, e
    > continua ancora a farsi pagare: quale altra
    > parola, se non
    > parassita?

    Bello vedere i parassiti d'eccellenza dare dei parassiti agli altri. Difesa tipica.

    > E iTunes cerca di incoraggiare questo modello...
    > sono solo delle inutili
    > sanguisughe.
    ruppolo
    33147
  • Bello vedere i fanboy di Apple pronti a insultare senza avere nessun argomento sensato. Tipico dei fanatici incapaci di pensare.
    non+autenticato
  • Mi pare che tu abbia usato il termine "parassita" prima di me... o forse mi sbaglio?
    ruppolo
    33147
  • Parassita è chi cerca di guadagnare senza lavorare: se tu hai un bene digitale (quindi replicabile teoricamente all' infinito, senza nessun costo) e vuoi vendere ogni copia che fai (e puoi farne infinite), pretendi di farti pagare una cifra infinita, senza fare nulla (perchè, se hai lavorato, l' hai fatto una volta sola, magari anni prima, e magari non hai neanche lavorato tu): se questo non è parassitismo, cos' è?

    Io non avevo fatto attacchi personali, tu sì, e questo è indice solo di maleducazione.
    non+autenticato
  • esatto, sempre detto che l'arte è una boiata, un buco su una tela, centinaia di migliaia di euro, la gioconda è una schifezza ma costa, una matita spezzata dentro una patata: l'artista ha voluto esprimere con il tatto la mancanza di affetto nell'adolescenza e altre idiozie, perchè?
    un "artista" fa un quadro, poi ci pensa su e fa 500 copie in serigrafia, e via 3000 euro a copia oltre ai 20000 dell'originale.
    la facciamo più facile?
    dopo aver ottenuto il nome tramite i critici d'arte, uno si mette a fare foto in bianco e nero avendo soggetti del piffero, le riproduce su tela con inchiostri particolari ed un plotter, e via verso il lucro sfrenato.
    con la musica invece è un male lucrare? uno fa una canzone e ci guadagna a vita, sia sul venduto che sull'usufruito, sul cantato, gli spartiti, ecc...
    gli inventori dei brevetti? fin che scadono ci guadagnano.
    i politici? un giorno al mese in parlamento e 20000 euro intascati.

    però se una cosa interessa e da fastidio, come pagare la musica, allora si tira su casino e ci si indigna, le altre cose che non vanno bene ma non si ha interesse, chi se ne frega...
  • Non ti sembra di esagerare, a mettere sullo stesso livello la gioconda e un buco in una tela?

    Comunque, per i quadri il sistema di vendita è ancora più perverso che per la musica, e me l' hanno confermato diversi artisti; l' unico che ho conosciuto che guadagnava abbastanza aveva 95 anni, e diceva: "riesco a vendere perchè i quadri di un pittore morto valgono di più, ed alla mia età molti li comprano e aspettano, sperando di rivenderli"
    non+autenticato
  • è proprio questo il bello, perchè la gioconda non può essere paragonata ad un buco su una tela? chi ha stabilito che ci sono diversi tipi di "arte"? l'arte è esprimere qualcosa sotto forma di cose, suoni, ecc? il valore di un manufatto lo da il critico, perchè? perchè lui sa e tu no? se a me la giconda fa schifo sbaglio perchè qualcuno di famoso l'ha fatta e qualcun'altro ha detto che è di valore? non è soggettiva l'arte? come la musica? se a me piace un quadro o una canzone, sono io a dargli valore pagando. percè qualcuno si permette di monetizzare queste cose? basterebbe dire che se ci lucri allora non è arte, perchè non deriva dalla necessità di esprimersi ma solo dalla sottomissione al denaro. non ho idea se la gioconda sia stata fatta per lucrarci, ma se l'intento è diverso, IMHO, lo è anche il valore.
  • Se ho ben capito, stai parlando di "misurare" il valore dell' arte? O volevi dire qualcosa di diverso?

    Puoi essere più chiaro?
    non+autenticato