Videosorveglianza urbana, le regole del garante

di F.Sarzana di S.Ippolito (www.lidis.it) - Giro di vite sulla videosorveglianza pubblica. Multe salate per i comuni che non si adeguano, display notturni per informare i cittadini, privacy dei cittadini e codice della strada

Videosorveglianza urbana, le regole del garanteRoma - Il Garante Privacy si appresta, presumibilmente già da questa settimana, a varare un nuovo provvedimento sulla videosorveglianza che sostituirà integralmente il provvedimento del 2004.
Il provvedimento si è reso necessario per due ordini di ragioni:
1) il primo è che i provvedimenti generali precedenti sono in massima parte stati superati o resi inattuali dalla rapidità dell'innovazione tecnologica;
2) il secondo è il mutato scenario della videosorveglianza negli enti locali in virtù delle modifiche operate dal legislatore italiano nel febbraio 2009 che ha attribuito ai sindaci il potere di prevenire l'illegalità ed il degrado urbano anche con sistemi di sorveglianza elettronica, rivoluzionando l'intero sistema della videosorveglianza in luoghi pubblici o aperti al pubblico.

Quali sono i punti più qualificanti della nuova disciplina?
Innanzitutto il richiamo alla nuova disciplina delle sanzioni introdotte con il decreto legge "mille proroghe" di fine 2008 (DL 207/2008 in G.U. n. 304 del 31.12.2008) con il quale sono state aumentate, a decorrere dal 31 dicembre 2008, le sanzioni pecuniarie amministrative previste dal Codice Privacy e sono state introdotte nuove ipotesi di violazioni. Sono stati, inoltre, introdotti criteri generali di flessibilità nell'applicazione delle stesse sanzioni, prevedendo la riduzione per i casi meno gravi, ma anche l'aumento rilevante per le ipotesi aggravate, con possibilità peraltro di aumenti fino al quadruplo nei casi in cui, in considerazione delle condizioni economiche del contravventore, ciò appaia necessario al fine di dare reale efficacia alle sanzioni stesse.

Il Garante richiama gli enti locali ad una verifica severa dei presupposti per controllare il cittadino, visto il rischio che le telecamere nelle nostre città realizzino un sistema "degno" del Grande Fratello. In particolare si rivolge ai Comuni che intendano conservare i dati per più dei sette giorni richiesti dalla normativa (erano 24 prima dell'approvazione del Decreto Sicurezza, salvo speciali esigenze di conservazione che li portavano a una settimana): dovranno sottoporre a verifica preliminare del garante gli impianti di videosorveglianza. E se non lo fanno?
Rischiano fino a 120mila euro in caso di mancata richiesta sottoposizione preliminare al Garante e fino a 180mila euro di multa, aumentabile fino al quadruplo, se non bloccano il trattamento dei dati, in violazione delle norme del codice, a richiesta del Garante.
Novità anche per quanto riguarda i rifiuti: i comuni potranno utilizzare sistemi di videosorveglianza per verificare che non vi siano infrazioni amministrative attinenti ora, modalità e svolgimento del deposito dei rifiuti, contrariamente a quanto previsto in precedenza laddove la videosorveglianza del deposito dei rifiuti era ammessa solo per il controllo di aree abusivamente impiegate come discariche di materiali e di sostanze pericolose.

Molto più analitica rispetto al 2004 è la parte del provvedimento che si incarica di stabilire le prescrizioni "tecniche" attinenti la videosorveglianza. Diversamente dal provvedimento precedente che si incentrava sui requisiti di autenticazione e di protezione dei dati trattati in occasione della videosorveglianza, il provvedimento del 2009, conscio del proliferare delle figure professionali impiegate nelle procedure di videosorveglianza e delle strutture che si connetteranno ai vari sistemi esistenti, si preoccupa principalmente di limitare l'accesso ai sistemi allo stretto necessario ed alle funzioni esercitate, con una graduazione dei poteri, a seconda del ruolo ricoperto. Si prevede infatti che "devono essere configurati diversi livelli di visibilità e trattamento delle immagini in relazione alle competenze specificatamente attribuite ai singoli operatori. Laddove tecnicamente possibile, in base alle caratteristiche dei sistemi utilizzati, i predetti soggetti, designati incaricati o, eventualmente, responsabili del trattamento, devono essere in possesso di credenziali di autenticazione che permettano di effettuare, a seconda dei compiti attribuiti ad ognuno, unicamente le operazioni di propria competenza".

Altra novità la possibilità che vengano installate videocamere sui taxi ai fini di protezione dei conducenti.

Novità anche per quanto il rapporto tra privacy dei cittadini e codice della strada e per quanto riguarda gli accessi ai centri storici. Le targhe potranno essere riprese solo in caso di violazioni accertate e per quanto riguarda le multe: il cittadino potrà ora pretendere la documentazione video relativa all'infrazione ma non riceverà a casa le immagini con il verbale di contestazione o con atti successivi (per ovvie ragioni di privacy) ed inoltre le immagini di altri soggetti che dovessero essere presenti nel veicolo dovranno essere oscurate, mentre le telecamere dovranno limitare la possibilità di riprendere soggetti estranei alle infrazioni.
Però gli stessi Comuni potranno sottoporre a rilevazione le targhe di automobili che commettano infrazioni al Codice della strada ovvero - su delega delle forze dell'ordine - la rilevazione automatica delle targhe di automobili in relazione a fattispecie costituenti reato segnalate nelle c.d. black list da parte delle predette amministrazioni. Rimane sempre fermo che la visione della registrazione dei dati e delle immagini tracciate è consentita alle sole forze di polizia le quali possono acquisire in ogni momento le registrazioni di eventi che, pur non configurandosi come azioni criminose, siano ritenute necessarie al fine di effettuare attività di indagine, verifica e accertamento di ipotesi di reato (art. 25, comma 2, del Codice).

I Comuni inoltre dovranno utilizzare strumenti appropriati per segnalare la presenza di strumenti di rilevazione video a distanza. Deve essere obbligatoriamente fornita un'idonea informativa nel caso in cui, invece, i trattamenti di dati personali siano effettuati tramite l'utilizzo di sistemi di videosorveglianza dalle forze di polizia, dagli organi di pubblica sicurezza e da altri soggetti pubblici in caso di utilizzo di sistemi di rilevazioni delle immagini per la contestazione delle violazioni del Codice della strada.

È vietata ai Comuni la possibilità di tracciare gli spostamenti delle persone ricostruendo interi percorsi effettuati dagli interessati in un determinato arco di tempo e di luogo tramite una rilevazione indicizzata basata su determinate caratteristiche personali o per finalità che non siano strettamente riconducibili ai compiti istituzionali attribuiti ai titolari. Altre disposizioni impongono l'uso dei informative luminose al cittadino in caso di videsorveglianza notturna.

In via di definizione anche le tempistiche di adeguamento che saranno diverse a seconda dei diversi tipi di adempimento.

Fulvio Sarzana di S.Ippolito
www.lidis.it
Notizie collegate
  • AttualitàItalia, il Grande Fratello è arrivato in città?di Fulvio Sarzana di S.Ippolito (www.lidis.it) - I comuni potrebbero imbracciare i sistemi di videosorveglianza per vigilare sui cittadini: sciami di cam occhiute introdotte dal decreto sicurezza. E il Garante Privacy?
  • AttualitàMa come le usano quelle cam in Italia?40 installazioni di videosorveglianza sottoposte al controllo della Guardia di Finanza. Il Garante per la Privacy vuole capire se vengono rispettate le regole perché da tempo si rischia il far west a spese dei cittadini
  • TecnologiaUK, patria del tecnocontrolloI piccoli sudditi di sua Maestà saranno schedati e i loro dati saranno immagazzinati in un database. L'intento è quello di proteggerli. Ma i Lord non vedono di buon occhio l'ossessione per la sicurezza
25 Commenti alla Notizia Videosorveglianza urbana, le regole del garante
Ordina
  • Profugatamente pagata al pagatissimo garante della privacy
    non+autenticato
  • cito dall'articolo: "per più dei sette giorni richiesti dalla normativa (erano 24 prima dell'approvazione del Decreto Sicurezza, salvo speciali esigenze di conservazione che li portavano a una settimana):"
    dal contenuto, direi che manca un ORE: "erano 24 ORE", altrimenti il resto non è congruente. ciao
    non+autenticato
  • Ma scusate, dov'è il problema, io impianterei un circuito di telecamere a copertura totale che registrino su un circuito chiuso per tot giornima che ove si rendesse necessario, possano essere visionate solo ed unicamente quando viene commesso un'illecito ecc.. da polizia o altro dietro il consenso di un giudice.
    Così nessuno spulcerà nei nostri affari se non sarà strettamente necessario o per motivi futili, in compenso si avrebbe la certezza di beccare il ladro/malfattore
    non+autenticato
  • Molti (me compreso) possono essere d'accordo con te.
    Ma rimane un problema: chi controlla il controllore?
    non+autenticato
  • - Scritto da: MaestroX
    > Molti (me compreso) possono essere d'accordo con te.
    > Ma rimane un problema: chi controlla il controllore?

    Certo, il rischio esiste, ma equivale a dire non facciamo partite di calcio perché altrimenti gli ultras si picchiano.
    Peraltro, in un paese diciamo democratico come ancora è il nostro, io vedo il rischio inverso, cioè di una censura delle immagini. Ho in mente occasioni in cui organi di polizia hanno sequestrato videocamere, cellulari ecc. che stavano riprendendo episodi a loro "scomodi". Questo dovrebbe essergli vietato. Se un cittadino onesto non ha niente da dover nascondere, ancora più questo deve valere per chi dovrebbe tutelarci. Per questo motivo sono anche perché in occasione di interventi in tenuta anti-sommossa ognuno abbia una casacca col suo numerino, ed ovviamente i loro superiori sanno di chi si tratta. Questo senza scomodare i fatti di Genova & co.: è una mera questione logica. In altri paesi è del tutto normale. saluti
    non+autenticato
  • - Scritto da: phila
    > Ma scusate, dov'è il problema, io impianterei un
    > circuito di telecamere a copertura totale che
    > registrino su un circuito chiuso per tot giornima
    > che ove si rendesse necessario, possano essere
    > visionate solo ed unicamente quando viene
    > commesso un'illecito ecc.. da polizia o altro
    > dietro il consenso di un
    > giudice.
    > Così nessuno spulcerà nei nostri affari se non
    > sarà strettamente necessario o per motivi futili,
    > in compenso si avrebbe la certezza di beccare il
    > ladro/malfattore

    Perfetto, concordo in tutto. Fine di tutte le seghe mentali sull'argomento. Invece il problema pare essere quello di avvisare i sorvegliati che sono sorvegliati... Sorride
    L'importante in questi sistemi è che le registrazioni non siano visibili, ma solo registrate in sistemi chiusi acquisibili/accessibili solo in caso di richiesta di autorità di polizia.
    Ovviamente devono potersi usare - con maggiori cautele - anche per un controllo "in tempo reale" da parte che so di postazioni di polizia, vigili urbani ecc. che sorvegliano i luoghi più esposti. ciao
    non+autenticato
  • Vedo un po' del buon vecchio stile ... onore al merito.
    non+autenticato
  • Noi nei corridoi degli uffici e tutto intorno al perimetro della sede abbiamo ben 32 telecamere di tipo IP.
    E non siamo un'azienda particolare ... forse sono solo un po' fissati.
    Ci sono delle leggi a riguardo?
    Grazie
    non+autenticato
  • mai sentito parlare dello Statuto dei Lavoratori?
    non+autenticato
  • - Scritto da: bey
    > Noi nei corridoi degli uffici e tutto intorno al
    > perimetro della sede abbiamo ben 32 telecamere di
    > tipo
    > IP.
    > E non siamo un'azienda particolare ... forse sono
    > solo un po'
    > fissati.

    personalmente ne vorrei un paio per controllare delle apparecchiature o delle stanze impresidiate. Il mio ruolo è quello dell' "IT manager" (quando qualcuno si accorge che serve, altrimenti spazzo per terra e pulisco i vetri) ... talvolta alcuni servizi remoti non funzionano e uno dei controlli che faresti se fossi lì è meramente visivo. Una telecamera ti facilita la vita. Un pc con webcam rischia di essere troppo costoso.

    Alla fine io ho rinunciato perché c'è già la para se usi desktop remoto, con qualche persona.

    Alzo il culo, vado a vedere.

    Però non è che sia il massimo dell'efficienza. Gradirei fare click, controllare, chiudere, continuare a lavorare. Si fa prima.

    Se da voi le hanno messe nei corridoi... beh, questo mi pare davvero un eccesso (e a dirla tutta, anche un abuso).
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)