Mauro Vecchio

YouTube e Google, pirati della Rete?

A ritenerlo è il coordinatore del centro studi per la protezione dei diritti degli autori e della libertà d'informazione. La condivisione non autorizzata degli utenti del Tubo renderebbe Mountain View più ricca. Mentre Mediaset pensa a mettere a frutto la propria esclusiva

Roma - Google e YouTube sarebbero accomunate ben al di là dei meccanismi che regolano gli assetti proprietari in ambito aziendale: entrambe non riconoscerebbero l'importanza e il valore della proprietà intellettuale. Si tratta di un breve estratto dai recenti pensieri di Tullio Camiglieri, coordinatore del centro studi per la protezione dei diritti degli autori e della libertà d'informazione. Pensieri, ma soprattutto parole, che hanno criticato aspramente la presunta efficacia del sistema delle segnalazioni alla piattaforma di video sharing per la conseguente rimozione di un contenuto non autorizzato.

"La realtà è che di contenuti protetti da copyright YouTube è pieno - ha spiegato Camiglieri - e con questi ci guadagna, mentre chi perde ogni giorno sono gli autori, i registi, i giornalisti, gli editori". Mediaset però non ha perso contro YouTube, che dovrà provvedere autonomamente alla rimozione di tutti i filmati caricati dai suoi utenti, in particolare di quelli relativi a immagini sia statiche che dinamiche della trasmissione Grande Fratello 10. E infatti Camiglieri ha manifestato il suo plauso alla recente decisione del Tribunale di Roma.

"L'ordinanza della nona sezione civile emessa ieri dal Tribunale di Roma è un importante passo verso la legalità - ha dichiarato Camiglieri - nonché verso il riconoscimento della proprietà intellettuale di chi produce contenuti". YouTube sarebbe a suo dire uno strumento comunque molto utile, avendo aperto ai netizen nuove strade per la condivisione online dei contenuti. Ma questi contenuti non dovrebbero ovviamente violare le attuali leggi sul diritto d'autore, perché altrimenti finirebbero - sempre secondo Camiglieri - con l'avvicinarsi moltissimo al fenomeno della pirateria online.
Quello che aggraverebbe la situazione, a suo dire, è che Google genera profitti a partire da contenuti non autorizzati, visto un positivo fatturato di YouTube che durerebbe da 18 mesi. Camiglieri ha fatto il punto sui danni causati dalla pirateria all'industria culturale italiana, intorno ad una cifra pari al miliardo di euro l'anno. Le pratiche di accesso diretto ai contenuti di BigG starebbero impoverendo sempre più la capacità di generare prodotti editoriali.

Particolarmente soddisfatta, anche la Federazione Anti-Pirateria Audiovisiva (FAPAV), che ha sottolineato come la sentenza del Tribunale di Milano contro YouTube sia da considerare come un importante indice dell'attenzione rivolta dalla magistratura al problema della pirateria online. Lo stesso Filippo Roviglioni, presidente di FAPAV, si è augurato che l'impegno di magistrati, organi competenti e forze dell'ordine continui nella direzione illuminata dalla sentenza a favore della rimozione di contenuti ritenuti illeciti.

Mediaset, nel frattempo, ha annunciato il lancio - a partire dall'11 gennaio prossimo - di un nuovo servizio gratuito di streaming televisivo, una sorta di catch up tv, come definita dal vicepresidente Pier Silvio Berlusconi. Inizialmente, il servizio offrirà agli utenti la possibilità di fruire di brevi filmati, per poi estendersi con una versione full episod. Si potranno visionare in streaming programmi di news, infotainment e reality show. Tanto ormai la famosa casa del format orwelliano potrebbe essere al riparo dagli occhi indiscreti dei broadcaster artigianali della Rete.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Digital LifeContrappunti/ Mediaset e le occasioni perdutedi Massimo Mantellini - Di fronte all'abbagliante capacità di sintesi espressa dagli utenti Youtube nell'estrarre da migliaia di ore di programmazione TV le poche perle lì contenute, le aziende televisive reagiscono come giganti accecati
  • Diritto & InternetGoogle, Mediaset e quel risarcimento milionariodi Guido Scorza - O si cancella dalla Rete una delle più rivoluzionarie modalità di condivisione dei contenuti digitali o si lascia che la Rete segua la sua naturale evoluzione
  • AttualitàMaroni, pugno duro su FacebookDopo l'aggressione al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, è montata la protesta su Facebook. Tra gruppi pro e contro Tartaglia, una sola certezza per il governo: si parlerà di chiusura dei siti web che istigano alla violenza
90 Commenti alla Notizia YouTube e Google, pirati della Rete?
Ordina
  • Mediaset non perde assolutamente nulla, siccome quei video son già stati trasmessi.
    Potrebbero provvedere a questo furto implementando della mini pubblicità all'inizio del video.
    non+autenticato
  • YouTube dovrebbe chiudere DEL TUTTO in Italia, a priori.
    Così quando qualcuno prova a vedere il video del gattino che fa le capriole, gli apparirà un bel messaggio "Spiacente, dal tuo Paese non è possibile accedere alla piattaforma YouTube. Per ulteriori informazioni rivolgersi a Mediaset"
    Così gli utenti sapranno a chi dare la colpa.
    Mi sembra la migliore pubblicità per il biscione...
    non+autenticato
  • > Così gli utenti sapranno a chi dare la colpa.
    > Mi sembra la migliore pubblicità per il
    > biscione...

    agli utenti che hanno caricato filmati protetti da diritto d'autore e a YT che fa storie per rispettare tale diritto.
  • - Scritto da: Joliet Jake
    > YouTube dovrebbe chiudere DEL TUTTO in Italia, a
    > priori.
    > Così quando qualcuno prova a vedere il video del
    > gattino che fa le capriole, gli apparirà un bel
    > messaggio "Spiacente, dal tuo Paese non è
    > possibile accedere alla piattaforma YouTube. Per
    > ulteriori informazioni rivolgersi a
    > Mediaset"
    > Così gli utenti sapranno a chi dare la colpa.
    > Mi sembra la migliore pubblicità per il
    > biscione...
    Non vedo il motivo per certe battute.
    Non si parla del video amatoriale del gattino, ma di contenuti video coperti dal diritto d'autore e pagati da Mediaset e dalle altre tv, ma non da Google.
    non+autenticato
  • Mediaset non ha capito una cippa come al solito, eppure pullula di buone menti in ambiti amministrativi, ma a quanto pare dotate di para occhi modello giumenta!!!

    Il grande fratello è una minchiata di trasmissione, la gente non la guarda in prima serata perchè ha di meglio da vedere "per fortuna", però quando si è al lavoro,ci sono dei momenti vuoti,"vedo le mie colleghe", allora vanno sul portalone e si sparano 5 minuti di grande fratello per svagarsi "o per spettecolare dopo".

    Quella gente non lo guarderebbe lo stesso la sera, che ci sia su youtube o non, serve per riempire quei ritagli di tempo "libero" nei momenti in cui non si può gurdare la tv, se voi pensate che siano disposti a pagare per vederlo sul Vostro sito siete ridicoli, la gente lo guarda a pezzi solo perchè è free e non serve seguire una trama, pensate che nel nostro ufficio ci siamo accorti che era finito l'anno scorso, solo perchè il vincitore era finito in radio e ci stavamo domandando chi fosse il montato di testa intervistato.
    non+autenticato
  • Il tuo discorso è abbastanza inutile: non importa se la gente guarda o no il programma GF (e lo guarda...).
    Quel che importa è se YouTube può sfruttare o no i video di proprietà di Mediaset per farci un suo business senza pagarne i diritti.
    La legge e il tribunale hanno deciso che Google NON può.
    Youtube non può trasmettere il GF come non può trasmettere telefilm, cartoni animati e musica senza pagarne i diritti.
    non+autenticato
  • > Quel che importa è se YouTube può sfruttare o no
    > i video di proprietà di Mediaset per farci un suo
    > business senza pagarne i
    > diritti.

    Ma YT non diceva di togliere i filmati quando qualcuno avrebbe richiesto i diritti?
    Ma se sono ancora li in bella vista, ci sono anche interi film disponibili.
    Dovesse farlo un ente di piccole dimensioni un lavoro simile, sequestrerebbero anche i rubinetti.

    Arroganza delle multinazionali americane?
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 21 dicembre 2009 13.04
    -----------------------------------------------------------
  • > Ma YT non diceva di togliere i filmati quando
    > qualcuno avrebbe richiesto i diritti?

    Basta indicare il video, e se dopo la verifica risulta coperto dai diritti d'autore, lo tolgono.

    Youtube fornisce un servizio, la responsabilità è dell'utente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Y T
    > > Ma YT non diceva di togliere i filmati quando
    > > qualcuno avrebbe richiesto i diritti?
    >
    > Basta indicare il video, e se dopo la verifica
    > risulta coperto dai diritti d'autore, lo
    > tolgono.
    Ma chi paga per controllare i video di YouTube?
    Tu affermi che Mediaset dovrebbe pagare del personale per fare controlli?
    Ti pare logico che Mediaset debba passare il tempo a cercare di scovare il materiale che Google pubblica sui suoi server?
    E se nascono altri siti simili? Mediaset deve pagare altro personale ancora? Ma ti sembra davvero logico?

    Google pubblica, google ricava denaro, che Google paghi il personale per le ricerche dei video pirata.
    non+autenticato
  • > Google pubblica

    no, sono gli utenti che pubblicano, non Google.

    > google ricava denaro, che Google
    > paghi il personale per le ricerche dei video
    > pirata.

    dal dlgs 70/2003: "l'intermediario è responsabile dei contenuti pubblicati dagli utenti nel momento in cui queste violazioni vengono segnalate"
    pippuz
    1260
  • >>> Ma YT non diceva di togliere i filmati quando
    >>> qualcuno avrebbe richiesto i diritti?

    >> Basta indicare il video, e se dopo la verifica
    >> risulta coperto dai diritti d'autore, lo
    >> tolgono.

    > Ma chi paga per controllare i video di YouTube?

    Vedi che non hai capito.
    E' proprio la tua domanda ad essere sbagliata.
    I video non li carica YouTube, ma li caricano gli utenti di YouTube.

    Quindi, riformulata, la domanda diventa:
    Ma chi paga per controllare i video degli utenti di YouTube?

    La risposta è ovvia: mediaset.
    Visto che i video sono i suoi, che se li controlli da sola e che se la prenda con gli utenti, non con YouTube.

    Che poi, per inciso, se sparisse tutta la roba mediaset che infesta YouTube, ne avremmo solo che da guadagnare.
    non+autenticato
  • > Vedi che non hai capito.
    > E' proprio la tua domanda ad essere sbagliata.
    > I video non li carica YouTube, ma li
    > caricano gli utenti di
    > YouTube
    .

    Se youtube si fa firmare una delibera per ciascun filmato avresti ragione, altrimenti no.

    Se ha la delibera la porta in tribunale e scarica la colpa agli utenti.
  • >> E' proprio la tua domanda ad essere sbagliata.
    >> I video non li carica YouTube, ma li
    >> caricano gli utenti di YouTube.

    > Se youtube si fa firmare una delibera per ciascun
    > filmato avresti ragione, altrimenti no.
    > Se ha la delibera la porta in tribunale e
    > scarica la colpa agli utenti

    Quindi, secondo te, andrebbero denunciate anche Telecom per le telefonate tra mafiosi e Poste Italiane per le lettere tra mafiosi.

    Non hanno mica la delibera firmata per scaricare la colpa sugli utenti!

    Ma ti rendo conto delle assurdità che dici...
    non+autenticato
  • >
    > Quindi, secondo te, andrebbero denunciate anche
    > Telecom per le telefonate tra mafiosi e Poste
    > Italiane per le lettere tra
    > mafiosi.

    che legge violerebbero, dimmelo che corro a denunciare telecom.

    > Non hanno mica la delibera firmata per scaricare
    > la colpa sugli
    > utenti!

    tu pubblichi del materiale tuo o del materiale che ricevi da altro ( fai solo da intermediario ), se di questo non hai il diritto d'autore vai nelle grane.
    Per liberarti da rogne, ti fai firmare una delibera nel quale chi ti consegna il materiale ti da il permesso e si assume la responsabilità, ma informarsi è cosi difficile?
    Una volta ho dato una foto da pubblicare ( per il Comune ) o firmavo o non potevano pubblicarla per quel motivo, anche se la foto era mia e la consegnavo di persona.


    > Ma ti rendo conto delle assurdità che dici...

    va bene, hai ragione, almeno si chiude il discorso.
  • > Quindi, secondo te, andrebbero denunciate anche
    > Telecom per le telefonate tra mafiosi e Poste
    > Italiane per le lettere tra
    > mafiosi.
    La telefonata è privata e Telecom non può pubblicarla...
    (e se lo fa finisce nei casini)

    che razza di paragone fai?
    non+autenticato
  • Mille miliardi di danni... Mille mila miliardi di danni... numeri che fanno girare la testa...
    (dove l'ho già sentita?)
    non+autenticato
  • se andiamo a vedere allora cosa dovrebbe dire allora youtube quando mediaset, rai e altre emittenti televisive fanno vedere immagini del portalone negli schermi televisivi?
    non+autenticato
  • Infatti, si sta totalmente ridicolizzando qualsiasi intento valido possa essere costituito dalla voglia di fare informazione ed intrattenimento.
    Entrambi i network potrebbero trarre vantaggi da collaborazioni ufficiali e non ufficiali. Ma non è così. E dire che le due controparti non hanno neppure lo stesso mercato e share.
    non+autenticato
  • - Scritto da: mario rossi
    > se andiamo a vedere allora cosa dovrebbe dire
    > allora youtube quando mediaset, rai e altre
    > emittenti televisive fanno vedere immagini del
    > portalone negli schermi
    > televisivi?

    O che tutti i telegiornali mediaset usano Gmaps nei loro servizi ?
  • - Scritto da: DR.House
    > - Scritto da: mario rossi
    > > se andiamo a vedere allora cosa dovrebbe dire
    > > allora youtube quando mediaset, rai e altre
    > > emittenti televisive fanno vedere immagini del
    > > portalone negli schermi
    > > televisivi?
    >
    > O che tutti i telegiornali mediaset usano Gmaps
    > nei loro servizi
    > ?
    In maniera totalmente legale.
    Informati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Matt
    > - Scritto da: DR.House
    > > - Scritto da: mario rossi

    > > > se andiamo a vedere allora cosa dovrebbe dire
    > > > allora youtube quando mediaset, rai e altre
    > > > emittenti televisive fanno vedere immagini del
    > > > portalone negli schermi televisivi?

    > > O che tutti i telegiornali mediaset usano Gmaps
    > > nei loro servizi ?
    > In maniera totalmente legale.
    > Informati.

    Non siamo riusciti a trovare informazioni a riguardo, ce le puoi dare tu che sembri avere certezze ?
    E' un po' che le cerchiamo in questo tread.
    krane
    22544
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)