massimo mantellini

Contrappunti/ La resa della Rete

di M. Mantellini - Certo che se si comincia con l'autocensura non si sa bene dove si potrà arrivare. Nel frattempo, meglio ignorare l'ignoranza sui valori del World Wide Web

Roma - Tanto tuonò che... tuonò. Alla fine di un paio di giornate convulse, durante le quali in tanti abbiamo temuto il peggio, le minacce del ministro dell'Interno Maroni, secondo il quale il governo si apprestava ad imporre norme per censurare Internet sono rimaste, fortunatamente, semplici parole. È stato Maroni stesso ad annunciare che non ci sarebbe stato nessun decreto al riguardo, e che il Governo intendeva invece presentare un disegno di legge per semplificare il lavoro della magistratura alle prese con i reati commessi in Rete.

Parallelamente a questo il Ministro ha saggiamente annunciato l'apertura di alcuni canali di dialogo con i gestori di piattaforme sociali come Facebook e con i fornitori di connettività, per concordare in maniera preventiva comportamenti e procedure da attuarsi nel momento in cui si ravvisino violazioni di legge in Rete. Si tratta di una buona notizia e per una volta sarà comunque bene applaudire, anche se chi scrive sa bene come, nelle ore successive all'attentato a Berlusconi, dopo le prime scomposte dichiarazioni di politici e Ministri sulla estrema pericolosità della rete Internet italiana, molti esperti di Rete e qualche politico illuminato di entrambi gli schieramenti abbiano svolto un grande lavoro sotterraneo per far capire al Ministro i rischi legati alle affermazioni da lui stesso rilasciate. Un giorno li dovremo ringraziare pubblicamente.

L'altra buona notizia è che una descrizione di normalità della Rete, per una volta, è stata ascoltata in Parlamento per bocca di Pierferdinando Casini e sui grandi media per merito di Beppe Severgnini. In entrambi i casi, frasi di normalissimo buonsenso sulla natura di Internet sono suonate quasi incredibili in ambienti nei quali normalmente il preconcetto e la superficialità al riguardo imperano. Casini ha detto alla Camera: "Guai a promuovere provvedimenti illiberali. Le leggi esistenti già consentono di punire le violazioni. Negli Usa Obama riceve intimidazioni continue su Internet, ma a nessuno viene in mente di censurare la Rete". Beppe Severgnini ha scritto a chiare lettere sul Corriere che: "Lanciarsi contro Internet perché qualcuno scaglia un souvenir appuntito al presidente del Consiglio appare bizzarro. La Rete non è stata né causa né strumento della violenza di domenica".
Per citare invece un paio di divertenti (ed indecorosi) contraltari a questi commenti, il Presidente del Senato Schifani nelle stesse ore è riuscito a dichiarare che Facebook inneggia alla violenza peggio di quanto non facessero i gruppi estremisti durante gli anni di piombo, mentre la palma del non-sense più divertente va certamente attribuita a Bruno Vespa che ha annunciato in TV che Massimo Tartaglia, l'attentatore del Premier, sembra essere "vicino agli ambienti dei social network". Qualsiasi cosa una frase del genere significhi.

Archiviate le buone nuove restano comunque in primo piano una lunga serie di comportamenti ed equivoci che fanno dell'Italia, ancora una volta, un paese lontanissimo dalla comprensione della Rete. Il più importante di questi per conto mio è quello dei grandi limiti mostrati da Facebook in questa vicenda. La normalità delle cose è che i rapporti fra fornitore di servizi e utenti siano regolati in maniera univoca e chiara. Su Facebook, che è oggi in Italia la piattaforma con il maggior numero di utenti, questo semplicemente non accade.

L'enorme confusione mediatica nata sull'onda dell'apertura sul social network di alcune pagine di fan di Massimo Tartaglia ne è un esempio evidente. Le pagine, dopo qualche giorno, sono state rimosse senza una spiegazione. La sensazione è che ciò sia avvenuto più per la grande pressione mediatica esercitata che non per il contenuto delle pagine stesse o per eventuali violazioni della policy in esse contenute. Questo mentre parlamentari come l'On. Mantovano affermavano in televisione che la polizia postale avrebbe certamente identificato e perseguito tutti gli autori di un simile misfatto.

Facebook è e resta una azienda privata che decide autonomamente come comportarsi in casi del genere: tuttavia, nel momento in cui effettua scelte che interessano molte migliaia di utenti, si dovrebbe anche trovare la maniera di argomentarle nei confronti della propria grande audience. E in casi del genere non è nemmeno possibile usare differenti pesi e misure quando, per esempio, si consente, come è avvenuto sempre in questi giorni nella furbissima Italia, che gruppi Facebook con quasi due milioni di iscritti cambino improvvisamente nome e si trasformino (assieme ai loro ignari sottoscrittori) in gruppi di sostegno a Silvio Berlusconi.

Delle due una: o si ammette, come del resto appare ben evidente ad uno sguardo minimamente distaccato, che i gruppi su Facebook siano tutti, nel loro complesso, degli innocui passatempo che non meritano troppa considerazione (e allora anche teorizzare che diventare fan di Massimo Tartaglia sia apologia di reato è una bella forzatura) oppure, se davvero questi ambiti sono il focolare che scalda la nuova democrazia digitale, anche turlupinare due milioni di iscritti cambiando il nome al gruppo "No Facebook a pagamento" in "Solidarietà a Silvio Berlusconi" deve diventare un reato da codice penale o causare per lo meno uguali censure interne al network.

Questo è, a ben vedere, il problema centrale della democrazia in Rete oggi. Troppo spesso si decide di declinarla nel ristretto giardinetto dei propri pensieri. In Italia alcune migliaia di imbecilli che si dichiarano fan di uno squilibrato (senza spendere un centesimo, senza scendere al freddo di una piazza per farlo) diventano un caso politico capace di incidere sulla libertà di espressione di 60 milioni di cittadini. E ciò avviene non nella rappresentazione minima che andrebbe ascritta ad un fenomeno del genere (qualcosa del tipo "Guarda un po' quanta gente detesta Berlusconi") ma nella sua declinazione drammatica e improbabile di un esercito pronto ad uccidere il Premier che deve essere in qualche modo affrontato ed oscurato affinché il paese non precipiti nella barbarie.

Senza nemmeno accorgersi che abita molta più democrazia dentro una pagina Facebook di un tizio che odia Obama nel (meritato) disinteresse generale, che non nelle minacce censorie di tanti rispettabili rappresentanti del nostro Parlamento.

Massimo Mantellini
Manteblog

Tutti gli editoriali di M.M. sono disponibili a questo indirizzo
Notizie collegate
  • AttualitàCassandra Crossing/ Un piccolo 11 settembre di Marco Calamari - Un pretesto basta a cambiare la storia. E fare leva sui sentimenti legittimi, indotti però da una iperrealtà nefasta, non fa che accelerare un processo che lede le libertà individuali
  • AttualitàNoLogo/ Difendi la tua Rete di Mafe De Baggis - Il progresso non è novità: è guardare al presente pensando al futuro. Internet risponde ai più ancestrali bisogni dell'uomo: tra gli altri, quello di comunicare coi suoi simili
  • AttualitàRegolamentazione della Rete, l'Italia non decideNessun esito dalla riunione del Consiglio dei Ministri che avrebbe dovuto accordarsi sul disegno di legge per introdurre provvedimenti straordinari sui contenuti web violenti. Se ne riparlerà, mentre le polemiche infuriano
  • Digital LifeWebTheatre/ Berlusconi, Chuck Norris e la digestionedi Gabriele Niola - Il video in cui è stata catturata l'aggressione al premier non è diventato un meme, non è stato ruminato e riproposto sotto altre forme. Una gavetta collettiva che ancora non è stata intrapresa
  • AttualitàQuando l'identità personale vale pochi clickdi Guido Scorza - Nel polverone sollevato in seguito all'aggressione del Premier, c'è un gruppo Facebook che ha cambiato faccia. All'insaputa dei propri iscritti
  • AttualitàA Google non piace il sangue?Le foto degli attimi seguenti l'aggressione del premier davanti al Duomo non si trovano su Google Images. BigG smentisce ogni ipotesi di complotto e si giustifica parlando di tempi tecnici e aggiornamenti in corso
  • AttualitàContrappunti/ Venti dell'Est di M. Mantellini - Un pretesto, basta solo un pretesto per scatenare le più profonde pulsioni dei censori. Ma non si può dimenticare che la politica e la rete altro non sono che lo specchio della società: nel bene e nel male
  • AttualitàMaroni: censurare Internet per contrastare il terrorismoLa Rete aiuta anche gli affiliati di Al-Qaida. Per il Ministro è quindi un qualcosa da sorvegliare attentamente. E da censurare ove sia ritenuto necessario
  • AttualitàMaroni, pugno duro su FacebookDopo l'aggressione al Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi, è montata la protesta su Facebook. Tra gruppi pro e contro Tartaglia, una sola certezza per il governo: si parlerà di chiusura dei siti web che istigano alla violenza
120 Commenti alla Notizia Contrappunti/ La resa della Rete
Ordina
  • srivo su i muri, scrivo ed invio fax, scrivo sulla rete ovunque mi scatta il cuore.
    Scrivo per lui,eternamente segregato nel petto e quando batte forte, ovunque batte, tempie, polsi, gola, collo.
    Ci fu un giorno che quasi impazzivo di rabbia, mi sfogai scrivendo, si tacitò, il ronzio nelle orecchie sparì.
    Una volta capito il messaggio non l'ho mai più tradito.
    A proposito vorrei chederle, "Maroni" chi è ?
    UN CARDIOLOGO?
    UN ELETRICISTA?
    UN ANGIOLOGO?
    UN IDRAULICO?
    Vuoi vedere che è un politico?
    Certamente sarà "verde"
    Libertà significa, andare dove ti porta il cuore,sempre.
    Possono privatizzare l'acqua ma non le menti la libertà.
    Ma questi, fanno, una fatica.
    Chissà, non è mai troppo tardi, diamogli del tempo, cresceranno cresceranno.
    non+autenticato
  • Negli Usa Obama riceve intimidazioni continue su Internet, ma a nessuno viene in mente di censurare la Rete.

    Semplicemente perché gli Usa hanno tutti provider nazionali (fornitori di accesso, di banche dati - google - e di applicazioni, social network compresi) e sono all'avanguardia nel controllo dei dati individuali di chi accede in rete. Non hanno bisogno di censurare perché sanno tutto di tutti.
    Anche la Cina in fatto di controllo non scherza, ma a differenza degli Usa deve accettare il fatto che sul suo mercato operino delle grandi società straniere (Google, Yahoo solo per fare due nomi), società che anche solo indirettamente si comportano secondo i desiderata di un governo straniero.
    Provate voi a far sbarcare negli Usa qualche motore di ricerca cinese, dei social network russi e dei fornitori di apparati iraniani. Poi vediamo se anche loro non cominciano a censurare.
  • Avrei qualcosa a che ridire sul termine "rispettabili" ...
  • ......sei un Italiano che si trova a Londra in "trasferta prolungata". Trasfertista tutto stereotipi e pregiudizi, quello che hai sentito dire, hai visto o provato personalmente, ti sono sufficienti a trarre conclusioni.
    Tu sapevi poco o niente di Brianzoli...Bresciani ecc..ora che sei a Londra non dovresti neanche avventurarti in certe affermazioni.

    AngiolettoBuon NataleAngioletto

    Non fraintendermi,come persona non mi sei antipatico ne voglio combatterti (non lo farei neanche conoscendoti)ma gli Italiani all'estero con il tuo carico di stereotipi e pregiudizi sono quanto di più deleterio ci sia per la nostra nazione e i suoi abitanti.
    non+autenticato
  • Eccolo l'animo censorio che si scatena!!! dato che sono all'estero dovrei starmene zitto zitto? hai ragione chiudiamo la bocca a tutti quelli che dissentono e lasciamo che un bel regime si instauri in Italia..

    Non hai idea di quanto odio ho io contro quella nazione di italioti che quando vanno all'estero si credono tutti cosi' fighi poi ritornano in Italia e subito a dare il posteriore al primo che conta un centesimo in piu' in cambio di niente. E sono d'accordo, Berlusconi rispecchia in toto la popolazione italiana, quindi e' anche giusto che stia li', no? ve lo meritate

    Ti assicuro che ne ho viste in Italia parecchie, so di cosa parli quando dici brianzolo, e ancor meglio conosco bresciani, veronesi e anche la specie leghista..

    Dovreste ringraziarli l'italiani all'estero che tengono su ancora un po' l'onore di questa italiuccola ormai presa in giro da tutti: prima era pizza pasta e mandolino adesso e' corruzione mafia e Berlusconi, almeno prima ci potevi anche ride su, adesso cosa dici?
  • io direi che tra italiani all'estero ed in patria vi debba essere un rapporto equilibrato. Dare continuamente dei caproni a chi e' in patria non aiuta di certo la discussione, piuttosto chiude ogni dialogo per quanto a ragione.
    Viveversa l'italiano all'estero e' da considerarsi una risorsa fondamentale in termini di conoscenza. Spesso lavorano in aziende le cui practices sono le best one Occhiolino. SArebbe imprtante riconoscerlo.
    non+autenticato
  • consapevole che chiuderanno anche questo thread..

    giusto per ricordarti che la pena di morte esiste anche in Italia.. per uno spinello e "per direttissima" senza processo:

    http://roma.repubblica.it/dettaglio/caso-cucchi-i-...
  • - Scritto da: skyeye
    > consapevole che chiuderanno anche questo thread..
    >
    > giusto per ricordarti che la pena di morte esiste
    > anche in Italia.. per uno spinello e "per
    > direttissima" senza
    > processo:
    >
    > http://roma.repubblica.it/dettaglio/caso-cucchi-i-

    stiamo parlando dell'insieme delle norme civili su cui si basa un paese o delle azioni di singole mele marce?

    da quale di queste giudichi un'intera società?

    non mi spreco nemmeno troppo a rispondere, sono certo che quello che scrivo è perfettamente sensato per chi ha un minimo di onestà intellettuale
    non+autenticato
  • come la vuoi misurare 'sta cultura allora? con i parametri che vuoi tu? cosa vuol dire secondo te essere "culturalmente avanzati"? tu ritieni che una societa' che ha ancora la pena di morte sia "ancora nel medioevo", io invece ritengo che uno stato dove la mafia e la corruzione la fanno da padrone non sia tanto meglio di Iran o Iraq o quello che vuoi
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 20 discussioni)