Alessandro Del Rosso

Bluetooth 4.0: quello che consuma meno

Il consorzio che sviluppa lo standard wireless ha svelato una versione a basso consumo del protocollo pensata per i dispositivi più piccoli. Così da garantire una grande autonomia

Roma - Mentre ancora si attende la diffusione sul mercato di Bluetooth 3.0, la cui specifica è stata ufficializzata lo scorso aprile, il consorzio il Bluetooth Special Interest Group (SIG) ha introdotto quella che afferma essere una delle caratteristiche chiave della prossima specifica 4.0: la tecnologia Bluetooth low energy (LE).

Come suggerisce il nome, Bluetooth LE assorbe una frazione dell'energia elettrica richiesta dalla specifica standard: questo però a sacrificio della velocità, pari a 1 Mbps contro i 24 Mbps di Bluetooth 3.0 e i 3 Mbps di Bluetooth 2.1. Nessun compromesso invece per quanto riguarda la portata del segnale radio, che resta di 100 metri.

Bluetooth LE è stata concepito soprattutto per i dispositivi alimentati con piccole batterie, come quelle a bottone, dove può funzionare per anni prima di richiedere la sostituzione della pila. Il nuovo protocollo a basso consumo è dunque adatto a orologi da polso, auricolari, dispositivi per il telecontrollo dello stato di salute, cardiofrequenzimetri ecc. Bluetooth SIG corteggia in modo particolare il settore sanitario, dove Bluetooth LE può offrire anche il supporto alla cifratura AES con chiavi da 128 bit.
Tra i vantaggi forniti dalla nuova specifica vengono altresì citati il robusto meccanismo di controllo e prevenzione degli errori di trasmissione, il supporto a connessioni multipunto (one-to-many), i bassi costi di implementazione e la modalità di funzionamento dual mode, che ne permette l'integrazione con i controller Bluetooth standard.

Maggiori informazioni su Bluetooth LE si trovano nel comunicato ufficiale.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaBluetooth 3.0 è sbocciatoIl consorzio di aziende che sviluppa Bluetooth ha presentato la specifica finale 3.0, siglando il sodalizio tra la tecnologia wireless dal dente blu e quella 802.11n di IEEE
4 Commenti alla Notizia Bluetooth 4.0: quello che consuma meno
Ordina
  • "nuovo" protocollo rieparmioso ma che va piu' lento!

    oh, raga, ho inventato un motore che fa 40 km con un litro, pero' non puoi fare piu' di 20km all'ora.

    il markettismo e' arrivato anche tra i tecnici, ormai e' finita!
    non+autenticato
  • Che differenza c'è con una tecnologia del 2004 come ZigBee? Nessuna...Bluetooth è un paccone
    non+autenticato
  • nel 2009, con le dimensioni dei file di oggi (sempre più enormi) facciamo uno standard che va (dicono loro) a 1Mbps ? Personalmente parlando non ho m ai visto andare il 2.1 a più di 150Kbps circa.
    I produttori dovrebbero rifiutarsi di integrare simili zozzerie. Capisco che consuma poco, ma non si giustifica. E' troppo troppo, troppo lento persino per sincronizzare una rubrica, considerato che oggi le rubriche hanno foto e altre caratteristiche che pesano in termini di spazio occupato.
    Che la smettano con questi accrocchi, facciano batterie con più celle a minor costo (questo sarebbe veramente auspicabile e non ste porcherie) e integrino wi-fi a mazzetta, che può sostituire bluetooth in bene ed in meglio. Consuma troppo ? E cacchio, come diciamo a Genova, succhiare e soffiare (contemporaneamente) non si può.
    non+autenticato
  • Allora non hai capito il target...

    Trasmettere a bassa energia serve esclusivamente per risparmiare energia nei dispositivi che ne hanno poca... guarda-caso i telecomandi hanno a disposizione solo 2 batterie stilo... e guarda-caso non devono trasmettere file di grandi dimensioni...

    Certo, se ci sono produttori che integrano questa specifica in un portatile, sono scemi, perché vuol dire usare questa tecnologia nel modo sbagliato.
    non+autenticato