Alfonso Maruccia

Kindle, gli hacker augurano buon natale

Ignoti smanettoni che si trincerano dietro nickname di fantasia dichiarano scacco matto al DRM del celebre ereader di Amazon. Che per il momento non risponde. Hack anche per Nook

Roma - DVD Jon aveva già pensato a liberare i contenuti blindati di Apple restituendo agli utenti il possesso di quanto acquistato, ora pare sia venuto il tempo anche per Amazon e gli e-book di Kindle di finire tra le grinfie degli hacker con il pallino del crack di tecnologie di restrizione. Lo sforzo è corale ma il risultato è identico: con un po' di buona volontà è possibile copiare e leggere i libri elettronici protetti di Kindle su altri dispositivi normalmente non compatibili con il lettore statunitense.

L'hack, come in ogni buona storia di "pirateria", è nato da una sfida lanciata su un forum specializzato in lingua ebraica. Poco dopo una settimana due diversi utenti, uno di nazionalità israeliana ("Labba") e l'altro americano ("ilovecabbages") hanno annunciato di aver raggiunto lo stesso obiettivo: sviluppare un tool in grado di rendere universalmente fruibili gli ebook proprietari di Amazon.

Secondo quanto scrive uno degli hacker sul suo blog, Amazon ha provato a fare le cose per bene con il DRM implementate nell'applicazione "Kindle for PC", sviluppata a partire dallo stesso algoritmo di cifratura del firmware del lettore ma in grado di sfruttare una diversa "session key" per ogni ebook cifrato/decifrato su disco. Kindle, al contrario, usa una singola "device key" per il lavoro di protezione dei libri elettronici.
Il risultato degli sforzi degli hacker si chiama Unswindle, un software capace di convertire i libri presenti nell'applicazione Kindle for PC nel formato "universale" Mobipocket, su cui gli ebook di Kindle sono parzialmente basati e per cui sono disponibili lettori software gratuiti per diversi smartphone e dispositivi portatili (Symbian, Windows Mobile, Palm OS, BlackBerry e lo stesso Kindle tra gli altri).

Unswindle va usato in congiunzione a MobiDeDRM, un altro tool di decrypting (sviluppato dall'hacker noto come "darkreverser") che prende appunto di mira le protezioni del summenzionato formato Mobi. Assieme, Unswindle e MobiDeDRM convertono gli ebook venduti su Kindle nel formato Mobi "aperto", per il sottile piacere dei "pirati" abituati a fruire dei propri contenuti come meglio preferiscono.

Amazon non ha ancora fatto pervenire alcuna risposta ufficiale all'hack di Kindle, anche se la sua pubblicazione suona a dir poco ironica vista l'esperienza pregressa della società di Jeff Bezos con DRM, pratiche commerciali orwelliane e affini. "I DRM non sono un modo efficace per prevenire la copia né si tratta di un buon modo per vendere", aveva detto profeticamente il columnist Cory Doctorow al lancio di Kindle, sottolineando come non ci fosse nessun consumatore disposto a dire che "quello di cui ho bisogno è un libro elettronico che fa di meno".

Il 2010 non è ancora iniziato ma già si prospetta interessante dal punto di vista della "pirateria" su tablet ed ereader. Dopo Kindle è stato infatti il turno di Nook, l'antagonista del lettore di Amazon recentemente presentato da Barnes&Nobles che si è appena guadagnato un exploit capace di veicolare l'installazione di software "homebrew" prima ancora di divenire un prodotto di massa.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàBarnes&Noble presenta l'anti-KindlePronto l'ereader della celebre catena statunitense. Con uno schermo parzialmente a colori e funzioni di prestito tra amici, punta a stracciare la concorrenza: con l'aiuto di un catalogo analogo a quello cartaceo
  • TecnologiaKindle, update al gusto PDFL'entrata in gioco di nuovi concorrenti spinge Amazon a lavorare di fino col suo ereader. Che nell'ultimo firmware guadagna il supporto nativo al formato PDF e un'efficienza energetica da sballo
  • AttualitàSe fosse Apple il Grande Fratello?uno spot di DoubleTwist ripropone quello storico di Cupertino del 1984 in tempi moderni. Steve Jobs è il nuovo big brother della tecnologia, DVD Jon promette di liberarci tutti
  • AttualitàLucchetto AACS, un'altra chiave diventa pubblicaUn altro smanettone di Doom9 ha trovato un tipo di chiave che permette di bypassare la protezione AACS dei dischi Blu-ray e HD DVD e ripparne il contenuto su hard disk
  • AttualitàAmazon paga il suo momento orwellianoDopo le polemiche, con la minaccia incombente di una class action, lo store digitale tenta di ingraziarsi il pubblico. Restituendo a tutti il proprio 1984 o, in alternativa, denaro sonante
8 Commenti alla Notizia Kindle, gli hacker augurano buon natale
Ordina