Autoregolamentazione o battaglia

di F.Sarzana di S.Ippolito (www.lidis.it) - Il ministro Maroni nelle scorse settimane ha chiamato a raccolta gli operatori della rete per discutere di incitazioni alla violenza mediate dalla rete. Ecco cos'è successo

Autoregolamentazione o battagliaRoma - Come noto, lo scorso 22 dicembre si è svolto un incontro preliminare presso il Ministero dell'Interno sul tema ordine pubblico e social network. Dall'incontro è emersa una decisa tendenza verso l'autoregolamentazione con la proposta di redigere urgentemente un codice condiviso che consenta di porre fine all'apologia di reato e istigazione a delinquere online. In caso contrario il Governo è deciso a presentare un disegno di legge.

All'incontro sono stati invitati i maggiori fornitori di accesso (di connettività, secondo la lezione dominante) su rete fissa e mobile (Telecom, Fastweb, BT, Wind, Vodafone, Tre), di servizi (Google, Facebook, Microsoft) e le principali associazioni di categoria (Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, Asstel e AIIP). Non sono stati invitati invece le organizzazioni facenti capo al sistema Confcommercio e Confapi.

Nel corso dell'incontro il Ministro ha ripetuto, in sintesi che:
- la libertà di espressione del pensiero è inviolabile;
- solo l'autorità giudiziaria può decidere di limitare l'espressione del pensiero nel caso in cui costituisca un illecito;
- è quindi impensabile l'attribuzione all'autorità amministrativa di qualsiasi iniziativa diretta a sequestrare le manifestazioni del pensiero (come invece sembrava in qualche misura prefigurare il disegno di legge D'Alia);
- date le caratteristiche di Internet, una volta che l'autorità giudiziaria abbia identificato un contenuto come illecito, bisogna impedirne l'ulteriore diffusione.
Di conseguenza in Consiglio dei Ministri è allo studio una proposta che:
- ribadisce che il compito di individuare illeciti, identificarne gli autori e "ingiungere la cessazione del reato" spetta all'autorità giudiziaria. Qualora l'autore del reato non provveda alla rimozione del contenuto, la proposta prevede una multa (a domanda, il Ministro ha precisato che tale multa non costituisce oblazione e quindi si aggiungerebbe alle sanzioni già oggi previste per il reato specifico);
- nel caso in cui l'autore dell'illecito non provveda direttamente alla rimozione del contenuto illecito, ci si rivolge ai fornitori di servizi (di hosting e caching). Nel caso in cui tali fornitori non ottemperassero alla disposizione dell'autorità giudiziaria, sarebbero sanzionati con una multa;
- solo nel caso dei reati più gravi (apologia di reato, istigazione a delinquere etc.) l'autorità giudiziaria potrebbe disporre l'interdizione dell'accesso al dominio Internet per 30 giorni.

Ciò premesso, il Ministro ha affermato che, in luogo di un intervento legislativo, preferirebbe un codice di autoregolamentazione dei fornitori di servizi e dei fornitori di connettività. Tale codice dovrebbe essere comunque predisposto in tempi brevissimi (prima bozza 15-20 gennaio), altrimenti il Consiglio dei Ministri porterebbe avanti il suo disegno di legge. La valutazione del codice e della sua applicabilità dovrebbe essere affidata ad un gruppo di lavoro composta da rappresentanti dei ministeri interessati (Sviluppo Economico, Interno, etc.) e dei fornitori di servizi e connettività.

Nel corso dell'incontro, è stato anche sottolineato che "più che perseguire l'autore del reato, occorre porre fine alla circolazione dei contenuti che costituiscono reato": "non possiamo - si è detto - perseguire decine di migliaia di persone per reati online".

Le organizzazioni di fornitori di servizi, dal canto loro, hanno:
- ribadito che per le caratteristiche intrinseche di Internet qualsiasi forma di filtraggio lato accesso, anche la più sofisticata, può essere
facilmente aggirata da qualsiasi utente che abbia interesse ad aggirarla. Il successo delle misure concordate in sede di regolamento applicativo della legge Prestigiacomo discende unicamente dal fatto che gli utenti non desiderano aggirarle;
- affermato che, a differenza del caso della pedopornografia, qualora venissero disposte misure di interdizione all'accesso di particolari domini queste sarebbero aggirate in massa, indipendentemente dalle tecnologie imposte. L'elevatissimo numero di soggetti interessati ad aggirare l'eventuale blocco di un social network non farebbe altro che accelerare la conoscenza delle modalità di aggiramento dei filtri. Lo dimostrerebbe il fatto che i filtri imposti da governi illiberali non impediscono la diffusione nel mondo di notizie sulla repressione messa in atto da tali governi.
- di conseguenza l'unico modo per interrompere la diffusione di contenuti illeciti sarebbe quello di richiedere l'intervento dei fornitori di servizi di hosting etc. Cosa che, ovviamente, già avviene quando il fornitore di servizi risiede in Italia. Purtroppo, si stanno invece moltiplicando i casi in cui l'autorità giudiziaria, confondendo il sequestro con il filtraggio, si rivolge del tutto inappropriatamente ai fornitori di accesso.

Sarebbe viceversa auspicabile che il legislatore ribadisse e l'autorità giudiziaria prendesse coscienza del fatto che il filtraggio dell'accesso non equivale ad un sequestro. Stante il carattere transnazionale delle reti di comunicazione elettronica, l'unica modalità con la quale l'autorità giudiziaria può fronteggiare la diffusione di reati online è la rogatoria internazionale.

Stante il tempo reale dell'online, occorrerebbe definire per tali fattispecie un canale real time di comunicazione ufficiale tra le autorità giudiziarie dei Paesi coinvolti o comunque molto più veloce del consueto canale diplomatico.
Tale canale potrebbe essere definito "Rogatoria Elettronica". Mantenendo fuori dagli accordi bilaterali i Paesi che non riconoscono la manifestazione del pensiero come diritto fondamentale, si potrebbe comunque garantire l'anonimato dei loro cittadini.

Alcuni operatori nella sostanza hanno ribadito unanimemente che la repressione dei reati spetta all'autorità giudiziaria, e tutti, compresi i rappresentanti dei fornitori di servizi internazionali presenti (Facebook, Google, Microsoft) si sono espressi a favore dell'ipotesi di codice di autoregolamentazione.

Il Ministro ha più volte ribadito che il tema principale è la rimozione dei contenuti. Di conseguenza il Codice di Autoregolamentazione deve sostanzialmente contenere l'impegno dei sottoscrittori a ricevere e dare seguito alle disposizioni dell'autorità giudiziaria italiana anche nel caso in cui non siano sottoposti alla sua giurisdizione. A tale impegno si dovrà probabilmente aggiungere un impegno di tutti i fornitori a informare i propri utenti dei loro diritti e doveri nell'ambito della manifestazione del pensiero.
L'occasione potrebbe altresì essere propizia per sottolineare in premessa l'inutilità di qualsiasi forma filtraggio sull'accesso tramite liste di blocco o analisi dei contenuti.

Il Ministro ha più volte ribadito che qualsiasi misura deve essere compatibile con le regole europee. Di conseguenza l'ipotesi che sia stabilito un obbligo di sorveglianza, dovrebbe essere esclusa dalla direttiva 2000/31 CE.

Fulvio Sarzana di S.Ippolito
www.lidis.it
Notizie collegate
  • AttualitàContrappunti/ La resa della Rete di M. Mantellini - Certo che se si comincia con l'autocensura non si sa bene dove si potrà arrivare. Nel frattempo, meglio ignorare l'ignoranza sui valori del World Wide Web
  • AttualitàLibera Rete in libero Statodi G. Scorza - Dopo il polverone sollevato con l'aggressione al Premier, il governo vorrebbe riscrivere la libertà di espressione dei cittadini online. Ma solo la magistratura dovrebbe poterla comprimere, e solo rispetto a un singolo contenuto
  • AttualitàCassandra Crossing/ Un piccolo 11 settembre di Marco Calamari - Un pretesto basta a cambiare la storia. E fare leva sui sentimenti legittimi, indotti però da una iperrealtà nefasta, non fa che accelerare un processo che lede le libertà individuali
  • AttualitàNoLogo/ Difendi la tua Rete di Mafe De Baggis - Il progresso non è novità: è guardare al presente pensando al futuro. Internet risponde ai più ancestrali bisogni dell'uomo: tra gli altri, quello di comunicare coi suoi simili
22 Commenti alla Notizia Autoregolamentazione o battaglia
Ordina
  • Si, votate a sinistra che ha un lungo passato di fiorente democrazia, vedasi la perduta ammirazione verso regimi come Unione Sovietica, Cuba, Cina, Nord Corea, Vietnam, e che ora ha dovuto cambiare casacca e simboli, visto il palese fallimento dei vari governi social-comunisti avvicendatisi nella storia del mondo. Il regime iraniano è similare a quelli comunisti, variano solo i dirigenti, ayatollah invece di alti burocrati di partito.
    non+autenticato
  • differentemente da quanto dice qualcuno, chi non vota a destra non e' necessariamente comunista, se in uno stato c'e' un regime questo e' completamente indipendente dal fatto che sia di sinistra o destra (per controbilanciare i tuoi esempi ti propongo le dittature sudamericane, gli stati totalitari tra la prima e la seconda guerra mondiale cone l'italia e la spagna col fascismo, la germania col nazismo, gli stati "teocratici", ecc.).

    Vedi, l'orientamento politico non e' una "retta" (cioe' una linea con chi sta a destra e chi sta a sinistra), ma e' piu' a "due dimensioni" (un "foglio" come vedi qui http://www.politicalcompass.org/analysis2), cosi' che chi si sente di destra o di sinistra in realta' puo' essere liberale, che in parole povere indica una persona che crede che lo stato debba garantire la massima liberta' possibile di pensiero e atti intromettendosi nella vita privata dei cittadini il meno possibile, oppure puo' essere piu' di stampo autoritario, cioe' puo' pensare che lo stato per una certa ragione debba cercare di regolamentare e reprimere una serie di comportamenti considerati sconvenienti per il bene comune.

    Adesso, dopo il pippone che ho scritto, io penso che se migliaia di persone hanno inneggiato a qualcuno che ha fatto qualcosa di condannabile, prima di scagliarmi contro queste persone pe zittirle, magari mi domanderei perche' dicono quello che dicono, e, in un secondo momento, mi chiederei anche che male hanno fatto di cosi' grande da meritare uan legge o un processo apparte essere un po' antipatici nei confronti di chi non la pensa come loro.
    non+autenticato
  • A chi si lamenta dell'attentato alla libertà di opinione nel mondo occidentale, consiglierei di passare qualche giorno in Iran, dove recentemente un giornalista è stato condannato a 7 anni di prigione e a 34 frustate per aver criticato il presidente ( Nominato con palesi brogli elettorali ).
    non+autenticato
  • > A chi si lamenta dell'attentato alla libertà di
    > opinione nel mondo occidentale, consiglierei di
    > passare qualche giorno in Iran, dove recentemente
    [...]

    Mi sembra piu' intelligente tenere alta la guardia proprio
    per non finire in modo simile che guardare con soddisfazione
    a chi sta peggio.
    non+autenticato
  • Concordo appieno. Soltanto se terremo alta la guardia e smetteremo di votare certa gente non ci ridurremo come loro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Silvan
    > A chi si lamenta dell'attentato alla libertà di
    > opinione nel mondo occidentale, consiglierei di
    > passare qualche giorno in Iran, dove recentemente
    > un giornalista è stato condannato a 7 anni di
    > prigione e a 34 frustate per aver criticato il
    > presidente ( Nominato con palesi brogli
    > elettorali
    > ).

    Praticamente il ragionamento sarebbe "visto che c'è chi sta' peggio non lamentiamoci".

    Allora ci sono paesi dove la "pedofilia" e' prassi comune, dove vendono le proprie figlie da bambine per farle sposare... perche' ce la prendiamo tanto coi pedofili ?

    Ma che ragionamenti del Razzo fai ?!? In lacrime

    E' proprio con ragionamenti come il tuo che siamo arrivati dove siamo. Tanto c'e' chi sta' peggio... tutti i diritti conquistati col tempo ce li stiamo giocando tutti (anzi ce li siamo gia' giocati..) ma tanto c'è chi stà peggio...

    Mandarti "a quel paese" non renderebbe giustizia "a quel paese" Deluso
  • - Scritto da: Silvan
    > A chi si lamenta dell'attentato alla libertà di
    > opinione nel mondo occidentale, consiglierei di
    > passare qualche giorno in Iran, dove recentemente
    > un giornalista è stato condannato a 7 anni di
    > prigione e a 34 frustate per aver criticato il
    > presidente ( Nominato con palesi brogli
    > elettorali
    > ).

    Bravo. Tipica mentalità da italianotto medio...per questo invece di andare avanti, regrediamo.
  • Di chi parli ?
    non+autenticato
  • Delle formichine ahah!In lacrime
  • - Scritto da: ruppolo
    > ...le formichine!

    E la gente sostiene berlusconi...piano piano, pezzo per pezzo, stanno spingendo verso una dittatura.
    Ora vorrei proprio capire chi stabilisce quali fatti siano da considerarsi reati e quali no...se pubblico un post nel mio blog e dico che berlusconi è una testa di bla bla bla e che gli infilerei bla bla bla...sto facendo reato?
    Chi controlla i controllori di questa roba?

    Ennesimo sopruso che sta passando in sordina...
  • ...sarebbe questa:

    "L'occasione potrebbe altresì essere propizia per sottolineare in premessa l'inutilità di qualsiasi forma filtraggio sull'accesso tramite liste di blocco o analisi dei contenuti."

    Speriamo che questa semplice verità tecnica venga compresa una volta per tutte dalla politica.
    non+autenticato
  • ...ma quando mai?
    Se "tizio", che ha il potere di decidere cosa è giusto e cosa è sbagliato, un bel giorno decide che dipingere le pareti di blu quando il pavimento è arancione (o viceversa) è illegale, e questo comporterebbe che "decine di migliaia di persone" debbano essere perseguite per questo tipo di atto, non è che forse "tizio" non capisce un tubo di associazioni cromatiche e farebbe meglio a fare altro, e le decine di migliaia di persone hanno il diritto di fare quello che ritengono giusto se così facendo non danneggiano nessun altro?
    Mah.
  • - Scritto da: ephestione

    > capisce un tubo di associazioni cromatiche e
    > farebbe meglio a fare altro, e le decine di
    > migliaia di persone hanno il diritto di fare
    > quello che ritengono giusto se così facendo non
    > danneggiano nessun
    > altro?

    Questa si chiama democrazia, libertà di parola. Internet, oltre che faccenda tecnica è solo questo, libertà di parola.

    I giornalisti li hanno già imbavagliati con leggi apposta, ora devono chiudere il cerchio con gli scomodi ed inutili elettori. Rendiamoci conto da che cosa siamo governati, e cerchiamo di svegliarci prima che sia troppo tardi.

    Su Facebook stanno organizzando una giornata no-craxi a Milano. Youtube è piena delle bugie e contraddizioni di qualunque politico ne abbia espresse. E la colpa è di chi ce le ha messe, cioè nostraSorride

    Si è perso il senso del ridicolo, ed ormai è impossibile continuare a restare passivi. E difatti hanno già ricominciato con "attentati" (al Premier e al Papa) e bombe, e per la nostra sicurezza è importante che venga esercitato il controllo su di noi. Mentre "loro" sono tutti impuniti, qualcuno impunibile, e vogliono (giustamente?) elogiare i "loro" eroi, scappati e morti ufficialmente come latitanti.

    E no, non posso farci niente ma non me ne vado dall'Italia, non abbandono i miei famigliari.
    Piuttosto sono "loro" che devono andarsene a delinquere altrove.
    non+autenticato
  • Mi sembra che su youtube vengono pure sbugiardati i politici...
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)