Mauro Vecchio

Internet, ritorno allo Xinjiang

Dopo il blackout nel corso della scorsa estate, prime timide luci illumineranno la Rete della Cina occidentale. Intanto, la lotta ai contenuti illeciti si farà più aspra. Con un nuovo alleato: Apple

Roma - Sono passati quasi sei mesi dal grande blackout che aveva celato alla vista dei netizen cinesi le immagini della protesta nella provincia dello Xinjiang. Sei mesi in cui migliaia di persone sono state arrestate e in cui numerosi provider locali sono stati ridotti alla completa immobilità. La luce dei servizi Internet pare ora essere tornata nelle zone a nord ovest della Repubblica Popolare, anche se con ritmi lenti, un passo alla volta, a seconda del definitivo giudizio delle autorità.

Stando a quanto riportato, i piani sarebbero precisi, anche se da intraprendere passo dopo passo. Torneranno nello Xinjiang gli SMS, le connessioni telefoniche internazionali e l'accesso ad alcuni principali siti web. Ci vorranno tuttavia alcuni mesi, come illustrato dalle stesse autorità della regione autonoma di Xinjiang Uygur in un documento ufficiale. Un periodo di tempo in cui dovrebbero essere riaperti innanzitutto gli spazi online di people.com.cn - sito ufficiale del quotidiano People's Daily - e Xinhuanet.com.

Una piccola vittoria annunciata, all'interno di una battaglia di più ampie proporzioni, sulla Grande Muraglia della Rete del paese asiatico. Nuovi fornitori di connettività sono stati ultimamente scoperti dal centro cinese per i contenuti illeciti su Internet, accusati di aver contribuito a diffondere materiale immorale e pornografico. Nessuna sanzione pare essere stata decisa dal governo, che ha chiesto agli undici ISP di rimediare immediatamente al problema.
Nuovi provider, vecchi problemi. Il ministero cinese per la Pubblica Sicurezza ha avvisato che l'anno appena iniziato sarà ancora più aspro per i promotori di certe attività immorali della Rete. Che saranno potenziati i controlli del web e che gli ISP cinesi dovranno utilizzare forme di prevenzione. Il tutto condito con qualche dato del 2009 da poco conclusosi: le autorità di Pechino hanno arrestato quasi 6mila persone, oltre ad aver intrapreso circa 4200 investigazioni.

Le autorità non hanno parlato di investigazioni, ma di chiarezza che andrebbe fatta su un presunto accordo tra Apple e China Unicom, azienda che da due mesi distribuisce nel paese asiatico i modelli di iPhone. "Gli abbonati di iPhone in Cina - ha tuonato Reporters Sans Frontiers (RSF) - hanno il diritto di sapere a che cosa non hanno libero accesso. L'azienda statunitense si unisce al club delle imprese che applicano la censura nel paese. Ed è una grande delusione nei confronti di un gruppo che ha basato la sua campagna pubblicitaria sull'idea di think different".

Al centro delle critiche, una stretta di mano tra Cupertino e China Unicom per bloccare l'accesso dei netizen cinesi a un gruppo di applicazioni software relative al Dalai Lama e al leader degli uiguri Rebiya Kadeer. Tra queste, Dalai Lama Prayerwheel, che raccoglie una serie di testi spirituali attualmente proibiti in Cina. A differenza degli altri Apple Store, per rispettare le leggi locali il punto vendita virtuale del paese asiatico risulterebbe privo di applicazioni del genere, non rintracciabili una volta ricercata la parola chiave.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCina, una lista bianca per il pornoUn documento pubblicato dal Ministero per l'IT ha introdotto regole più severe per combattere la proliferazione sul mobile dei contenuti immorali. Obiettivo, bloccare l'accesso a tutti quei siti non presenti in una whitelist
  • AttualitàCina, vietato l'accesso ai dominiContinua la battaglia di Pechino alla pornografia online. Per ottenere un dominio web per società e organizzazioni ci vorrà la licenza. Da inviare scritta a mano a provider autorizzati dallo stato. Per i cittadini, niente
  • AttualitàCina, una taglia sul pornoLe autorità cinesi offrono denaro in cambio di informazioni utili al contrasto della proliferazione di siti web immorali. La strategia è sfaccettata: chiusi alcuni siti torrent, mentre i motori agiscono sulle ricerche
2 Commenti alla Notizia Internet, ritorno allo Xinjiang
Ordina
  • Ecco un altro nome da aggiungere alla lunga lista di aziende che appoggiano il regime censorio, illiberale e totalitario della dittatura cinese.
    Vaffan*ulo anche a loro.
    Funz
    12989
  • - Scritto da: Funz
    > Ecco un altro nome da aggiungere alla lunga lista
    > di aziende che appoggiano il regime censorio,
    > illiberale e totalitario della dittatura
    > cinese.
    > Vaffan*ulo anche a loro.

    Invece va bene così... è un modo per introdurre il cavallo di troia della rete anche in cina... e in un modo o nell'altro, gradatamente, la gente avrà accesso a ciò che ora le è proibito. Ma da qualche parte bisogna iniziare. Se apple (come google o chiunque altro) arrivasse lì a dire "ce ne freghiamo delle vostre censure", molto semplicemente non potrebbe avere accesso a quel mercato, cioè a quella nazione... cioè perdita economica per apple (o chi per lei), ma anche nessuna, e dico nessuna chance per il popolo cinese di avere un contatto con il resto del mondo. isolare un paese di 1 miliardo e 300 milioni di persone, rifiutandosi di portare lì qualsiasi servizio perché non si vuol fare alcun compromesso, non sarebbe proprio un'idea geniale, non trovi? non lo sarebe dal punto di vista imprenditoriale, ma nemmeno da quello sociale. invece della cina attuale, con qwualche apertura pesantemente condizionata, avremmo un'altra, gigantesca e ben più pericolosa corea del nord...
    non+autenticato