Giorgio Pontico

Ebook, oltre la frontiera USA

Kindle DX sbarca in più di cento paesi ma con alcune limitazioni. Il fermento del settore ereader alimenta le speranze degli editori. Che non intendono rinunciare ai sistemi DRM

Roma - Sulla stessa linea tracciata nel corso del 2009, il mercato degli ereader si prepara a compiere importanti passi in attesa della consacrazione auspicata da produttori, rivenditori ed editori: soggetti che, come nel caso di Amazon, a volte coincidono in un'unica entità. Proprio l'azienda di Jeff Bezos, online dal 1995, ha assestato la prima mossa del 2010, eliminando le barriere nazionali che fino ad ora avevano bloccato Kindle DX entro i confini degli Stati Uniti.

La versione più avanzata del più noto lettore di ebook sarà disponibile in più di cento paesi, ma agli utenti residenti al di fuori degli USA non saranno concesse, per ora, le stesse funzionalità di un Kindle DX statunitense. Il prezzo (340 euro), tuttavia, non differisce da quello del listino a stelle e strisce e c'è chi ha fatto notare quanto queste limitazioni possano inficiare almeno in parte il successo globale sperato da Amazon: eccezion fatta per la versione inglese di Wikipedia non sarà possibile disporre ulteriormente delle funzionalità Web del dispositivo.

Come Amazon, che ha recentemente subito il crack del DRM di Kindle, e Barnes & Noble, il cui sistema di protezione ha subito la stessa sorte, molti altri produttori si trovano nella condizione di dover fornire ai grandi nomi dell'editoria una valida alternativa a libri, riviste e giornali cartacei assicurando allo stesso tempo la blindatura dei contenuti come già accade per musica e cinema. Al momento non è stata trovata altra soluzione se non l'impiego di formati proprietari o l'utilizzo su vasta scala di sistemi DRM, che ha fatto alzare più di qualche sopracciglio dinnanzi alla questione della portabilità dei contenuti lecitamente acquistati da una piattaforma all'altra.
È il caso di un Sony Reader, richiamato dall'azienda per un update e restituito malfunzionante alla proprietaria, ad aver ulteriormente alimentato le polemiche circa l'uso sfrenato di tecnologie di protezione: una volta appurato il difetto con cui l'ereader era tornato in suo possesso, l'utente si era vista negare la riparazione in quanto si trattava di prodotto non più in garanzia. Tuttavia, invece di passare per vie legali o cambiare fornitore, la donna ha optato per l'acquisto di un ereader identico al precedente per paura di perdere il catalogo di titoli acquistati per centinaia di dollari se fosse passata a Kindle o Nook, ad esempio.

Per alcuni l'insuccesso dei sistemi DRM nell'industria musicale avrebbe dovuto costituire una lezione da cui gli editori avrebbero dovuto imparare e invece appaiono incanalati sullo stesso binario degli omologhi discografici.

Non sono però queste incertezze a indebolire il mercato del settore: Spring Design ha deciso di espandere la lista di ebook disponibili per il suo Alex Reader raggiungendo un accordo per attingere a Google Books, mentre al CES in corso a Las Vegas, evento che Punto Informatico sta seguendo direttamente sul posto, sono già state intraviste alcune novità che andranno ad arricchire una scelta già ampia di ereader.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
  • TecnologiaKindle, gli hacker augurano buon nataleIgnoti smanettoni che si trincerano dietro nickname di fantasia dichiarano scacco matto al DRM del celebre ereader di Amazon. Che per il momento non risponde. Hack anche per Nook
  • AttualitàEditoria, Time is comingIl più vasto gruppo editoriale USA è pronto ad abbracciare le nuove tecnologie. Ma, come in tutto il settore, le abitudini sono dure a morire
  • Business2010, destinazione ereaderEditori e produttori affilano le armi in attesa che i lettori di ebook diventino popolari. In ballo c'è la salvezza delle notizie. E dell'editoria tradizionale
45 Commenti alla Notizia Ebook, oltre la frontiera USA
Ordina
  • Mi dispiace, io comperai un paio di anni fa un lettore meraviglioso, per meno di 3oo euro, dal Belgio (Bebook) e non lo cambierei con nessun altro
    non+autenticato
  • Scusa, ma non è olandese?
    Per il resto, buon acquisto, altro che i Reader che PI cerca di pubblicizzare sempre (Kindel, Nuk, Alecs, e sonirider).
  • Quello che il mercato dei consumatori vuole e' un lettore di pdf portatile.
    Esattamente come ci sono i lettori di mp3 portatili.

    Poi ci pensa l'utente a caricarci dentro i pdf per leggerseli.

    E gli editori dovrebbero mettersi a vendere online i loro testi in formato pdf.

    E gli autori potrebbero fare altrettanto senza bisogno di passare dagli editori.

    Perche' il mio calendario oggi sta segnando 2010, e invece pare che quello di qualcuno sia rimasto ancora sul 19??
  • Vosti i modelli di business che seguono, il loro calendario è fermo al 19 BC non al 1900
  • - Scritto da: panda rossa
    > Quello che il mercato dei consumatori vuole e' un
    > lettore di pdf
    > portatile.
    > Esattamente come ci sono i lettori di mp3
    > portatili.
    >

    ci sono già, e ti dirò di più qualcuno ha come SO una versione adattata di linux.

    > Poi ci pensa l'utente a caricarci dentro i pdf
    > per
    > leggerseli.
    >
    che come capita con gli MP3 vengono "acquistati" alla premiata libreria "il mulo".
  • - Scritto da: shevathas
    >
    > > Poi ci pensa l'utente a caricarci dentro i pdf
    > > per
    > > leggerseli.
    > >
    > che come capita con gli MP3 vengono "acquistati"
    > alla premiata libreria "il
    > mulo".

    Questo e' un altro discorso, che esula dalla questione: c'e' gente che parla al telefonino mentre guida, ma a nessuno viene in mente di obbligare la fiat o la nokia di implementare dispositivi che impediscano di telefonare mentre si guida.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Quello che il mercato dei consumatori vuole e' un
    > lettore di pdf
    > portatile.
    > Esattamente come ci sono i lettori di mp3
    > portatili.
    >

    Effettivamente ci sono, anche se PI non li conosce perché è ignorante (o prezzolata): Cybook, Bebook, iLiad, DR1000, eSlick, Que, eccetera. Molti di questi sono prodotti europei, per altro.
    Però non esiste solo il PDF: ci sono formati che si adattano allo schermo, come ePub e Mobipocket, che sono fondamentali in un lettore ebook.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Quello che il mercato dei consumatori vuole e' un
    > lettore di pdf
    > portatile.

    Io vorrei il quotidiano e il paio di riviste che leggo in un qualunque formato aperto e reflowable, il pdf su uno schermino più piccolo di un A4 non è proprio l'ideale.
    Funz
    13032
  • Volevo regalare il nuovo Kindle alla mia ragazza per Natale.
    Costi e dazi a parte, è davvero un ottimo prodotto.
    Purtroppo il suo inglese non è il massimo, quindi ho cercato ebook in italiano su Amazon.

    Risultato? 91 testi (un mese fa) quasi tutti libri su lotto e cristalloterapia o fiori di Back.
    Narrativa nulla, però c'erano la Divina Commedia ed una raccolta di poesie agricole / rusticane / sa il cielo cosa del 1300

    Se n'è rimasto in America.
    Quando si decideranno a pubblicare qualcosa anche in italiano se ne riparlerà.
  • Trovi piu' roba su liberliber (e per giunta, è pure gratis)

    Gli editori sono obsoleti, nell' era digitale; solo il modello gratis funziona (e dura nel tempo)
    non+autenticato
  • Interessante, non lo conoscevo!
    Purtroppo non c'è molta roba, specialmente recente.
    Però è qualcosa!
  • - Scritto da: Valeren
    > Interessante, non lo conoscevo!
    > Purtroppo non c'è molta roba, specialmente
    > recente.
    > Però è qualcosa!

    Per essere legale, mette soprattutto roba di cui è scaduto il copyright (di roba recente c' è solo roba che l' autore ha autorizzato).

    Comunque, il futuro è questo; se cerco un libro su internet, continuo a cercare finchè non lo trovo gratis, di sicuro non lo compro, e di sicuro non lo comprerò mai, se c' è un DRM che me lo può far sparire in qualsiasi momento.... scherziamo? Se mi "appartiene" di piu' un libro avuto gratis (posso farne cosa voglio), di quanto non mi appartenga un libro comprato (che in teoria mi può venire tolto), io cosa ho comprato, in realtà? Una anti-feature! (un sistema sviluppato per ostacolarmi, non per aiutarmi). Solo un ingenuo comprerebbe a tali condizioni (visto che non ottieni nulla)
    non+autenticato
  • tu scriveresti gratis?

    come pagheresti l'affitto, le bollette e da mangiare?
    non+autenticato
  • > tu scriveresti gratis?

    Lo ho anche già fatto (in collaborazione con altri).
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > tu scriveresti gratis?
    >
    > Lo ho anche già fatto (in collaborazione con
    > altri).
    Non hai risposto: affitto, bollette, mangiare...
    ruppolo
    33146
  • > Non hai risposto: affitto, bollette, mangiare...

    Magari ho un lavoro (a differenza di quelli che vogliono campare di rendita)
    non+autenticato
  • - Scritto da: PincoPallin o
    > tu scriveresti gratis?

    Lo faccio tutti i giorni su queste pagine.

    > come pagheresti l'affitto, le bollette e da
    > mangiare?
    Magari ho un lavoro.
    Tu invece sei uno di quegli illusi che si possa campare di soli diritti?
  • dovrebbe provare a dare un occhio alla "fetta" che un autore si becca per la sua opera.

    Su cosa si aggira? 1%?
    non+autenticato
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: PincoPallin o
    > > tu scriveresti gratis?
    >
    > Lo faccio tutti i giorni su queste pagine.

    quanto ti paga PI ?

    > Tu invece sei uno di quegli illusi che si possa
    > campare di soli
    > diritti?

    e cosa ci sarebbe di male ?
  • avete presente quanti libri mi compro con 340€?? e come li leggo meglioe senza scazzi di batteria/drm/schermo/formfactor del lettore/occhio a non farlocaderechesirompe..naaa per adesso non se ne parla, la carta stravince per adesso..
    non+autenticato
  • - Scritto da: Uno a Caso
    > avete presente quanti libri mi compro con 340€??
    > e come li leggo meglioe senza scazzi di
    > batteria/drm/schermo/formfactor del
    > lettore/occhio a non farlocaderechesirompe..naaa
    > per adesso non se ne parla, la carta stravince
    > per
    > adesso..

    A questo prezzo...
  • - Scritto da: Uno a Caso
    > avete presente quanti libri mi compro con 340€??

    Dipende per leggere cosa, se compri libri tecnici con 340 euro non ne prendi mica tanti.
    non+autenticato
  • diciamo circa 10 ?
  • Io a natale ho comprato un Cybook. E gia' non ne posso piu' fare a meno. Altro che libri di carta! Presto diventeranno preistoria. E' un'autentica rivoluzione. Gli editori o si danno una mossa o verranno spazzati via.
    non+autenticato
  • Hai presente che certi libri sono più grandi delle normali borse che una donna si porta appresso?
    Senza considerare noi uomini che abbiamo solo giacca e cappotto + borsa del laptop?
    Se metto i Promessi sposi devo togliere il PC!
    Invece con un eReader carico quel che mi pare in uno spazio ridotto e fisso.
  • dal tuo post comprendo che e' assolutamente inutile un ereader. Chi seriamente si porta i promessi sposi in giro, ma soprattutto:
    ma percheeee!!!!
    non+autenticato
  • OK, niente Promessi sposi A bocca aperta
    Però un libro di Harry Potter spesso ha le stesse dimensioni se non superiori.
    E quelli li hanno venduti! A bocca aperta
  • non serve il DRM, rompe le balle a chi acquista e non disturba il pirata.

    Offrite i libri SUBITO in tutti i paesi a prezzi che non superino i 5 massimo 6 € cosí la gente li comprerá e nemmeno si preoccuperá di piratarli
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > non serve il DRM, rompe le balle a chi acquista e
    > non disturba il
    > pirata.
    >
    > Offrite i libri SUBITO in tutti i paesi a prezzi
    > che non superino i 5 massimo 6 € cosí la gente li
    > comprerá e nemmeno si preoccuperá di
    > piratarli

    ...e subire cosi' il calo di introiti dovuto alle azioni legali contro i pirati? Per non parlare delle perdite dovute al mancato RIACQUISTO DEL BENE in caso di cancellazione accidentale, cambio di formato, cambio di lettore ecc...
    Suvvia.