Alfonso Maruccia

Nexus One, cui prodest?

Il Googlefonino comincia a fare i conti con le critiche della concorrenza, i problemi degli utenti e i malumori dei partner che hanno investito su Android. Test indipendenti dicono poi che la qualità del touch di Apple rimane insuperata

Roma - Incassato l'hype mediatico e l'aumentato interesse del mercato nei confronti di qualsiasi cosa faccia girare Android, il recentemente presentato Nexus One di Google deve ora fare i conti con una realtà fatta di problemi, test sul campo, malauguri della concorrenza e una certa complicazione dei rapporti tra Mountain View e quei partner (Motorola su tutti) che hanno già messo in commercio smartphone basati sul sistema operativo androide investendoci sopra milioni di dollari.

A guidare il fronte delle critiche nei confronti di Nexus One è Microsoft, e il presidente della divisione Entertainment and Devices Robbie Bach si esprime con prudenza evidenziando problematiche reali. L'offerta contemporanea di uno smartphone brandizzato Google e del sistema operativo Android (open source ma fondato e voluto fortemente da Mountain View stessa) sarebbe per Bach una strategia fallata, destinata a scontentare chi prima vedeva una partnership e ora deve considerare Google alla stregua di un concorrente vero e proprio. "L'annuncio di Google (su Nexus One, ndr) invia un segnale su dove si sta indirizzando il loro impegno" dice Bach, sostenendo che la situazione "creerà delle opportunità" che Microsoft ha tutta l'intenzione di sfruttare per dare battaglia allo storico rivale.

A parziale conferma della fondatezza delle critiche di Microsoft, fonti non meglio precisate parlano di almeno due partner di peso (Verizon e Motorola) che hanno espresso malumori per la "scelta di campo" di Google, avendo Motorola già speso cifre notevoli (100 milioni di dollari) per la promozione dei suoi nuovi smartphone basati su Android. Rimane da stabilire, per quanto riguarda Microsoft, se da Redmond saranno capaci di contrastare il googlefonino (per poco originale che sia) con un prodotto di buon livello e un'offerta economica che venga percepita come maggiormente conveniente rispetto alla gratuità della fornitura di Android.
A essere gratuito comunque non è certo il costo del Nexus One, che la società di analisi iSuppli ha quantificato in circa 174 dollari software, produzione e packaging esclusi. Una cifra simile (inferiore di soli 5 dollari rispetto al costo retail del telefonino con un piano tariffario biennale di T-Mobile) implica il fatto che Google venderebbe sottocosto il suo smartphone (prodotto dalla società asiatica HTC) rifacendosi con i dispositivi "sbloccati" e i loro 529 dollari di prezzo.

Non bastasse poi la querelle legale aperta dai detentori del copyright sulle opere fantascientifiche del grande Philip K. Dick, dopo l'exploit della presentazione Nexus One comincia a perdere colpi nei test indipendenti sulla qualità dello schermo touch (iPhone di Apple rimane il campione da battere) e soprattutto nelle prime lamentele dei consumatori nei riguardi del supporto clienti. Clienti che si sono trovati di fronte a lunghi periodi di attesa, scaricabarile fra le tre società coinvolte (la produttrice HTC, Google e T-Mobile), scarse prestazioni su rete 3G, problemi con l'interfaccia e gli speaker.

Sia come sia Google dimostra di credere nel suo progetto e parla di un vero e proprio "programma" industriale dietro Nexus One, con la possibile realizzazione di googlefonini dedicati a diverse fasce di mercato (budget, mainstream e aziendale per esempio) e la disponibilità di una batteria più capiente e una tastiera fisica nel caso della linea dedicata agli ambienti corporate.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàAndroid può sognare pecore elettriche?Il marchio Nexus One rappresenterebbe un furto nei confronti di un noto romanzo di Philip K. Dick. BigG, intima la famiglia Dick, deve rinominarlo. Altrimenti se la vedrà con il giudice
  • TecnologiaIl Googlefonino è fra noiBigG ha ufficialmente introdotto sul mercato statunitense il suo primo smartphone, Nexus One, e si appresta ad avviarne la vendita anche su alcuni altri mercati di test, tra cui il Regno Unito. Ecco caratteristiche e prezzi
240 Commenti alla Notizia Nexus One, cui prodest?
Ordina
  • Sicuramente e' partito male, almeno come vendite e con zero o quasi advertising da parte di Google. Ma se spingeranno bene con i nuovi servizi di Google Maps e l'appena uscito Google Buzz e si spera a breve anche il nuovo Android Froyo, credo che Nexus One e i suoi successori inizieranno a prendere la loro fettina di mercato. Purtroppo il lavoro da fare e' molto, basta vedere l'android market...ancora troppo scarno e poco accattivante per potere competere con un apple store...
    http://www.nexusoneitalia.com
    non+autenticato
  • Non riesco a capire:esce HTC Magic (E' GOOGLE VERO? c'è scritto sopra)e tutti a spellarsi le mani dagli applausi.Finalmente un concorrente ad IPHONE
    finalmente un sistema operativo all'avanguardia,leggere recensioni per credere.Poi all'improvviso la stroncatura,vera o falsa? degli addetti ai lavori le vendite vanno così così,si sperava in meglio,ma forse hanno sbagliato battage pubblicitario ecc..non sarà che a qualc'uno da fastidio GOOGLE qualsiasi cosa faccia e spinge per discreditare gli ottimi prodotti e gli sforzi,renumerativi sicuramente,che stà facendo GOOGLE per competere con altri GRANDI che comandano il mercato multimediale?
    non+autenticato
  • Ecco una prima videorecensione:
    http://www.tecnophone.it/2010/01/14/google-nexus-o.../

    Quando si dice "provare per credere"
    non+autenticato
  • Qualcuno i giorni scorsi aveva postato il link al forum di google: anche le lamentele per problemi vari erano degne di nota.
    Il tutto per una correttezza di informazione nell'ottica del "sentire le 2 campane".
    non+autenticato
  • Ovvio, la cosa che secondo me era ridicola è postare link di recensioni presi da blog Apple dove purtroppo sono in pochi a ragionare con la testa...questo video è stato postato anche sui forum e blog dedicati ad iphone e ho letto addirittura commenti che sostenevano che c'era solo da essere grati a Apple e certi video non adavano postatiDeluso
    E' certa gente che mi sento di dover ridicolizzare
  • > E' certa gente che mi sento di dover ridicolizzare

    Tipo quelli che scrivono queste cose?

    http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2787196&m=278...
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > E' certa gente che mi sento di dover
    > ridicolizzare
    >
    > Tipo quelli che scrivono queste cose?
    >
    > http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2787196&m=278

    L'ho scritta e la ribadisco, anche se i tuoi pochi neuroni non sono in grado di interpretarla correttamente.
    ruppolo
    33147
  • ma secondo voi... dove l'hanno presa la "i" davanti ai prodotti della Apple?...

    gli eredi di Asimov dovrebbero far chiudere la Apple.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Daniele Mura
    > ma secondo voi... dove l'hanno presa la "i"
    > davanti ai prodotti della
    > Apple?...
    >
    > gli eredi di Asimov dovrebbero far chiudere la
    > Apple.


    sbagliato news... sry
    non+autenticato
  • Per l' iphone non c' erano stati dubbi e proteste, al lancio?
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Per l' iphone non c' erano stati dubbi e
    > proteste, al
    > lancio?
    Solo per la congestione per le troppe attivazioni, durante il week end, non per la scarsa qualità del prodotto dopo una settimana.
    ruppolo
    33147
  • Memoria corta, vero? Niente tethering, niente SMS, niente copia-incolla....
    non+autenticato
  • Premesso che dai l'impressione di voler far partire un flame e la cosa non ti fa onore.
    Per restare in tema: i difetti del prodotto quali erano, visto che tu hai la memoria lunga?
    Domanda: il thethering assente impediva di telefonare per caso?
    Domanda 2: è vero o non è vero che l'acquirente già sapeva che non ci sarebbero stati gli mms? (non è la stessa cosa che scoprirlo dopo che non ci sono)
    non+autenticato
  • Mi aspettavo questa obiezione: è vero, i clienti, se avevano dato un' occhiata alle specifiche, già sapevano di questi limiti.

    Analogamente, i clienti del Nexus One già sapevano che è un sistema aperto, su cui si può installare di tutto (e quindi anche malware) e che ci devi stare un po' attento.

    Il Nexus One non è fatto come l' iPhone, ed è rivolto proprio alla gente a cui non piace il sistema usato dall' iPhone (e che quindi non avrebbe mai voluto un sistema uguale).
    non+autenticato
  • Che spettacolare arrampicata sugli specchi!
    ruppolo
    33147
  • Una cosa da nulla, in confronto alle tue.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Mi aspettavo questa obiezione: è vero, i clienti,
    > se avevano dato un' occhiata alle specifiche, già
    > sapevano di questi
    > limiti.
    >
    > Analogamente, i clienti del Nexus One già
    > sapevano che è un sistema aperto, su cui si può
    > installare di tutto (e quindi anche malware) e
    > che ci devi stare un po'
    > attento.
    >

    Peccato che nessuno si aspettasse malware nella app di android per l'appunto perché essendo aperto il codice viene, controllato da tutti, non ci scappa il sw truffa ecc ecc insomma la panoplia argomentazioni che si legggono sul sw open.


    > Il Nexus One non è fatto come l' iPhone, ed è
    > rivolto proprio alla gente a cui non piace il
    > sistema usato dall' iPhone (e che quindi non
    > avrebbe mai voluto un sistema
    > uguale).

    Spiaga questa tua libera interpretazione dell'esistenza del Nexus e dell'android market a tutti coloro che si sono scaricati quell'app che gli ha "fottuto" i dati bancari. Vediamo se condividono o se qualche riserva ce l'hanno.
    non+autenticato
  • > Peccato che nessuno si aspettasse malware nella
    > app di android per l'appunto perché essendo
    > aperto il codice viene, controllato da tutti, non
    > ci scappa il sw truffa ecc ecc insomma la
    > panoplia argomentazioni che si legggono sul sw
    > open.

    Peccato che l' app in questione non era a codice aperto (o sbaglio?)
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > Peccato che nessuno si aspettasse malware nella
    > > app di android per l'appunto perché essendo
    > > aperto il codice viene, controllato da tutti,
    > non
    > > ci scappa il sw truffa ecc ecc insomma la
    > > panoplia argomentazioni che si legggono sul sw
    > > open.
    >
    > Peccato che l' app in questione non era a codice
    > aperto (o
    > sbaglio?)

    Peccato che era disposibile sull'android market dove non ci sono controlli (o sbaglio io e tutti gli artioli della rete).

    Capisco la tua strenua difesa di non si sa bene cosa, ma è indifendibile ciò che vuoi difendere, soprattutto riguardo le app su android market e la filosofia no control di google messa al tappeto dai fatti di cronaca.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 20 discussioni)