Mauro Vecchio

Cina, cyberattacco in redazione

Gmail nuovamente colpita dai cracker, dopo i tentativi di violazione che avevano portato alla rottura tra Google e il paese asiatico. Modificate alcune impostazioni delle caselle di posta di alcuni corrispondenti da Pechino

Roma - Erano state adottate ulteriori misure di sicurezza, in seguito ai diversi tentativi di violazione di un gruppo di account Gmail registrati da dissidenti e attivisti cinesi. Sembra però che i sistemi di protezione delle caselle di posta elettronica gestite da Google siano stati nuovamente messi a dura prova in territorio asiatico. Almeno due redazioni giornalistiche straniere a Pechino sarebbero cioè state vittima dei cracker.

A diffondere la notizia è stato il gruppo cinese dei corrispondenti dall'estero, che ha raccolto le testimonianze di almeno due giornalisti, senza tuttavia nominare né le loro testate d'appartenenza né la data precisa dei cyberattacchi.

"Ricordiamo a tutti i membri che i giornalisti in Cina si sono rivelati negli ultimi due anni degli obiettivi sensibili dei cracker". Così un comunicato dell'associazione sul proprio sito ufficiale, che ha offerto ai suoi membri alcuni consigli pratici sulla gestione degli account di posta elettronica. "Siate molto attenti ai link su cui cliccate - ha continuato il comunicato - e a quali allegati aprite. Non dimenticate di eseguire con regolarità i controlli anti-virus".
Stando a quanto riportato da altre fonti, i misteriosi cracker sarebbero riusciti a modificare alcune impostazioni degli account Gmail, in modo tale da inoltrare i messaggi di posta elettronica verso indirizzi non riconosciuti. Sembra inoltre che uno dei due giornalisti attaccati via email sia un reporter televisivo della redazione cinese di Associated Press.

Il reporter avrebbe quindi sottolineato come altri suoi colleghi fossero stati colpiti nel medesimo modo, nonostante una diversità sostanziale degli indirizzi email creati dai cracker. Google, nel frattempo, continuerà ad investigare su questo nuovo cyberattacco. Nessuno ha finora saputo dire con certezza se il governo di Pechino sia coinvolto in maniera diretta.

Di cracker cinesi si è parlato però in India, dove i computer di alcuni enti governativi - tra cui quelli del consigliere per la sicurezza nazionale M.K. Narayanan - sono stati vittima di alcune, pericolose email. Per la precisione, di email con allegati in formato PDF contenenti trojan per fornire ai cybercriminali il controllo in remoto dei dispositivi. Le autorità indiane hanno spiegato che gli attacchi sono stati condotti nello stesso momento di quelli sferrati contro la posta elettronica di Google.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàContrappunti/ La svolta orientale di M. Mantellini - Google in Cina si trova davanti a un bivio: deve scegliere se svolgere bene il proprio ruolo di azienda della conoscenza. Oppure trasformarsi in una corazzata multinazionale senza anima
  • AttualitàGoogle VS Cina, il day afterAll'indomani della clamorosa presa di posizione di Mountain View nei confronti di Pechino, fioccano le reazioni. Parlano i politici, l'amministrazione Obama si schiera ed emerge la consuetudine degli attacchi made in China
  • AttualitàCina, Google si scusa per Book SearchAvviate le negoziazioni per giungere ad un accordo con gli autori del paese asiatico entro la prossima estate. E per la prima volta, BigG stilerÓ una lista con tutti i testi cinesi finora digitalizzati
26 Commenti alla Notizia Cina, cyberattacco in redazione
Ordina
  • Per quel che ne so della Cina, quei cracker, " sono professionisti del regime di Pechino".Questo, perché in questo grande (geograficamente) Paese, non si muove foglia che Pechino non voglia...In Cina, non esistono cracker "autonomi", che io sappia.Non occorre essere Sherlock Holmes, per arrivare a questa conclusione, Vi pare?
  • adesso vorrei vedere se i white hat hacker saranno da considerarsi "criminali" oppure persone da ringraziare e premiare.

    buchi di culo di sicurezza che mettono in pericolo la libertà delle persone... almeno spero che (e lo credo) Google apprezzi collaborazioni anche gratuite in caso si trovino vulnerabilità.

    altro che denunciarti ecc.
    non+autenticato
  • il mio dietologo me l'ha sempre detto che i cracker sono bastardi, ma non pensavo fino a questo punto!

    comunque finchè i grissini ne stanno alla larga, la cina può stare tranquilla.
    non+autenticato
  • Per una volta che usano i termini corretti ben venga XD
    non+autenticato
  • :D daniele mi hai fatto scompisciare dalle risate...
    non+autenticato
  • Gia immagino che tutti iniziereta dire che in cina non c'é liberta fatto sta che:
    se qui in Italia se scarichi una canzone e ti beccano ti fai la galera
    Se lo facessi in Cina invece oltre a non cercarmi sarebbe la Sony a doversene andare dal mercato.
    Sorride
    non+autenticato
  • Non capisco la tua soddisfazione nella libertà che hai di RUBARE, mentre non ti disturba di SCOMPARIRE dalla faccia della terra ( altro che galera ) se per caso non la pensi come ti impone il partito.
    non+autenticato
  • ...la Cina disconosce i diritti dell' uomo, pratica pulizie etniche, uccide legalmente migliaia di persone l' anno e si permette pure di decidere quali film sono o meno da vedere....

    è imbarazzante

    la libertà neppure sanno dove si trova!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 19 gennaio 2010 17.54
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: zaadum
    > ...la Cina disconosce i diritti dell' uomo,
    > pratica pulizie etniche,

    Immagino che prima di formulare simili accuse tu abbia delle prove a sostegno. Parlaci delle pulizie etniche in Cina, vorrei saperne di più
    non+autenticato
  • Semplice!
    Manciuria, Mongolia, Xinjiang...
    del Tibet non parlo perchè definirei la cosa imbarazzante.

    Certo, solo agenzie indipendenti e amnesty international ne parlano... non i governi nazionali, per certe cose contano più i soldi e il mercato!
  • - Scritto da: zaadum
    > Semplice!
    > Manciuria, Mongolia, Xinjiang...
    > del Tibet non parlo perchè definirei la cosa
    > imbarazzante.
    >
    > Certo, solo agenzie indipendenti e amnesty
    > international ne parlano... non i governi
    > nazionali, per certe cose contano più i soldi e
    > il
    > mercato!

    In Tibet è in corsa una pulizia etnica? Ma tu credi a tutte le fesserie che ti dicono in tv?
    Si vede che li usano metodi davvero sui generis per fare pulizia etnica.
    Tutte le minoranze, Uiguri e Tibetani inclusi quindi, non sono soggetti alla legge del figlio unico. Se hanno due figli non devono pagare nessuna multa e l'istruzione è garantita.
    Sul Tibet la disinformazione si spreca, in Occidente tutti gli organi di informazione fingono di dimenticare che il Tibet è stato indipendente per meno di 40 anni e che parlare di cultura tibetana fa veramente ridere chi conosce un po' meglio le cose. Ai tempi del Dalai lama, il Tibet era una teocrazia feudale e il 98% della popolazione era analfabeta. Ancora oggi i tassi di analfabetismo più elevato si registrano nelle province dove la presenza tibetana è maggiore, a cominciare dalla regione autonoma del Tibet con il 40%.
    Poi se credi che sia tutta colpa dei Cinesi mentre gli Uiguri e i Tibetani sono delle povere pecorelle, fai pure.
    Nello Xinjiang, gli attacchi alle stazioni di polizia e gli attentati non si contano più, per quanto riguarda invece i pacifici discepoli del Dalai lama basta vedere cosa hanno fatto nel 2008. A Lhasa scatenarono una caccia all'uomo che a confronto Rosarno è nulla, aggredirono non solo gli Han ma anche tutti gli Hui che si trovarono a tiro.
    Per non parlare del fatto, e lo dico per esperienza diretta, che ci furono aggressioni e devastazioni anche a Chengdu, nel Sichuan, una provincia storicamente cinese.
    A proposito di obiettività, sai se qualche network ha chiesto scusa per aver mostrato queste immagini?
    http://attivissimo.blogspot.com/2008/04/antibufala...
    Quanto ai Manchu da quello che so sono ben integrati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xunhuan
    > - Scritto da: zaadum
    > > Semplice!
    > > Manciuria, Mongolia, Xinjiang...
    > > del Tibet non parlo perchè definirei la cosa
    > > imbarazzante.

    > > Certo, solo agenzie indipendenti e amnesty
    > > international ne parlano... non i governi
    > > nazionali, per certe cose contano più i soldi e
    > > il mercato!

    > In Tibet è in corsa una pulizia etnica? Ma tu
    > credi a tutte le fesserie che ti dicono in tv?

    Perche' ? in tv lo dicono ?
    Non so, io non ho una tv, tu da dove prendi le informazioni ?
    Ci dai qualche link ?

    > Si vede che li usano metodi davvero sui generis
    > per fare pulizia etnica.

    A quel che si legge parrebbe...

    > Tutte le minoranze, Uiguri e Tibetani inclusi
    > quindi, non sono soggetti alla legge del figlio
    > unico. Se hanno due figli non devono pagare
    > nessuna multa e l'istruzione è garantita.

    Ma cosa vuoi dire con cio ?

    > Sul Tibet la disinformazione si spreca, in
    > Occidente tutti gli organi di informazione
    > fingono di dimenticare che il Tibet è stato
    > indipendente per meno di 40 anni e che parlare di
    > cultura tibetana fa veramente ridere chi conosce
    > un po' meglio le cose. Ai tempi del Dalai lama,
    > il Tibet era una teocrazia feudale e il 98% della
    > popolazione era analfabeta. Ancora oggi i tassi
    > di analfabetismo più elevato si registrano nelle
    > province dove la presenza tibetana è maggiore, a
    > cominciare dalla regione autonoma del Tibet con
    > il 40%.

    Visto che c'e' tutta questa disinformazioni ci dai qualche link a chi faccia informazione corretta secondo te ?

    > Poi se credi che sia tutta colpa dei Cinesi
    > mentre gli Uiguri e i Tibetani sono delle povere
    > pecorelle, fai pure.

    Qualcuno ha detto questo a parte te ?

    > Nello Xinjiang, gli attacchi alle stazioni di
    > polizia e gli attentati non si contano più, per
    > quanto riguarda invece i pacifici discepoli del
    > Dalai lama basta vedere cosa hanno fatto nel
    > 2008. A Lhasa scatenarono una caccia all'uomo che
    > a confronto Rosarno è nulla, aggredirono non solo
    > gli Han ma anche tutti gli Hui che si trovarono a
    > tiro.
    > Per non parlare del fatto, e lo dico per
    > esperienza diretta, che ci furono aggressioni e
    > devastazioni anche a Chengdu, nel Sichuan, una
    > provincia storicamente cinese.

    Secondo te giocano a chi ha iniziato per primo ? O forse a chi e' piu' cattivo ?

    > A proposito di obiettività, sai se qualche
    > network ha chiesto scusa per aver mostrato queste
    > immagini ?
    > http://attivissimo.blogspot.com/2008/04/antibufala
    > Quanto ai Manchu da quello che so sono ben
    > integrati.

    E come lo sai ? Sei stato in tutti quei posti contemporaneamente negli ultimi 100 anni ?
    krane
    22544
  • - Scritto da: krane
    > - Scritto da: xunhuan
    > > In Tibet è in corsa una pulizia etnica? Ma tu
    > > credi a tutte le fesserie che ti dicono in tv?
    >
    > Perche' ? in tv lo dicono ?
    > Non so, io non ho una tv, tu da dove prendi le
    > informazioni
    > ?
    > Ci dai qualche link ?

    Rileggi il thread, Zaadum ha parlato di pulizia etnica.
    In ogni caso non è affatto raro sentire qualcuno che parla a sproposito di genocidio e pulizia etnica, i radicali sono dei buoni candidati, così come alcuni destrorsi che se ne servono per parlare male dei Cinesi.

    >
    > > Si vede che li usano metodi davvero sui generis
    > > per fare pulizia etnica.
    >
    > A quel che si legge parrebbe...
    >
    > > Tutte le minoranze, Uiguri e Tibetani inclusi
    > > quindi, non sono soggetti alla legge del figlio
    > > unico. Se hanno due figli non devono pagare
    > > nessuna multa e l'istruzione è garantita.
    >
    > Ma cosa vuoi dire con cio ?

    Che di solito se vuoi sterminare un popolo, non li invogli a fare più figli, mi sembra lapalissiano. Tu che dici?


    >
    > > Sul Tibet la disinformazione si spreca, in
    > > Occidente tutti gli organi di informazione
    > > fingono di dimenticare che il Tibet è stato
    > > indipendente per meno di 40 anni e che parlare
    > di
    > > cultura tibetana fa veramente ridere chi conosce
    > > un po' meglio le cose. Ai tempi del Dalai lama,
    > > il Tibet era una teocrazia feudale e il 98%
    > della
    > > popolazione era analfabeta. Ancora oggi i tassi
    > > di analfabetismo più elevato si registrano nelle
    > > province dove la presenza tibetana è maggiore, a
    > > cominciare dalla regione autonoma del Tibet con
    > > il 40%.
    >
    > Visto che c'e' tutta questa disinformazioni ci
    > dai qualche link a chi faccia informazione
    > corretta secondo te
    > ?

    Le statistiche sull'analfabetismo in Tibet le puoi trovare anche su Wiki:
    http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_Chinese_admin...

    Esempi di informazione scorretta:
    http://us.oneworld.net/article/illiteracy-has-incr...
    Incredibilmente l'analfabetismo sarebbe salito di circa il 10% in un solo anno...

    In ogni caso prima si stava molto peggio e le cose anche se lentamente migliorano.
    http://acr.hrschool.org/mainfile.php/0114/72/
    http://english.peopledaily.com.cn/90001/90776/9088...


    > > Poi se credi che sia tutta colpa dei Cinesi
    > > mentre gli Uiguri e i Tibetani sono delle povere
    > > pecorelle, fai pure.
    >
    > Qualcuno ha detto questo a parte te ?

    In molti, quasi tutti. Si dice ogni male possibile dei Cinesi ma non ho mai sentito una condanna altrettanto netta per le azioni dei separatisti tibetani. Nessuno li ha mai chiamati con il loro nome, cioè terroristi.
    E' un po' lo stesso errore che si commette quando si parla del conflitto israelo-palestinese. E bada bene che a differenza dei palestinesi che sono apolidi, i tibetani sono cittadini cinesi a pieno titolo, per cui sarebbe più opportuno paragonarli agli arabo-israeliani.

    > > Per non parlare del fatto, e lo dico per
    > > esperienza diretta, che ci furono aggressioni e
    > > devastazioni anche a Chengdu, nel Sichuan, una
    > > provincia storicamente cinese.
    >
    > Secondo te giocano a chi ha iniziato per primo ?
    > O forse a chi e' piu' cattivo
    > ?

    Allora li possiamo definire terroristi, sì o no?

    > > A proposito di obiettività, sai se qualche
    > > network ha chiesto scusa per aver mostrato
    > queste
    > > immagini ?
    > >
    > http://attivissimo.blogspot.com/2008/04/antibufala
    > > Quanto ai Manchu da quello che so sono ben
    > > integrati.
    >
    > E come lo sai ? Sei stato in tutti quei posti
    > contemporaneamente negli ultimi 100 anni
    > ?

    In Cina ci sono stato parecchie volte, anche per periodi di tempo decisamente lunghi. Quanto ai Manchu, stando ai censimenti ufficiali la popolazione è aumentata e non per ragioni demografiche. Molti che prima si erano registrati come Han (per lungo tempo i Manchu non sono stati ben visti) hanno chiesto di essere riconosciuti come Manchu.
    Quanto alla bufala, so per certo che anche il TG2 ha trasmesso quelle immagini. La prima a pubblicarle fu la Bild in Germania.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xunhuan
    > Tutte le minoranze, Uiguri e Tibetani inclusi
    > quindi, non sono soggetti alla legge del figlio
    > unico. Se hanno due figli non devono pagare
    > nessuna multa e l'istruzione è garantita.

    Deluso

    Cosa vorresti dire con questo ?
    Che se uno ha più di due figli deve pagare una multa e non viene garantita l'istruzione dal secondo genito in su ? Stupendo !!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Eretico
    > - Scritto da: xunhuan
    > > Tutte le minoranze, Uiguri e Tibetani inclusi
    > > quindi, non sono soggetti alla legge del figlio
    > > unico. Se hanno due figli non devono pagare
    > > nessuna multa e l'istruzione è garantita.
    >
    > Deluso
    >
    > Cosa vorresti dire con questo ?
    > Che se uno ha più di due figli deve pagare una
    > multa e non viene garantita l'istruzione dal
    > secondo genito in su ? Stupendo
    > !!!

    Guarda che per gli Han funziona così a partire dal secondo figlio non dal terzo. Si applicano alcune eccezioni.
    Comunque la legge è molto meno severa di quanto non fosse 15 anni fa, allora i dipendenti pubblici potevano anche perdere il posto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: xunhuan
    > - Scritto da: zaadum
    > > ...la Cina disconosce i diritti dell' uomo,
    > > pratica pulizie etniche,

    > Immagino che prima di formulare simili accuse tu
    > abbia delle prove a sostegno. Parlaci delle
    > pulizie etniche in Cina, vorrei saperne di
    > più

    http://www.agenziaradicale.com/index.php?option=co...


    http://www.asianews.it/
    krane
    22544