Alessandro Del Rosso

BeSpin diventa GPL

Mozilla ha rilasciato una nuova versione preliminare del suo editor di codice via cloud, la 0.6, che migliora modularità e versatilità. I sorgenti sono ora disponibili anche sotto licenze GNU

Roma - È trascorso quasi un anno da quando Mozilla lanciò la prima versione preliminare di Bespin, un editor di codice web pensato per girare su cloud. In questo arco di tempo si sono succeduti alla guida del progetto vari sviluppatori, ciascuno apportando nuove idee e concetti: il risultato è una versione ampiamente rivista di Bespin, la 0.6, che si differenzia dalle precedenti per adottare un'architettura maggiormente modulare e per semplificare l'integrazione dell'editor all'interno di pagine o web application preesistenti.

Mozilla BespinBespin è una soluzione basata su HTML5 e altri standard aperti che porta su Web tutti i tradizionali strumenti di editing del codice, integrandoli eventualmente con funzionalità di hosting, collaborazione e condivisione.

Chiamato con il nome in codice Ash, Bespin 0.6 è stato progettato in modo tale che anche le funzionalità di base possano essere implementate per mezzo di plugin, rendendo così il nucleo dell'applicazione ancor più leggero e versatile. Grazie poi alla nuova versione Embedded, costituita da un singolo file JavaScript e dai relativi file CSS, Bespin può ora essere inglobato virtualmente in ogni pagina o applicazione web in pochi minuti.
La nuova versione del software migliora poi il motore di editing, che tra le altre cose è ora in grado di supportare un maggior numero di lingue e alfabeti.

Insieme a Bespin viene fornito anche un sistema di build, creato in Python, che permette agli utenti di scrivere degli script drop-in utilizzando componenti e plugin a loro scelta.

L'altra grande novità che accompagna il rilascio di Bespin 0.6 è la disponibilità del suo codice anche sotto le licenze GPL e LGPL, che vanno ad affiancarsi a quella MPL: ciò rende Bespin pienamente integrabile, a livello di codice, con il software libero.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaHTML5, l'editor di Mozilla è web-basedI Mozilla Labs hanno pubblicato un primo prototipo di Bespin, un framework per lo sviluppo basato su standard aperti al cui cuore c'è un editor di codice web-based. Bespin punta tutto su ubiquità e condivisione
5 Commenti alla Notizia BeSpin diventa GPL
Ordina
  • La funzione "collaboration" mi sembra molto interessante. Pensate a due persone che sono in località differenti e che così possono manipolare lo stesso codice senza aver bisogno di repository del codice, server dedicati, editor specifici e così via. Si può iniziare a lavorare assieme rapidamente. Certo, è una soluzione semplice e rapida che va bene fino ad un certo punto. Però in certi contesti (didattica?) potrebbe rivelarsi utile.

    Peccato sia ancora piuttosto bacato.
    FDG
    10910
  • Eccovi un bel nugolo di codice, gettato in quel che viene chiamato "cloud", come vuole il trend del momento.
    Sviluppate, che poi passiamo a raccogliere i frutti, alla facciaccia vostra A bocca aperta
    Mavalà scarafaggi, assumete del personale qualificato per i vostri programmi invece di sfruttare la comunità open source dando in cambio il nulla.
    non+autenticato
  • Queste cose mi mettono di buon umore di prima mattina...grazie!
    :P
  • O non ho capito io cos'è bespin o non l'hai capito tu.

    A parte il fatto che le idee non le ho molto chiare manco io.
    Praticamente sta roba è tipo un NetBeans online fatto in html che permette di programmare come se si fosse in una wiki (il codice sta nel server e gli sviluppatori possono accederci da qualunque parte del mondo)?
    Wolf01
    3342
  • Hai capito benissimo.

    Riguardo alla questione CLOUD: il cloud come al solito c'entra poco o nulla. PI ormai fa un replace(web,cloud) su tutti gli articoli che scrive.... se sostituisci tutti i cloud che trovi con web, vedrai che improvvisamente diventa tutto più chiaroOcchiolino